Gaia Bottà

Paesi Bassi, l'antipirateria è inerme

BREIN rinuncia alla soluzione finale dei filtri: la società di gestione dei diritti non chiederà più ai provider di bloccare l'accesso ai siti sgraditi. Almeno fino a quando non otterrà il via libera dalla Corte Suprema

Roma - Nessuna possibilità di indurre i fornitori di connettività ad agire come setacci nel nome del diritto d'autore: i rappresentanti dell'industria della musica dei Paesi Bassi si sono rassegnati. Non pretenderanno dai provider locali il blocco dei siti sgraditi almeno fino a che la giustizia non li imponga.

BREIN, società di gestione dei diritti olandese che per anni ha tentato di ovviare alla resistenza di siti come The Pirate Bay richiedendo ai provider di inibirne gli accessi, ha lottato a lungo contro la riluttanza dei provider ad inimicarsi i propri utenti: dopo una battaglia in tribunale durata anni, nel 2012 aveva ottenuto che Ziggo, il maggiore provider dei Paesi Bassi, e l'altro provider XS4ALL, innescassero per ordine di un giudice dei sistemi di filtraggio su The Pirate Bay. Forte della vittoria conseguita, BREIN aveva coinvolto anche gli altri ISP olandesi: i provider KPN e T-Mobile, però, si erano fermamente opposti, decisi a combattere in tribunale. BREIN, attenta osservatrice delle dinamiche della condivisione in Rete, ha sempre ritenuto che il sistema di inibizione degli accessi rappresentasse la soluzione finale: se gli utenti avessero saputo aggirare le inibizioni con proxy e VPN, per risolvere il problema sarebbe bastato riverberare i blocchi anche sulle pagine di riferimento di questi servizi.

L'ultima decisione in materia di filtraggio emanata nei Paesi Bassi, però, ha sparigliato le carte: il tribunale de L'Aia nel mese di gennaio scorso ha stabilito che i filtri voluti dalla società di gestione dei diritti e imposti da Ziggo e da XS4ALL, di fatto superati dai comportamenti degli utenti, sono una misura inefficace e che per questo motivo non hanno ragione di esistere. BREIN, con questa ultima decisione, si è trovata priva degli elementi per continuare a combattere l'ostruzionismo degli altri fornitori di connettività dei Paesi Bassi.
È così che i provider non hanno esistato ad allentare la stretta nei confronti dei propri utenti, abbattendo i setacci che BREIN raccomandava loro di implementare. La società di gestione dei diritti non ha potuto che rassegnarsi: il legale di BREIN Joris van Manen ha comunicato che tutte le cause ancora in sospeso con i provider olandesi sono state abbandonate.

Non è tutto: BREIN, dopo aver vantato la chiusura di oltre 200 proxy nel 2013, ha ceduto le armi anche su questo fronte. Anche in questo caso si tratta di una scelta dettata dalle contingenze: "non siamo come Don Chisciotte" ha spiegato l'avvocato di BREIN, inutile combattere contro i servizi che si sono affollati per agevolare ai netizen l'accesso ai siti bloccati, nel momento in cui i siti a cui agevolavano l'accesso tornano ad essere liberamente navigabili.

Quella che appare come una resa, però, non deve ingannare: BREIN starebbe solo temporeggiando. La società di gestione dei diritti ha deciso di concentrare i propri sforzi sul contenzioso con gli ISP Ziggo e XS4ALL, che verrà esaminato dalla Corte Suprema: sarà la massima autorità giudiziaria dei Paesi Bassi a tracciare, una volta per tutte, i contorni delle pretese di BREIN.

Gaia Bottà
Notizie collegate
22 Commenti alla Notizia Paesi Bassi, l'antipirateria è inerme
Ordina
  • Quando gli utenti non sono soddisfatti delle condizioni di vendita di un prodotto, non lo acquistano; quando invece sono i venditori a non essere soddisfatti, non lo vendono.

    Spesso si sentono appelli a boicottare cd e dvd, dicendo che è l'unica risorsa che l'utente finale ha sempre, che nessuno può togliergli. Ma anche chi vende ha la stessa risorsa: può organizzare una serrata, e non fare uscire nulla.

    Giro la proposta a BREIN, SIAE, RIAA e majors: state un mese o due senza far uscire nulla di nuovo, e senza vendere cd o dvd (o, come provocazione, vendendo solo dischi masterizzati con titoli di scritti a pennarello), per mostrare cosa accade se vincono i pirati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello
    > Quando gli utenti non sono soddisfatti delle
    > condizioni di vendita di un prodotto, non lo
    > acquistano; quando invece sono i venditori a non
    > essere soddisfatti, non lo
    > vendono.
    >
    > Spesso si sentono appelli a boicottare cd e dvd,
    > dicendo che è l'unica risorsa che l'utente finale
    > ha sempre, che nessuno può togliergli. Ma anche
    > chi vende ha la stessa risorsa: può organizzare
    > una serrata, e non fare uscire
    > nulla.
    >
    > Giro la proposta a BREIN, SIAE, RIAA e majors:
    > state un mese o due senza far uscire nulla di
    > nuovo, e senza vendere cd o dvd (o, come
    > provocazione, vendendo solo dischi masterizzati
    > con titoli di scritti a pennarello), per mostrare
    > cosa accade se vincono i
    > pirati.


    Che cosa dovrebbe succedere?
    Che la gente neanche se ne accorgerebbe.
    Il loro e' un business morto!
    Sono falliti e ancora non lo sanno.
  • politica commerciale rispettosa dei clienti, potrebbe essere una buona idea per eliminare la pirateria. Se non si vorrà percorrere questa strada allora come dicono gli inglesi con il loro tradizionale aplomb
    "KEEP CALM AND NTO' CULU"
    non+autenticato
  • "sarà la massima autorità giudiziaria dei Paesi Bassi a tracciare, una volta per tutte, i contorni delle pretese di BREIN."

    Sí, perché delle pretese del musicista che ha scritto la colonna sonora dei loro spot sulla pirateria "non ruberesti mai", che è stato sottopagato, si è già occupata un'altra autorità giudiziaria, caso chiuso:

    http://punto-informatico.it/3354758/PI/News/brein-...
  • - Scritto da: Leguleio
    > "sarà la massima autorità giudiziaria dei
    > Paesi Bassi a tracciare, una volta per tutte, i
    > contorni delle pretese di
    > BREIN
    ."
    >
    > Sí, perché delle pretese del musicista che ha
    > scritto la colonna sonora dei loro spot sulla
    > pirateria "non ruberesti mai", che è stato
    > sottopagato, si è già occupata un'altra autorità
    > giudiziaria, caso
    > chiuso:
    >
    > http://punto-informatico.it/3354758/PI/News/brein-
    mhh che c'e' Legu, ti hanno pestato un callo di recente? e' da un po' che ti vedo salace nei confronti degli azzeccagarbugli delle Major... invece che accondiscendente...

    Cmq una targa 8x8 mt con scritto "non siamo come Don Chisciotte", andrebbe affissa in ogni ufficio legale delle "estorting company"Sorride
    non+autenticato
  • > > " sarà la massima autorità giudiziaria dei
    > > Paesi Bassi a tracciare, una volta per tutte, i
    > > contorni delle pretese di
    > > BREIN
    ."
    > >
    > > Sí, perché delle pretese del musicista che ha
    > > scritto la colonna sonora dei loro spot sulla
    > > pirateria "non ruberesti mai", che è stato
    > > sottopagato, si è già occupata un'altra autorità
    > > giudiziaria, caso
    > > chiuso:
    > >
    > >
    > http://punto-informatico.it/3354758/PI/News/brein-
    > mhh che c'e' Legu, ti hanno pestato un callo di
    > recente?

    Sono di cattivo umore, ma non perché mi hanno pestato un callo.

    > e' da un po' che ti vedo salace nei
    > confronti degli azzeccagarbugli delle Major...
    > invece che
    > accondiscendente...

    Non c'è da essere accondiscendenti, c'è solo da capire, una volta per tutte, chi ha il coltello dalla parte del manico.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > > " sarà la massima autorità
    > giudiziaria
    > dei
    > > > Paesi Bassi a tracciare, una volta per
    > tutte,
    > i
    > > > contorni delle pretese di
    > > > BREIN
    ."
    > > >
    > > > Sí, perché delle pretese del
    > musicista che
    > ha
    > > > scritto la colonna sonora dei loro spot
    > sulla
    > > > pirateria "non ruberesti mai", che è
    > stato
    > > > sottopagato, si è già occupata un'altra
    > autorità
    > > > giudiziaria, caso
    > > > chiuso:
    > > >
    > > >
    > >
    > http://punto-informatico.it/3354758/PI/News/brein-
    > > mhh che c'e' Legu, ti hanno pestato un callo
    > di
    > > recente?
    >
    > Sono di cattivo umore, ma non perché mi hanno
    > pestato un callo.
    >
    >
    > > e' da un po' che ti vedo salace nei
    > > confronti degli azzeccagarbugli delle
    > Major...
    > > invece che
    > > accondiscendente...
    >
    > Non c'è da essere accondiscendenti, c'è solo da
    > capire, una volta per tutte, chi ha il coltello
    > dalla parte del manico.

    Non dovrebbe essere la Legge?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio

    >
    > Non c'è da essere accondiscendenti, c'è solo da
    > capire, una volta per tutte, chi ha il coltello
    > dalla parte del
    > manico.

    Esatto.
    Per questo una resa dignitosa e' molto meglio di un accanimento senza alcuna prospettiva.
    Hanno fatto molto bene ad abbandonare il campo e riconoscere che il coltello dalla parte del manico ce l'hanno gli altri!
  • - Scritto da: Leguleio
    > > > " sarà la massima autorità
    > giudiziaria
    > dei
    > > > Paesi Bassi a tracciare, una volta per
    > tutte,
    > i
    > > > contorni delle pretese di
    > > > BREIN
    ."
    > > >
    > > > Sí, perché delle pretese del
    > musicista che
    > ha
    > > > scritto la colonna sonora dei loro spot
    > sulla
    > > > pirateria "non ruberesti mai", che è
    > stato
    > > > sottopagato, si è già occupata un'altra
    > autorità
    > > > giudiziaria, caso
    > > > chiuso:
    > > >
    > > >
    > >
    > http://punto-informatico.it/3354758/PI/News/brein-
    > > mhh che c'e' Legu, ti hanno pestato un callo
    > di
    > > recente?
    >
    > Sono di cattivo umore, ma non perché mi hanno
    > pestato un callo.
    >
    >
    > > e' da un po' che ti vedo salace nei
    > > confronti degli azzeccagarbugli delle
    > Major...
    > > invece che
    > > accondiscendente...
    >
    > Non c'è da essere accondiscendenti, c'è solo da
    > capire, una volta per tutte, chi ha il coltello
    > dalla parte del
    > manico.

    L'utenza. Mi pare ovvio. Che pagava per un servizio che riteneva utile. Adesso l'utenza ha licenziato le major, perché non fanno più qualcosa di utile.
    Alle major sfugge una cosa semplicissima: che siamo NOI i LORO datori di lavoro.
    E che siamo NOI che decidiamo SE pagare, CHI e QUANTO.
    Qualunque tentativo di sovvertire questo principio è destinato inevitabilmente a fallire.
  • > L'utenza. Mi pare ovvio. Che pagava per un
    > servizio che riteneva utile. Adesso l'utenza ha
    > licenziato le major, perché non fanno più
    > qualcosa di
    > utile.
    > Alle major sfugge una cosa semplicissima: che
    > siamo NOI i LORO datori di
    > lavoro.
    > E che siamo NOI che decidiamo SE pagare, CHI e
    > QUANTO.
    > Qualunque tentativo di sovvertire questo
    > principio è destinato inevitabilmente a
    > fallire.

    Con Bubba non parlavo del rapporto fra l'utenza e i produttori di contenuti, sia audio sia video. Il coltello dalla parte del manico è quello dei detentori dei diritti, tutti, che a discrezione possono o non possono adire le vie legali. Inutile dire che una simile possibilità non ce l'hanno gli utenti, e parlo sia di utenti paganti sia di utenti che scaricano: loro possono smettere di comprare, ma non avviene mai.
  • Ci hanno provato ad usare le vie legali, e non ha funzionato (l'articolo era proprio su questo).

    Però, hanno ancora una carta: gli utenti possono smettere di comprare, ma i detentori dei diritti possono smettere di vendere. Non avviene mai che gli utenti facciano uno sciopero degli acquisti... ma se invece ci fosse uno sciopero delle vendite?
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello
    > Ci hanno provato ad usare le vie legali, e non ha
    > funzionato (l'articolo era proprio su
    > questo).

    Certo che non ha funzionato. Ma altrove, non saprei dire nei Paesi Bassi, quando un utente viene identificato oppure quando un gestore di siti di link viene arrestato sono dolori, per lui.
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: cicciobello
    > > Ci hanno provato ad usare le vie legali, e
    > non
    > ha
    > > funzionato (l'articolo era proprio su
    > > questo).
    >
    > Certo che non ha funzionato. Ma altrove, non
    > saprei dire nei Paesi Bassi, quando un utente
    > viene identificato oppure quando un gestore di
    > siti di link viene arrestato sono dolori, per
    > lui.

    E quando viene rilasciato e si attiva per rivalersi del danno subito, sono danni per l'accusa!

    Come chiaramante spiega l'articolo, hanno deciso di smetterla di perseguire la gente perche' non serve a niente.
  • > > - Scritto da: cicciobello
    > > > Ci hanno provato ad usare le vie
    > legali,
    > e
    > > non
    > > ha
    > > > funzionato (l'articolo era proprio su
    > > > questo).
    > >
    > > Certo che non ha funzionato. Ma altrove, non
    > > saprei dire nei Paesi Bassi, quando un utente
    > > viene identificato oppure quando un gestore
    > di
    > > siti di link viene arrestato sono dolori, per
    > > lui.
    >
    > E quando viene rilasciato e si attiva per
    > rivalersi del danno subito, sono danni per
    > l'accusa!

    In caso di errore o di evidente malafede. E non mi ricordo casi precedenti.

    > Come chiaramante spiega l'articolo, hanno deciso
    > di smetterla di perseguire la gente perche' non
    > serve a
    > niente.

    In soldoni: perché son soldi buttati via.Sorride
    Diciamo che fino a qui almeno mandavano il messaggio che si davano da fare e che gli utenti non ufficiali correvano un rischio. Ora non funziona più nemmeno questa guerra psicologica.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 12 marzo 2014 11.24
    -----------------------------------------------------------