Claudio Tamburrino

Uber maior, taxi cessat

Dopo la Francia, anche in Italia i tassisti scendono in piazza. E lanciano uova contro l'auto della manager dell'app nata a San Francisco. In ballo c'è la liberalizzazione del settore

Roma - La tecnologia non crea solo opportunità e nuove possibilità di impresa, ma anche scontri che si possono facilmente definire generazionali: nel corso del fine settimana sono arrivate le proteste dei tassisti milanesi alle prese con la loro lotta contro la concorrenza di Uber.

L'azienda di San Francisco, che di recente ha anche stretto un accordo di collaborazione con Google e ha ricevuto finanziamenti per oltre 260 milioni di dollari, offre un servizio via app iOS e Android che sfrutta GPS e possibilità di individuare l'auto disponibile più vicina e prenotarla via click: un meccanismo pensato per rivoluzionare il mercato delle auto con conducente. Se negli Stati Uniti, però, nonostante il bieco tentativo di strumentalizzare l'uccisione di una bimba di sei anni investita da un autista di Uber (che nell'occasione era fuori servizio e guidava come normale cittadino privato), la possibilità di prenotare un veicolo con conducente è ormai affermata sul mercato, in Europa lo sbarco dell'app ha scatenato diverse resistenze: come ogni nuova tecnologia, la paura è legata ai lavori tradizionali che si trovano ad essere superati, ma anche alla sua mancata regolamentazione rispetto a realtà già conosciute.

Nel caso di Uber e delle altre app simili come SnapCar, il successo spaventa i tassisti tradizionali che si vedono minacciati da un servizio a loro alternativo e che opera una concorrenza a loro parere sleale in quanto offre servizi privi tassametro e tariffe definite singolarmente con un accordo tra privati. E che soprattutto riesce a rispondere alle chiamate molto più velocemente.
Già a gennaio nelle maggiori città francesi (Parigi, Marsiglia, Lione, Montpellier e Bordeaux) i tassisti avevano manifestato duramente creando disagi ai cittadini: per contenere la protesta, il Governo di Parigi si è trovato prima a rinviare per due volte il piano di liberalizzazione delle relative licenze. e poi ad assumere una decisione anacronistica, cioè imporre - per far competere i taxi almeno con la velocità di risposta alle chiamate dei possibili clienti - un ritardo di quindici minuti ad ogni chiamata di auto con conducente.

In Italia la situazione è degenerata velocemente: la protesta dei tassisti si è concentrata davanti al Comune di Milano, ma prima vi è stata un'aggressione a suon di uova e petardi a Benedetta Arese Lucini, manager per l'Italia dell'app, poi la carica della polizia contro i manifestanti, infine - durante la notte tra sabato e domenica - scontri e liti tra tassisti e conducenti di servizi di noleggio legati alle app (con due autisti delle auto bianche finiti in ospedale).

Per il momento i tassisti sono tornati alla guida, con la promessa di non rispettare però i turni imposti dal Comune di Milano: l'attesa è per un'ordinanza comunale che riesca a trovare il bandolo della matassa e l'incontro con il Ministro del trasporto Lupi, programmato per il prossimo mercoledì. Secondo i tassisti "Uber è un servizio illegale rispetto ai dettami della legge 21/92 e che si colloca a metà strada tra i taxi e gli ncc (auto a noleggio con conducente) e noi chiediamo invece che lavori come tutti gli altri". In ballo c'è la liberalizzazione del settore che - ostacolata negli ultimi anni dalle dure proteste dei tassisti - potrebbe ora avvenire nonostante loro, grazie all'intervento di una nuova tecnologia.

Lo scontro su Uber, d'altronde, non si limita alle strade: anche a Bruxelles il Commissario Neelie Kroes si è scagliata contro una decisione della Corte di Bruxelles di proibire l'app in Belgio.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
151 Commenti alla Notizia Uber maior, taxi cessat
Ordina
  • http://www.ilpost.it/2014/05/22/uber-matteo-renzi/

    "Io ho utilizzato Uber a New York con un amico. L’ho trovato un servizio straordinario, dalla prossima settimana affronteremo anche questo".
  • - Scritto da: Leguleio
    > http://www.ilpost.it/2014/05/22/uber-matteo-renzi/
    >
    > "Io ho utilizzato Uber a New York con un amico.
    > L’ho trovato un servizio straordinario, dalla
    > prossima settimana affronteremo anche
    > questo".

    Dalla prossima settimana l'ex sindaco Matteo avra' modo di sperimentare Uber in qualita' di autista visto che dovra' liberare la poltrona.
  • - Scritto da: Leguleio
    > http://www.ilpost.it/2014/05/22/uber-matteo-renzi/
    >
    > "Io ho utilizzato Uber a New York con un amico.
    > L’ho trovato un servizio straordinario, dalla
    > prossima settimana affronteremo anche
    > questo".
    dopo questo velato endorsment, renzie verra' "incidentalmente" lasciato dal tassinaro di turno, sui binari del treno (proprio nel punto dello scambiatore, proprio all'ora giusta) ...Sorride
    non+autenticato
  • ... cioè...se non sono io volante vivo in uno stato di allerta costante, tipo che se sulla circolare i primi posti sono occupati e il resto liberi rimango in piedi per guardare la strada...
    Tempo fa un' autista di pullman mi ha detto che come categoria, ogni tot tempo, devono fare dei corsi/esami su codice stradale, primo soccorso, utilizzo di tale "macchina", analisi per droghe ed alcool, eccetera, il tutto a carico loro o della ditta.
    Quindi mi chiedo... tassisti, autisti a noleggio e "uberisti" come sono messi?
    non+autenticato
  • La famigerata lobby dei tassisti, una delle più potenti in italia, dovrebbe intervenire l'antitrust e spazzarli via.
    non+autenticato
  • la più potente no... quella che fa più carnevalate, si.
    Silenti o protestanti vengono ascoltati lo stesso, questo è il succo.
    500 tassisti a roma destano più attenzione di 1 milione di operai in piazza. questo è ciò che sgomenta.
    non+autenticato
  • Il problema è anche che Uberpop, che si presenta come un’iniziativa a favore di una mobilità pulita, lascia dietro di sé molto punti interrogativi. Il rischio principale è che questo servizio trasformi gli autisti privati in tassisti abusivi, privi cioè di licenza.
    A mio giudizio è “irresponsabile” il progetto, in quanto “espone coloro che decideranno di farsi pagare per fare il tassista abusivo (magari in buona fede) alle sanzioni del Codice della strada”. In particolare quelle previste dal secondo comma dell’articolo 86: una sanzione amministrativa da 1.761 a 7.045 euro, la sospensione della patente e il sequestro del veicolo.
  • - Scritto da: StefanoFioris
    > Il problema è anche che Uberpop, che si presenta
    > come un’iniziativa a favore di una mobilità
    > pulita, lascia dietro di sé molto punti
    > interrogativi. Il rischio principale è che questo
    > servizio trasformi gli autisti privati in
    > tassisti abusivi, privi cioè di
    > licenza.
    > A mio giudizio è “irresponsabile” il progetto, in
    > quanto “espone coloro che decideranno di farsi
    > pagare per fare il tassista abusivo (magari in
    > buona fede) alle sanzioni del Codice della
    > strada”. In particolare quelle previste dal
    > secondo comma dell’articolo 86: una sanzione
    > amministrativa da 1.761 a 7.045 euro, la
    > sospensione della patente e il sequestro del
    > veicolo.

    Beh, eliminamo i commi e siamo a posto.
    krane
    22544
  • - Scritto da: StefanoFioris
    > Il rischio principale è che questo
    > servizio trasformi gli autisti privati in
    > tassisti abusivi, privi cioè di
    > licenza.

    Ecco finalmente il punto. A voi non interessa che l'attività possa essere perseguibile evadendo le tasse o andando contro la legge. A voi interessa che chi fa l'autista non abbia la licenza, cioè esce fuori dal numero protetto dei soldi assicurati e non ha pagato centinaia di migliaia di euro per un permesso originariamente gratuito su cui è poi stata costruita una mafia attorno. Che poi sia illegale, questo è il pretesto su cui vi arrampicate per distruggere questa concorrenza.
    Prova del nove: scommettiamo che se annunciano di dare la licenza di tassista a tutti gli autisti uber, eliminando la parte illegale i tassisti usciranno comunque a rompere le balle? Magari questa volta dicendo lagnandosi dei soldi sganciati per la loro licenza. Hanno accettato passivamente questo abuso, ora che non si lamentino
    non+autenticato
  • egr sig ego..anche lei con la solita tiritera imparata a memoria...basta, abbiamo capito!!! se dessero la licenza a tutti gli autisti di uber non sarebbero più uberpop driver ma semlicemente nuovi tassisti con regolare tassametro, e con tutte le regole che uber infrange. indi per cui a uber non interessa...i comuni possono decidere di emettere nuove licenze a titolo gratuito, o a titolo oneroso( si ha letto bene ONEROSO..alcuni comuni l hanno già fatto)in base alla necessità del comune stesso.invadere le strade con un numero sproporzionato di vetture in rapporto al numero di abitanti ed a altri parametri sarebbe deleterio per la circolazione stessa di Tutti, mezzi pubblici e privati cittadini.il sistema deve essere in equilibrio!!! buona serata
  • la prova...del nove??? i tassisti a milano hanno la facoltà di mettere le doppie guide. il che significa già raddoppiare il numero delle vetture taxi in circolazione. qualcuno l ha messa, finchè ad un certo punto sono state fermate. si stava perdendo l equilibrio....il web, i computer, la programmazione sono il vostro "pane" ed io non mi permetterei mai di criticare senza prima essermi informato....mi piacerebbe che anche voi imparaste ad informarvi prima di criticare qualsiasi lavoro che non sia il vostro senza la necessaria competenza. non la prenda sul personale ...è un invito che rivolgo a tutti anche se non sarò minimamente ascoltato. buona serata di nuovo
  • - Scritto da: StefanoFioris
    > Il problema è anche che Uberpop, che si presenta
    > come un’iniziativa a favore di una mobilità
    > pulita, lascia dietro di sé molto punti
    > interrogativi. Il rischio principale è che questo
    > servizio trasformi gli autisti privati in
    > tassisti abusivi, privi cioè di
    > licenza.

    Ma chissenefrega.

    A me utente intressa solo che quando atterro a Linate ci sia un'auto pronta ad aspettarmi e che mi porti dove voglio io al prezzo che gia' so ancora prima di sedermi in macchina.

    Oggi questo servizio non ce l'ho.
    Domani con Uber ce lo avro'.
    Quindi ben venga Uber.


    > A mio giudizio è “irresponsabile” il progetto, in
    > quanto “espone coloro che decideranno di farsi
    > pagare per fare il tassista abusivo (magari in
    > buona fede) alle sanzioni del Codice della
    > strada”.

    Anche qui, sono solo affari loro.
    Io che c'entro.
    Io mica voglio fare il tassinaro, io faccio il cliente.

    > In particolare quelle previste dal
    > secondo comma dell’articolo 86: una sanzione
    > amministrativa da 1.761 a 7.045 euro, la
    > sospensione della patente e il sequestro del
    > veicolo.

    E basta con questa storia di farsi scudo dietro ad una legge.
    Le leggi si fanno e si abrogano.
  • egr sig panda rossa, lei proprio ha capito tutto di uber..complimenti!!! il massimo della disinformazione....ne avesse imbroccata una nei suoi post. poichè conosco "l articolo" e so che sarebbe tempo perso discutere con lei, lascio perdere, anzi progongo pandarossa come ministro dei trsporti!!!
  • - Scritto da: jcmo
    > egr sig panda rossa, lei proprio ha capito tutto
    > di uber..complimenti!!!

    Che cosa c'e' da capire?
    Si prenota col telefonino e si conosce il prezzo della corsa in anticipo.

    > il massimo della
    > disinformazione....ne avesse imbroccata una nei
    > suoi post.

    Smentirmi e' semplice: basta indicare dove avrei sbagliato.

    > poichè conosco "l articolo" e so che
    > sarebbe tempo perso discutere con lei,

    In linea generale e' tempo perso discutere con chi ha ragione.

    > lascio
    > perdere, anzi progongo pandarossa come ministro
    > dei
    > trsporti!!!

    Non sarebbe una cattiva idea.
    Da domani blocco immediato del trasporto su gomma: solo ferrovie.
    Blocco immediato degli scavi per la tav ed eventuali spese o multe a carico di coloro che l'hanno decisa.
    Eliminazione di tutte le accise sui carburanti trasformandole in una accisa unica, tanto per cominciare a semplificare.
    E poi un bel superbollo per occupazione di suolo pubblico a tutte le auto in sosta: le strade sono fatte per essere percorse. Chi vuole parcheggiare lo fa a casa sua.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: jcmo
    > > egr sig panda rossa, lei proprio ha
    > > capito tutto di uber..complimenti!!!

    > Che cosa c'e' da capire?
    > Si prenota col telefonino e si conosce
    > il prezzo della corsa in anticipo.

    > > il massimo della
    > > disinformazione....ne avesse
    > > imbroccata una nei suoi post.

    > Smentirmi e' semplice: basta indicare
    > dove avrei sbagliato.

    > > poichè conosco "l articolo" e so che
    > > sarebbe tempo perso discutere con lei,

    > In linea generale e' tempo perso discutere
    > con chi ha ragione.

    > > lascio perdere, anzi progongo
    > > pandarossa come ministro dei
    > > trsporti!!!

    > Non sarebbe una cattiva idea.
    > Da domani blocco immediato del trasporto
    > su gomma: solo ferrovie.
    > Blocco immediato degli scavi per la tav ed
    > eventuali spese o multe a carico di coloro che
    > l'hanno decisa.
    > Eliminazione di tutte le accise sui carburanti
    > trasformandole in una accisa unica, tanto per
    > cominciare a semplificare.
    > E poi un bel superbollo per occupazione di suolo
    > pubblico a tutte le auto in sosta: le strade sono
    > fatte per essere percorse. Chi vuole parcheggiare
    > lo fa a casa sua.

    Dove devo mettere la croce per votarti ?
    krane
    22544
  • Il punto fondamentale è che non è Uber la nuova tecnologia che ha cambiato lo status dei tassisti, ma il Navigatore Satellitare.

    Dalla loro introduzione il Tassista è un lavoro che come qualifica sta sopra il fattorino e sotto la pulizia degli immobili.

    Basta una patente. Il che vuol dire che in Italia ci sono potenzialmente 34.305.966 tassisti (dati 2012 Ministero dei Trasporti). A fronte di una popolazione tra i 18 e i 65 anni di 37.778.321 residenti (dati ISTAT 2012).

    Vogliamo fare il confronto con quanti di quei 37,7 Milioni conoscono abbastanza rudimenti di matematica ed algoritmica da poter fare i Programmatori?

    Si chiama meritocrazia, e la questione Tassisti è uno dei più lampanti esempi di come NON venga applicata in Italia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker
    > Il punto fondamentale è che non è Uber la nuova
    > tecnologia che ha cambiato lo status dei
    > tassisti, ma il Navigatore
    > Satellitare.
    >
    > Dalla loro introduzione il Tassista è un lavoro
    > che come qualifica sta sopra il fattorino e sotto
    > la pulizia degli
    > immobili.
    >
    > Basta una patente. Il che vuol dire che in Italia
    > ci sono potenzialmente 34.305.966 tassisti (dati
    > 2012 Ministero dei Trasporti). A fronte di una
    > popolazione tra i 18 e i 65 anni di 37.778.321
    > residenti (dati ISTAT
    > 2012).
    ... in effetti questo e' un argomento, rude, ma spesso usato.
    Si difende archeologia burocratica (i tassisti si son trasformati in fini avvocati... vedansi tutte le discussioni sulla 21/1992.. gia' 1992! Nel 1992 i radiotelefoni E-Tacs c'erano da 2 anni... il GPS era appena diventato accessibile per usi civili... ), quando, volente o nolente, la tecnologia ha cambiato lo status quo. L'azzeccagarbugli dovrebbe solo prenderne atto, e agire per il meglio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker
    > Il punto fondamentale è che non è Uber la nuova
    > tecnologia che ha cambiato lo status dei
    > tassisti, ma il Navigatore
    > Satellitare.
    >
    > Dalla loro introduzione il Tassista è un lavoro
    > che come qualifica sta sopra il fattorino e sotto
    > la pulizia degli
    > immobili.
    >
    > Basta una patente. Il che vuol dire che in Italia
    > ci sono potenzialmente 34.305.966 tassisti (dati
    > 2012 Ministero dei Trasporti). A fronte di una
    > popolazione tra i 18 e i 65 anni di 37.778.321
    > residenti (dati ISTAT
    > 2012).
    >
    > Vogliamo fare il confronto con quanti di quei
    > 37,7 Milioni conoscono abbastanza rudimenti di
    > matematica ed algoritmica da poter fare i
    > Programmatori?
    >
    > Si chiama meritocrazia, e la questione Tassisti è
    > uno dei più lampanti esempi di come NON venga
    > applicata in
    > Italia.

    mi serve un taxi: chiamo il navigatore e viene a predermi lui?
    anche se il tassista fosse un minorato mentale o utente apple che dir si voglia, fa una cosa che e' semplice e fondamentale: viene dotato di auto!!! e' quella che mi serve perche deve portare il mio culo e tutto il resto che c'e' attacato dal punto A al punto B. Se nel taxi c'e' il navigatore satellitare o una cartina pieghevole e' uguale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > mi serve un taxi: chiamo il navigatore e viene a
    > predermi lui?
    Dato il tono idiota della domanda ti rispondo con lo stesso tono: perché ora come lo chiami un taxi? Apri la finestra e urli?
    Ti hanno mai informato dell'invenzione del telefono? Esiste anche in versione mobile...

    > anche se il tassista fosse un minorato mentale o
    > utente apple che dir si voglia, fa una cosa che
    > e' semplice e fondamentale: viene dotato di
    > auto!!!
    Capisco che sei rimasto fermo ai Cavalli, ma è da decenni che le auto le vendono a rate. Come i furgoni. Soprattutto se li acquisti per una attività imprenditoriale. Anche quelle usate.

    Forse non sai che i taxi sono bianchi proprio per far risparmiare alla categoria il deprezzamento/maggior costo di verniciarli di giallo fosforescente o verde/nero come erano una volta...

    Oltre al fatto che saprai certamente degli Incentivi statali e Regionali Lombardi, per cui se un Tassista acquista una Prius Hybrid Plug-In, del costo di 37.000 Euro, 15.000 ce li mette la Regione... mentre se ne prendi una a Metano lo Stato ti finanzia il 20% fino a 5.000 Euro...

    > e' quella che mi serve perche deve
    > portare il mio culo e tutto il resto che c'e'
    > attacato dal punto A al punto B. Se nel taxi c'e'
    > il navigatore satellitare o una cartina
    > pieghevole e' uguale.
    No, non è uguale.

    Le cartine pieghevoli le sanno leggere un numero molto inferiore al numero dei patentati. Mentre i Navigatori Satellitari li sanno ascoltare TUTTI i patentati (alcuni talmente tanto da fidarsi più di loro che dei loro stessi occhi...).

    Perciò non è uguale: con l'avvento dei NavSat tutti ma proprio TUTTI i patentati sono in grado di fare i Tassisti. Anche quelli che non sono capaci di leggere una cartina stradale e non si ricordano le strade neanche se le fanno 50 volte.
    non+autenticato
  • con il navigatore satellitare durerebbe lo spazio di due clienti( solo perchè il primo è buono e comprensivo)se non capisce da solo il perchè...continui a fare il lavoro che fa. è meglio.
    inoltre non basta solo quello ci sono altre competenze che un tassista o noleggiatore deve avere: le scuole servono a questo.
    pensi che a Londra dura 3 anni...ma visto che secondo Lei basta il navigatore satellitare.. penso andrò a fare il tassista a Londra. grazie per l idea.
  • - Scritto da: jcmo
    > con il navigatore satellitare durerebbe lo spazio
    > di due clienti( solo perchè il primo è buono e
    > comprensivo)se non capisce da solo il
    > perchè...continui a fare il lavoro che fa. è
    > meglio.
    >
    > inoltre non basta solo quello ci sono altre
    > competenze che un tassista o noleggiatore deve
    > avere: le scuole servono a
    > questo.
    > pensi che a Londra dura 3 anni...ma visto che
    > secondo Lei basta il navigatore satellitare..
    > penso andrò a fare il tassista a Londra. grazie
    > per l
    > idea.
    ... "l'autista di auto fa una scuola di 3 anni" ? che e', ritardato?
    in tutto il mondo per ottenere una patente da una scuola guida ci vuole un po menoSorride

    battute a parte... per fare "l'autista", come ogni cittadino patentato sa, ci vogliono 3 cose
    - l'auto
    - patente e quindi saper guidare
    - navigatore per destreggiarsi nella giungla urbana
    non serve una laurea.... o lei prima di andare in giro ne ha presa una?

    se vuoi agire piu' professionalmente e' utile anche magari sapersi destreggiare nell'emergenza (auto in panne ecc) e conoscere un po la/le citta nella/e quali agisci... ma e' un plus.
    Del resto se dai un servizio penoso, zigzagando alla cieca nella metropoli, ti becchi dei downvote, delle segnalazioni, e, con tutti gli autisti cosi', Uber poi fallisce. Quindi non si vede il problema.

    Sinceramente a parte tutte le questioni da azzeccagarbugli (descritte in altri post) non si vede perche' un collettore di NCC come Uber non debba esistere... costano pure di piu' dei taxi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: jcmo
    > > con il navigatore satellitare durerebbe lo
    > spazio
    > > di due clienti( solo perchè il primo è buono
    > e
    > > comprensivo)se non capisce da solo il
    > > perchè...continui a fare il lavoro che fa. è
    > > meglio.
    > >
    > > inoltre non basta solo quello ci sono altre
    > > competenze che un tassista o noleggiatore
    > deve
    > > avere: le scuole servono a
    > > questo.
    > > pensi che a Londra dura 3 anni...ma visto che
    > > secondo Lei basta il navigatore satellitare..
    > > penso andrò a fare il tassista a Londra.
    > grazie
    > > per l
    > > idea.
    > ... "l'autista di auto fa una scuola di 3 anni" ?
    > che e',
    > ritardato?
    > in tutto il mondo per ottenere una patente da una
    > scuola guida ci vuole un po meno
    >Sorride

    la patente credo che la si debba già possedere.
    I tre anni sono il tempo medio per imparare a memoria la città, le rotte standard, la sequenza delle strade, e tutti i luoghi di interesse quali hotel, stazioni, musei, ristoranti, teatri, club...

    http://www.telegraph.co.uk/motoring/news/9421234/T...


    > battute a parte... per fare "l'autista", come
    > ogni cittadino patentato sa, ci vogliono 3
    > cose
    > - l'auto
    > - patente e quindi saper guidare
    > - navigatore per destreggiarsi nella giungla
    > urbana
    > non serve una laurea.... o lei prima di andare
    > in giro ne ha presa
    > una?

    già, più o meno come per fare un sito web serve un computer e saperlo accendere!Occhiolino
  • - Scritto da: Fulmy(nato)
    > - Scritto da: bubba
    > > - Scritto da: jcmo
    > > > con il navigatore satellitare durerebbe
    > lo
    > > spazio
    > > > di due clienti( solo perchè il primo è
    > buono
    > > e
    > > > comprensivo)se non capisce da solo il
    > > > perchè...continui a fare il lavoro che
    > fa.
    > è
    > > > meglio.
    > > >
    > > > inoltre non basta solo quello ci sono
    > altre
    > > > competenze che un tassista o
    > noleggiatore
    > > deve
    > > > avere: le scuole servono a
    > > > questo.
    > > > pensi che a Londra dura 3 anni...ma
    > visto
    > che
    > > > secondo Lei basta il navigatore
    > satellitare..
    > > > penso andrò a fare il tassista a Londra.
    > > grazie
    > > > per l
    > > > idea.
    > > ... "l'autista di auto fa una scuola di 3
    > anni"
    > ?
    > > che e',
    > > ritardato?
    > > in tutto il mondo per ottenere una patente
    > da
    > una
    > > scuola guida ci vuole un po meno
    > >Sorride
    >
    > la patente credo che la si debba già possedere.
    > I tre anni sono il tempo medio per imparare a
    > memoria la città, le rotte standard, la sequenza
    > delle strade, e tutti i luoghi di interesse quali
    > hotel, stazioni, musei, ristoranti, teatri,
    > club...
    >
    > http://www.telegraph.co.uk/motoring/news/9421234/T
    >
    >
    > > battute a parte... per fare "l'autista", come
    > > ogni cittadino patentato sa, ci vogliono 3
    > > cose
    > > - l'auto
    > > - patente e quindi saper guidare
    > > - navigatore per destreggiarsi nella giungla
    > > urbana
    > > non serve una laurea.... o lei prima di
    > andare
    > > in giro ne ha presa
    > > una?
    >
    > già, più o meno come per fare un sito web serve
    > un computer e saperlo accendere!
    >Occhiolino
    ovvio che il post era leggermente provocatorio... ma parte da banali constatazioni (in testa al thread): il valore aggiunto del taxista (a parte le solite cose.. reperibilita' ecc) e' sceso SPAVENTOSAMENTE grazie ai navigatori satellitari (e ai gsm-> radiotaxi). Bisogna farsene una ragione...Con la lingua fuori    A che pro' se no lagnarsi degli NCC, i carsharing ecc?
    non+autenticato
  • è quella di liberalizzare completamente il mercato dei taxi, ma per chi ha pagato regolarmente la licenza fare un piano di rientro del denaro versato scontandolo annualmente dalle tasse.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > è quella di liberalizzare completamente il
    > mercato dei taxi, ma per chi ha pagato
    > regolarmente la licenza

    Intendi quelli che hanno chiesto la licenza al loro comune e pagato tutti i bolli?
    Gli altri non hanno non hanno fatto niente di regolare e non vedo perchè lo stato debba farsene carico.

    > fare un piano di rientro
    > del denaro versato scontandolo annualmente dalle
    > tasse.
    non+autenticato
  • Ovviamente per chi è in regola e quindi può dimostrare documenti alla mano quello che ha pagato. Chi non può dimostrare nulla non può pretendere nulla.
    non+autenticato
  • Nessuno che abbia pagato una licenza taxi può definirsi "in regola", ha commesso un abuso. E lo sapeva.

    Peggio per lui, dovrebbe pure essere sottoposto a sanzioni, altro che "piano di rientro".
  • - Scritto da: ZLoneW
    > Nessuno che abbia pagato una licenza taxi può
    > definirsi "in regola", ha commesso un abuso. E lo
    > sapeva.
    >

    Falso, come detto sopra.
    Se PAGHI per ottenere una nuova licenza (ovvero, corrompi qualcuno per poter vincere il bando di concorso che assegna le nuove licenze) allora il discorso fila, dato che stiamo parlando di corruzione o concussione di pubblico ufficiale (e quindi gabbio per tutti e due: tassista e funzionario).
    Ma la cessione di licenze tra privati e' legalissima.

    > Peggio per lui, dovrebbe pure essere sottoposto a
    > sanzioni, altro che "piano di
    > rientro".

    Ma non diciamo idiozie, per favore....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Trollollero
    > - Scritto da: ZLoneW
    > > Nessuno che abbia pagato una licenza taxi può
    > > definirsi "in regola", ha commesso un abuso.
    > E
    > lo
    > > sapeva.
    > >
    >
    > Falso, come detto sopra.
    > Se PAGHI per ottenere una nuova licenza (ovvero,
    > corrompi qualcuno per poter vincere il bando di
    > concorso che assegna le nuove licenze) allora il
    > discorso fila, dato che stiamo parlando di
    > corruzione o concussione di pubblico ufficiale (e
    > quindi gabbio per tutti e due: tassista e
    > funzionario).
    > Ma la cessione di licenze tra privati e'
    > legalissima.
    >
    > > Peggio per lui, dovrebbe pure essere
    > sottoposto
    > a
    > > sanzioni, altro che "piano di
    > > rientro".
    >
    > Ma non diciamo idiozie, per favore....

    Sarai mica un tassista?Sorpresa
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: Trollollero
    > > - Scritto da: ZLoneW
    > > > Nessuno che abbia pagato una licenza taxi
    > può
    > > > definirsi "in regola", ha commesso un
    > abuso.
    > > E
    > > lo
    > > > sapeva.
    > > >
    > >
    > > Falso, come detto sopra.
    > > Se PAGHI per ottenere una nuova licenza (ovvero,
    > > corrompi qualcuno per poter vincere il bando di
    > > concorso che assegna le nuove licenze) allora il
    > > discorso fila, dato che stiamo parlando di
    > > corruzione o concussione di pubblico ufficiale
    > (e
    > > quindi gabbio per tutti e due: tassista e
    > > funzionario).
    > > Ma la cessione di licenze tra privati e'
    > > legalissima.
    > >
    > > > Peggio per lui, dovrebbe pure essere
    > > sottoposto
    > > a
    > > > sanzioni, altro che "piano di
    > > > rientro".
    > >
    > > Ma non diciamo idiozie, per favore....
    >
    > Sarai mica un tassista?Sorpresa
    No, ma una ca$$ata rimane una ca$$ata indipendentemente da chi la fa notare. La cessione di licenze per taxi dietro compenso, in Italia, non è vietata e non è reato.
    non+autenticato
  • Tu lo sai che   su ogni vendita di licenza lo stato si becca più del 25% quindi mi sembra che sia regolare comprarla o no. Comunque a tutti voi che c'è l'avete con i tassisti fate una bella cosa ipotecatevi la casa fatevi prestare i risparmi da i vostri familiari e venite a fare i tassinaro così anche voi potete guadagnare un sacco di soldi. Parlate solo a vanvera
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nono bobo
    > Tu lo sai che   su ogni vendita di licenza lo
    > stato si becca più del 25% quindi mi sembra che
    > sia regolare comprarla o no. Comunque a tutti voi
    > che c'è l'avete con i tassisti fate una bella
    > cosa ipotecatevi la casa fatevi prestare i
    > risparmi da i vostri familiari e venite a fare i
    > tassinaro così anche voi potete guadagnare un
    > sacco di soldi. Parlate solo a vanvera

    Tanto vale aprire una videoteca.
    krane
    22544
  • - Scritto da: Nono bobo
    > Tu lo sai che   su ogni vendita di licenza lo
    > stato si becca più del 25%

    Se venduta in modo regolare si.

    Il prezzo di cessione è sempre interamente dichiarato?

    > quindi mi sembra che
    > sia regolare comprarla o no. Comunque a tutti voi
    > che c'è l'avete con i tassisti fate una bella
    > cosa ipotecatevi la casa fatevi prestare i
    > risparmi da i vostri familiari e venite a fare i
    > tassinaro così anche voi potete guadagnare un
    > sacco di soldi.

    E venire a toglierti il lavoro?

    No grazie, preferiamo rimanere impiegati di concetto.

    P.S.
    comprati un kit di punteggiatura
  • - Scritto da: prova123
    > è quella di liberalizzare completamente il
    > mercato dei taxi, ma per chi ha pagato
    > regolarmente la licenza fare un piano di rientro
    > del denaro versato scontandolo annualmente dalle
    > tasse.

    Nessuno ha pagato le licenze emesse dai comuni.
    I comuni le hanno consegnate gratuitamente.
    Il mercato delle vacche si e' generato dopo, quando e' stato sciaguratamente concesso di rendere le licenze trasferibili, cosi' chi aveva una licenza trasferibile ha preteso soldi per trasferirla.

    Nessun piano di rientro.
    Quelle licenze perderanno valore: nessuno piu' vorra' fare il taxista se si liberalizza il settore e ci saranno tariffe piu' basse, servizio piu' competitivo e chiunque, in un periodo di temporanea disoccupazione, potra' reinventarsi conducente del proprio veicolo per conto terzi.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)