Toshiba, questo è il nuovo LCD

L'azienda sostiene che la sua nuova tecnologia riduce il peso della metà, elimina la necessità della retroilluminazione, dimezza i consumi. Non solo, è pure tutto pronto per la commercializzazione

Tokyo (Giappone) - Toshiba ha deciso di stupire tutti con effetti quasi speciali, quelli che consentono ai suoi nuovi monitor LCD a colori di non essere retroilluminati. Secondo l'azienda, l'eliminazione delle necessità della retroilluminazione dimezza il consumo, elemento importante per i notebook dotati di schermi LCD, e l'ingombro.

Da quanto si apprende la tecnologia "Color reflective LCD" punterebbe su un nuovo sistema di contrasto in grado di adattarsi soprattutto alla luce artificiale e sufficiente per visualizzare colori vivi senza quell'effetto "sbiadito" che caratterizza molti schermi costruiti attorno alle tecnologie utilizzate tradizionalmente. Il "cuore" dei nuovi monitor sarebbe un componente di polisilicio low-temperature che contiene, in un sottostrato di vetro, i chip e i circuiti necessari che così non devono essere piazzati in un componente separato.

Un altro vantaggio del sistema è che non c'è bisogno di supporto per chip ulteriori, elemento che riduce ancora il consumo e il peso. Toshiba conta di iniziare ad ottobre la commercializzazione dei nuovi LCD thin-film transistor (TFT). Le capacità degli schermi prevedono visualizzazioni fino a 260mila colori (o a 64 livelli di grigio) con risoluzione VGA e con il consumo di 0.4 watt di potenza.
TAG: hw