Disabili, querelle su un Cd-ROM

Una rivista specializzata in informazione su handicap e dintorni allega un Cd-ROM pensato per i non vedenti. Ma nel Cd-ROM, accusa l'esponente radicale Pietrosanti, non ci sono i contenuti della rivista

Roma - L'accessibilità delle informazioni nell'era digitale per i non vedenti è al centro di una nuova battaglia di uno dei più fieri sostenitori dei diritti dei disabili, l'esponente radicale Paolo Pietrosanti, anch'egli non vedente, che accusa di truffa il mensile "Vincere", in vendita in edicola.

Pietrosanti, che molti ricorderanno per le iniziative sul Premio Strega e sull'ultimo libro della saga di Harry Potter, afferma in una nota che la rivista Vincere si promuove sostenendo di essere accessibile ai non vedenti grazie al Cd-ROM allegato alla stessa.

"Compro la rivista - spiega Pietrosanti - con il CD allegato. Il prezzo è tutt'altro che basso, 3 Euro, con o senza CD. Metto via il fascicolo, perché è intuibile che un cieco tutto può fare con carta e inchiostro meno che leggere, e infilo il CD nel computer. Non contiene testi scritti, che pure potrei leggere grazie ai software per ciechi; è invece un CD audio. E ascolto il CD. Non vi sono letti gli articoli, ma il solo sommario. Con qualche musichetta".

"Se uno, non disabile e in perfetta forma - afferma l'esponente radicale - va a comprare una saponetta per pelli grasse, ma gli danno invece una saponetta per pelli secche, ci troviamo di fronte ad un tentativo di truffa o ad una truffa, per quanto di entità limitatissima. Se ad un cieco si dice: compra questa rivista, puoi leggerla pure tu, ha il CD, e poi invece nel CD trovi solo il sommario, sempre di truffa si tratta". "Il CD dice - ascoltare per credere: a pagina 10 l'articolo su Tizio e Caio; una storia così bella che devi assolutamente fartela leggere. A pagina 20, poi, un articolo sull'affascinante Sempronia, così intrigante che non puoi fare a meno di fartelo leggere."
4 Commenti alla Notizia Disabili, querelle su un Cd-ROM
Ordina
  • che dire davanti a sto schifo?è solo la versione informatica di un aspetto della nostra cultura. che dire davanti all'anno del disabile che ha visto tagliare fondi, reintrodurre ticket per malati cronici, tagliare le quote di lavoro destinate ai disabili, eliminare le figure degli inseganti di sostegno per bamibini, che non ha stanziato fondi per l'eliminazione delle barriere architettoniche, utilizzare l'handicap per mera pornografia emotiva in televisione? quand'è che ci saranno semplicemente diritti e doveri per tutti senza quella patina di bieca "carità" che appena si vede un parcheggio se ne dimenticano tutti?
    non+autenticato
  • ...Perchè altrimenti siamo di fronte all'ennesimo banale, fiacco e incompetente utilizzo della tecnologia per i portatori di handicap.
    Tutti parlano di accessibilità per i disabili ma pochi, veramente pochi, fanno qualcosa.
    La verità è che per avere una minima cognizione di "handicap" occorre vivere questa realtà o fare uno sforzo di comprensione veramente elevato. Altrimenti la cosa non tocca, non viene capita, non interessa.
    La prova di tutto ciò è che sono il primo a scrivere su questo argomento mentre il thread di Windows e Linux è già pieno di trollate e di flames dall'una di notte.
    Cerchiamo di essere più responsabili e di migliorare la nostra coscienza sociale.

    Saluti a tutti
    Geo
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > ...Perchè altrimenti siamo di fronte
    > all'ennesimo banale, fiacco e incompetente
    > utilizzo della tecnologia per i portatori di
    > handicap.
    > Tutti parlano di accessibilità per i
    > disabili ma pochi, veramente pochi, fanno
    > qualcosa.
    > La verità è che per avere una
    > minima cognizione di "handicap" occorre
    > vivere questa realtà o fare uno
    > sforzo di comprensione veramente elevato.
    > Altrimenti la cosa non tocca, non viene
    > capita, non interessa.
    > La prova di tutto ciò è che
    > sono il primo a scrivere su questo argomento
    > mentre il thread di Windows e Linux è
    > già pieno di trollate e di flames
    > dall'una di notte.
    > Cerchiamo di essere più responsabili
    > e di migliorare la nostra coscienza sociale.
    >
    > Saluti a tutti
    > Geo

    non sono d'accordo: altro che banale e fiacco e incompetente utilizzo della tecnologia, è una vera e propria presa per il culo:

    "a pagina 27 c'è una bellissima storia di tizio, che non potete fare a meno di farvi leggere", su di una rivista che si spaccia per accessibile ai ciechi.



    io punirei il direttore responsabile della testata costringendolo ai lavori sociali: decine di migliaia di ore di lettura ai ciechi e agli anziani bisognosi di compagnia. Così impara a prendere per i fondelli la gente!
  • Lo so che la mia è una cattiveria gratuita... però cercando in rete i riferimenti di questa fantomatica rivista per potergliene dire quattro, ho trovato questo:
    "Oggi pomeriggio, a Milano, Marcello Dell'Utri presenta - insieme a Gabriele Albertini, Grazia Sestini, Tiziana Majolo, Lorenzo Ornaghi e Massimo Balletti - la rivista "Vincere", dedicata al mondo dei disabili. Un mensile di attualità, costume e cultura..." (fonte Dagospia http://213.215.144.81/public_html/8000-8999/artico...)
    e già le cose mi suonano meno strane!

    Poi ho trovato quest'altro allucinante scambio tra Pietrosanti e l'arrogantissimo direttore della rivista:
    http://it.groups.yahoo.com/group/ascitel/message/9...

    e infine, qui potete dire ai tizi di Vincere cosa pensate dei loro bellissimi suggerimenti sul genere "fatevi leggere i nostri splendidi articoli":
    http://www.vinceremese.it/index.asp

    Enrico La Talpa


    P.S. Penso che se Pietrosanti avesse potuto "vedere" l'allucinante copertina ci avrebbe pensato due volte prima di spendere quei 3 euro!
    non+autenticato