Gaia Bottà

Motorola rinuncia al made in the USA

Le vendite di Moto X, prodotto interamente in Texas, non hanno garantito i frutti sperati. La produzione verrà trasferita là dove la manodopera è più economica

Roma - Era stata presentata come il fiore all'occhiello per la produzione di Moto X, interamente "made in the USA": secondo le dichiarazioni del presidente di Motorola Rick Osterloh raccolte dal Wall Street Journal, la fabbrica che sorge nei pressi di Fort Worth, Texas, già base di Nokia, verrà abbandonata dall'azienda entro la fine dell'anno in corso.

Google, annunciando di voler produrre negli States i dispositivi Moto X, prospettava di fare fronte alle richieste dei terminali con una efficienza e una qualità superiori alla concorrenza: le vendite, complice il prezzo di lancio di 600 dollari, non hanno rispettato le aspettative, Moto X è stato lanciato su nuovi mercati al di fuori degli States, il prezzo del dispositivo è stato ridimensionato, così come le ambizioni di personalizzazione del programma Moto Maker. Di pari passo, con lo scorrere dei mesi, è stato ridimensionato anche il numero di dipendenti della fabbrica di Fort Worth, perlopiù afferenti alla partnership con Flextronics International, dai 3800 ai 700 impiegati.

La decisione, spiega il presidente di Motorola Osterloh, non avrebbe nulla a che vedere con il passaggio di mano del marchio da Google a Lenovo: semplicemente, non è stato possibile cavalcare le economie di scala in cui sperava Motorola, precisa Osterloh.
Se l'auspicato rilancio di Motorola sembra dunque dover passare da terminali di fascia economica quali Moto G e Moto E, che garantiscono un margine minore ma competono con la concorrenza in termini di prezzo e qualità, la produzione dei dispositivi Moto X verrà trasferita presso gli impianti cinesi e brasiliani a cui già si appoggia l'azienda. (G.B.)
Notizie collegate
  • BusinessMotorola e lo smartphone a stelle e strisceLa sussidiaria di Google anticipa i piani per il futuro parlando di cellulari interamente realizzati negli Stati Uniti, tatuaggi elettronici e pillole biotech. Perché il futuro è mobile, anzi, indossabile
  • TecnologiaMoto X, made in AmericaSarà il primo smartphone dell'era Google. E sfrutta tutti i servizi di Mountain View al meglio. Ascoltando senza sosta il suo padrone in attesa della fatidica frase: ok, Google Now
  • AttualitàGoogle vende Motorola a LenovoContinua lo shopping americano della azienda cinese. Mountain View si libera del suo investimento miliardario di solo due anni fa per una frazione del prezzo. Ma si tiene i brevetti
6 Commenti alla Notizia Motorola rinuncia al made in the USA
Ordina
  • Che tristezza!

    Eppure gli americani erano sempre patrioti. Sono sempre stati felici di scrivere o comprare prodotti in cui è scritto "Proudly Made in the USA".

    C'è questa enorme idiozia del governo USA di fare quantitative easing che vanno a foraggiare banche e gonfiare bolle speculative.
    Oppure approvare bilanci militari per 5 miliardi l'anno.

    Eppure se invece si aumentassero gli stipendi, o eliminassero molte tasse, si potrebbe benissimo produrre e comprare in USA. Senza delocalizzazione. A vantaggio dell'autarchia e delle economie locali, e del progresso comunitario.

    E queste cose non sono mie invenzioni, sono pari pari le teorie di un grande economista di inizio '900, Michal Kalecki.
    Che diceva cose sensatissime, ossia che economie floride esistono solo dove le masse hanno in tasca cartamoneta da spendere.
    Si generano domanda aggregata e circoli virtuosi di capitali che creano progresso ed evoluzione.

    E siccome la moneta la creano gli Stati dal nulla, è loro responsabilità fare in modo che la popolazione ne abbia a sufficienza per mantenere il sistema economico attivo e sano. Tramite l'uguaglianza sociale, e iniziative di incentivo e piena occupazione.
    iRoby
    7600
  • - Scritto da: iRoby
    > E queste cose non sono mie invenzioni, sono pari
    > pari le teorie di un grande economista di inizio
    > '900, Michal
    > Kalecki.

    Eh grande Kalecki,sono rimasti ben pochi gli economisti di quello stampo.

    > Che diceva cose sensatissime, ossia che economie
    > floride esistono solo dove le masse hanno in
    > tasca cartamoneta da
    > spendere.
    > Si generano domanda aggregata e circoli virtuosi
    > di capitali che creano progresso ed
    > evoluzione.

    Si ma l'importante è che tutto ciò sia disponibilie solo per una ristretta elite,questo è il pensiero di chi comanda.

    > E siccome la moneta la creano gli Stati dal
    > nulla

    Si se hai una moneta sovrana,beato chi ce l'ha ancora....

    > è loro responsabilità fare in modo che la
    > popolazione ne abbia a sufficienza per mantenere
    > il sistema economico attivo e sano. Tramite
    > l'uguaglianza sociale, e iniziative di incentivo
    > e piena
    > occupazione.

    Che è esattamente quello che non vogliono i grossi industriali,la finanza "creativa",banche,ecc...

    non+autenticato
  • Grazie per il video non lo conoscevo!
    iRoby
    7600
  • - Scritto da: iRoby

    > C'è questa enorme idiozia del governo USA di fare
    > quantitative easing che vanno a foraggiare banche
    > e gonfiare bolle
    > speculative.
    > Oppure approvare bilanci militari per 5 miliardi
    > l'anno.

    5 miliardi? Quest'anno saranno 800 B$ per la Difesa USA.
    http://www.whitehouse.gov/sites/default/files/omb/...
    Funz
    12974