AMD straccia i prezzi in nome dell'1,4 GHZ

La guerra con Intel si infiamma. A due settimane di distanza dagli ultimi tagli, AMD dà nuove e consistenti sforbiciate al prezzo delle sue CPU desktop, aprendo la strada all'ormai imminente Athlon a 1,4 GHz ed a Palomino

Sunnyvale (USA) - Dopo i ribassi annunciati un paio di settimane fa, AMD taglia ancora i prezzi delle sue CPU desktop, una risposta alla sua acerrima rivale che, proprio in questi giorni, festeggia invece i 10 anni dall'inizio della campagna commerciale "Intel Inside".

Quest'ennesimo contrattacco alle recenti sforbiciate di Intel, si traduce in forti ribassi che vanno dal 24,5% del Duron 750 MHz al 47,7% dell'Athlon 1,33 GHz, con una media del 38%. La tabellina completa dei prezzi può essere consultata sul sito tedesco Chips.de.

Mike Magee, editore di The Inquirer, ha scritto che "nonostante la guerra dei prezzi sia più intensa che mai, i produttori di PC sostengono che le vendite sono fiacche". E, secondo gli analisti, a smuovere il mercato questa volta non sarà un loghetto "Intel inside", bensì una finestra svolazzante con su scritto "Windows XP".
Nonostante i capricci del mercato, né Intel né AMD sembrano essersi fermate a guardare. Dopo il rilascio del Pentium 4 a 1,7 GHz, AMD pare ormai vicinissima al rilascio dell'Athlon a 1,4 GHz, così vicina che alcuni negozi on-line lo hanno già inserito in catalogo ad un prezzo poco superiore ai 300$. A luglio dovrebbe poi essere la volta del modello a 1,5 GHz, probabilmente l'ultimo Athlon con core Thunderbird.

Ormai non è più lontano anche l'arrivo di Palomino, il cavallo di razza che nella scuderia AMD avrà il compito di sostituirsi all'attuale generazione di chip Athlon Thunderbird. Le prime versioni per notebook verranno infatti rilasciate entro la fine di questo trimestre, con tutta probabilità a giugno, mentre le versioni desktop dovrebbero arrivare durante il terzo trimestre.
TAG: mercato
3 Commenti alla Notizia AMD straccia i prezzi in nome dell'1,4 GHZ
Ordina
  • wow, stavo giusto per cambiare il mio ipersfruttato K6-2 380 (gente, ormai mi sta stretto) e questi mi tagliano il prezzo del 47,7%! Ma chi si fa piu' fregare dalla Intel?
    Spero che faccia buona compagnia per qualche annetto ai 512 mega di ram che ho comprato oggi...
    non+autenticato
  • Non possono reggere l'acquisto di pc alto come era negli anni passati ancora oggi solamente rendendo applicazioni inutilmente pesanti, scialacquatrici di risorse (primi tra tutti gli os microsoft). Ora si trovano di fronte ad un pubblico non più idiota, non più disposto ad aggiornare il proprio os per la mania inculcata dell'ultima versione, ma solo (spero) persone furbe che si tengono il win98 con ie sradicato, magari con la shell di windows95, non disposto ad agiornare a winxp o altre stupidaggini differenziate dalle precedenti versioni solo dai requisiti decuplicati. Oltretutto chi spinge su questa politica (da intel a chiunque abbia interesse a vendere hardware) si ritrova ad aver creato un popolo dotato di supercomputer talmente super da far capire anche al minore di non aver necessità di doverne comprare un altro.
    Credo nell'informazione e nella lotta, non fatevi fottere. Bye!!!
    non+autenticato
  • C'è gente (come me) che in questo periodo deve aggiornare il proprio computer perchè non lo fa
    da anni (2 e 1/2, forse 3) e si ritrova con una Diamond Monster 3D non più supportata dalla Diamond, un processore piuttosto mediocre (AMD K6 266) e ram insufficente (64 Mb).

    Questi sconti mi fanno tutt'altro che dispiacere, anche perchè so che:

    A) Con un Athlon 1.2 Gb ci tirerò avanti qualche annetto

    B) Windows XP non ce lo metto di sicuro

    C) Per l'aggiornamento globale spendo relativamente poco

    Meglio che la AMD abbia diminuito i prezzi, così invece si frega da sola la Intel che fa dei processori che fanno ridere a dei prezzi assurdi! =)
    non+autenticato