Claudio Tamburrino

Banda Larga, nuova proposta per i fondi UE

L'Italia ha sottoposto a Bruxelles una nuova strategia per l'investimento dei fondi europei. Anche il DEF 2014 abbraccia la banda larga

Banda Larga, nuova proposta per i fondi UERoma - Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) ha approvato l'accordo di partenariato sulla programmazione dei fondi strutturali e di investimento europei per il 2014-2020: si tratta del documento da presentare a Bruxelles che rappresenta la strategia entro cui inscrivere la gestione dei fondi europei affidati all'Italia.

Quella dei fondi strutturali è una questione fondamentale caratterizzata da molti tecnicismi: innanzitutto l'Europa spinge ad una elevata organizzazione in quanto chiede un cofinanziamento nazionale ed il rispetto di un meccanismo ciclico di gestione e monitoraggio che lega controlli concreti all'effettivo sblocco dei fondi (meccanismi utili ad evitare gli sprechi), dall'altro gli amministratori italiani non sempre si sono dimostrati all'altezza del compito, finendo per non riuscire a interfacciarsi con la burocrazia europea e perdere i fondi a disposizione.

A marzo la Commissione UE aveva sollevato 351 rilievi al testo italiano per la spesa dei fondi europei 2014-2020 destinati a banda larga e digitalizzazione della PA: a non piacere, in particolare, l'assenza di una regia nazionale, nonché una generale indeterminatezza sulle motivazioni, gli obiettivi e le tempistiche delle azioni a favore dello sviluppo della banda larga e la mancata considerazione delle "competenze informatiche come competenze chiave per migliorare l'occupazione nonostante la loro importanza nell'attuale contesto economico".
Quest'ultimo punto sembra cambiato alla radice: il Documento di economia e finanza (DEF) 2014 presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi e dal Ministro dell'Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan contiene per la prima volta un ampio riferimento alla banda larga e banda ultralarga.

Secondo quanto si legge nel programma, in particolare, le infrastrutture immateriali a banda larga e soprattutto a banda ultralarga devono essere garantite a tutti i cittadini, pertanto la mano pubblica, sussidiaria all'intervento del mercato, è imprescindibile: certo manca una chiara indicazione dei fondi predisposti a tale scopo (a parte 639 milioni di fondi strutturali europei), ma già che se ne faccia un ampio riconoscimento appare un passo avanti.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàBanda Larga, fondi da rivedereL'UE boccia l'Agenda digitale italiana, e mentre il ministro Guidi ammonisce alla determinazione nel perseguire politiche di digitalizzazione, il PD pensa piuttosto ad una legge ad hoc contro l'hate speech online
  • AttualitàUE, solo un miliardo per la ReteMolto poco rispetto ai 9,2 miliardi precedentemente proposti per la banda larga ed i servizi digitali. Saranno abbastanza per raggiungere gli obiettivi dell'Agenda Digitale, combinati con gli investimenti privati?
  • AttualitàUE contro la desertificazione digitaleSe non verranno messi in atto strategie ed investimenti opportuni nel settore ITC, l'Europa rischierà la desertificazione digitale. A prospettarlo, un nuovo studio presentato a Bruxelles
23 Commenti alla Notizia Banda Larga, nuova proposta per i fondi UE
Ordina
  • Ma SILENZIO non vi agitate, c'è gente come me che ancora è rimasta alla miniDSLAM (anzi la centrale è satura, nemmeno posso averla), e abito a 5 km dalla città... La priorità dovrebbe essere "rendere DISPONIBILE a TUTTI l'uso della banda larga" non la Fibra. Ma siccome siamo tutte capre, non c'è nulla da fare.
    non+autenticato
  • Ti resta Eolo, Linkem o provider locali in WiMax, Hiperlan, WLL.
    iRoby
    6862
  • e intanto telecom dal primo giugno aumenta il costo dell' adsl...
  • MAURO,
    FIBRA O NON FIBRA, MA IL PROGETTO SOCRATE CHE FINE HA FATTO ? , LA TV VIA CAVO ? SOLO IL CENTRO STORICO E STATO SERVITO MA TUTTI I CITTADINI ITALIANI HANNO PAGATO, COSA NE DITE.
    SALUTI
    MAURO
    non+autenticato
  • La cazzata l'hanno fatta negli anni '90 quando hanno privatizzato la rete (regalandola agli amici).

    Adesso dovremmo fare questa pseudo fibra (se la devi fare falla come dio comanda), ovviamente con i soldi nostri, gentilmente donati dallo stato ita e ue a una società privata. In giro per l'europa e nel mondo hanno centinaia di mb simmetrici, a prezzi inferiori di quello che propongono a noi.
    non+autenticato
  • > La cazzata l'hanno fatta negli anni '90 quando
    > hanno privatizzato la rete (regalandola agli
    > amici).

    La privatizzazione di Sip, oggi Telecom Italia, era sollecitata dall'Europa.
    Spiegami come sarebbe stato possibile, in pratica, far entrare operatori concorrenti dello Stato italiano nel mercato delle telecomunicazioni.


    > Adesso dovremmo fare questa pseudo fibra (se la
    > devi fare falla come dio comanda), ovviamente con
    > i soldi nostri, gentilmente donati dallo stato
    > ita e ue a una società privata. In giro per
    > l'europa e nel mondo hanno centinaia di mb
    > simmetrici, a prezzi inferiori di quello che
    > propongono a
    > noi.

    No, le tariffe più care per la banda larga sono in Bolivia, non in italia.

    http://point-topic.com/free-analysis/broadband-tar.../

    Curiosità: le meno care, limitandoci ai 90 Paesi presi in esame da quel sito, sono in Russia.Con la lingua fuori
  • Mette la fibra ottica sulla strada... a casa mia
    Ottimo direte voi...
    Ottimo 'na ceppa!
    Hanno portato la fibra sulla via... e dalla via alle case invece.... c'è ancora il doppino... con il solito DSLAM (alcatel) ...
    Invece che FTTH (fiber to the home) hanno lasciato in sostanza le cose coi soliti vecchi problemi e limitazioni (compresi quindi i costi superiori di gestione e manutenzione che continueranno "automagicamente" a perpetuarsi).
    Questi come ho detto più volte l'unica banda che conoscono è la banda bassotti.
    non+autenticato
  • Buon uomo, dobbiamo lavorare tutti. Se invece risolviamo i problemi poi, dopo, chi lavora ?
    non+autenticato
  • Infatti non vedo perchè non portare la fibra nelle case, invece di fare questa soluzione posticcia con una VDSL.
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > Infatti non vedo perchè non portare la fibra
    > nelle case, invece di fare questa soluzione
    > posticcia con una VDSL.

    Aspettano di creare l'emergenza, così la paga pantalone.
  • intanto ringrazia che hai l'adsl, c'è ancora chi ha il 56k.

    E comunque iniziano a fare la dorsale in fibra e poi pian piano porteranno la fibra alle case.
    non+autenticato
  • - Scritto da: gsgsg
    > intanto ringrazia che hai l'adsl, c'è ancora chi
    > ha il
    > 56k.
    >
    > E comunque iniziano a fare la dorsale in fibra e
    > poi pian piano porteranno la fibra alle
    > case.

    E vero, ci sono aree in italia dove adsl non c'è, ma manco per niente. Spero si sbrighino con la fibra, ma dubito.
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > - Scritto da: gsgsg
    > > intanto ringrazia che hai l'adsl, c'è ancora chi
    > > ha il
    > > 56k.
    > >
    > > E comunque iniziano a fare la dorsale in fibra e
    > > poi pian piano porteranno la fibra alle
    > > case.
    >
    > E vero, ci sono aree in italia dove adsl non c'è,
    > ma manco per niente. Spero si sbrighino con la
    > fibra, ma
    > dubito.
    certo come no prima spendiamo per portare ADSL poi torniamo a spendere per la fibra poi ?
    Fammi capire secondo te l'adsl l'ha ordinata il dottore o si può passare direttamente alla fibra invece che mettere l'orologio indietro di 20 anni e spendere il triplo?
    No giusto per sapere se per caso il prezzo del rame è crollato e alcatel regala i DSLAM... mettendo l'orologio indietro...
    Magari spendendo una volta sola si risparmia?
    non+autenticato
  • Ho detto solo che è vero che ADSL in molte zone d'italia non arriva o arriva male, non ho detto che bisogna rimanere a quella tecnologia.
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > Ho detto solo che è vero che ADSL in molte zone
    > d'italia non arriva o arriva male, non ho detto
    > che bisogna rimanere a quella
    > tecnologia.
    Tu lo sai vero come "la legge" la banda bassotti nostrana questa affermazione?
    Mica gli interessa quello che volevi dire tu!
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: Sg@bbio
    > > Ho detto solo che è vero che ADSL in molte
    > zone
    > > d'italia non arriva o arriva male, non ho
    > detto
    > > che bisogna rimanere a quella
    > > tecnologia.
    > Tu lo sai vero come "la legge" la banda bassotti
    > nostrana questa
    > affermazione?
    > Mica gli interessa quello che volevi dire tu!
    Ma che dico la banda bassotti... Giggi er trojone e i patetici trolletti, tutti quanti!
    Natura matrigna.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > - Scritto da: gsgsg
    > > intanto ringrazia che hai l'adsl, c'è ancora chi
    > > ha il
    > > 56k.
    > >
    > > E comunque iniziano a fare la dorsale in fibra e
    > > poi pian piano porteranno la fibra alle
    > > case.
    >
    > E vero, ci sono aree in italia dove adsl non c'è,
    > ma manco per niente. Spero si sbrighino con la
    > fibra, ma
    > dubito.
    certo come no prima spendiamo per portare ADSL poi torniamo a spendere per la fibra poi ?
    Fammi capire secondo te l'adsl l'ha ordinata il dottore o si può passare direttamente alla fibra invece che mettere l'orologio indietro di 20 anni e spendere il triplo?
    No giusto per sapere se per caso il prezzo del rame è crollato e alcatel regala i DSLAM... mettendo l'orologio indietro...
    Magari spendendo una volta sola si risparmia?
    ma chi se ne frega tanto paga pantalone!
    non+autenticato