Alfonso Maruccia

NASA si rilancia con Boeing e SpaceX

L'agenzia spaziale statunitense annuncia il via libera all'era dei voli spaziali gestiti da società private, una fase che si apre con due contratti multimiliardari attesi alla prova del fuoco da qui a tre anni

NASA si rilancia con Boeing e SpaceXRoma - Sormontato da un banner autocelebrativo con la dicitura "Launch America", il tanto atteso annuncio di NASA è finalmente arrivato: l'agenzia ha scelto SpaceX e Boeing come partner commerciali destinati a ripristinare le capacità di volo degli astronauti dal suolo americano alla Stazione Spaziale Internazionale, (ISS) viatico di imprese più grandi e viaggi interplanetari che si faranno attendere ancora per qualche lustro.

Launch America

Con ciascuna delle due società private - la rutilante fucina di nuove tecnologie creata da Elon Musk e il colosso dei contractor statali - è stato firmato un contratto di tipo Commercial Crew Transportation Capability (CCtCap), contratto che prevede il raggiungimento della certificazione necessaria a trasportare esseri umani sulla ISS e in seguito il lancio di un minimo di due, un massimo di sei missioni umane con andata e ritorno dalla stazione in orbita attorno alla Terra.



Per Boeing (capsula CST-100, ora in costruzione) è stato staccato un assegno di 4,2 miliardi di dollari, mentre SpaceX (capsula Dragon, già in servizio) si è "accontentata" di 2,6 miliardi; pur tuttavia l'obiettivo è lo stesso per entrambe, e cioè raggiungere gli stessi standard di sicurezza degli Space Shuttle e partire con il primo volo operativo entro il 2017.


Si apre quindi la tanto attesa era della corsa allo spazio degli imprenditori privati immaginata da innumerevoli produzioni cinematografiche del passato recente, un ritorno al futuro che coincide, dichiaratamente e secondo le parole testuali dell'ex-astronauta e amministratore di NASA Charlie Bolden, con il ritorno all'indipendenza del programma spaziale degli Stati Uniti ("la più grande nazione della Terra", sostiene Bolden) da una Russia non più "amica" dopo lo scoppio della crisi diplomatico-militare in Ucraina.

I contratti siglati con Boeing e SpaceX si basano sulle proposte tecnologiche delle due aziende scritte su carta, proposte molto meno "virtuali" nel caso della corporation di Elon Musk che ha avviato il suo programma spaziale anni fa ed è già attraccata sulla ISS (nel 2012 e nel 2013) per missioni di rifornimento senza equipaggio umano.

L'iniziativa Launch America non rappresenta, naturalmente, l'abbandono degli ambiziosi piani di esplorazione spaziale recentemente tratteggiati da NASA, visto che l'agenzia continuerà a lavorare ai progetti di super-razzo vettore SLS (Space Launch System) e capsula Orion per portare il primo uomo su Marte entro il 2030. Visto da quest'ottica, il ruolo dei contractor privati dovrebbe nei prossimi anni essere quello di vettori da e verso l'atmosfera terrestre, mentre l'agenzia federale si occuperà dei più ambiziosi (e prevedibilmente costosi) viaggi interplanetari.

Alfonso Maruccia

fonte immagine
Notizie collegate
  • AttualitàNASA, sonde suicide e milioni ai privatiL'agenzia statunitense prepara l'ultima discesa della missione GRAIL verso il suolo lunare, e mostra i trucchi del mestiere che Curiosity mette in pratica su Marte. Nel frattempo il settore privato del volo spaziale fa altri passi avanti
  • AttualitàCassandra Crossing/ La Storia Futura inizia oggidi M. Calamari - La fantascienza aveva immaginato una corsa allo spazio portata avanti da imprenditori, sognatori e testardi. Lo Stato ha conquistato la Luna con budget illimitati, ma sono i privati, ora, a guardare oltre l'orizzonte
4 Commenti alla Notizia NASA si rilancia con Boeing e SpaceX
Ordina