Luca Annunziata

Stream, il Chromebook HP in salsa Windows

Prezzo minimo, dotazione in linea con l'omologo Chrome OS. SarÓ la carta che Microsoft giocherÓ a Natale per rilanciare la sorte delle sue finestre?

Roma - La "minaccia Chromebook" è particolarmente sentita: in un contesto di mercato in cui si vanno affermando prodotti a basso costo come alternativa a tablet e smartphone che la fanno da padrone, i numeri ancora piccoli ma in costante crescita dei thin-client equipaggiati con Chrome OS fanno riflettere qualcuno a Palo Alto e a Redmond. Così filtra la notizia, tramite il sito tedesco Mobile Geeks, che a breve farà il suo debutto un prodotto a basso costo già anticipato da Microsoft meno di un mese fa durante la WPC: il nome ufficiale sarà HP Stream, e stando a quanto si apprende costerà appena 200 dollari. Duecento dollari per un laptop completo di tutto, Windows 8.1 compreso.



Stando ai dati scovati, con uno schermo da 14 pollici il prossimo notebook a basso costo di Hewlett Packard non è molto diverso da quanto già visto con il Chromebook 14 messo in vendita dalla stessa azienda sul mercato USA. La differenza principale, oltre ovviamente al sistema operativo, è costituita dalla CPU su cui è basato il sistema: in luogo di un tradizionale processore Intel, lo Stream opta per un SoC AMD A4 Micro-6400T (quad-core da 1,6GHz) che con soli 4,5W di TDP (il calore prodotto) è adatto a un allestimento privo di ventola di raffreddamento. In questo modo il notebook low-cost si trasforma in una macchina dall'autonomia aumentata e dalla silenziosità estrema: per il resto è un prodotto in linea con il suo prezzo: 2GB di RAM (saldata e non espandibile) e 32GB di storage a stato solido (espandibile tramite SD), schermo con risoluzione 1366x768, 3 porte USB (1 soltanto 3.0) e non molto altro.
Messo a confronto con l'equivalente prodotto HP con Chrome OS le differenze sono davvero poche: il Chromebook 14 ha una porta USB 3.0 in più, ma meno storage; sia Google che Microsoft offrono 100GB di spazio di archiviazione su cloud, ovviamente in un caso tramite Google Drive e nell'altro su OneDrive; entrambi i chipset supportano reti WiFi e connessione Miracast a uno schermo esterno. Dalla sua ovviamente lo Stream ha l'intero ecosistema x86 di Windows: sebbene la dotazione hardware non sia da workstation di lusso, è sufficiente a un uso quotidiano senza eccessive pretese, e il prezzo popolare ne fa una macchina perfetta per l'utilizzo casalingo o scolastico.

Tutto questo è reso possibile dalla decisione di Microsoft di mettere a disposizione il suo sistema operativo a costo zero: una mossa dettata dalla necessità di rilanciare le quotazioni di Windows, e legata anche alle politiche adottate da altre aziende per il proprio software. Se davvero l'HP Stream sarà venduto a 200 dollari sul mercato, si tratterà di un assalto frontale a Google e al Chromebook: il prodotto in questione è diverso nelle sue capacità, pur limitate, da quanto visto nell'era (sfortunata) dei netbook. Resta da capire se un prodotto tale, con margini sicuramente ridotti, sia in grado di garantire i guadagni necessari a rimpinguare le casse cianotiche del mercato dei personal computer.

Luca Annunziata
1 Commenti alla Notizia Stream, il Chromebook HP in salsa Windows
Ordina
  • Salve, vorrei regalare una piccola laptop o un chromebook a mio figlio, studente di giurisprudenza a Roma, che sta preparando già la tesi, assiste a corsi, conferenze etc. Lui ha già una laptop da 15.6 '' e anche un pc fisso a casa, entrambi hanno meno di un anno e Windows 8.1. Per comodità evita di portarsi dietro il portatile, a Roma si sa, si gira con i mezzi pubblici che son sempre scomodi e affollati, quindi si porta soltanto il suo smartphone. Servirebbe qualcosa di piccolo, leggero ma purtroppo il mio budget e di 300 euro, più o meno. Cosa mi consigliate? se gli regalo un chromebook, quale? e a Roma, troverà dappertutto, per strada, nelle conferenze alle quali assiste, sedi di corsi e biblioteche, un collegamento wifi disponibile e funzionante? Il fatto che non abbia Windows creerà problemi se deve aprire file in office, word o excel? Forse sarebbe meglio un piccolo pc portatile? i questo caso mi piacerebbe qualche suggerimento. Grazie mille.