Alfonso Maruccia

Facebook dispensa codice open

Il social network in blu rilascia un nuovo progetto open source, già usato internamente all'azienda e pensato per facilitare la gestione dei progetti Web su larga scala. Per promuovere l'adozione del codice FOSS pensa poi a una coalizione

Roma - La promozione del codice e dei progetti open source da parte di Facebook si arricchisce in queste ore con mcrouter, software FOSS usato internamente dal colosso dei social network che, a dire della corporation, dovrebbe contribuire a rendere più facile, pratica e veloce la crescita infrastrutturale di siti Web e servizi telematici.

Mcrouter è un protocollo per sistemi di memoria cache Memcached, tecnologia in circolazione da più di 10 anni pensata per velocizzare i siti Web dinamici basati sull'utilizzo di database grazie al salvataggio di dati e oggetti nella memoria RAM per ridurre l'accesso alle più lente fonti di informazioni esterne (database su disco, API ecc.). Il protocollo di router mcrouter serve appunto a gestire grandi installazioni di database che tendono a crescere esponenzialmente con la crescita di popolarità di un sito o servizio Web, e Facebook stessa ne fa uso per coordinare il traffico scambiato tra migliaia di server Memcached (quindi usati come cache) sparpagliati tra i cluster dei data center che la corporation gestisce in giro per il mondo.

L'obiettivo di Facebook non è solo quello di fornire accesso al codice open source di mcrouter ma anche di offrire, agli sviluppatori e alle aziende interessate, un pacchetto tutto compreso "facile da capire e facile da installare" con cui poter implementare la tecnologia mcrouter su siti e servizi esterni.
Per invogliare le aziende ad adottare mcrouter, la corporation statunitense ne sottolinea la capacità di adattamento con la possibilità di usare il protocollo anche in un setup sui server cloud di Amazon Web Services (AWS); tra i grandi nomi di rete a fare già uso di mcrouter si contano d'altronde Instagram (che si serviva del protocollo già prima dell'acquisizione da parte di Facebook) e Reddit.

Le recenti iniziative marchiate Facebook in promozione del FOSS non si fermano al solo progetto mcrouter, visto che la corporation ha anche dato vita al gruppo TODO ("talk openly, develop openly") per superare le sfide poste dall'adozione del codice e dei progetti open e che può già contare sul supporto, tra gli altri, di Dropbox, Box, GitHub, Google e Twitter.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate