Alfonso Maruccia

IDC: mercato PC meglio del previsto. A parte Apple

La società di analisi evidenzia trend di mercato molto migliori rispetto a quanto previsto. Ma l'evidente eccezione è Apple, che comincia a essere nei guai, soprattutto perché la crescita continua dei tablet ha gli anni contati

Roma - IDC si unisce a Gartner nel descrivere un mercato informatico in ripresa - o quantomeno molto meno depresso di quanto succedeva appena pochi mesi or sono. I PC tornano a vendere e lo fanno più del previsto, sostiene la società di analisi, anche se Apple si mostra in controtendenza e perde molto più di tutti i maggiori produttori OEM.

I numeri di IDC parlano di un volume totale di 74,4 milioni di PC commercializzati nel secondo trimestre del 2014, un declino dell'1,7 per cento rispetto all'anno scorso ma un risultato comunque molto migliore rispetto al -7,1 per cento inizialmente previsto.

Si tratta, conferma IDC, del declino più esiguo nelle vendite di PC dal secondo trimestre del 2012, e a festeggiare tra i produttori sono soprattutto Lenovo (+20,3 per cento e l'11,5 dell'intero mercato nordamericano), HP e Dell.
Numeri non altrettanto positivi sono quelli registrati da Apple, che scende (negli States) al 10 per cento del mercato contro il 10,9 per cento del 2013 e per l'1,7 per cento anno su anno. La necessità di aggiornare i sistemi ancora basati su Windows XP sembra aiutare l'industria, ma Cupertino ha di che preoccuparsi visto che gli utenti di PC non comprano Mac e soprattutto hanno raffreddato il loro entusiasmo per quel che riguarda i tablet.

A confermare il rallentamento della crescita delle tavolette (marcate Apple o meno) sono le analisi di mercato di NPD, che per il 2014 prevede un -14 per centto rispetto ai ritmi di commercializzazione sin qui sperimentati da questa categoria di dispositivi. La crescita delle tavolette scenderà a ritmi da singola cifra nel 2017, prevede ancora NPD, soprattutto a causa del diminuito interesse dei consumatori per i tablet con schermi di piccole dimensioni (7-8").

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • Business2015, l'anno dei tabletGartner prevede il sorpasso storico del mercato dei tablet su quello dei PC in tempo per il prossimo anno. Nel 2014 ci sarà un leggero "revival" del settore informatico per eccellenza, grazie allo svecchiamento del parco macchine
283 Commenti alla Notizia IDC: mercato PC meglio del previsto. A parte Apple
Ordina
  • - Scritto da: Prozac
    > - Scritto da: panda rossa
    > >
    > > Lo odio talmente tanto che se non mi
    > pagassero
    > lo
    > > farei lo
    > > stesso.
    >
    > Ok...
    > Appena scopro per quale azienda lavori, gli giro
    > questa
    > frase...
    > Chissà che dal mese successivo il tuo cedolino
    > diventerà
    > "0€".
    > Voglio proprio vedere, dopo, se continuerai a
    > lavorare
    >Occhiolino

    Magari mi danno pure l'aumento, che ne sai?

    > > > Ti pagano per programmare. Ti pagano per
    > > scrivere
    > > > software (in realtà, ti pagano per
    > scrivere
    > > > qualche script, software è troppo
    > grossa
    > come
    > > > parolaOcchiolino). Tu non scrivi software
    > libero,
    > > perché
    > > > il software che scrivi ha un copyright
    > così
    > > > restrittivo che, alla fine, il tuo
    > > "software"
    > > lo
    > > > puoi "installare" solo sulle macchine
    > > > dell'azienda per cui lavori.
    > >
    > > Il software che scrivo per l'azienda si, ma
    > > scrivo anche altre cose. Oppure faccio
    > derivare
    > > dal software per l'azienda qualcosa di utile
    > per
    > > altri.
    >
    > Le altre cose non c'entrano con il tuo lavoro.

    C'entrano con la mia vita.

    > Il
    > tuo lavoro è scrivere software proprietario.

    Il mio lavoro e' garantire il funzionamento della macchina.

    > Tu
    > vieni pagato per scrivere closed-source.

    Io vengo pagato per garantire il livello di servizio.
    Evitare i blocchi di sistema e ripristinare rapidamente le cose quando si verificano.

    > Alla
    > stregua di tutti quelli che insulti qui su PI. E
    > "faccio derivare dal software per l'azienda
    > qualcosa di utile per altri" è un'affermazione
    > molto pericolosa.

    Perche'?
    Mica diffondo segreti industriali.

    > Finché si tratta di semplici script per
    > automatizzare un qualche lavoro sistemistico,
    > beh... La rete è piena di trick del genere.

    Si chiama cultura condivisa, o, in altre parole, non c'e' bisogno ogni volta di inventare la ruota.

    > Se il
    > software è qualcosa di più complesso, voglio
    > proprio vedere la tua azienda come reagisce se
    > scopre che parte del lavoro che scrivi per loro
    > finisce in qualche altro software.

    L'azienda per cui lavoro non produce mica software.

    > > > Sei un mercenario del software alla
    > pari
    > di
    > > tutte
    > > > quelle persone che, nella tua grande
    > > ipocrisia,
    > > > etichetti con ogni termine
    > > > dispregiativo...
    > >
    > > Assolutamente no. Io farei comunque questo
    > lavoro.
    > > L'unica differenza e' il potere decisionale.
    > > Chi mi paga decide (anche se poi si fidano e
    > > demandano a
    > > me).
    >
    > Certo. Faresti comunque il lavoro di mercenario:
    > l'azienda paga, e tu scrivi software
    > closed.

    Non scrivo software closed.
    E l'azienda per cui lavoro non vende software closed.

    > > Potresti darmi del mercenario se mi
    > imponessero
    > > di sviluppare qualcosa di dedicato a quei
    > sistemi
    > > non etici che io avverso, ma purtroppo per
    > te
    > non
    > > e'
    > > cosi'.
    >
    > Purtroppo per te, invece, tu scrivi software
    > chiuso per aziende che guadagnano grazie al tuo
    > software chiuso.

    E questo dimostra la tua scarsa conoscenza del terziario avanzato.
    C'e' una bella differenza tra una fabbrica che produce cacciaviti e una che costruisce motori e ha bisogno di cacciaviti.

    L'azieda per cui lavoro si incazza se io svelo i segreti industriali del motore, mica se regalo i cacciaviti che si usano per assemblare il motore.

    > Esattamente come tutti quelli
    > che insulti qui su PI.

    E che continuero' ad insultare finche' non capiranno le cose banali come questa.

    > Se non fossi un ipocrita, ma fossi veramente un
    > informatico "etico" (nel tuo modo di interpretare
    > la parola etico), saresti in una di quelle tante
    > aziende che pagano i propri programmatori per
    > scrivere software OPEN-SOURCE.

    Ma io non scrivo software open-source per lavoro, lo faccio nel tempo libero.
    Ti cambia qualcosa?

    > E, invece, anche
    > tu accetti del vil denaro per scrivere software
    > CLOSED-SOURCE.

    Ma neanche un po'.

    > Un po' come iRoby che predica
    > contro le banche e poi, che fa? Lavora per una
    > bancaA bocca apertaA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta

    Conosce il suo nemico!
  • - Scritto da: panda rossa
    > Magari mi danno pure l'aumento, che ne sai?

    Se ti danno l'aumento significa che non lavori gratis.
    La dimostrazione che ami tanto il tuo lavoro tanto da farlo gratis (parole tue), la potrai fornire solamente quando ridarai il tuo stipendio indietro alla tua azienda. E continuerai a lavorare per loro gratis.
    In quel caso la tua affermazione avrebbe un senso, altrimenti ridimostri nuovamente la tua ipocrisia... Ah: ricevere l'aumento va nella direzione oppostaOcchiolino

    > C'entrano con la mia vita.
    Che, come ho giustamente detto io, non c'entrano con il tuo lavoro.
    Quello che fai nella vita privata non c'entra con il fatto che a renderti ipocrita è lo scrivere software closed per soldi e poi insultare chi fa la stessa cosa.

    > Il mio lavoro e' garantire il funzionamento della
    > macchina.

    Scrivendo software proprietario (sei tu che continui a insistere nel definirti programmatore che scrive software, mica io).

    > > Tu
    > > vieni pagato per scrivere closed-source.
    >
    > Io vengo pagato per garantire il livello di
    > servizio.
    > Evitare i blocchi di sistema e ripristinare
    > rapidamente le cose quando si
    > verificano.

    Scrivendo software-closed (sei tu che continui a insistere nel definirti programmatore che scrive software, mica io).

    > > Alla
    > > stregua di tutti quelli che insulti qui su
    > PI.
    > E
    > > "faccio derivare dal software per l'azienda
    > > qualcosa di utile per altri" è
    > un'affermazione
    > > molto pericolosa.
    >
    > Perche'?
    > Mica diffondo segreti industriali.

    E invece sì. Io pure scrivo software (io in realtà scrivo veramente software) per un'azienda. Nemmeno il software che scrivo io viene pacchettizzato e venduto. Può essere software a uso interno dell'azienda o software commissionato da aziende/enti esterne (ad esempio ESA, o grosse realtà di ingegneria a livello nazionale e internazionale).
    Tutto il codice sorgente che scrivo NON può uscire dalla mia azienda.

    Sono sicuro al 100% che la cosa vale anche per te.

    > > Finché si tratta di semplici script per
    > > automatizzare un qualche lavoro sistemistico,
    > > beh... La rete è piena di trick del genere.
    >
    > Si chiama cultura condivisa, o, in altre parole,
    > non c'e' bisogno ogni volta di inventare la
    > ruota.

    Infatti... Leggendoti in tutti questi mesi, l'avevo capito che in realtà tu googli soluzioni e copi/incolli quelle... Non era tanto difficile da realizzare la cosa... In fondo sei un semplice sistemista linux...

    > > Se il
    > > software è qualcosa di più complesso, voglio
    > > proprio vedere la tua azienda come reagisce
    > se
    > > scopre che parte del lavoro che scrivi per
    > loro
    > > finisce in qualche altro software.
    >
    > L'azienda per cui lavoro non produce mica
    > software.

    Tu produci software per loro. Software che non è ne tuo ne della comunità open-source. È loro e solo loro.

    > Non scrivo software closed.
    > E l'azienda per cui lavoro non vende software
    > closed.

    Quindi le cose sono due:

    1) Non scrivi software.
    2) Lavori per una di quelle aziende che pagano i propri programmatori per scrivere software open-source.

    Nel primo caso andresti contro le tue affermazioni in stile: "sono anche un programmatore", "scrivo software".

    Nel secondo caso andresti contro le tue affermazioni in stile: "non posso pubblicare lo script perché è di proprietà della mia azienda".

    > E questo dimostra la tua scarsa conoscenza del
    > terziario
    > avanzato.
    > C'e' una bella differenza tra una fabbrica che
    > produce cacciaviti e una che costruisce motori e
    > ha bisogno di
    > cacciaviti.
    >
    > L'azieda per cui lavoro si incazza se io svelo i
    > segreti industriali del motore, mica se regalo i
    > cacciaviti che si usano per assemblare il
    > motore.

    Quindi in realtà sei un meccanico?
    E perché ti spacci per esperto informatico???

    > E che continuero' ad insultare finche' non
    > capiranno le cose banali come
    > questa.

    Che sei il classico ipocrita che predica bene e razzola male?
    Tranquillo l'abbiamo capito molto beneOcchiolino

    > > Se non fossi un ipocrita, ma fossi veramente
    > un
    > > informatico "etico" (nel tuo modo di
    > interpretare
    > > la parola etico), saresti in una di quelle
    > tante
    > > aziende che pagano i propri programmatori per
    > > scrivere software OPEN-SOURCE.
    >
    > Ma io non scrivo software open-source per lavoro,
    > lo faccio nel tempo
    > libero.
    > Ti cambia qualcosa?

    Tantissimo.
    Perché sei esattamente come tutti quelli che insulti. Anche loro non scrivono software open-source per lavoro. E non lo sai se lo fanno per hobby.

    > > E, invece, anche
    > > tu accetti del vil denaro per scrivere
    > software
    > > CLOSED-SOURCE.
    >
    > Ma neanche un po'.

    Eh sì è! E vuoi pure l'aumento!

    > > Un po' come iRoby che predica
    > > contro le banche e poi, che fa? Lavora per
    > una
    > > bancaA bocca apertaA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    >
    > Conosce il suo nemico!

    Lui non conosce il suo nemico. Ci lavora e si fa pagare dal nemico (che poi, alla fine, non è proprio un nemico. È il suo padrone).
    Prozac
    5034
  • alle aspettative!!!

    http://apple.hdblog.it/2014/04/24/Apple-Q2-2014-ri.../

    Anzi questo è proprio un momento di decollo dei prodotti Apple!
    non+autenticato
  • http://apple.hdblog.it

    CapiscoA bocca aperta

    E' un tale momento di decollo per apple che IOS è in calo negli USA e il Mac passa dal 4% al 3.95%,l'iwatch viene rimandato e iphone6 incomincia ad avere dei problemi sin dalla nascita...l'irealtà parallelaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > http://apple.hdblog.it
    >
    > CapiscoA bocca aperta
    >
    > E' un tale momento di decollo per apple che IOS è
    > in calo negli USA e il Mac passa dal 4% al
    > 3.95%,l'iwatch viene rimandato e iphone6
    > incomincia ad avere dei problemi sin dalla
    > nascita...l'irealtà parallela
    >A bocca aperta

    4% e 3.95% aono normali oscillazioni di mercato, domani mattina potresti leggere 4.5%
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Etype
    > > http://apple.hdblog.it
    > >
    > > CapiscoA bocca aperta
    > >
    > > E' un tale momento di decollo per apple che
    > IOS
    > è
    > > in calo negli USA e il Mac passa dal 4% al
    > > 3.95%,l'iwatch viene rimandato e iphone6
    > > incomincia ad avere dei problemi sin dalla
    > > nascita...l'irealtà parallela
    > >A bocca aperta
    >
    > 4% e 3.95% aono normali oscillazioni di mercato,
    > domani mattina potresti leggere
    > 4.5%

    Ma come a gennaio non erano al 28%?
    http://www.macrumors.com/2014/01/09/gartner-pcmark.../

    ora sono sotto il 4%?
    Sono normali oscillazioni del mercato USA?
  • Domani mattina rimarrà sempre 3.95%Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > http://apple.hdblog.it
    >
    > CapiscoA bocca aperta
    >
    > E' un tale momento di decollo per apple che IOS è
    > in calo negli USA e il Mac passa dal 4% al
    > 3.95%,l'iwatch viene rimandato e iphone6
    > incomincia ad avere dei problemi sin dalla
    > nascita...l'irealtà parallela
    >A bocca aperta

    Mah non capisco come il Mac venga dato negli USA sotto il 4%, mi ricordo solo pochi mesi fa lo davano al 28% (negli usa), poi si sono vantati di crescere più del mercato ed ora sono sotto il 4%? Boh!
    http://www.macrumors.com/2014/01/09/gartner-pcmark.../
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 15 luglio 2014 22.15
    -----------------------------------------------------------
  • il 4,ora 3.95% è riferito alla quota che ha Mac OS globalmente ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > il 4,ora 3.95% è riferito alla quota che ha Mac
    > OS globalmente
    > ...


    Ok, ma comunque il dato globale era sempre attorno al 10%.... qui siamo a meno della metà e dopo mesi di "supposte" crescite...
  • - Scritto da: ruppolo
    > alle aspettative!!!
    >
    > http://apple.hdblog.it/2014/04/24/Apple-Q2-2014-ri
    >
    > Anzi questo è proprio un momento di decollo dei
    > prodotti
    > Apple!

    Si si certo, apple decolla sempre, anche quando perde nei PC e perde sul versante smartphone/tablet, eh ma tanto a settembre c'è l'iPhone 6... chissà magari avrà uno schermo non da entry level....
  • Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Più vero del vero ruppolo!
    non+autenticato
  • Ma Apple non stava facendo sfracelli? Newbie, inesperto

    Ma non s'era detto che Apple ormai era avviata verso il dominio assoluto del mercato PC? Deluso

    Ma non s'era detto che chi prova Apple non torna più indietro? Angioletto

    E allora come mai su PI c'era gente che dichiarava queste cose? Anonimo

    Non avranno mica mentito? Arrabbiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vorrei avere il becco trrrruuuuu
    > Ma Apple non stava facendo sfracelli? Newbie, inesperto
    > Ma non s'era detto che Apple ormai era avviata
    > verso il dominio assoluto del mercato PC? Deluso

    E' ancora possibile, ma la strada è lunga: ad oggi i possessori di un qualsiasi OSX sono circa un quinto degli utenti del solo Windows XP.
  • E pensa, secondo Bertuccia 42.000 Mac ce li hanno solo a Google, stanno freschi allora!
    non+autenticato
  • Se ne raccontano tante di balle qui dentro, hai mai letto PR o etype ? Triste
    non+autenticato
  • Ora mi dici dove ho scritto delle balle....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > Ora mi dici dove ho scritto delle balle....

    Ad esempio quando affermi che Alice e Libero non si configurano in modo semplice (su iOS o Android ad esempio): senza dover specificare protocolli o server ma semplicemente inserendo indirizzo email e password.
    Prozac
    5034
  • - Scritto da: Prozac
    > - Scritto da: Etype
    > > Ora mi dici dove ho scritto delle balle....
    >
    > Ad esempio quando affermi che Alice e Libero non
    > si configurano in modo semplice (su iOS o Android
    > ad esempio): senza dover specificare protocolli o
    > server ma semplicemente inserendo indirizzo email
    > e
    > password.

    C'e' per caso un file di configurazione che tu puoi editare e impostare tutti i parametri che vuoi?
    Se c'e' allora la configurazione e' semplice.
    Se non c'e' allora la configurazione non e' semplice.

    Semplice vuol dire che si riesce a fare quello che si desidera senza complicazioni.

    Semplice non vuol dire che ti viene concesso di fare con due click solo quello che qualcuno ha deciso per te.
  • - Scritto da: panda rossa
    > C'e' per caso un file di configurazione che tu
    > puoi editare e impostare tutti i parametri che
    > vuoi?
    > Se c'e' allora la configurazione e' semplice.
    > Se non c'e' allora la configurazione non e'
    > semplice.
    >
    > Semplice vuol dire che si riesce a fare quello
    > che si desidera senza
    > complicazioni.
    >
    > Semplice non vuol dire che ti viene concesso di
    > fare con due click solo quello che qualcuno ha
    > deciso per
    > te.

    Bravo.
    Tu hai capito tuttoOcchiolino
    Prozac
    5034
  • - Scritto da: Prozac
    > - Scritto da: panda rossa
    > > C'e' per caso un file di configurazione che
    > tu
    > > puoi editare e impostare tutti i parametri
    > che
    > > vuoi?
    > > Se c'e' allora la configurazione e' semplice.
    > > Se non c'e' allora la configurazione non e'
    > > semplice.
    > >
    > > Semplice vuol dire che si riesce a fare
    > quello
    > > che si desidera senza
    > > complicazioni.
    > >
    > > Semplice non vuol dire che ti viene concesso
    > di
    > > fare con due click solo quello che qualcuno
    > ha
    > > deciso per
    > > te.
    >
    > Bravo.
    > Tu hai capito tuttoOcchiolino

    Tu che cosa hai capito invece?
  • - Scritto da: panda rossa
    > > Bravo.
    > > Tu hai capito tuttoOcchiolino
    >
    > Tu che cosa hai capito invece?

    Io ho capito che tu hai capito tuttoOcchiolino
    Prozac
    5034
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Prozac
    > > - Scritto da: Etype
    > > > Ora mi dici dove ho scritto delle
    > balle....
    > >
    > > Ad esempio quando affermi che Alice e Libero
    > non
    > > si configurano in modo semplice (su iOS o
    > Android
    > > ad esempio): senza dover specificare
    > protocolli
    > o
    > > server ma semplicemente inserendo indirizzo
    > email
    > > e
    > > password.
    >
    > C'e' per caso un file di configurazione che tu
    > puoi editare e impostare tutti i parametri che
    > vuoi?
    > Se c'e' allora la configurazione e' semplice.
    > Se non c'e' allora la configurazione non e'
    > semplice.
    >
    > Semplice vuol dire che si riesce a fare quello
    > che si desidera senza
    > complicazioni.
    >
    > Semplice non vuol dire che ti viene concesso di
    > fare con due click solo quello che qualcuno ha
    > deciso per
    > te.

    Capirai la difficoltà, se proprio non ti piace la procedura agevolata di Wind puoi sempre inserire a mano i parametri riportati chiaramente sulla pagina web dedicata alla configurazione dei vari dispositivi mobili e non !
  • ..è che Apple è fuori mercato. Basta guardare l'offerta dei Macbook...prezzi totalmente fuori mercato, anzi fuori di melone proprio.
    Gli iMac pure hanno prezzi assurdi, considerando anche che hanno messo i dischi tradizionali da 5400rpm, ma sono ancora al limite dell'accettabile.

    Certo, nessuno offre il retina display, ma c'è pure da dire che è la più grande cacata del secolo, come l'ultra HD. Se vuoi offrirlo, dai un'opzione...ma non obbligarmi a prendere un retina a cui pochi sono veramente interessati e, al contempo, sparare un prezzo da 2100 euro per un 15 pollici...ma per favore!
    non+autenticato
  • Non sono fuori mercato.

    Sono in linea con il loro particolare mercato. Giocattoli per spendaccioni affezionati.

    Loro hanno deciso di praticare l'economia della scarsità. Oggetti elitari e costosi che danno gli stessi guadagni ma con rapporto 1:10. Cioè loro con la vendita di 1 computer guadagnano quando guadagna Acer vendendone 10.

    Il risparmio è enorme anche in logistica, assistenza ecc.

    Io sono contrario a questa cosa, perché giocano sul brand per darti a prezzo molto più alto prodotti tecnicamente solo leggermente migliori dei concorrenti.
    Ed a me non sta bene, perché io ho le competenze per riconoscere buoni oggetti al giusto prezzo, o la pazienza di aspettare svendite e offertone di buoni prodotti.
    Il resto della gente sceglie in base a nome, impressione, consiglio, passaparola, ecc.

    Per esempio in questo periodo Dell sta vendendo a poco il Latitude 3330 che è un ottimo notebook.
    iRoby
    7579
  • - Scritto da: iRoby
    > Non sono fuori mercato.
    >
    > Sono in linea con il loro particolare mercato.
    > Giocattoli per spendaccioni
    > affezionati.
    >
    > Loro hanno deciso di praticare l'economia della
    > scarsità. Oggetti elitari e costosi che danno gli
    > stessi guadagni ma con rapporto 1:10. Cioè loro
    > con la vendita di 1 computer guadagnano quando
    > guadagna Acer vendendone
    > 10.
    >
    > Il risparmio è enorme anche in logistica,
    > assistenza
    > ecc.
    >
    > Io sono contrario a questa cosa, perché giocano
    > sul brand per darti a prezzo molto più alto
    > prodotti tecnicamente solo leggermente migliori
    > dei concorrenti.
    >
    > Ed a me non sta bene, perché io ho le competenze
    > per riconoscere buoni oggetti al giusto prezzo, o
    > la pazienza di aspettare svendite e offertone di
    > buoni
    > prodotti.
    > Il resto della gente sceglie in base a nome,
    > impressione, consiglio, passaparola,
    > ecc.
    >
    > Per esempio in questo periodo Dell sta vendendo a
    > poco il Latitude 3330 che è un ottimo
    > notebook.

    Beh, dai...non esageriamo a chiamarli giocattoli. Bisogna precisare che la durata su batteria è veramente un plus fenomenale..per chi ha bisogno di stare in mobilità senza corrente può essere un fattore decisivo.
    Diciamo che hanno il loro perchè...ma non hanno affatto la qualità che ci si aspetta pagando un prezzo così elevato. E' noto il problema del surriscaldamento di tutti i macbook/imac...i difetti dei pannelli IPS sono stranoti...insomma, la qualità non c'è per niente.

    Solo un affezionato e che oramai è passato al 100% al Mac lo compra...secondo me.
    non+autenticato
  • Il vero problema di apple è che sta chiudendo HW in maniera stupida, ovviamente se parliamo di un All in one, ovviamente non pretendo di fare un aggiornamento simil PC tower, però aver la possibilità di sostituire in autonomia HD del sistema, non mi sembra una pretesa tanto cretina, cioè non è che devo andare ad un centro assistenza apple se mi si rompe HD, dai!

    Velo pietoso sui suoi notebook dove non puoi nemmeno cambiare la RAM... No, non mi dite che tanto "16 GB di ram bastino", non è quello il punto, se la RAM si fotte, voglio avere la possibilità di cambiarla da me, invece di andare ad un centro d'assistenza!

    Si parla della base.
  • Ma come non lo sai?

    Ufficialmente la ram dei Mac è indistruttibile. Non si fotte e non la devi cambiare.

    Se però ufficiosamente si rompe, vai al centro assistenza e ti cambiano tutta la scheda, dato che ormai sono piuttosto piccole.

    Questo in garanzia.
    Fuori garanzia quanto costa cambiare tutta la piastra?

    Mi chiedo, invece che i risultati trimestrali di fatturati, utili ecc.
    Vorrei anche vedere quelli di difettosità. Macchine guaste e riparate dentro e fuori garanzia.
    iRoby
    7579
  • - Scritto da: iRoby
    > Non sono fuori mercato.
    >
    > Sono in linea con il loro particolare mercato.
    > Giocattoli per spendaccioni
    > affezionati.
    >
    > Loro hanno deciso di praticare l'economia della
    > scarsità. Oggetti elitari e costosi che danno gli
    > stessi guadagni ma con rapporto 1:10. Cioè loro
    > con la vendita di 1 computer guadagnano quando
    > guadagna Acer vendendone
    > 10.
    >
    > Il risparmio è enorme anche in logistica,
    > assistenza
    > ecc.
    >
    > Io sono contrario a questa cosa, perché giocano
    > sul brand per darti a prezzo molto più alto
    > prodotti tecnicamente solo leggermente migliori
    > dei concorrenti.
    >
    > Ed a me non sta bene, perché io ho le competenze
    > per riconoscere buoni oggetti al giusto prezzo, o
    > la pazienza di aspettare svendite e offertone di
    > buoni
    > prodotti.
    > Il resto della gente sceglie in base a nome,
    > impressione, consiglio, passaparola,
    > ecc
    .

    >
    > Per esempio in questo periodo Dell sta vendendo a
    > poco il Latitude 3330 che è un ottimo
    > notebook.


    Quotone!

    La tua filosofia è la mia filosofia, ma spesso il nostro buon senso non viene percepito dal resto della gente, che segue bovinamente le regole evidenziate in neretto corsivo
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nauseato
    > - Scritto da: iRoby
    > > Non sono fuori mercato.
    > >
    > > Sono in linea con il loro particolare mercato.
    > > Giocattoli per spendaccioni
    > > affezionati.
    > >
    > > Loro hanno deciso di praticare l'economia della
    > > scarsità. Oggetti elitari e costosi che danno
    > gli
    > > stessi guadagni ma con rapporto 1:10. Cioè loro
    > > con la vendita di 1 computer guadagnano quando
    > > guadagna Acer vendendone
    > > 10.
    > >
    > > Il risparmio è enorme anche in logistica,
    > > assistenza
    > > ecc.
    > >
    > > Io sono contrario a questa cosa, perché giocano
    > > sul brand per darti a prezzo molto più alto
    > > prodotti tecnicamente solo leggermente migliori
    > > dei concorrenti.
    > >
    > > Ed a me non sta bene, perché io ho le competenze
    > > per riconoscere buoni oggetti al giusto prezzo,
    > o
    > > la pazienza di aspettare svendite e offertone di
    > > buoni
    > > prodotti.
    > > Il resto della gente sceglie in base a
    > nome,
    > > impressione, consiglio, passaparola,
    > > ecc
    .

    > >
    > > Per esempio in questo periodo Dell sta vendendo
    > a
    > > poco il Latitude 3330 che è un ottimo
    > > notebook.
    >
    >
    > Quotone!
    >
    > La tua filosofia è la mia filosofia, ma spesso il
    > nostro buon senso non viene percepito dal resto
    > della gente, che segue bovinamente le regole
    > evidenziate in neretto
    > corsivo

    Specifichiamo meglio: segue in base ai consigli di chi ne sa meno di loro, oppure del venditore di pentole di turno.

    I consigli disinteressati del competente tecnico informatico vengono sistematicamente ignorati.
  • - Scritto da: iRoby
    > Non sono fuori mercato.
    >
    > Sono in linea con il loro particolare mercato.
    > Giocattoli per spendaccioni
    > affezionati.
    >
    > Loro hanno deciso di praticare l'economia della
    > scarsità. Oggetti elitari e costosi che danno gli
    > stessi guadagni ma con rapporto 1:10. Cioè loro
    > con la vendita di 1 computer guadagnano quando
    > guadagna Acer vendendone
    > 10.
    >
    > Il risparmio è enorme anche in logistica,
    > assistenza
    > ecc.
    >
    > Io sono contrario a questa cosa, perché giocano
    > sul brand per darti a prezzo molto più alto
    > prodotti tecnicamente solo leggermente migliori
    > dei concorrenti.
    >
    > Ed a me non sta bene, perché io ho le competenze
    > per riconoscere buoni oggetti al giusto prezzo, o
    > la pazienza di aspettare svendite e offertone di
    > buoni
    > prodotti.
    > Il resto della gente sceglie in base a nome,
    > impressione, consiglio, passaparola,
    > ecc.
    >
    > Per esempio in questo periodo Dell sta vendendo a
    > poco il Latitude 3330 che è un ottimo
    > notebook.

    E' un modello di vendita molto rischioso, perchè funziona fintanto che riesci a permeare il marchio di un alone di superiorità, ci vuol poco a perdere tale alone e dopo ti ritrovi con merce fuori mercato, da qui ad un tonfo da fallimento la strada è breve e tutta in discesa!
  • Io sono il primo a dispiacersi di un tonfo di Apple.

    A me piace Apple, mi piacciono i suoi prodotti, ma per gli altri. Non li vorrei manco regalati. E se me li regalano me li rivendo subito finché valgono abbastanza.

    Adoro gli spendaccioni e i cretini, sennò non avremmo di che parlare.

    Ma soprattutto se fallisse Apple ci si infilerebbe Microsoft e questo è male. Perché ora che in questo settore non può incancrenire tutto col suo monopolio finalmente la vediamo arrancare, e magari se fallisse sarebbe fantastico. Io non ne sentirei la mancanza, ma anzi inizieremmo a vedere l'alba di una nuova epoca.

    Via Microsoft, via il tasto Windows dalle tastiere. Via il monopolio e i PC con hardware incompatibile con Linux ed altri sistemi operativi.

    E se venissero fuori con un'evoluzione di BeOS o MacOSX per PC generici sarebbe fantasticissimo!

    Delle belle librerie portabili usate da tutti, OpenGL/CL e poi le QT o le GTK, e tutti i software sarebbero facilmente compilabili per tutti questi sistemi.

    Fantastico Oracle per tutti, Photoshop per tutti, Libreoffice ovviamente per tutti. Tutto per tutti. Ognuno si sceglie in base all'hardware e ai vantaggi che ogni OS gli porta.

    E basta con quel ca##o di FAT ed NTFS. Samsung ha rilasciato F2FS opensource ed ottimizzato per le memorie flash.
    I file system opensource sono adottabili da qualsiasi sistema operativo.
    Formatti un hard disk esterno con Linux e lo leggi con BeOS o MacOSX o PippoOS, troppo bello così.
    iRoby
    7579
  • - Scritto da: Sgarbi
    > ..è che Apple è fuori mercato. Basta guardare
    > l'offerta dei Macbook...prezzi totalmente fuori
    > mercato, anzi fuori di melone
    > proprio.
    > Gli iMac pure hanno prezzi assurdi, considerando
    > anche che hanno messo i dischi tradizionali da
    > 5400rpm, ma sono ancora al limite
    > dell'accettabile.

    Scusa ma perché dovrebbe essere un problema? Che me ne frega a me dei Mac? Non funzionano nemmeno bene e si piantano!

    >
    > Certo, nessuno offre il retina display, ma c'è
    > pure da dire che è la più grande cacata del
    > secolo, come l'ultra HD. Se vuoi offrirlo, dai
    > un'opzione...ma non obbligarmi a prendere un
    > retina a cui pochi sono veramente interessati e,
    > al contempo, sparare un prezzo da 2100 euro per
    > un 15 pollici...ma per
    > favore!

    Ma appunto! Comprati un PC con Windows 8 (io ti consiglierei di attendere per il 9 comunque)! Che cavolo te ne frega del Mac che è un computer per emarginati sociali con la puzza sotto al naso?

    Parola di Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgarbi
    > ..è che Apple è fuori mercato. Basta guardare
    > l'offerta dei Macbook...prezzi totalmente fuori
    > mercato, anzi fuori di melone
    > proprio.

    questa è una tradizione

    > Gli iMac pure hanno prezzi assurdi, considerando
    > anche che hanno messo i dischi tradizionali da
    > 5400rpm, ma sono ancora al limite
    > dell'accettabile.

    Non farti influenzare da quel 5400rpm,in realtà sono molto più veloci !!!A bocca aperta

    > Certo, nessuno offre il retina display

    Che è stato ampiamente superato su ogni device...caso strano il macaco non se ne vatan piùA bocca aperta

    > ma c'è pure da dire che è la più grande cacata del
    > secolo, come l'ultra HD.

    Mah,sfide tra produttori...

    > Se vuoi offrirlo, dai
    > un'opzione...ma non obbligarmi a prendere un
    > retina a cui pochi sono veramente interessati

    e ma poi devi scendere di prezzo A bocca storta

    > al contempo, sparare un prezzo da 2100 euro per
    > un 15 pollici...ma per
    > favore!

    Ma quarda che ha una mela dietro !!!!Sorride
    non+autenticato
  • Anche se nel precedente articolo sui tablet il mio commento è stato rimosso, probabilmente da un moderatore disattento e sotto la segnalazione di qualche macaco nevrastemico (solo perché facevo notare che il 90% dei tablet relativi al "sorpasso" sui PC sarebbero stati Android)... IO L'AVEVO DETTO!!! FicosoFicosoFicoso

    Il potenziale di diffusione dei tablet sta giungendo al punto critico di saturazione: presto marciranno sugli scaffali. Ed il motivo è lo stesso "pregio" che è stato più volte decantato: servono a fare quelle 3 cose di cui la gente più bovina ha bisogno: navigare, controllare la mail, scrivere brevi testi. E basta.

    Ma la maggior parte di chi, dovendo fare queste cose, si riduce ad usare un tablet, non è un "buon cliente". Sono gli stessi che comprano il PC e non lo cambiano per 10 anni o finché il case non gli scoppia fra il retro-scrivania, la polvere e la pila di libri/scartoffie che non vogliono lasciare troppo in evidenza!

    Perché mai questi dovrebbero acquistare un tablet ogni 2-3 anni? E perché mai, vista la situazione del mercato non dovrebbero comprare al prossimo giro uno Zopo o un Meizu, piuttosto che rinnovare il Samsung o l'iPad?

    Se il tablet lo usano per fare 4 cose messe in croce ora, non gli servirà un esa-core con 10 stratogiga di ram domani! Il software che serve è sempre lo stesso, ed a differenza dei PC, ai tablet manca la locomotiva software!
    I tablet sono come delle console: sistema commerciale chiuso e limitato artificialmente, poca o zero innovazione da terze parti. Con la differenza non da poco che nelle console, prima o poi, c'è un valido motivo per passare alla generazione successiva: i nuovi giochi!
    Nei tablet, quale dovrebbe essere sto motivo? Il browser? O la suite office che tanto sta sul cloud?
    Potrebbe essere l'usura. Ma no, no... no cari, in particolare i tablet "standard", non sbloccati, non sono avvezzi ai software che causano usura dell'hardware (P2P), perché chi li produce ritiene di doversi ergere a giudice moralizzatore delle coscienze altrui, combattendo non solo la pirateria, ma addirittura la condivisione!

    I PC hanno attraversato una dura tempesta, ma la nave è solida e robusta. All'orizzonte le nuvole si diradano, ancora un po' e potremo dimenticare questa inutile riedizione dei netbook che sono i tablet.

    Parola di Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • Ma quanto sei prolisso per dire poi un sacco di ovvietà con un linguaggio da ragazzino di 22 anni...

    iPad lancia la moda ed i modaioli e gli spendaccioni ci si lanciano...
    Tutti gli altri vorrei ma non posso si buttano sugli Android economici.

    Parliamo sempre di gente che fa pochissime cose su Internet, per la comunicazione interpersonale (skype, email, ecc) e casual games.

    In pochissimi anni ci sta in tutte le case una tavoletta che bene o male funziona e non si sente necessità di aggiornare, ed il mercato è saturo.


    Chi aveva il PC per lavoro o è un utente avanzato seguiva comunque il normale ciclo di ricambio, un po' meno frequentemente sia per la crisi, e perché comunque già da 5 anni sono potenti abbastanza per quasi tutti gli usi.

    4 paragrafini per dire le stesse cose in maniera più pulita e sintetica...
    Tu non hai il dono della sintesi, sei bloatware come Windows, Winaro.Sorride
    iRoby
    7579
  • - Scritto da: iRoby
    > Ma quanto sei prolisso per dire poi un sacco di
    > ovvietà con un linguaggio da ragazzino di 22
    > anni...

    Veramente ne avrei 12! Imbarazzato

    >
    > iPad lancia la moda ed i modaioli e gli
    > spendaccioni ci si
    > lanciano...
    > Tutti gli altri vorrei ma non posso si buttano
    > sugli Android
    > economici.

    E poi ci sono quelli intelligenti che optano per WP8! Eh eh! Rotola dal ridere

    >
    > Parliamo sempre di gente che fa pochissime cose
    > su Internet, per la comunicazione interpersonale
    > (skype, email, ecc) e casual
    > games.
    >
    > In pochissimi anni ci sta in tutte le case una
    > tavoletta che bene o male funziona e non si sente
    > necessità di aggiornare, ed il mercato è
    > saturo.

    sì, ma questo l'avevo detto già io, ora non fare il pappagallo per cortesia! Ficoso

    > Chi aveva il PC per lavoro o è un utente avanzato
    > seguiva comunque il normale ciclo di ricambio, un
    > po' meno frequentemente sia per la crisi, e
    > perché comunque già da 5 anni sono potenti
    > abbastanza per quasi tutti gli
    > usi.
    >
    > 4 paragrafini per dire le stesse cose in maniera
    > più pulita e
    > sintetica...
    > Tu non hai il dono della sintesi, sei bloatware
    > come Windows, Winaro.
    >Sorride

    Infatti sono un Winaro! L'hai scoperto solo oggi? Arrabbiato
    Il "bloatware" è necessario ai miei scopi.

    Parola di Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Ma quanto sei prolisso per dire poi un sacco di
    > ovvietà con un linguaggio da ragazzino di 22
    > anni...
    >
    > iPad lancia la moda ed i modaioli e gli
    > spendaccioni ci si
    > lanciano...
    > Tutti gli altri vorrei ma non posso si buttano
    > sugli Android
    > economici.
    >
    > Parliamo sempre di gente che fa pochissime cose
    > su Internet, per la comunicazione interpersonale
    > (skype, email, ecc) e casual
    > games.
    >
    > In pochissimi anni ci sta in tutte le case una
    > tavoletta che bene o male funziona e non si sente
    > necessità di aggiornare, ed il mercato è
    > saturo.
    >
    >
    > Chi aveva il PC per lavoro o è un utente avanzato
    > seguiva comunque il normale ciclo di ricambio, un
    > po' meno frequentemente sia per la crisi, e
    > perché comunque già da 5 anni sono potenti
    > abbastanza per quasi tutti gli
    > usi.
    >
    > 4 paragrafini per dire le stesse cose in maniera
    > più pulita e
    > sintetica...
    > Tu non hai il dono della sintesi, sei bloatware
    > come Windows, Winaro.
    >Sorride

    È patrimonio dell'umanitàA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Winaro
    > Anche se nel precedente articolo sui tablet il
    > mio commento è stato rimosso, probabilmente da un
    > moderatore disattento e sotto la segnalazione di
    > qualche macaco nevrastemico (solo perché facevo
    > notare che il 90% dei tablet relativi al
    > "sorpasso" sui PC sarebbero stati Android)... IO
    > L'AVEVO DETTO!!! FicosoFicoso
    >Ficoso
    >
    > Il potenziale di diffusione dei tablet sta
    > giungendo al punto critico di saturazione: presto
    > marciranno sugli scaffali. Ed il motivo è lo
    > stesso "pregio" che è stato più volte decantato:
    > servono a fare quelle 3 cose di cui la gente più
    > bovina ha bisogno: navigare, controllare la mail,
    > scrivere brevi testi. E
    > basta.
    >
    > Ma la maggior parte di chi, dovendo fare queste
    > cose, si riduce ad usare un tablet, non è un
    > "buon cliente". Sono gli stessi che comprano il
    > PC e non lo cambiano per 10 anni o finché il case
    > non gli scoppia fra il retro-scrivania, la
    > polvere e la pila di libri/scartoffie che non
    > vogliono lasciare troppo in
    > evidenza!
    >
    > Perché mai questi dovrebbero acquistare un tablet
    > ogni 2-3 anni? E perché mai, vista la situazione
    > del mercato non dovrebbero comprare al prossimo
    > giro uno Zopo o un Meizu, piuttosto che rinnovare
    > il Samsung o
    > l'iPad?
    >
    > Se il tablet lo usano per fare 4 cose messe in
    > croce ora, non gli servirà un esa-core con 10
    > stratogiga di ram domani! Il software che serve è
    > sempre lo stesso, ed a differenza dei PC, ai
    > tablet manca la locomotiva
    > software!
    > I tablet sono come delle console: sistema
    > commerciale chiuso e limitato artificialmente,
    > poca o zero innovazione da terze parti. Con la
    > differenza non da poco che nelle console, prima o
    > poi, c'è un valido motivo per passare alla
    > generazione successiva: i nuovi
    > giochi!
    > Nei tablet, quale dovrebbe essere sto motivo? Il
    > browser? O la suite office che tanto sta sul
    > cloud?
    > Potrebbe essere l'usura. Ma no, no... no cari, in
    > particolare i tablet "standard", non sbloccati,
    > non sono avvezzi ai software che causano usura
    > dell'hardware (P2P), perché chi li produce
    > ritiene di doversi ergere a giudice moralizzatore
    > delle coscienze altrui, combattendo non solo la
    > pirateria, ma addirittura la
    > condivisione!
    >
    > I PC hanno attraversato una dura tempesta, ma la
    > nave è solida e robusta. All'orizzonte le nuvole
    > si diradano, ancora un po' e potremo dimenticare
    > questa inutile riedizione dei netbook che sono i
    > tablet.
    >
    > Parola di Winaro!Occhiolino

    Nella tua brillante analisi hai solo tralasciato un trascurabile dettaglio... la batteria non removibile dall'utente del 99% dei tablet, che come tutte le batterie dopo due/tre anni di utilizzo tenderà a durare meno di mezzora... poi che fai navighi attaccato al caricabatterie?
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)