Alfonso Maruccia

Ray Ozzie, un'app per reinventare il telefono

L'ex-CSA di Microsoft torna sulla scena con una nuova app per le chiamate VoIP via telefono, un nuovo strumento venduto come soluzione ideale per la collaborazione aziendale. Videoconferenza, chiamate vocali? Cose d'altri tempi

Roma - Dopo il suo periodo agrodolce in quel di Microsoft e una rivoluzione a metà, Ray Ozzie è ora impegnato a cambiare il mondo delle comunicazioni vocali aziendali con Talko. La start-up ha creato l'omonima app per smartphone, uno strumento grazie al quale la tradizionale esperienza di "voice call" dovrebbe trasformarsi in una tecnologia al passo coi tempi e maggiormente adatta al mondo enterprise di oggi.

Le comunicazioni vocali veicolate tramite Talko vengono convertite in formato digitale e archiviate sui server "cloud" della società, e a quel punto gli utenti possono taggare alcune parti della conversazione, condividere foto e messaggi testuali durante una chiamata oppure accedere allo storico di tutte le chiamate salvato online.

Talko viene venduto come un prodotto specificatamente pensato per il business, e non a caso una delle funzionalità della app prevede la possibilità di lasciare un messaggio vocale/VoIP per un intero gruppo di persone. Č possibile ovviamente creare gruppi di comunicazione per meglio collaborare su un progetto.
La nuova impresa di Ozzie - già creatore di Lotus Notes e considerato il "prossimo Bill Gates" prima dell'abbandono di Microsoft nel 2010 - ha obiettivi ambiziosi e onnicomprensivi, volendo cambiare radicalmente il modo in cui aziende e professionisti comunicano tramite telefono. Al momento, però, questa presunta rivoluzione è limitata a una singola app per iPhone e niente altro. Offerte per PC, Android e altri sistemi (Windows Phone?) arriveranno solo in seguito, forse.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàRay Ozzie, memo d'addioL'ex-Chief Software Architect di Redmond torna sulla questione Microsoft e nuvole. Tirando le somme di cinque anni di lavoro. E mettendo a confronto i progressi di BigM e della concorrenza
7 Commenti alla Notizia Ray Ozzie, un'app per reinventare il telefono
Ordina
  • Le comunicazioni vocali veicolate tramite Talko vengono convertite in formato digitale e archiviate sui server "cloud" della società

    Ma che bello, così la NSA non deve nemmeno sbattersi a intercettare e archiviare, fa già tutto Microsoft.
    Loro hanno solo da accedere e leggere, come da termini termini di PRISM / legge.
    Funz
    12943
  • Cosa c'entra Microsoft? L'app è stata sviluppata da un ex di Microsoft!

    Chiaro che se comincia a far soldi qualche BIG (G M A) se la pappa in quattro e quattr'otto...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Cosa c'entra Microsoft? L'app è stata sviluppata
    > da un ex di
    > Microsoft!

    Hai ragione, ma a meno che questa startup sia basata fuori dall'agglomerato penta-occhiuto USA-Canada-GB-AUS-NZ (e relativi Paesi servi), il discorso non cambia.

    > Chiaro che se comincia a far soldi qualche BIG (G
    > M A) se la pappa in quattro e
    > quattr'otto...

    Certo
    Funz
    12943
  • - Scritto da: Anonimo
    > Cosa c'entra Microsoft? L'app è stata sviluppata
    > da un ex di
    > Microsoft!
    >

    Solito talebano anti-MS che basta che legga la parola "Microsoft" in un post qualsiasi e inventa un modo per farci su un post negativo, anche a costo di farci la figura dell'imbecille.
    non+autenticato
  • Sono effetti perversi della storia.
    Ci saranno dei motivi se Microsoft gode di un tale privilegio?
    Ai posteri l'ardua sentenza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Cosa c'entra Microsoft? L'app è stata sviluppata
    > da un ex di Microsoft!

    Come ex-MicroSoft era Elop, inviato ad espugnare Nokia per poi riportarla a casa.
  • Al governo USA piacciono queste tecnologie...

    Ed alle startup può interessare dopo una prima diffusione farsi stampare qualche milionata di bigliettini verdi, anche senza nessun modello di business.

    Google non credo che sia riuscita a dare tutto quel popo' di servizi gratuiti con i soli proventi della pubblicità.
    E non credo che neppure Facebook sarebbe diventato quello che è oggi...

    Questa foto però è interessante.
    Tutte aziende molto "fortunate" come Twitter che riceve in prestito 1 miliardo di dollari senza un modello di business.
    E tutte le altre aziende che si stanno dimostrando grandi violatori di privacy...
    Questa gente non dovrebbe avere granché in comune, anzi dovrebbe anche odiarsi Google vs Yahoo!, eppure sono tutti lì...

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 28 settembre 2014 22.02
    -----------------------------------------------------------
    iRoby
    6863