Gaia Bottà

Tor, denuncia per gli abusi degli utenti

E' un servizio di anonimizzazione, ma contribuisce all'esistenza di un deprecabile sito di revenge porn. Un avvocato texano non fa differenza tra gli operatori del sito e lo strumento di cui approfittano

Roma - Sul banco degli imputati c'è un sito dedicato al revenge porn, che ospita immagini intime di persone inconsapevoli; sul fronte dell'accusa figura invece una donna, vittima delle porno-angherie. Nel mezzo, Tor Project, i cui strumenti avrebbero permesso al sito di operare indisturbato, proteggendo coloro che lo gestiscono, coloro che lo alimentano con gli scatti rubati.

La denuncia della donna, tale Shelby Conklin, rappresentata dal suo avvocato Jason L. Van Dyke, si scaglia in primo luogo contro Pink Meth, sito ospitato sul network di Tor, raggiungibile solo dagli utenti che si servono di software di anonimizzazione. Pink Meth si configurarebbe come uno snodo per turpitudini di ogni genere, che dalla vendetta a mezzo scatti privatissimi collegati a pagine Facebook e riferimenti web pubblici sconfinerebbe nella pedopornografia, vista la giovane età di alcune delle vittime.

La strategia dell'accusa batte una strada già imboccata da altri attori di analoghe cause, nonché dalla stessa Conklin, che aveva ottenuto da Verisign il blocco temporaneo del dominio PinkMeth.com: se le leggi che si stanno formulando in diversi stati tentano di addossare la responsabilità su colui che abusi delle fotografie, il metodo adottato da chi denuncia è piuttosto quello di coinvolgere tutti coloro che rendono possibile l'esistenza del sito incriminato. Ora Pinkmeth.com, oltre a chiarire un particolare codice di condotta per il caricamento delle foto, indirizza a un hidden service raggiungibile solo a mezzo Tor, invita alle donazioni per gli operatori di Tor Project e Tor2Web, due progetti sviluppati con l'obiettivo di tutelare il diritto alla riservatezza dei cittadini della Rete.
Sono i cittadini della Rete, nel caso di Pink Meth, ad aver deciso di imbracciare questi strumenti per un obiettivo deprecabile. Ma per l'accusa Tor si configura come "un fornitore di servizi internet senza scrupoli" che "permette che siti illegali come Pink Meth restino anonimi e complichino le operazioni delle autorità che potrebbero farli chiudere". Sarebbe addirittura "chiaro dal sito di TOR che TOR assiste consapevolmente siti come Pink Meth nel commettere abusi nel confronti dei cittadini texani": per questo motivo il servizio è accusato di aver agito in combutta con gli operatori del sito di revenge porn, e come loro dovrebbe pagare. Nello specifico, 1 milione di dollari, per rimediare ai danni inferti alla psiche di Conklin a ai potenziali danni alla sua reputazione e dunque alle sue possibilità di carriera.



Se i rappresentanti del Tor Project si astengono dal commentare, e sono in molti a ritenere che le leggi statunitensi, nello specifico il Communications Decency Act, sappiano proteggere gli intermediari come Tor da qualsiasi accusa, l'avvocato Van Dyke comunica tutta la convinzione con cui crede nelle proprie posizioni, che sembrano sgretolarsi di fronte alle affermazioni di coloro che ben conoscono Tor e i limiti delle responsabilità di un neutrale servizio di anonimizzazione. Citando un recente caso austriaco, per cui un inconsapevole operatore di un nodo Tor è stato condannato per aver agevolato la circolazione di immagini pedopornografiche, Van Dyke sottolinea che Tor potrebbe avere delle responsabilità, anche se "stiamo ancora lavorando per stabilire che grado di controllo, se controllo c'è, Tor detiene su coloro che usano i suoi hidden service".

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàNSA contro gli estremisti di LinuxTOR, Tails e il Pinguino sono software sospetti. Chi cerca informazioni o, peggio, li utilizza è un soggetto pericoloso da tracciare. Le informazioni sono contenute nell'ennesimo leak, ma l'autore della rivelazione pare non essere Edward Snowden
  • AttualitàEdward Snowden, pompiere per la ReteMentre l'NSA vuole appiccare il fuoco alla Rete, Snowden invita alla cifratura ubiqua. Alla democrazia e alla riservatezza servono cani da guardia, ma l'intelligence statunitense si starebbe già attrezzando per dare la caccia a potenziali gole profonde
  • SicurezzaTor, quando l'anonimato rende riconoscibiliUno studente americano invia la più classica delle email allarmistiche, e in cambio guadagna una condanna: l'FBI lo ha beccato nonostante l'uso di strumenti teoricamente in grado di nasconderne la reale identità
26 Commenti alla Notizia Tor, denuncia per gli abusi degli utenti
Ordina
  • scusate... in base alla legge antiterrorismo io devo registrarmi per collegarmi alla wifi del centro commerciale e vedere l'orario del tram..... altrimenti potrei pianificare un attentato in anonimato. e poi esiste un servizio che garantisce anonimato totale? il mondo gira al contrario?
    non+autenticato
  • La suddetta signorina non e che ama farsi ritrarre molto vestita, anzi..
    non+autenticato
  • L'avvocato ha annunciato sullo stesso Twitter linkato in questa pagina di avere ritirato le accuse contro Tor in data 10 luglio
    non+autenticato
  • Comunque la totale incapacità di esprimere dei concetti di senso compiuto dell'avvocato Jason L. Van Dyke è stata conosciuta a livello mondiale!Occhiolino
    non+autenticato
  • questa si fa fotografare con il culo al vento e poi si lamenta perche' la foto va in giro? chi e' causa del suo mal..
    ah gia': e' una donna, ragiona con quello ci si e' fatta fotografare...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > questa si fa fotografare con il culo al vento e
    > poi si lamenta perche' la foto va in giro? chi e'
    > causa del suo
    > mal..
    > ah gia': e' una donna, ragiona con quello ci si
    > e' fatta
    > fotografare...

    Pensa che su quel sito ci potresti trovare le foto di tua madre, della tua ragazza o magari quelle di tua figlia, pensa che divertimento per chi ti conosce, si vede che anche tu ragioni con una testa ma non quella che hai sul collo
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: Papple
    > - Scritto da: ...
    > > questa si fa fotografare con il culo al
    > vento
    > e
    > > poi si lamenta perche' la foto va in giro?
    > chi
    > e'
    > > causa del suo
    > > mal..
    > > ah gia': e' una donna, ragiona con quello ci
    > si
    > > e' fatta
    > > fotografare...
    >
    > Pensa che su quel sito ci potresti trovare le
    > foto di tua madre, della tua ragazza o magari
    > quelle di tua figlia, pensa che divertimento per
    > chi ti conosce, si vede che anche tu ragioni con
    > una testa ma non quella che hai sul
    > collo

    Affari loro.
    Shiba
    3825
  • Ignorante e misogino, come tutti i webbari.
    Seguiamo l'esempio dell'Austria, che ha resto punibile che gestisce un exit nodo TOR.
    La rete sarà civilizzata, i piccoli webbari si mettano l'anima in pace.Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Voice of Reason
    > Ignorante e misogino, come tutti i webbari.
    > Seguiamo l'esempio dell'Austria, che ha resto
    > punibile che gestisce un exit nodo
    > TOR.
    > La rete sarà civilizzata, i piccoli webbari si
    > mettano l'anima in pace.
    >Sorride


    L'avvocato ha annunciato sullo stesso Twitter linkato in questa pagina di avere ritirato le accuse contro Tor in data 10 luglio

    AHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAA (grassa risata, quella isterica la lascio ai perdenti come te! A bocca aperta )
    non+autenticato
  • I cachinni dei webbari mi lasciano indifferente.

    https://www.techdirt.com/articles/20140701/1801332...

    Ad essere sconfitti sarete voi. Viva la civiltà.Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Voice of Reason
    > I cachinni dei webbari mi lasciano indifferente.
    >
    > https://www.techdirt.com/articles/20140701/1801332
    >
    > Ad essere sconfitti sarete voi. Viva la civiltà.
    >Sorride
    se consideriamo 204 gli stati nel mondo, e che tor esiste dal 2002 (=12 anni per 1 ban in 1 stato)... servono 2500 anni per farli tutti. Ma con un po di pazienza...A bocca aperta
    non+autenticato
  • Che poi non è stato bannato. Semplicemente in caso fosse indagata una persona per crimini commessi online tramite TOR, e quella persona fosse anche passata dal tuo nodo, allora potresti esser accusato di esser complice.

    Che poi è assurdo, sarebbe come denunciare l'ANAS perchè uno investe una persona per strada o come denunciare telecom perchè esistono siti di pedopornografia non oscurati.
  • - Scritto da: Voice of Reason
    > I cachinni dei webbari mi lasciano indifferente.
    >
    > https://www.techdirt.com/articles/20140701/1801332


    Dal l'articolo che ridicolmente linki:
    Under this sort of thinking, Volkswagen would be liable if someone drove a VW as the getaway car in a bank robbery. It's a very, very broad interpretation of accomplice liability, in a situation where it clearly does not make sense

    Grida al vento, interpretazione della legge ingiusta e inapplicabile che avrà vita breve.
    Funz
    12972
  • - Scritto da: Voice of Reason
    > Ignorante e misogino, come tutti i webbari.
    > Seguiamo l'esempio dell'Austria, che ha resto
    > punibile che gestisce un exit nodo
    > TOR.
    > La rete sarà civilizzata, i piccoli webbari si
    > mettano l'anima in pace.
    >Sorride

    considerando le srtonzate che scrivi... sei massimino sotto falso nick?
    non+autenticato
  • si istituisce un contatore di avvo-cazzate.
    al raggiungimento delle quota prefissata, si prende un avvocato a caso e lo si impicca nella pubblica piazza. poi si resetta il contatore e si ricomincia. Con questo sistema, il numero di avvo-cazzate diminuirebbe sensibilmente.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)