Il Pinguino secondo Microsoft

Il big di Redmond prepara una sortita contro le armate di Tux affidandosi ad una campagna pubblicitaria focalizzata sulla comparazione dei costi reali fra Windows e Linux

Redmond (USA) - "Scopri la verità su Windows e Linux". Questo lo slogan di un'imminente campagna pubblicitaria in cui Microsoft, tirando esplicitamente in ballo il Pinguino, sostiene di voler sfatare alcuni di quelli che defiisce "miti su Linux", primo fra tutti la sua convenienza.

Le inserzioni pubblicitarie, il cui costo non è stato svelato, saranno pubblicate sulle maggiori testate americane e indiane del settore, sia cartacee che on-line, e si estenderanno per un arco di tempo compreso fra i sei e i diciotto mesi.

"I leader del mercato e gli analisti di terze parti lo confermano: Windows va meglio di Linux e ha un costo totale di possesso più basso", si legge sul sito della campagna, lo stessa in cui Microsoft ha pubblicato una serie di studi e di analisi di mercato, in gran parte commissionati dallo stesso colosso di Redmond, che dimostrerebbero come Windows, pur avendo licenze più care, sul medio e lungo periodo abbia un costo totale di possesso inferiore a quello di Linux.
Una tesi, quella propugnata da Microsoft, che di recente è stata espressa in uno studio di Giga Research e che divide analisti e addetti ai lavori.

"Nel passato, quando la gente doveva scegliere fra Linux e Windows, la decisione era spesso influenzata da questioni emotive e giustificata con affermazioni del tipo: non mi piace Microsoft", ha commentato Martin Taylor, general manager of platform strategies di Microsoft. "Ci sono un bel po' di idee sbagliate su Linux nel mercato, ed è nostra intenzione assicurarci che la gente comprenda la verità sul costo totale di possesso di Linux quando questo è comparato a quello di Windows".

Nelle pagine Web dedicate alla campagna promozionale, Microsoft ha pubblicato anche alcune linee guida il cui scopo è quello di aiutare gli utenti a migrare dalle piattaforme Unix, incluso Linux, al nuovo Windows Server 2003: a tal proposito il big di Redmond metterà presto a disposizione degli utenti una chat attraverso cui poter entrare in contatto con i suoi tecnici.

"Microsoft sta sparando al bersaglio sbagliato con le munizioni sbagliate" - si legge su The Register, ezine da sempre schierata col Pinguino - "Il vero problema di Microsoft non è il fatto che la gente pensi che Linux sia più economico di Windows (...) ma, piuttosto, che i clienti siano generalmente convinti che Windows costi più di quanto dovrebbe".

La nuova campagna di Microsoft conferma peraltro come il sistema operativo open source sia visto dal colosso del software come il nemico numero uno per il proprio business legato ai server, un mercato in cui Linux può oggi contare sugli investimenti di colossi come IBM, HP, Dell e Novell e sul lavoro di un'ampia comunità di sviluppatori.
359 Commenti alla Notizia Il Pinguino secondo Microsoft
Ordina
  • http://www.cxotoday.com/cxo/jsp/index.jsp?section=...

    Forbes starebbe per passare da Windows 2003 server a Linux a causa degli abnormi problemi riscontrati con il suddetto software del monopolio microsoft:

    "Detailing the problems encountered while using Windows Server 2003 on the communication and transaction server side, Sharma said, ?We have been facing this perennial problem of business logic malfunction, which is solved only when we reset the server. We have an active-passive server combination, and hence shifting loads is possible without compromising network availability.?

    Ovvero: software "nuovo", problema vecchio (e pure la soluzione)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > www.cxotoday.com/cxo/jsp/index.jsp?section=Ne
    >
    > Forbes starebbe per passare da Windows 2003
    > server a Linux a causa degli abnormi
    > problemi riscontrati con il suddetto
    > software del monopolio microsoft:
    >
    > "Detailing the problems encountered while
    > using Windows Server 2003 on the
    > communication and transaction server side,
    > Sharma said, ?We have been facing this
    > perennial problem of business logic
    > malfunction, which is solved only when we
    > reset the server. We have an active-passive
    > server combination, and hence shifting loads
    > is possible without compromising network
    > availability.?
    >
    > Ovvero: software "nuovo", problema vecchio
    > (e pure la soluzione)

    allora è proprio vero: per risolvere i problemi con qualunque windows basta un reboot!


    non+autenticato
  • Ironico che si debba calcolare il costo di possesso per cose che non puoi possedere.

    Per quanti soldi si sborsino, Windows rimane proprieta' della
    Microsoft.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ironico che si debba calcolare il costo di
    > possesso per cose che non puoi possedere.
    >
    > Per quanti soldi si sborsino, Windows rimane
    > proprieta' della
    > Microsoft.

    va bene che questo "quotidiano informatico" somiglia sempre più a rivistine thrash di fantadivulgazione, ma non conoscere neppure la fondamentale distinzione tra proprietà, possesso e detenzione è proprio da bocciatura all'esame di terza media in educazione civica.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ironico che si debba calcolare il costo
    > di
    > > possesso per cose che non puoi
    > possedere.
    > >
    > > Per quanti soldi si sborsino, Windows
    > rimane
    > > proprieta' della
    > > Microsoft.
    >
    > va bene che questo "quotidiano informatico"
    > somiglia sempre più a rivistine
    > thrash di fantadivulgazione, ma non
    > conoscere neppure la fondamentale
    > distinzione tra proprietà, possesso e
    > detenzione è proprio da bocciatura
    > all'esame di terza media in educazione
    > civica.


    bravo. E' proprio su questa ignoranza che conta il monopolio Microsoft.

    non+autenticato
  • Che il costo totale di possesso sia favorevole a Microsoft non hanno dubbi chi, come me, ha migrato in Linux pensando di risparmiare. Niente di più falso: al primo problema ho dovuto rivolgermi (dopo una ricerca affannosa e metuicolosa) ad un tecnico fisicamente lontano da me e che mi è costato un scaco di soldi pur essendo un problema relativamente semplice. Windows lo ripara qualsiasi...apprendista. Proprio come la Fiat e le altre auto.
    Il problema è che è necessario, per il mercato, che vi sia almeno un antagonista a Windows. E' una legge di mercato che Microsoft conosce bene.....e si deve rassegnare all'idea che vi sia un concorrente: è una delle prime regole dell'economia di mercato che governa, ormai, il mondo intero. La globalizzazione, a cui la Microsoft, ha così ampiamente contribuito ha le sue regole che devono essere osservate e rispettate da tuitti gli attori, nessuno escluso.
    Adesso se sia Linux o Mac il concorrente ideale, beh! questo sarà il mercato a stabilirilo...inesorabilmente!
  • Cos'è, una battuta che Windows come TCO costi meno di Linux?
    non+autenticato
  • ero convinto di stare su windows...


    ...e invece stavo su lino LOL!!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Successiva
(pagina 1/9 - 45 discussioni)