Alfonso Maruccia

NVIDIA, il prossimo Shield sarÓ un ibrido

Acquistano consistenza le indiscrezioni sul futuro del brand Shield di NVIDIA, un prodotto nato come micro-console androide e ora apparentemente destinato ad evolvere in un tablet o convertibile. Il SoC Tegra K1 Ŕ atteso al varco

Roma - Dopo aver debuttato sul mercato con una risposta non esattamente entusiasta da parte del pubblico pagante, NVIDIA Shield si prepara ora a un'evoluzione radicale nel design che porterà alla sua trasformazione da console portatile a sistema tablet o ibrido con controlli fisici. L'obiettivo è sempre videogiocare su Android, e l'hardware dovrebbe essere di prim'ordine.

Le ultime indiscrezioni sul futuro debutto di uno "Shield Tablet", portate alla luce da Notebook Italia, si alimentano delle rivelazioni provenienti dal Global Certification Forum (GCF), consorzio industriale specializzato nel testare gli apparati dotati di connettività mobile che ha appunto svelato di aver appena certificato un nuovo "Notebook/Tablet" realizzato da NVIDIA.



Lo Shield Tablet di cui riferisce GCF è dotato di connettività LTE, e il riferimento al doppio form factor "notebook/tablet" lascia supporre che si tratti di un sistema ibrido o convertibile dotato di supporto sia per i controlli touch che per quelli fisici.
Per quanto riguarda le caratteristiche hardware di base, infine, è altamente probabile che la console convertibile Shield 2.0 faccia uso del SoC Tegra K1 presentato da NVIDIA mesi or sono: una piattaforma dotata di notevoli qualità computazionali - GPU basata su microarchitettura Kepler in primis - per far risaltare la vocazione casual-ludica del nuovo prodotto.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaNvidia Shield è in ritardoLa console androide con schermo incorporato uscirÓ solo a luglio. Un problema tecnico ne consiglia il richiamo in fabbrica. Ma ci sono giÓ i primi unboxing e i primi hack
  • HardwareTegra K1, benchmark che spaccanoI primi test sul campo incoronano il SoC di NVIDIA come il nuovo metro di paragone per le prestazioni grafiche in campo mobile. Mentre Nokia fa Android e Intel programma kernel a 64 bit