Gaia Bottà

MP3tunes è colpevole di aver chiuso un occhio

Ha sempre rimosso da MP3tunes i brani segnalati dall'industria dei contenuti, ma avrebbe sapientemente ignorato i casi di violazione del copyright evidenti ma non denunciati. Il servizio musicale di Michael Robertson è stato condannato

Roma - Michael Robertson, il cui multiforme ingegno ha dato vita agli antesignani dei servizi musicali della Rete di oggi, è stato sconfitto dall'industria del copyright: i suoi servizi MP3tunes.com e Sideload.com, che offrivano agli utenti una combinazione di download a pagamento e stoccaggio di archivi musicali personali, sono stati giudicati fuorilegge, ad anni dalla loro chiusura.

A determinare la condanna dei servizi fondati da Robertson, la caparbietà della fu EMI Music e delle etichette e dei publisher che raccoglieva: era il 2007 quando avevano sporto denuncia contro i due servizi, che a dire dell'accusa sarebbero stati una perfetta combinazione per incoraggiare la produzione e la distribuzione di copie di brani musicali non autorizzate. MP3tunes, oltre ad essere uno store per il download di brani privi di DRM, disponeva di spazi in cui archiviare file musicali al pari dell'altra creatura di Robertson, Mp3.com (costretto dall'industria della musica alla resa), e al pari degli attuali e diffusissimi cyberlocker. Sideload.com, invece, si configurava come un peculiare motore di ricerca per brani mp3 disponibili in Rete: un servizio che si poneva come i tanti intermediari che ora lottano per il diritto di link a contenuti condivisi sotto la responsabilità di terzi.

Robertson ha sempre lottato con entusiasmo, ha ottenuto delle vittorie importanti, come il parere di un giudice di New York che nel 2011 aveva assolto MP3tunes paragonando la sua posizione a quella di intermediari come Google, protetti dalle previsioni del DMCA che sanciscono la non responsabilità di piattaforme che garantiscono la rimozione dei contenuti segnalati come illeciti. Una garanzia che Robertson non offriva però per gli spazi di archiviazione personali degli utenti e per certi brani che, a dire dell'imprenditore, non erano che dei promo distribuiti gratuitamente dall'industria stessa.
Oltre duemila sono però le opere coperte da diritto d'autore per cui Robertson è tornato a confrontarsi con la giustizia: la giuria, se da un lato ha accettato pacificamente il fatto che Robertson non abbia agito sugli spazi personali degli utenti, si è espressa a favore delle etichette ritenendolo responsabile di aver gestito MP3tunes chiudendo un occhio sui probabili casi di violazione del copyright che si sono consumati sulla piattaforma senza che siano stati segnalati dall'industria dei contenuti.

Le parti coinvolte, in questi giorni, esporranno le rispettive prove per la stima dei danni: secondo gli osservatori si potrebbe trattare di una cifra milionaria. Robertson, pur non avendo rinunciato a dare sfogo alla propria creatività imprenditoriale nel campo della musica digitale, è stato già costretto a dichiarare la bancarotta di MP3tunes.com, schiacciato dai debiti e dall'enormità delle spese legali necessarie a contrastare i colossi dell'industria del copyright.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàViacom e YouTube, l'accordo finaleTrovate le condizioni per chiudere in via stragiudiziale l'annosa battaglia legale con cui il conglomerato mediatico accusava YouTube di violare il diritto d'autore con i video caricati dagli utenti
  • AttualitàMP3tunes, cyberlocker in bancarottaLa piattaforma fondata da Michael Robertson non è riuscita a sopportare le stratosferiche spese legali nella causa contro EMI Music. Ma l'etichetta britannica vuole andare avanti, sicura di vincere milioni di dollari in danni
  • Diritto & InternetMP3tunes, armadietto digitale a prova di copyrightI cyberlocker ripieni di contenuti musicali degli utenti sono protetti dal DMCA, ha stabilito un giudice USA. Esulta Michael Robertson, e soprattutto chi ha investito su questo genere di business come Amazon e Google
71 Commenti alla Notizia MP3tunes è colpevole di aver chiuso un occhio
Ordina
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > ... NON GLI DAVA NESSUN FASTIDIO CHE FOSSERO LI'.

    Ma chi li ha messi li aveva il diritto di farlo? Ha consultato gli autori e gli aventi diritto in merito alle loro opere?
    non+autenticato
  • > Ma chi li ha messi li aveva il diritto di farlo?

    Fino a prova contraria, sì. E l'onere della prova spetta all'accusa.
    non+autenticato
  • Ripeto, se tizi non segnalano nulla, il sito non è dovuto a far nulla.
  • "Procedibilità d'ufficio" Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > "Procedibilità d'ufficio" Newbie, inesperto

    Cioe' ? Cancellazioni a caso ?
    krane
    22544
  • Non far finta di non capire. Annoiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Non far finta di non capire. Annoiato

    Ma hai visto come e' ridotto il tread ? Ci fosse uno che quota per sbaglio magari sarebbe piu' chiaro Rotola dal ridere

    Inoltre mo mi dici come distinguere le canzoni lecite e illecite ad esempio sul tubo, prendiamo un famoso a caso: Vasco. Come fai a distinguere ? Tanto piu' che spesso le anteprime le mette lui poi emi fa cancellare e poi rimette tutto nella stessa pagina !
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > Inoltre mo mi dici come distinguere le canzoni
    > lecite e illecite ad esempio sul tubo, prendiamo
    > un famoso a caso: Vasco. Come fai a distinguere ?

    http://image.bayimg.com/45df4c4a94a64d5aa921ee7139...
    Se c'è qualcosa dove sta il riquadro rosso è lecita
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Non far finta di non capire. Annoiato

    Non fare il finto tonto tu.
    Chi dovrebbe procedere d'ufficio?

    Io posto un filmato e secondo te uno qualunque puo' sapere chi e' il detentore e sapere se ha concesso il diritto di postarlo?

    Solo il detentore e' l'unico soggetto in grado di sapere che il filmato e' stato postato senza la sua autorizzazione.

    Come fai a procedere d'ufficio?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: aphex_twin
    > > Non far finta di non capire. Annoiato
    >
    > Non fare il finto tonto tu.
    > Chi dovrebbe procedere d'ufficio?
    >

    Se le autoritá vengono a conoscenza di un reato ANCHE IN MANCANZA DI DENUNCE che é perseguibile d'ufficio lo fanno.

    > Io posto un filmato e secondo te uno qualunque
    > puo' sapere chi e' il detentore e sapere se ha
    > concesso il diritto di
    > postarlo?
    >
    > Solo il detentore e' l'unico soggetto in grado di
    > sapere che il filmato e' stato postato senza la
    > sua
    > autorizzazione.
    >
    > Come fai a procedere d'ufficio?

    Se le autoritá vengono a conoscenza di un reato ANCHE IN MANCANZA DI DENUNCE che é perseguibile d'ufficio lo fanno.

    La legge parla chiaro e non ammette ignoranza.

    Poi puoi sbraitare e piangere quanto vuoi ma é cosí.
    non+autenticato
  • Che cavolo vuol dire "Probabili"?
    La "violazione del Copyright" non è una caratteristica intrinseca di un MP3, come il bitrate o la durata in secondi. Se dicessero che devo cancellare tutti gli MP3 con bitrate superiore a 64kb/s posso anche farlo "preventivamente". Ma se mi dicono che devo cancellare tutti gli MP3 che contengono "canzoni brutte" ho qualche problema.

    Io non ho modo di sapere che cavolo di accordi il Detentore ha stretto e con chi, e SOLO LUI mi può dire se un suo prodotto è usato o meno in violazione dei sui termini di licenza. Ed anche se mi dicesse che è in violazione, prima di rimuovere dovrei comunque verificare cosa mi dice l'uploader, perché potrebbe essere uno dei casi che ricadono sotto Fair Use, come recentemente successo a Lessig (che essendo l'avvocato che è, è riuscito a far valere i suoi diritti).

    Per quel che ne so, una "probabile" violazione potrebbe essere una autorizzata azione di marketing virale che, se la stronco sulla base della "probabile violazione" autonomamente decisa poi GLI STESSI che ora lamentano che non le ho cancellate, mi FANNO CAUSA e la VINCONO!!

    Quindi che vuol dire "probabili"?

    Ci sono una marea di politici, non solo italiani, che sono "probabili" corrotti. Ma o lo sono, ed allora il loro posto è in galera, o non lo sono ed allora stanno tranquilli in parlamento. La differenza è un terzo grado di giudizio. Non l'arbitrio del proprietario della casa in cui vivono.

    Mah, sempre più perplesso sul concetto stesso di "Diritto d'Autore"...
    non+autenticato
  • Come non sottoscrivere tutto il tuo post?
    Izio01
    4027
  • - Scritto da: Skywalker
    > Che cavolo vuol dire "Probabili"?
    > La "violazione del Copyright" non è una
    > caratteristica intrinseca di un MP3, come il
    > bitrate o la durata in secondi. Se dicessero che
    > devo cancellare tutti gli MP3 con bitrate
    > superiore a 64kb/s posso anche farlo
    > "preventivamente". Ma se mi dicono che devo
    > cancellare tutti gli MP3 che contengono "canzoni
    > brutte" ho qualche
    > problema.
    >
    > Io non ho modo di sapere che cavolo di accordi il
    > Detentore ha stretto e con chi, e SOLO LUI mi può
    > dire se un suo prodotto è usato o meno in
    > violazione dei sui termini di licenza. Ed anche
    > se mi dicesse che è in violazione, prima di
    > rimuovere dovrei comunque verificare cosa mi dice
    > l'uploader, perché potrebbe essere uno dei casi
    > che ricadono sotto Fair Use, come recentemente
    > successo a Lessig (che essendo l'avvocato che è,
    > è riuscito a far valere i suoi
    > diritti).
    >
    > Per quel che ne so, una "probabile" violazione
    > potrebbe essere una autorizzata azione di
    > marketing virale che, se la stronco sulla base
    > della "probabile violazione" autonomamente decisa
    > poi GLI STESSI che ora lamentano che non le ho
    > cancellate, mi FANNO CAUSA e la
    > VINCONO!!
    >
    > Quindi che vuol dire "probabili"?
    >
    > Ci sono una marea di politici, non solo italiani,
    > che sono "probabili" corrotti. Ma o lo sono, ed
    > allora il loro posto è in galera, o non lo sono
    > ed allora stanno tranquilli in parlamento. La
    > differenza è un terzo grado di giudizio. Non
    > l'arbitrio del proprietario della casa in cui
    > vivono.
    >
    > Mah, sempre più perplesso sul concetto stesso di
    > "Diritto
    > d'Autore"...

    per forza, perchè dimostri semplicemente di non conoscerlo con quello che scrivi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enry
    > - Scritto da: Skywalker
    > > Che cavolo vuol dire "Probabili"?
    > > La "violazione del Copyright" non è una
    > > caratteristica intrinseca di un MP3, come il
    > > bitrate o la durata in secondi. Se dicessero che
    > > devo cancellare tutti gli MP3 con bitrate
    > > superiore a 64kb/s posso anche farlo
    > > "preventivamente". Ma se mi dicono che devo
    > > cancellare tutti gli MP3 che contengono "canzoni
    > > brutte" ho qualche
    > > problema.
    > >
    > > Io non ho modo di sapere che cavolo di accordi
    > il
    > > Detentore ha stretto e con chi, e SOLO LUI mi
    > può
    > > dire se un suo prodotto è usato o meno in
    > > violazione dei sui termini di licenza. Ed anche
    > > se mi dicesse che è in violazione, prima di
    > > rimuovere dovrei comunque verificare cosa mi
    > dice
    > > l'uploader, perché potrebbe essere uno dei casi
    > > che ricadono sotto Fair Use, come recentemente
    > > successo a Lessig (che essendo l'avvocato che è,
    > > è riuscito a far valere i suoi
    > > diritti).
    > >
    > > Per quel che ne so, una "probabile" violazione
    > > potrebbe essere una autorizzata azione di
    > > marketing virale che, se la stronco sulla base
    > > della "probabile violazione" autonomamente
    > decisa
    > > poi GLI STESSI che ora lamentano che non le ho
    > > cancellate, mi FANNO CAUSA e la
    > > VINCONO!!
    > >
    > > Quindi che vuol dire "probabili"?
    > >
    > > Ci sono una marea di politici, non solo
    > italiani,
    > > che sono "probabili" corrotti. Ma o lo sono, ed
    > > allora il loro posto è in galera, o non lo sono
    > > ed allora stanno tranquilli in parlamento. La
    > > differenza è un terzo grado di giudizio. Non
    > > l'arbitrio del proprietario della casa in cui
    > > vivono.
    > >
    > > Mah, sempre più perplesso sul concetto stesso di
    > > "Diritto
    > > d'Autore"...
    >
    > per forza, perchè dimostri semplicemente di non
    > conoscerlo con quello che
    > scrivi...

    Lo conosciamo benissimo noi. A differenza tua.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Enry
    > > - Scritto da: Skywalker
    > > > Che cavolo vuol dire "Probabili"?
    > > > La "violazione del Copyright" non è una
    > > > caratteristica intrinseca di un MP3,
    > come
    > il
    > > > bitrate o la durata in secondi. Se
    > dicessero
    > che
    > > > devo cancellare tutti gli MP3 con
    > bitrate
    > > > superiore a 64kb/s posso anche farlo
    > > > "preventivamente". Ma se mi dicono che
    > devo
    > > > cancellare tutti gli MP3 che contengono
    > "canzoni
    > > > brutte" ho qualche
    > > > problema.
    > > >
    > > > Io non ho modo di sapere che cavolo di
    > accordi
    > > il
    > > > Detentore ha stretto e con chi, e SOLO
    > LUI
    > mi
    > > può
    > > > dire se un suo prodotto è usato o meno
    > in
    > > > violazione dei sui termini di licenza.
    > Ed
    > anche
    > > > se mi dicesse che è in violazione,
    > prima
    > di
    > > > rimuovere dovrei comunque verificare
    > cosa
    > mi
    > > dice
    > > > l'uploader, perché potrebbe essere uno
    > dei
    > casi
    > > > che ricadono sotto Fair Use, come
    > recentemente
    > > > successo a Lessig (che essendo
    > l'avvocato che
    > è,
    > > > è riuscito a far valere i suoi
    > > > diritti).
    > > >
    > > > Per quel che ne so, una "probabile"
    > violazione
    > > > potrebbe essere una autorizzata azione
    > di
    > > > marketing virale che, se la stronco
    > sulla
    > base
    > > > della "probabile violazione"
    > autonomamente
    > > decisa
    > > > poi GLI STESSI che ora lamentano che
    > non le
    > ho
    > > > cancellate, mi FANNO CAUSA e la
    > > > VINCONO!!
    > > >
    > > > Quindi che vuol dire "probabili"?
    > > >
    > > > Ci sono una marea di politici, non solo
    > > italiani,
    > > > che sono "probabili" corrotti. Ma o lo
    > sono,
    > ed
    > > > allora il loro posto è in galera, o non
    > lo
    > sono
    > > > ed allora stanno tranquilli in
    > parlamento.
    > La
    > > > differenza è un terzo grado di
    > giudizio.
    > Non
    > > > l'arbitrio del proprietario della casa
    > in
    > cui
    > > > vivono.
    > > >
    > > > Mah, sempre più perplesso sul concetto
    > stesso
    > di
    > > > "Diritto
    > > > d'Autore"...
    > >
    > > per forza, perchè dimostri semplicemente di
    > non
    > > conoscerlo con quello che
    > > scrivi...
    >
    > Lo conosciamo benissimo noi. A differenza tua.

    Certo che se sottolineate il termine "probabili" e sorvolate sui 2000 file accertati, non date impressione di avere le idee chiare. Quando posti un filmato su faccia libro, prima viene verificato e a volte non viene autorizzato anche se dichiari che sei tu l'operatore, perché si vedono più persone. Prova a postare un film e vedi che succede. Nascondersi dietro un dito a volte non ti salva dalla "tana", possiamo continuare a far finta di non sapere a cosa servono certi siti, ma questo non cambia la realtà.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    >
    > Certo che se sottolineate il termine "probabili"
    > e sorvolate sui 2000 file accertati, non date
    > impressione di avere le idee chiare.

    Stiamo parlando dell'articolo.
    E l'articolo dice che gente inutile come te si e' messa a strillare perche' questi qua non hanno cancellato files "probabili".
    E noi siamo qui a dire che hanno fatto bene, perche' non e' per uno che strilla che si devono cancellare informazioni in rete, ma solo dopo che l'avente diritto (e non altri) ha dimostrato che lui detiene i diritti e non vuole che quell'informazione venga distribuita in quel modo.
    E, indovina un po?, ci vuole un giudice terzo che accerti che tutto corrisponda al vero.

    E infatti, quando tutto cio' e' vero, i files vengono rimossi.
    Tanto che nessuno di quelli come te e' mai stato capace di postare un link, che sia uno, ad un file pirata.

    I files pirata in rete NON ESISTONO, perche' quando ci sono vengono cancellati.

    > Quando
    > posti un filmato su faccia libro, prima viene
    > verificato e a volte non viene autorizzato anche
    > se dichiari che sei tu l'operatore, perché si
    > vedono più persone.
    > Prova a postare un film e
    > vedi che succede.

    Non frequento quel posto e non so come funziona, ma se e' come dici tu, di che ti lamenti?

    > Nascondersi dietro un dito a
    > volte non ti salva dalla "tana", possiamo
    > continuare a far finta di non sapere a cosa
    > servono certi siti, ma questo non cambia la
    > realtà.

    Se ci sono posti dove viene distribuito materiale pirata, quel materiale viene oscurato e i responsabili vengono perseguiti.
    E' sempre stato cosi'.
    Di che ti lamenti?

    La pirateria non esiste.
    E' stata DEBELLATA.

    O tu conosci qualche sito con files pirata che io non conosco?
    Posta il link e dimostra di aver ragione tu.

    Oppure taci.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Allibito
    > >
    > > Certo che se sottolineate il termine
    > "probabili"
    > > e sorvolate sui 2000 file accertati, non date
    > > impressione di avere le idee chiare.
    >
    > Stiamo parlando dell'articolo.
    > E l'articolo dice che gente inutile come te si e'
    > messa a strillare perche' questi qua non hanno
    > cancellato files
    > "probabili".
    > E noi siamo qui a dire che hanno fatto bene,
    > perche' non e' per uno che strilla che si devono
    > cancellare informazioni in rete, ma solo dopo che
    > l'avente diritto (e non altri) ha dimostrato che
    > lui detiene i diritti e non vuole che
    > quell'informazione venga distribuita in quel
    > modo.
    > E, indovina un po?, ci vuole un giudice terzo che
    > accerti che tutto corrisponda al
    > vero.
    >
    > E infatti, quando tutto cio' e' vero, i files
    > vengono
    > rimossi.
    > Tanto che nessuno di quelli come te e' mai stato
    > capace di postare un link, che sia uno, ad un
    > file
    > pirata.
    >
    > I files pirata in rete NON ESISTONO, perche'
    > quando ci sono vengono
    > cancellati.
    >
    > > Quando
    > > posti un filmato su faccia libro, prima viene
    > > verificato e a volte non viene autorizzato
    > anche
    > > se dichiari che sei tu l'operatore, perché si
    > > vedono più persone.
    > > Prova a postare un film e
    > > vedi che succede.
    >
    > Non frequento quel posto e non so come funziona,
    > ma se e' come dici tu, di che ti
    > lamenti?
    >
    > > Nascondersi dietro un dito a
    > > volte non ti salva dalla "tana", possiamo
    > > continuare a far finta di non sapere a cosa
    > > servono certi siti, ma questo non cambia la
    > > realtà.
    >
    > Se ci sono posti dove viene distribuito materiale
    > pirata, quel materiale viene oscurato e i
    > responsabili vengono
    > perseguiti.
    > E' sempre stato cosi'.
    > Di che ti lamenti?
    >
    > La pirateria non esiste.
    > E' stata DEBELLATA.
    >
    > O tu conosci qualche sito con files pirata che io
    > non
    > conosco?
    > Posta il link e dimostra di aver ragione tu.
    >
    > Oppure taci.
    A tacere dovrebbe essere chi non ha argomenti... tipo te, per esempio.
    I siti pirarata nascono e muoiono, sgusciare tra le maglie di leggi di altri paesi, li può salvare per un pò ma dire che non siano illeciti mi sembra un paradosso. Altra cosa che non sai, è che non indispensabile l'avente diritto per fare una denuncia, chiunque si ritenga danneggiato può farla e addirittura un comune cittadino che viene a conoscenza del fatto. Fatti aiutare da leguleio, l'unico che può parlare di certe cose.
    Si parla di "avente diritto" solo per la certezza che non ci siano concessioni, ma di un film appena uscito nelle sale, tale sicurezza c'è...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito

    > > O tu conosci qualche sito con files pirata che
    > io
    > > non
    > > conosco?
    > > Posta il link e dimostra di aver ragione tu.
    > >
    > > Oppure taci.
    > A tacere dovrebbe essere chi non ha argomenti...
    > tipo te, per
    > esempio.

    Ok, niente link.

    > I siti pirarata nascono e muoiono, sgusciare tra
    > le maglie di leggi di altri paesi, li può salvare
    > per un pò ma dire che non siano illeciti mi
    > sembra un paradosso.

    Quindi niente link.

    > Altra cosa che non sai, è
    > che non indispensabile l'avente diritto per fare
    > una denuncia, chiunque si ritenga danneggiato può
    > farla e addirittura un comune cittadino che viene
    > a conoscenza del fatto.

    Che deve pero' dimostrare di essere danneggiato.
    Io non posso mica chiedere la cancellazione di tutti i tuoi post su PI solo perche' mi stai antipatico. Devo dimostrare di aver subito un danno.

    > Fatti aiutare da
    > leguleio, l'unico che può parlare di certe
    > cose.

    L'unico che puo' chiedere la cancellazione di un post senza dover dimostrare niente.
    E' l'internet che vorresti tu. Censura immediata se si strilla.

    > Si parla di "avente diritto" solo per la certezza
    > che non ci siano concessioni, ma di un film
    > appena uscito nelle sale, tale sicurezza c'è...

    Chi lo dice che c'e'? Tu?
  • - Scritto da: Allibito
    > I siti pirarata nascono e muoiono, sgusciare tra
    > le maglie di leggi di altri paesi, li può salvare
    > per un pò ma dire che non siano illeciti mi
    > sembra un paradosso.

    Non puoi applicare una legge a tutto il mondo. Se un Paese non riconosce nessuna convenzione internazionale sul copyright (ad esempio la Repubblica di San Marino) non puoi dire che un sito lì ospitato è illegale perché non sta infrangendo nessuna legge, il fatto che SE FOSSE IN ITALIA sarebbe illegale è del tutto ininfluente perché non hai nessun diritto e nessuna giurisdizione su un sito che si trova in un altro Paese.
    Se non ti sta bene, bombarda San Marino e rendila una colonia italiana: è esattamente quello che hanno fatto gli americani quando l'Iraq non era d'accordo con loro su qualcosa. Visto che tu sei un leccaculo degli americani, non avrai problemi a muovere guerra verso una nazione pacifica al solo scopo di salvaguardare i tuoi profitti econoimici e commerciali. Chi se ne frega se buona parte del mondo civilizzato ti darà contro, tu sosterrai sempre di avere ragione perché ti sarai fatto da solo le leggi che ti danno il potere di farlo.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 26 marzo 2014 17.39
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Enry
    > > - Scritto da: Skywalker
    > > > Che cavolo vuol dire "Probabili"?
    > > > La "violazione del Copyright" non è una
    > > > caratteristica intrinseca di un MP3,
    > come
    > il
    > > > bitrate o la durata in secondi. Se
    > dicessero
    > che
    > > > devo cancellare tutti gli MP3 con
    > bitrate
    > > > superiore a 64kb/s posso anche farlo
    > > > "preventivamente". Ma se mi dicono che
    > devo
    > > > cancellare tutti gli MP3 che contengono
    > "canzoni
    > > > brutte" ho qualche
    > > > problema.
    > > >
    > > > Io non ho modo di sapere che cavolo di
    > accordi
    > > il
    > > > Detentore ha stretto e con chi, e SOLO
    > LUI
    > mi
    > > può
    > > > dire se un suo prodotto è usato o meno
    > in
    > > > violazione dei sui termini di licenza.
    > Ed
    > anche
    > > > se mi dicesse che è in violazione,
    > prima
    > di
    > > > rimuovere dovrei comunque verificare
    > cosa
    > mi
    > > dice
    > > > l'uploader, perché potrebbe essere uno
    > dei
    > casi
    > > > che ricadono sotto Fair Use, come
    > recentemente
    > > > successo a Lessig (che essendo
    > l'avvocato che
    > è,
    > > > è riuscito a far valere i suoi
    > > > diritti).
    > > >
    > > > Per quel che ne so, una "probabile"
    > violazione
    > > > potrebbe essere una autorizzata azione
    > di
    > > > marketing virale che, se la stronco
    > sulla
    > base
    > > > della "probabile violazione"
    > autonomamente
    > > decisa
    > > > poi GLI STESSI che ora lamentano che
    > non le
    > ho
    > > > cancellate, mi FANNO CAUSA e la
    > > > VINCONO!!
    > > >
    > > > Quindi che vuol dire "probabili"?
    > > >
    > > > Ci sono una marea di politici, non solo
    > > italiani,
    > > > che sono "probabili" corrotti. Ma o lo
    > sono,
    > ed
    > > > allora il loro posto è in galera, o non
    > lo
    > sono
    > > > ed allora stanno tranquilli in
    > parlamento.
    > La
    > > > differenza è un terzo grado di
    > giudizio.
    > Non
    > > > l'arbitrio del proprietario della casa
    > in
    > cui
    > > > vivono.
    > > >
    > > > Mah, sempre più perplesso sul concetto
    > stesso
    > di
    > > > "Diritto
    > > > d'Autore"...
    > >
    > > per forza, perchè dimostri semplicemente di
    > non
    > > conoscerlo con quello che
    > > scrivi...
    >
    > Lo conosciamo benissimo noi. A differenza tua.

    Ma fammi il piacere va...
    non+autenticato
  • Intanto non hai ancora argomentatoA bocca aperta