Gaia Bottà

Copyright, l'avvertimento che condanna

Il sistema dei six strike è stato scelto dagli USA per incoraggiare alla legalità con avvertimenti e blande minacce. Ma i dati registrati dal sistema possono essere imbracciati da soggetti terzi, per scopi ben più offensivi

Roma - Il sistema dei sei avvertimenti, da recapitare ai cittadini della Rete statunitensi che venissero colti ad abusare delle reti P2P per scaricare e condividere contenuti protetti dal diritto d'autore, è stato adottato lo scorso anno al solo scopo di scoraggiare gli abusi, senza intenti punitivi. Ma Malibu Media, casa di produzione di film a luci rosse nota alle cronache per l'aggressività con cui combatte le violazioni del copyright, ha ottenuto il via libera per trasformarlo in un sistema per inchiodare dei netizen a cui presentare il conto in tribunale.

L'industria del copyright statunitense aveva combattuto a lungo per ottenere la collaborazione dei fornitori di connettività, restii a ricevere dai detentori dei diritti segnalazioni da trasformare in minacce per i propri utenti. Con l'avvio del programma di dissuasione a mezzo avvertimenti e potenziali misure di limitazione delle connessioni, ai provider era stata ventilata la possibilità che i dati relativi ai loro utenti potessero essere richiesti dai detentori dei diritti per risalire all'identità dell'intestatario di un contratto o per denunciarne i comportamenti: Malibu Media, che pure non partecipa al programma dei six strike, ha scelto di battere proprio questa strada.

La casa di produzione cercava informazioni su tale Kelley Tashiro, abbonata Comcast di Indianapolis nei confronti della quale aveva avviato un'azione legale. Ottenere informazioni sui comportamenti online della donna, verificare se i suoi abusi del diritto d'autore fossero una abitudine, sarebbe servito a Malibu Media a supportare le proprie accuse.
Un giudice dell'Indiana ha ora riconosciuto a Malibu Media la possibilità di sollecitare la testimonianza di Comcast. L'ISP, che, a differenza di quanto stabilito in casi più recenti, già era stato costretto dalla decisione di un giudice a identificare l'indirizzo IP segnalato da Malibu Media in Kelley Tashiro, dovrà ora accondiscendere alle richieste della casa di produzione, rivelando informazioni sull'abbonata, quali eventuali notifiche di violazione dei diritto d'autore e i dati relativi al consumo di banda.

Non è dato sapere come reagirà Comcast, se tenterà di opporsi alla consegna dei dati della propria utente. Certo è, osserva Torrentfreak, che il Center for Copyright Information, che gestisce il sistema dei six strike assicurando ai netizen statunitensi il massimo rispetto della privacy, potrebbe non gradire: le informazioni, fra quelle conservate allo scopo di far funzionare un sistema non punitivo, sono state richieste da un detentore dei diritti che non aderisce al sistema e che non ha esattamente intenzione di convincere la signora Kelley Tashiro a scegliere la legalità con le buone maniere.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàCopyright, utente avvisato mezzo salvato?Sono trascorsi i primi mesi del regime antipirateria statunitense basato sugli avvertimenti per gli assegnatari di utenze colte con le mani nel P2P: i recidivi non mancano, ma secondo l'industria si tratta di un successo
  • Diritto & InternetCopyright, il colpevole non può essere un numeroUn indirizzo IP non identifica un colpevole: inutile dunque scomodare il provider per risalire al nome dell'intestatario dell'abbonamento. La strategia di un noto troll del copyright sbaragliata da un giudice della Florida
  • AttualitàCopyright, lettere scandaloseGli avvoltoi del copyright colpiscono ancora: minacciano di esporre al pubblico ludibrio chi si è trastullato con il porno dei propri assistiti, ospitato in streaming su piattaforme terze. A meno che...
49 Commenti alla Notizia Copyright, l'avvertimento che condanna
Ordina
  • Occhio pirati, questo è solo un avvertimento... e quindi per voi ora sono ca**i! Indiavolato

    Ottimo! Non vedo l'ora che arrivi anche in Italia, ci saranno un bel po' di persone da... avvertire! Indiavolato
    non+autenticato
  • ma ancora esistono i venditori di biada?
  • - Scritto da: CHKDSK
    > ma ancora esistono i venditori di biada?

    Ma esistono ancora i pirati? Purtroppo sì... ma ancora per poco! Indiavolato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Video
    > - Scritto da: CHKDSK
    > > ma ancora esistono i venditori di biada?
    >
    > Ma esistono ancora i pirati? Purtroppo sì... ma
    > ancora per poco!
    >Indiavolato

    La stessa cosa si diceva nelle città-stato della Grecia !!!
    E ancora ci sono adesso...
    krane
    22544
  • Beata ingenuità...

    Ma non hai ancora capito che il mondo del monopolio sul Sapere è finito per sempre? Per sempre! Fattene una ragione.

    Niente è più irresistibile di un'idea quando il tempo è giunto.
    Victor Hugo

    E ora il tempo della Libera Condivisione del Sapere è giunto.

    Pirata
    non+autenticato
  • - Scritto da: W la Pirateria
    > Beata ingenuità...
    >
    > Ma non hai ancora capito che il mondo del
    > monopolio sul Sapere è finito per sempre? Per
    > sempre!

    Questo lo dici tu! Indiavolato
    non+autenticato
  • > > Ma non hai ancora capito che il mondo del
    > > monopolio sul Sapere è finito per sempre? Per
    > > sempre!
    >
    > Questo lo dici tu! Indiavolato

    Oh, no, non lo dico io, lo dicono i fatti.

    Il mondo cambia, è normale, come è normale che i conservatori vivano perennemente alla rincorsa di qualcosa che non possono fermare, è la loro condanna...

    Pirata
    non+autenticato
  • - Scritto da: W la Pirateria
    > > > Ma non hai ancora capito che il mondo
    > del
    > > > monopolio sul Sapere è finito per
    > sempre?
    > Per
    > > > sempre!
    > >
    > > Questo lo dici tu! Indiavolato
    >
    > Oh, no, non lo dico io, lo dicono i fatti.
    >
    > Il mondo cambia, è normale, come è normale che i
    > conservatori vivano perennemente alla rincorsa di
    > qualcosa che non possono fermare, è la loro
    > condanna...
    >
    > Pirata

    Il mondo cambia ma la differenza tra lecito e illecito rimarrà per sempre, anche per tua fortuna. Pensa che bello un mondo in cui chi vuole una cosa può tranquillamente prendersela e vale anche per te che non hai nulla... Sorride
    non+autenticato
  • > Il mondo cambia ma la differenza tra lecito e
    > illecito rimarrà per sempre

    Anche quella cambia. Ad esempio, negli anni 80 usare un modem non fornito dalla SIP era reato, oggi non più.

    >, anche per tua
    > fortuna. Pensa che bello un mondo in cui chi
    > vuole una cosa può tranquillamente prendersela e
    > vale anche per te che non hai nulla...

    Se non ha nulla, non puoi prendergli niente, ma lui può prendere qualcosa a te.
    non+autenticato
  • Bene, il modo di pensare sta cambiando... la privacy è sacra fino a che non commetti reati, il che mi sembra di buon senso.
    non+autenticato
  • Ormai è troppo tardi. Anche se adesso trovassero un sistema per impedire la pirateria, è rimasto ben poco da piratare. Cosa vuoi proteggere dallo scaricamento pirata? I film di catalogo (che gli utenti hanno già, hanno visto e rivisto, e che quindi non scaricherebbero comunque)?
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello
    > Ormai è troppo tardi. Anche se adesso trovassero
    > un sistema per impedire la pirateria, è rimasto
    > ben poco da piratare. Cosa vuoi proteggere dallo
    > scaricamento pirata? I film di catalogo (che gli
    > utenti hanno già, hanno visto e rivisto, e che
    > quindi non scaricherebbero
    > comunque)?

    Ti risultano pochi download sui film datati? A me non sembra.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > - Scritto da: cicciobello
    > > Ormai è troppo tardi. Anche se adesso trovassero
    > > un sistema per impedire la pirateria, è rimasto
    > > ben poco da piratare. Cosa vuoi proteggere dallo
    > > scaricamento pirata? I film di catalogo (che gli
    > > utenti hanno già, hanno visto e rivisto, e che
    > > quindi non scaricherebbero
    > > comunque)?
    >
    > Ti risultano pochi download sui film datati? A me
    > non
    > sembra.

    Come al solito hai capito lucciole per lanterne.
  • - Scritto da: Allibito

    > Ti risultano pochi download sui film datati? A
    > me non sembra.

    Hai statistiche ?
    Sarebbe interessante darci un'occhiata, link ?
    krane
    22544
  • Non mi risulta un bel niente perché tali download sono in molti casi nascosti e diventa difficile contarli. Il fatto è che se un film è datato, probabilmente chi lo voleva lo ha già scaricato anni fa, e non ha bisogno di scaricarlo di nuovo.

    E comunque, i film datati passano spesso sulle tv in chiaro: se non si trovano da scaricare, basta registrarli dal digitale terrestre (a parte il logo della tv, la qualità è praticamente uguale a quella di un dvd)
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello
    > Non mi risulta un bel niente perché tali download
    > sono in molti casi nascosti e diventa difficile
    > contarli. Il fatto è che se un film è datato,
    > probabilmente chi lo voleva lo ha già scaricato
    > anni fa, e non ha bisogno di scaricarlo di
    > nuovo.
    >
    > E comunque, i film datati passano spesso sulle tv
    > in chiaro: se non si trovano da scaricare, basta
    > registrarli dal digitale terrestre (a parte il
    > logo della tv, la qualità è praticamente uguale a
    > quella di un
    > dvd)

    Già, perchè il mondo finisce con gli ultimi pirati. certo che sei un genio. Che mi importa di quel che è stato, fermassero la pirateria da adesso e vedi che i film iniziano a mancare dopo una settimana al popolo della rete.
    non+autenticato
  • > Già, perchè il mondo finisce con gli ultimi
    > pirati.

    Dove hai sentito una cosa del genere?

    > certo che sei un genio.

    Grazie Ficoso

    > Che mi importa di
    > quel che è stato, fermassero la pirateria da
    > adesso e vedi che i film iniziano a mancare dopo
    > una settimana al popolo della
    > rete.

    I cd e dvd masterizzati si cancellerebbero per magia? Gli hard disk sparirebbero?
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello
    > > Già, perchè il mondo finisce con gli ultimi
    > > pirati.
    >
    > Dove hai sentito una cosa del genere?
    >
    > > certo che sei un genio.
    >
    > Grazie Ficoso
    >
    > > Che mi importa di
    > > quel che è stato, fermassero la pirateria da
    > > adesso e vedi che i film iniziano a mancare
    > dopo
    > > una settimana al popolo della
    > > rete.
    >
    > I cd e dvd masterizzati si cancellerebbero per
    > magia? Gli hard disk
    > sparirebbero?
    Se si tirasse la riga da oggi, ti assicuro che i ragazzi di oggi non arriverebbero alla pensione con i loro dischetti a meno di backup continui per cosa che non vedranno mai. tanto non interessa una cultura sul cinema, interessa il film nelle sale, si scaricano 10 film per vederne uno male.
    non+autenticato
  • > Se si tirasse la riga da oggi, ti assicuro che i
    > ragazzi di oggi non arriverebbero alla pensione
    > con i loro dischetti a meno di backup continui
    > per cosa che non vedranno mai.

    E faranno i backup continui, dal momento che ogni volta che cambi computer ci riversi sopra tutto quello che c'era su quello vecchio (non è un caso se la necessità di memoria cresce di continuo)


    > tanto non
    > interessa una cultura sul cinema, interessa il
    > film nelle sale

    Interessava. E magari se nelle sale tornate a far uscire film decenti, interesserà ancora. Nell'ultimo anno ne avrò visto uno, di film degno di nota, nelle sale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > Bene, il modo di pensare sta cambiando... la
    > privacy è sacra fino a che non commetti reati, il
    > che mi sembra di buon senso.

    Finalmente il p2p criptato subira' un'accelerata.
    krane
    22544