Alfonso Maruccia

Novena, laptop open hardware finanziato dagli utenti

Il computer (ARM) per hacker raccoglie una cifra molto superiore a quella richiesta per partire. Entro Natale sarà spedito ai sostenitori. Disponibile in tre versioni, tra cui una extra-lusso con chassis in legno

Roma - Si è conclusa con risultati molto superiori al previsto la campagna di crowdfunding per Novena, il laptop/PC/all-in-one interamente basato su hardware open source e completamente modificabile dall'utente. Non un prodotto per la massa, ma che è comunque riuscito a racimolare fondi per 703.020 dollari contro i 250.000 inizialmente richiesti.


Novena è un progetto di Bunnie Huang, hacker e reverse engineer meglio noto per aver infranto le tecnologie "black box" della console Xbox: e che ora intende offrire un computer completo di tutto agli utenti che "hanno a cuore il Free Software e l'open source, oppure vogliono modificare ed estendere il proprio hardware".

Il sistema finanziato monta un processore ARM quad-core prodotto da Freescale con clock a 1,2 GHz, tutta la documentazione sulla motherbord e i componenti è disponibile online così come il codice sorgente della distro Linux personalizzata che costituisce il sistema operativo del dispositivo.
Dopo aver chiuso con successo la campagna di finanziamenti, il progetto Novena è ora pronto a raccogliere i preordini degli utenti: diverse le versioni disponibili dell'"open hardware" inclusa la semplice motherboard (550 dollari), un desktop "all-in-one" con schermo Full HD integrato (IPS LCD) che all'apertura mette in mostra l'hardware del sistema (2.195 dollari), e un laptop completo dal costo non indifferente di 5.000 dollari che però vanterà anche un originale e unico chassis di legno in stile Apple I.

Alfonso Maruccia
13 Commenti alla Notizia Novena, laptop open hardware finanziato dagli utenti
Ordina
  • ...in versione extra lusso in legno.

    Anche gli hacker vogliono fare i fighetti?
    ruppolo
    33147
  • Curioso, i progettisti usano un Mac (minuto 00.35)
  • - Scritto da: piezo8
    > Curioso, i progettisti usano un Mac (minuto 00.35)
    se per progettisti intendi Huang... quello ha usato ogni ira di dio... dalla xbox a un modulatore fotonico embeddato in un CMOS di tipo SOI..
    non+autenticato
  • - Scritto da: piezo8
    > Curioso, i progettisti usano un Mac (minuto 00.35)

    Beh, non è strano visto il programma che ci sta girando (e poi MAC è un posix con annessi e connessi).

    Quasi tutto ciò che c'è in giro è comunque una Debian, a occhio una wheezy con desktop standard, che ovviamente è disponibile in versione ARM, per cui la customizzazione gli viene anche semplice.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Quelo
    > - Scritto da: piezo8
    > > Curioso, i progettisti usano un Mac (minuto
    > 00.35)
    >
    > Beh, non è strano visto il programma che ci sta
    > girando (e poi MAC è un posix con annessi e
    > connessi).

    Giá curioso: il posix in un apple... l'unico standard in un PC proprietario!
    non+autenticato
  • Se un computer non utilizza il SO di Apple o Microsft diventa per hacker ? ... non è il computer che fa l'hacker, essere hacker è uno stato della mente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Se un computer non utilizza il SO di Apple o
    > Microsft diventa per hacker ? ... non è il
    > computer che fa l'hacker, essere hacker è uno
    > stato della
    > mente.
    leggere anche cosa sarebbe "un computer per hacker" aiuterebbe.

    Per es dubito che il piazzista Genius maxsix se ne farebbe qualcosa di un FPGA , di GPIO accessibili , di un flash rom snooper , di una serial EEPROM accessibile ecc.
    non+autenticato
  • ... However, there are elements of the i.MX6 SoC that lie dormant, due to a lack of open source drivers. In particular, the 2D/3D graphics accelerator in the i.MX6 has closed-source drivers. While we don't force you to use these closed-source drivers, a major impediment to us being "libre" is the lack of open source drivers for these components.

    We're excited to announce a partnership with Jon Nettleton, an expert on Linux graphics drivers, to enable this crucial piece of the libre puzzle.
    non+autenticato
  • ma lo chassis non deve essere per forza in metallo in modo da costituire una gabbia di faraday? se lo fanno in legno le radiazioni vengono fuori,
    per non parlare del pericolo tarli, legno che assorbe umidita ( in paesi tipo malesia ) etc..etc..
    non+autenticato
  • Quando ho visto SW+HW open source pensavo che i prezzi fossero come minimo sotto i 1000 dollari invece si parla di 5000 dollari , "che però vanterà anche un originale e unico chassis di legno in stile Apple I" Rotola dal ridere

    Meno male che nessuno é ancora venuto qui ad osannare questo cesso iperprezzato, mentre posso facilmente immaginare la reazione di certi personaggi sensibili al soldo (PR ed Enjoy in primis) se avesse avuto la mela stampata sopra.

    15-inch MacBook Pro with Retina display
    2.6GHz Quad-core Intel Core i7, Turbo Boost up to 3.8GHz
    16GB 1600MHz DDR3L SDRAM
    1TB PCIe-based Flash Storage
    Intel Iris Pro Graphics
    NVIDIA GeForce GT 750M
    with 2GB GDDR5 memory
    Prezzo $3,299.00

    Ho provato ad arrivare a 5000 dollari ma dovrei aggiungere un TimeCapsule, uno schermo esterno da 27, i vari cavetti adattatore, software professionali ed altro ancora. A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Quando ho visto SW+HW open source pensavo che i
    > prezzi fossero come minimo sotto i 1000 dollari
    > invece si parla di 5000 dollari , "che però
    > vanterà anche un originale e unico chassis di
    > legno in stile Apple I"
    > Rotola dal ridere
    >
    come essere Macachi e vantarsene. Si parte da $500. E c'e' il dettaglio del sw di contorno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Quando ho visto SW+HW open source pensavo che i
    > prezzi fossero come minimo sotto i 1000 dollari
    > invece si parla di 5000 dollari , "che però
    > vanterà anche un originale e unico chassis di
    > legno in stile Apple I"
    > Rotola dal ridere
    >
    > Meno male che nessuno é ancora venuto qui ad
    > osannare questo cesso iperprezzato, mentre posso
    > facilmente immaginare la reazione di certi
    > personaggi sensibili al soldo (PR ed Enjoy in
    > primis) se avesse avuto la mela stampata
    > sopra.
    >
    > 15-inch MacBook Pro with Retina display
    > 2.6GHz Quad-core Intel Core i7, Turbo Boost up to
    > 3.8GHz
    > 16GB 1600MHz DDR3L SDRAM
    > 1TB PCIe-based Flash Storage
    > Intel Iris Pro Graphics
    > NVIDIA GeForce GT 750M
    > with 2GB GDDR5 memory
    > Prezzo $3,299.00
    >
    > Ho provato ad arrivare a 5000 dollari ma dovrei
    > aggiungere un TimeCapsule, uno schermo esterno da
    > 27, i vari cavetti adattatore, software
    > professionali ed altro ancora.
    >A bocca aperta

    Quello che ha fatto alzare il prezzo e' stata la distro Linux personalizzata
  • - Scritto da: capitan farlock
    > ma lo chassis non deve essere per forza in
    > metallo in modo da costituire una gabbia di
    > faraday? se lo fanno in legno le radiazioni
    > vengono fuori,
    > per non parlare del pericolo tarli, legno che
    > assorbe umidita ( in paesi tipo malesia )
    > etc..etc..

    In qualche modo devono intercettarti no ? Poveracci...
    krane
    22544