Claudio Tamburrino

Amazon e la guerra agli ebook Hachette

Tutto nasce dallo scontro tra il negozio online e l'editore. Sul campo di battaglia, tuttavia, al momento restano gli autori

Roma - Amazon ha rimosso l'opzione di pre-ordine per i nuovi titoli in arrivo dell'editore Hachette (e delle sue collane tra cui Grand Central Publishing, Little Brown, Orbit). Secondo gli osservatori, il principe dell'e-commerce sta sfruttando la sua posizione di vantaggio per mostrare i muscoli ai partner: l'aut aut che lancia agli editori è stare alle sue condizioni o rinunciare a vendere sui suoi scaffali, che in alcune situazioni potrebbe significare uscire completamente dal mercato dei libri digitali.

Il braccio di ferro con Hachette riguarda i prezzi: Amazon vorrebbe vendere i libri a prezzi più bassi, diminuendo il 75 per cento di margine che l'editore mantiene su ogni vendita di ebook. D'altra parte con Hachette i rapporti sembrano tesi da un po': prima i titoli dell'editore sul negozio digitale sono apparsi ad un prezzo superiore (e ciò ha comportato ovviamente ritmi di vendita inferiori), ora è il momento dei problemi per le nuove uscite che non potranno più godere dell'opzione di prenotazione del volume in arrivo, e che anzi risultano "non disponibili"; alcuni titoli sarebbero addirittura stati rimossi dal catalogo.

Il problema è che la battaglia si gioca in gran parte sui grandi titoli, cioè quei best seller - magari legati alla biografia un po' pruriginosa di un VIP o alla nuova firma di punta - che hanno maggior pubblico. Come sottolinea Steven Gould, presidente dell'associazione americana degli Autori di Fantascienza: "Se Amazon fosse solo uno dei possibili distributori online la disputa con Hachette sarebbe poco significativa. Tuttavia, essendo al momento il più grande rivenditore al mondo con 58 miliardi di dollari all'anno di fatturato in più del concorrente più vicino, le sue azioni rischiano di avere un incredibile impatto sulla disponibilità degli editori e le carriere dei propri autori". Mentre, tuttavia, i grandi autori riescono comunque a garantirsi visibilità e giusti strumenti di distribuzione, a fare le spese di questa battaglia potrebbero essere i piccoli autori, che in queste ore stanno sfogando tutta la propria delusione per Amazon che rischia di compromettere in maniera sostanziale le loro vendite.
A fare le scuse per la situazione difficile in cui si sono trovati è stato per il momento solo Hachette, per cui è intervenuto direttamente il CEO Michael Pietsch: "Stiamo facendo tutto quello che è nelle nostre possibilità per trovare una soluzione".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
54 Commenti alla Notizia Amazon e la guerra agli ebook Hachette
Ordina
  • Dove starebbe starebbe questa rivoluzione digitale degli ebook senza intermediari? Rotola dal ridereRotola dal ridere
    Anziche' utilizzare uno standard e comprare ognuno dove gli pare si sono fatti tutti incatenare dal dipositivo e dai vari DRM non siete piu' nemmeno in grado di prestare un'opera a qualcuno Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    sono anche in grado di cancellare il libro in remoto, non avete nemmeno la propieta' dell'oggetto che avete acquistato Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Puffo inventore

    > Anziche' utilizzare uno standard e comprare
    > ognuno dove gli pare si sono fatti tutti
    > incatenare dal dipositivo e dai vari DRM non
    > siete piu' nemmeno in grado di prestare un'opera
    > a qualcuno
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    > sono anche in grado di cancellare il libro in
    > remoto, non avete nemmeno la propieta'
    > dell'oggetto che avete acquistato
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Ni e ni. Primo, ci sono un sacco di libri che sono legalmente di dominio pubblico (una marea di classici). In secondo luogo, almeno personalmente, uso da un paio d'anni un lettore di ebook ma mi rifiuto categoricamente di comprare a) qualunque roba che porti appiccicato sopra un DRM che limita la mia libertà di disporre di ciò che ho acquistato (parlo anche di musica/video) e b) che vuoi vendermi a prezzo equivalente ad un libro cartaceo, a costi per te prossimi allo zero.
    Alla peggio, c'è sempre il p2p. Così, caro editore, impari a mettere lucchetti su ciò che in potenza avrei acquistato.
  • - Scritto da: Puffo inventore
    > Dove starebbe starebbe questa rivoluzione
    > digitale degli ebook senza intermediari?
    > Rotola dal ridereRotola dal ridere
    > Anziche' utilizzare uno standard e comprare
    > ognuno dove gli pare si sono fatti tutti
    > incatenare dal dipositivo e dai vari DRM non
    > siete piu' nemmeno in grado di prestare un'opera
    > a qualcuno
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    > sono anche in grado di cancellare il libro in
    > remoto, non avete nemmeno la propieta'
    > dell'oggetto che avete acquistato
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Hai assolutamente ragione, ci sono grossi svantaggi. Per questo motivo compro eBook con DRM solo in cambio di un SIGNIFICATIVO sconto. Le offerte del giorno di Amazon vanno bene, ma anche Fanucci ha optato per una riduzione a mio parere accettabile del prezzo di copertina.
    Mettici che non ho tanto spazio e che siccome mi piace leggere in inglese, trovo utilissimo il dizionario integrato, e capirai perché qualche soldo in libri protetti da DRM ce l'ho speso, proprio in questi ultimi giorni.
    Izio01
    4027
  • - Scritto da: Puffo inventore
    > Dove starebbe starebbe questa rivoluzione
    > digitale degli ebook senza intermediari?
    > Rotola dal ridereRotola dal ridere
    > Anziche' utilizzare uno standard e comprare
    > ognuno dove gli pare si sono fatti tutti
    > incatenare dal dipositivo e dai vari DRM non
    > siete piu' nemmeno in grado di prestare un'opera
    > a qualcuno
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    > sono anche in grado di cancellare il libro in
    > remoto, non avete nemmeno la propieta'
    > dell'oggetto che avete acquistato
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere


    ma tutti sti Rotola dal ridere starebbero a indicare una tua arguzia che noi lettori di ebook non abbiamo? A tal proposito ti cito in ordine sparso: ebook liberi da drm, ebook con social drm, ebook con drm presi in prestito da biblioteche e, pur sconsigliandoli perchè non legali, ebook liberati da drm.
    non+autenticato
  • Hachette è un editore francese che sta cercando di farsi spazio sul mercato americano. Si è comprata il settore libri della Time Warner e ora è in trattativa per il settore libri della Disney.

    Non è detto che Amazon stia interferendo nella trattativa, ma comunque non credo che ne sia molto felice.
    non+autenticato
  • solo perché vi fa risparmiare 50 centesimi su un libro

    alcuni di noi lo dicevano già ai tempi che questo avrebbe rischiato di mettere alla porta i piccoli autori e publisher

    Authors, publishers say feud with Amazon has escalated
    http://www.washingtonpost.com/business/economy/aut...


    Economists on Apple Ebook Antitrust Case: Judge Cote got it Wrong
    http://www.macobserver.com/tmo/article/economists-...
  • I piccoli autori possono mettere tranquillamente l'ebook sul loro sito, come ha fatto Dmitry Glukhovsky con Metro 2033.
    non+autenticato
  • Già che ci siamo leggiamo anche questo:

    http://www.lastampa.it/Page/Id/1.0.2872981075
    non+autenticato
  • Ma anche questo:

    U.S. judge OKs class action in e-book suit against Apple
    http://www.reuters.com/article/2014/03/28/us-apple...
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Ma anche questo:
    >
    > U.S. judge OKs class action in e-book suit
    > against
    > Apple

    > http://www.reuters.com/article/2014/03/28/us-apple

    Infatti ora si inizia a pagare quella stolta decisione di condannare Apple. Ed è solo l'inizio.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: prova123
    > > Ma anche questo:
    > >
    > > U.S. judge OKs class action in
    > e-book
    > suit
    > > against
    > > Apple

    > >
    > http://www.reuters.com/article/2014/03/28/us-apple
    >
    > Infatti ora si inizia a pagare quella stolta
    > decisione di condannare Apple. Ed è solo
    > l'inizio.

    Decisione SACROSANTA di multare il capobanda della cricca. Spero che la casa della mela marcia apra gli occhi e capisca che la legge non vale sempre solo per gli altri.
    Izio01
    4027
  • - Scritto da: bertuccia
    > solo perché vi fa risparmiare 50 centesimi su un
    > libro

    Cioe' fammi capire: se apple chiede un pizzo da usura per pubblicare sul suo store, va bene, ma se lo fa amazon no?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: bertuccia
    > > solo perché vi fa risparmiare 50 centesimi su un
    > > libro
    >
    > Cioe' fammi capire: se apple chiede un pizzo da
    > usura per pubblicare sul suo store, va bene, ma
    > se lo fa amazon
    > no?

    Esatto, perché Amazon non si accontenta del pizzo, vuole anche stabilire il prezzo di vendita.

    Ma la tua egocentrica mente non va oltre il vantaggio personale.
    ruppolo
    33147
  • >
    > Esatto, perché Amazon non si accontenta del
    > pizzo, vuole anche stabilire il prezzo di
    > vendita.

    Di solito i rivenditori lo fanno...

    >
    > Ma la tua egocentrica mente non va oltre il
    > vantaggio
    > personale.

    Ok, allora saresti così gentile da condividere con noi la tua visione più ampia?

    Quale sarebbe il vantaggio di avere dei prezzi finali più alti?
    (per la cronaca: uno dei principi del capitalismo è proprio che ognuno pensi solo a raggiungere il massimo vantaggio personale, e da ciò dovrebbe emergere il vantaggio collettivo)
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello
    > >
    > > Esatto, perché Amazon non si accontenta del
    > > pizzo, vuole anche stabilire il prezzo di
    > > vendita.
    >
    > Di solito i rivenditori lo fanno...

    Oh si certo, ma questo non influisce minimamente nel prezzo che loro pagano ai fornitori.


    >
    > >
    > > Ma la tua egocentrica mente non va oltre il
    > > vantaggio
    > > personale.
    >
    > Ok, allora saresti così gentile da condividere
    > con noi la tua visione più
    > ampia?
    >
    > Quale sarebbe il vantaggio di avere dei prezzi
    > finali più
    > alti?

    Quelli di evitare che Amazon diventi monopolista unico.

    > (per la cronaca: uno dei principi del capitalismo
    > è proprio che ognuno pensi solo a raggiungere il
    > massimo vantaggio personale, e da ciò dovrebbe
    > emergere il vantaggio
    > collettivo)

    Il vantaggio collettivo non deriva dall'eliminazione della concorrenza.
    Il massimo vantaggio personale si può ottenere in vari modi, anche non leciti, che vanno dalla concorrenza sleale all'eliminazione fisica del concorrente. Non mi pare che il vantaggio collettivo derivi da tali modi di concorrere...
    ruppolo
    33147
  • contenuto non disponibile