Toyota vicina allo schiavo-robot

Il gigante giapponese sta costruendo un robot umanoide realmente capace di affiancarsi al personale di una fabbrica o di una clinica

Tokyo (Giappone) - Il colosso giapponese delle automobili Toyota ha di recente annunciato l'intenzione di sviluppare un robot umanoide che sappia svolgere lavori manuali e integrarsi in varie attività produttive.

Toyota ha spiegato che il robot sarà in grado di assistere nel proprio lavoro il personale di una fabbrica, le infermiere degli ospedali o le squadre della protezione civile impegnate in operazioni di salvataggio.

A differenza dell'ASIMO di Honda, il primo robot bipede svelato nel 2000, e il QRIO di Sony, il primo robot umanoide in grado di "correre", Toyota ha dunque intenzione utilizzare il proprio "androide" per compiti pratici. Mentre né Honda né Sony prevedono di vendere i propri modelli nel prossimo futuro, Toyota ha fatto sapere che intende commercializzare il proprio robot in tempi relativamente brevi: un prototipo verrà mostrato alla World Exposition che si terrà nel 2005 in Giappone.
Il robot di Toyota sarà dotato di tutta una serie di sensori che gli permetteranno di evitare gli ostacoli, riconoscere gli oggetti che gli stanno intorno e seguire percorsi anche molto lunghi e complessi.
TAG: ricerca
47 Commenti alla Notizia Toyota vicina allo schiavo-robot
Ordina
  • che figo! vuol dire che tra poco i schiavo-robot mi faranno i compitiA bocca aperta ma no!Occhiolino quando i robot saranno in commercio non studierò più In lacrime Ficososcialli mi controlleranno davanti la camera mentre farò l'amore con un informatico smack
    non+autenticato
  • l'ultima vera schiavitù dell'uomo è il lavoro.

    l'uomo dovrebbe essere affrancato da questa; ma non accadrà mai. non per tutti almeno.

    arriverà un momento, se riusciremo a sopravvivere a noistessi senza autoestinguerci prima, dove le macchine potranno compiere ogni lavoro, eccetto quelli artistici e gestionalipolitici.

    in un mondo dove ogni compito meccanico e ripetitivo può essere svolto da una macchina, un'essere "senz'anima", si potrebbe realmente concretizzare il sogno di un'umanità dove ogni uomo sia davvero uguale ai suoi simili, con pari diritti e pari privilegi.


    ma accadrà davvero? io credo di no.

    <modalità paranoide>
    secondo me l'uomo pian piano si dividerà in due classi, evoluzione dei "padroni" dei mezzi di produzione, e di tutti gli altri che invece debbono dipendere da questi.

    i primi, non avranno più bisogno dei secondi. Potranno ricattarli sempre più. Già adesso le multinazionali spesso fanno il bello e il cattivo tempo, comunicano ai propri galoppini politici i loro progetti e le necessità per realizzarlo, in modo che questi possano modificare il sistema con leggi ad hoc, imbellettando queste leggi in modo da essere apprezzabili ai non accorti.

    possono già ricattarci, dovremmo evitare di comprare almeno una 60ina di marche che dovrebbero essere accuratamente boicottate, ma guarda caso, ai supermercati vendono quelle. Non esiste un modo per esimerci dall'affermare la nostra necessità di loro. Loro ci servono. ci tengono per le gonadi. se vogliono si mettono d'accordo per metterci oppio nel cibo e ridurci in schiavitù nel lasso di tempo di uno schiocco di dita.


    <modalità apocalittica>
    schiavitù per cosa? adesso forse ce ne sarebbe utilità. Per lavorare. per produrre. soprattutto la tecnologia che un domani saranno le nostre catene. Però non ci sarebbe necessità. inoltre non sono molti, i "padroni" ad aver compreso le loro turpi ambizioni. Sacrificare la loro morale. inoltre richiede ambizione e intelligenza. i "padroni" sono pronti ad avventarsi l'uno contro l'altro utilizzando le persone comuni e la loro avversità contro l'immoralità di un disegno sì abominevole.

    pensate bene, sono sicuro che ci arriverete:
    in un mondo dove NESSUNO DEVE PIU' LAVORARE, e tuttavia la proprietà privata rimarrebbe allo stesso modo in cui è adesso, cosa potrebbero chiedere i futuri "padroni" ai futuri disoccupati? in quali "mansioni" verranno questi assunti, in un mondo dove qualsiasi compito che non richieda un anima sarà svolto da robot?

    io personalmente vedo (e tremo al pensiero di) una "salò e le 120giornate di sodoma" in versione globale

    </modalità apocalittica>
    </modalità paranoide>

    avvelenato che si sente molto Cassandra in questo momento
  • Esco un po dal tema del tuo messaggio.
    Adesso lavoriamo 8-10 ore, poi usciamo e ci mettiamo di fronte alla televisione, e finiamo di rincoglionirci.
    Non riflettiamo, siamo dei vegetali.
    E c'e' a chi questo fa' molto comodo.
    Per questo penso che se anche c'e' (o ci fosse) la tecnologia per fare a meno del lavoro umano.... la gente dovra' lavorare lo stesso e possibilmente instupidirsi sempre di piu'.
    non+autenticato
  • Speriamo che costruiscano un conducente per gli autobus.
    non+autenticato
  • Scordatelo. A nome del segretariato COBAS androidi dichiaro lo stato di agitazione permanente!
  • Abbiamo pochi bit, brandelli d?informazione.
    Ma quello che sappiamo per certo è che un bel giorno, all?inizio del ventunesimo secolo, l?umanità intera si trovò riunita all?insegna dei festeggiamenti.
    Grande fu la meraviglia per la nostra magnificenza mentre davamo alla luce I.A.
    ...
    La cui sinistra coscienza produsse una nuova generazione di macchine.
    Ancora non sappiamo chi colpì per primo, se noi o loro.
    Sappiamo però che fummo noi ad oscurare il cielo.
    non+autenticato
  • Negli anni 70/80 era l'incubo nucleare l'ossessione dell'immaginario collettivo. Si pensava ad un mondo distrutto dalla peste atomica. Ora si punta sul conflitto uomo-macchina. L'unico nemico di fondo che io scorgo è l'intrattenimento hollywoodiano che ha colonizzato il nostro già arido immaginario.

    Ah, U2Ficoso, profeti del futuro quando pompavano slogan come "Everything You Know is Wrong" sui megaschermi dello Zootv tour!
    non+autenticato
  • Sarà meglio pensare a problemi più reali e concreti come Bossi al governo

    Alessandro
    non+autenticato
  • Pensa a far ripartire gli autobus invece.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Pensa a far ripartire gli autobus invece.
    solo dopo che i lavoratori tutti non solo i milanesi avranno avuto l'aumento di 106 euro
    non+autenticato

  • Se avete letto il ciclo dei robot del grande Asimov saprte che sono temi vecchi di decenni !Sorride


  • - Scritto da: Anonimo
    > il primo passo verso matrix

    Grat...grat...grat...poi terminetor dove lo mettiamo?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > il primo passo verso matrix
    >
    > Grat...grat...grat...poi terminetor dove lo
    > mettiamo?

    Ah sì? Vogliamo dimenticarci di Robocop?Arrabbiato
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > il primo passo verso matrix
    > >
    > > Grat...grat...grat...poi terminetor
    > dove lo
    > > mettiamo?
    >
    > Ah sì? Vogliamo dimenticarci di
    > Robocop?Arrabbiato

    e ARALE?
    :p:p:p:p
  • Scusate... ma perchè invece di investire soldi per fare robot, non li investiamo per conttattare alieni tipo LAMU' ????
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)