Intel fra E-PC, super player e TV monster

Al CES Intel ha parlato di tecnologie per trasformare i PC in elettrodomestici da salotto, migliorandone anche il supporto all'audio di alta qualità, e favorire l'avvento delle TV LCD e dei player multimediali

Las Vegas (USA) - A fare da controcanto ai recenti annunci Microsoft relativi al mercato dell'elettronica di consumo è intervenuta, in occasione del CES, un'amica-nemica di vecchia data: Intel. Per bocca del proprio presidente e chief operating officer, Paul Otellini, Intel ha confermato che i suoi sforzi sono tutti diretti a portare nell'elettronica di consumo i vantaggi e la potenza delle tecnologie informatiche.

Obiettivo è lo sviluppo di prodotti in grado di interagire tra loro in modo più semplice e immediato di quanto accade oggi; prodotti più flessibili che, secondo Intel, possano garantire ai consumatori una maggiore potenza e utilità. Il colosso di Santa Clara intende impastare il silicio con standard industriali aperti "che rendano possibile - si legge in un comunicato - l'avvio di una nuova era dell'elettronica di consumo in cui gli utenti possano avere accesso ai contenuti digitali sempre, ovunque si trovino e con qualsiasi dispositivo".

Paul Otellini durante il CES 2004"Nel settore dell'elettronica di consumo sono ora in atto le stesse dinamiche che hanno portato alla rivoluzione dei PC", ha affermato Otellini. "Il passaggio dei contenuti e dei dispositivi elettronici di largo consumo dall'analogico al digitale offre notevoli opportunità per accelerare il miglioramento delle prestazioni, la riduzione dei costi e l'integrazione di caratteristiche nei dispositivi CE. Tutto questo può essere visto come l'applicazione della Legge di Moore in un nuovo settore".
"Il nostro obiettivo - ha continuato il boss di Intel - è quello di eliminare i confini tra i dispositivi elettronici dentro e fuori casa, e stiamo collaborando con il settore dei PC e con quello dell'elettronica di consumo per trasformare tutto questo in realtà. Nel 2004 Intel intende dedicare a questo obiettivo lo stesso impegno che lo scorso anno ha destinato al miglioramento delle tecnologie wireless per il mobile computing".

Un impegno, quello a cui fa riferimento Otellini, che di recente si è concretizzato nell'istituzione di un fondo di 200 milioni di dollari destinato a finanziare lo sviluppo di tecnologie per la casa digitale.

Un prototipo di Entertainment PCIntel intende poi sfruttare la propria esperienza nel wireless e nella produzione di chip per sviluppare nuove tecnologie per l'uso e la gestione di contenuti digitali. Un esempio è l'attività di sviluppo avviata su un dispositivo denominato Entertainment PC (E-PC), un personal computer in formato ridotto che si collega allo schermo del televisore e che può essere utilizzato per l'organizzazione e la riproduzione di contenuti digitali quali musica, film, programmi TV, videogame e video ad alta definizione.

Il colosso ha spiegato che gli E-PC saranno in grado di condividere i contenuti in modo wireless e saranno azionati tramite telecomando anziché con una tastiera. Questi comprenderanno un sintonizzatore TV e saranno dotati di una ventola silenziosa e connessioni video e audio consumer. Questa nuova generazione di PC, che può essere utilizzata anche come access point alla rete wireless (una funzionalità che Intel integrerà nel chipset Grantsdale), sarà disponibili sul mercato entro metà anno ad un prezzo che, negli USA, dovrebbe essere inferiore agli 800 dollari.
TAG: hw
2 Commenti alla Notizia Intel fra E-PC, super player e TV monster
Ordina
  • .. ci hanno già provato praticamente tutti a partire dall'Olivetti degli anni 80
    e tutti hanno fatto fiasco: già la geste si stressa perchè da quando preme il telecomando a quando appare l'immagine passano due-tre secondi ! E voi volete fargli accendere un pc ?

    non+autenticato

  • - Scritto da: ishitawa
    > .. ci hanno già provato praticamente
    > tutti a partire dall'Olivetti degli anni 80
    > e tutti hanno fatto fiasco: già la
    > geste si stressa perchè da quando
    > preme il telecomando a quando appare
    > l'immagine passano due-tre secondi ! E voi
    > volete fargli accendere un pc ?
    >
    Scusa, ma col decoder sky succede la stessa cosa... eppure la gente l'abbonamento ce l'haSorpresa
    non+autenticato