Musica, l'Europa la vuole comprare online

Questo è il messaggio che in queste ore sta cercando di far passare OD2, la società di Peter Gabriel ammanigliata con le major, già al centro delle iniziative dei maggiori player europei del settore

Londra - Sarebbero più di tre milioni le tracce musicali che gli europei hanno acquistato via internet nel 2003. Ad affermarlo sono quelli di OnDemand Distribution meglio noti come OD2, la società fondata dal celebre musicista Peter Gabriel e che si trova al centro dei progetti delle major per l'Europa.

La particolarissima relazione che lega OD2 alle grandi case discografiche, e che le consente di gestire un catalogo musicale vasto e in continua espansione da girare ai propri partner per la produzione di servizi specifici per gli utenti internet europei, rende ovvia la centralità di OD2 anche nello scenario che va aprendosi con l'avvio dei primi jukebox europei a pagamento, anche italiani.

Secondo OD2 il business della musica online è destinato a crescere e, crescendo, a curare molte delle ferite che le major del settore si sono procurate in questi anni con il calo delle vendite di CD. "Ritengo - ha spiegato alla Reuters il co-fondatore e CEO di OD2, Charles Grimsdale - che la distribuzione elettronica di musica sarà sempre più importante per le etichette ma, sfortunatamente, non credo che rappresenterà una cura istantanea".
In Europa, afferma OD2, ci sono tutte le premesse per un ottimo risultato visto che ogni mese le vendite aumentano del 25 per cento. Un dato che nelle stime dell'azienda dovrebbe trasformare il 2004 in un anno d'oro, un anno nel quale i volumi complessivi potrebbero crescere di tre volte rispetto a quelli attuali.

Le prospettive per l'Europa, spiegano quelli di OD2, si legano non solo all'arrivo nel Vecchio Continente di servizi che negli USA stanno dimostrando di attirare l'attenzione dei consumatori, come Apple iTunes o Napster 2, ma anche al forte interesse dimostrato dagli operatori internet europei per il settore.

Sebbene tutto questo avvenga su uno scenario condizionato dall'enorme successo che continuano a riscontrare i sistemi di libero scambio peer-to-peer, i numeri in gioco giustificheranno nel 2004 l'aprirsi di una accesa competizione tra i diversi sistemi di distribuzione a pagamento. Al centro di tutto questo si troverà, appunto, OD2, con il suo catalogo da 260mila brani e le sue ambizioni di portare questo numero oltre il milione in pochissimo tempo.
23 Commenti alla Notizia Musica, l'Europa la vuole comprare online
Ordina


  • ...chi l'ha detto?

    Ci prendon per idioti?

    non+autenticato
  • Certo che Peter Gabriel ne ha fatto di strada.
    Da paladino degli oppressi (vedi Sudafrica) a bandiera delle major succhiasangue.:@

    Io da "vecchissimo" fan, non posso che inorridire e giurare di non comprare più un suo album.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Certo che Peter Gabriel ne ha fatto di
    > strada.
    > Da paladino degli oppressi (vedi Sudafrica)
    > a bandiera delle major succhiasangue.:@
    >
    > Io da "vecchissimo" fan, non posso che
    > inorridire e giurare di non comprare
    > più un suo album.

    concordo in pieno... anzi avevo anche già smesso da un po' di comprarlo. peccato.... era un grandeTriste
    non+autenticato
  • Ehhh......I soldi sono una brutta bestia!!!
    non+autenticato
  • > Certo che Peter Gabriel ne ha fatto di
    > strada.
    > Da paladino degli oppressi (vedi Sudafrica)
    > a bandiera delle major succhiasangue.:@
    >
    > Io da "vecchissimo" fan, non posso che
    > inorridire e giurare di non comprare
    > più un suo album.

    Siete sempre più patetici.
    Peter Gabriel ha creduto per primo nella distribuzione online della musica e da sempre sostiene che la musica va PAGATA, non scroccata. E sentire prediche contro Gabriel, che è finito letteralemente in bancarotta per promuovere la musica non sua, ma di tantissimi artisti sparsi per il mondo, da parte di scrocconi online è veramente insopportabile!
    Lui è uno che la musica la ama e l'ha ampiamente dimostrato nella realtà dei fatti con la sua vita, voi siete solo dei ladri cialtroni che si lamentano del comportamento della gente a cui andate a rubare! Ma vergognatevi!

    Detto questo e stabilito che il futuro della vendita di musica era online, Gabriel ha trovato interessante il progetto della futura OD2 e si è impegnato su di esso.
    Ora, se uno deve vendere online deve vendere il più ampio catalogo possibile, no? Come qualsiasi negozio reale. Quindi ha un sacco di roba della major, perchè semplicemente è quella che vende di più, come qualsiasi negoziante. Adesso chi ha un negozio di dischi è un sostenitore delle major?

    Oppure siete talmente fascisti e schiavisti da voler imporre a tutti i musicisti di darvi il loro lavoro gratis, altrimenti sono degli stronzi succhiasangue approfittatori?
    In caso, iniziate voi per primi a sgobbare gratis, vai, che siamo tutti contenti!

  • - Scritto da: Ekleptical
    > > Certo che Peter Gabriel ne ha fatto di
    > > strada.
    > > Da paladino degli oppressi (vedi
    > Sudafrica)
    > > a bandiera delle major succhiasangue.:@
    > >
    > > Io da "vecchissimo" fan, non posso che
    > > inorridire e giurare di non comprare
    > > più un suo album.
    >
    > Siete sempre più patetici.
    > Peter Gabriel ha creduto per primo nella
    > distribuzione online della musica e da
    > sempre sostiene che la musica va PAGATA, non
    > scroccata. E sentire prediche contro
    > Gabriel, che è finito letteralemente
    > in bancarotta per promuovere la musica non
    > sua, ma di tantissimi artisti sparsi per il
    > mondo, da parte di scrocconi online è
    > veramente insopportabile!
    > Lui è uno che la musica la ama e l'ha
    > ampiamente dimostrato nella realtà
    > dei fatti con la sua vita, voi siete solo
    > dei ladri cialtroni che si lamentano del
    > comportamento della gente a cui andate a
    > rubare! Ma vergognatevi!
    >
    > Detto questo e stabilito che il futuro della
    > vendita di musica era online, Gabriel ha
    > trovato interessante il progetto della
    > futura OD2 e si è impegnato su di
    > esso.
    > Ora, se uno deve vendere online deve vendere
    > il più ampio catalogo possibile, no?
    > Come qualsiasi negozio reale. Quindi ha un
    > sacco di roba della major, perchè
    > semplicemente è quella che vende di
    > più, come qualsiasi negoziante.
    > Adesso chi ha un negozio di dischi è
    > un sostenitore delle major?
    >
    > Oppure siete talmente fascisti e schiavisti
                                             ^^^^^^^

    fascisti!, squadristi !... la vergogna di milano siete... maaaaaaaaaaaaaa... il sindacato quale ? il sindacato fascista dei tranvieri di milano... pezzenti, barboni...

    hahhahahhahhaha ... ma ve lo ricordate Pillitteri quando diceva stè cose ?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > fascisti!, squadristi !... la vergogna di
    > milano siete... maaaaaaaaaaaaaa... il
    > sindacato quale ? il sindacato fascista dei
    > tranvieri di milano... pezzenti, barboni...
    >
    > hahhahahhahhaha ... ma ve lo ricordate
    > Pillitteri quando diceva stè cose ?

    Si, e comunque in questi giorni lo hanno rifatto vedere a Blob un paio di volte. A bocca aperta
    non+autenticato
  • > Siete sempre più patetici.
    > Peter Gabriel ha creduto per primo nella
    > distribuzione online della musica e da
    > sempre sostiene che la musica va PAGATA, non
    > scroccata.

    Del tutto daccordo, la musica che ad uno piace va pagata quanto richiesto dall'autore, idem per i film che ci hanno fatto sognare e per il software che si utilizza per lavorare (e per i giochi, of course).

    > E sentire prediche contro
    > Gabriel, che è finito letteralemente
    > in bancarotta per promuovere la musica non
    > sua, ma di tantissimi artisti sparsi per il
    > mondo, da parte di scrocconi online è
    > veramente insopportabile!
    > Lui è uno che la musica la ama e l'ha
    > ampiamente dimostrato nella realtà
    > dei fatti con la sua vita, voi siete solo
    > dei ladri cialtroni che si lamentano del
    > comportamento della gente a cui andate a
    > rubare! Ma vergognatevi!

    Copiare non è rubare, per l'ennesima volta..
    Per l'ennesima volta, credo che gli scambisti che "si vergognano" siano sempre di meno insieme a quelli che scaricano per non comprare (che poi sono gli stessi che non potendo scaricare gratis, comprano al mercato nero o copiano da amici e conoscenti)...questo sempre IMHO.

    ...."Voi" a chi?Sorride

    > Ora, se uno deve vendere online deve vendere
    > il più ampio catalogo possibile, no?
    > Come qualsiasi negozio reale. Quindi ha un
    > sacco di roba della major, perchè
    > semplicemente è quella che vende di
    > più, come qualsiasi negoziante.
    > Adesso chi ha un negozio di dischi è
    > un sostenitore delle major?

    No, infatti mi trovi daccordissimo nel sostenere questo tipo di iniziative, ma ancora di più quelle di artisti he anche mi piacciono, ma sono fuori dal circuito delle major.

    > Oppure siete talmente fascisti e schiavisti
    > da voler imporre a tutti i musicisti di
    > darvi il loro lavoro gratis, altrimenti sono
    > degli stronzi succhiasangue approfittatori?
    > In caso, iniziate voi per primi a sgobbare
    > gratis, vai, che siamo tutti contenti!

    Mammamia, hai proprio il dente avvelenato! Peccato, perchè non è che hai le idee confuse, tutt'altro, però vedi troppo le cose in bianco e nero...forse per la continua polemica sul p2p che porti avanti uno contro tutti.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Ekleptical
    > Siete sempre più patetici.
    > Peter Gabriel ha creduto per primo nella
    > distribuzione online della musica e da
    > sempre sostiene che la musica va PAGATA, non
    > scroccata.

    E chi si mai sognato di scroccarla!!!
    Però se me la fai pagare 25? a cd, io dico NO!!!!

    > E sentire prediche contro
    > Gabriel, che è finito letteralemente
    > in bancarotta per promuovere la musica non
    > sua, ma di tantissimi artisti sparsi per il
    > mondo, da parte di scrocconi online è
    > veramente insopportabile!
    > Lui è uno che la musica la ama e l'ha
    > ampiamente dimostrato nella realtà
    > dei fatti con la sua vita, voi siete solo
    > dei ladri cialtroni che si lamentano del
    > comportamento della gente a cui andate a
    > rubare! Ma vergognatevi!

    A parte il fatto che ladro cialtrone sarà tuo nonno in carriola,
    ho solo rimarcato il fatto che anche P.G. è caduto nella rete del "bisinissi", e non ho mai negato che tutto quello che ha fatto sia da encomiare.

    > Detto questo e stabilito che il futuro della
    > vendita di musica era online, Gabriel ha
    > trovato interessante il progetto della
    > futura OD2 e si è impegnato su di
    > esso.
    > Ora, se uno deve vendere online deve vendere
    > il più ampio catalogo possibile, no?
    > Come qualsiasi negozio reale. Quindi ha un
    > sacco di roba della major, perchè
    > semplicemente è quella che vende di
    > più, come qualsiasi negoziante.
    > Adesso chi ha un negozio di dischi è
    > un sostenitore delle major?

    Di queste major. Certoo!!!
    Esistono anche tante etichette indipendenti che fanno ottima musica ha prezzi accettabili.
    SOlo che certo popolo becero se non compra l'ultimo di Madonna o dei Blue, gli manca l'aria..

    > Oppure siete talmente fascisti e schiavisti
    > da voler imporre a tutti i musicisti di
    > darvi il loro lavoro gratis, altrimenti sono
    > degli stronzi succhiasangue approfittatori?
    > In caso, iniziate voi per primi a sgobbare
    > gratis, vai, che siamo tutti contenti!

    Guarda che io non c'è l'ho contro i musicisti.
    Io odio le major che (loro si) succhiano il sangue.
    non+autenticato
  • Mi spiegate qual'è la convenienza di acuistare musica on line.

    1) Una singola canzone costa 0,99 euro chei più chi meno...
    questo significa che scaricando 15 canzoni pagherò 15 euro
    2) un buon cd-audio per la masterizzazione bene che mi va lo pago 2 euro e vado a 17 euro
    3) Ho un brano neanche lotanamente paragonabili al formato cd originale quasi sempre il file è un wma....
    4) perdo tempo a scaricare, convertire e masterizzare il tutto
    5) molti file sono protetti da licenza che ne permettono l'esecuzione SOLO sul pc in cui sono scaricati.....e quindi nel formato nativo li sento solo li, quindi oltre che pago devo pure sorbirmi il fatto che non sono padrone di sentire la musica dove voglio, in altri casi devo bypassare la protezione per farne una copia in formato cd e se mi perdo la licenza vai con sbattimenti per richiderla al sito........

    cito da una fq da uno di questi siti

    "La musica scaricata può essere copiata o spostata da un computer ad un altro?
    Tutta la nostra musica viene scaricata grazie ad una licenza sicura che consente di ascoltare la musica solamente sul computer su cui è stata scaricata, nella maggior parte dei casi puoi masterizzarla su un CD o scaricarla su dei lettori portatili ma non è possibile copiarla su un altro computer.

    Quali sono i miei diritti per masterizzare?
    Masterizzare è un processo di creazione di un Cd audio da file scaricati sul tuo Pc. Non per tutta la musica esistono i permessi per masterizzarla su un Cd. I permessi di masterizzazione dipendono dai detentori dei diritti di quel brano (Etichette discografiche). Il lettore utilizza la licenza digitale associata al brano per verificare se sia masterizzabile o meno.

    Cosa significano i numeri delle versioni?
    Alcuni brani contengono licenze che consentono la riproduzione solo utilizzando la versione 7 di Windows Media Rights Management.
    Questo significa che alcuni brani possono essere scaricati e ascoltati solo su lettori che supportano Windows Media Rights Management Version 7 (o altre versioni più aggiornate), come Windows Media Player 7 or7.1 per il PC (Windows Media Player 6.3/7 per Mac e Windows Media Player 6.4 per il PC non supportano Windows Media Rights Management Version 7).
    E' importante che ti renda conto che il tuo download non potrà essere effettuato se non disponi della versione Windows Media Player richiesta."


    Se queste sono le loro premesse.........ma tanto non è mai interessato a nessuno vendere musica bbasso costo, qual'è la loro convenienza in un regime di MONOPOLIO, hanno fatto e continuano a fare il bello e cattivo tempo nella normale distribuzione, ora lo vogliono fare anche on line e se possono guadagnare 10 perchè dovrebbero accontentarsi di 5? per fare un favore a noi utenti?????? ma se vogliono le doppie royality sul doppiio supporto wma\cda.......
    non+autenticato
  • Come se non bastasse, sta a te poi dimostrare che le tracce masterizzare in quel supporto anonimo sono tracce regolarmente acquistate e non roba pirata.
    Immagino gia' le discussioni...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Mi spiegate qual'è la convenienza di
    > acuistare musica on line.


    Nessuno, ti fregano gli stessi soldi di prima, solo che stavolta non pagano nemmeno il camionista che porta il cd a negozio, non pagano il supporto e non pagano nemmeno il libretto interno. Ma la cifra alla fine è la stessa, che furbi eh? Bravo pure Peter Gabriel, cominci a morire di fame pure lui, tanto da quello che ho sentito delle sue produzioni, ultimamente, per me come cantante è finito.
    non+autenticato
  • > > Mi spiegate qual'è la convenienza di
    > > acuistare musica on line.
    >
    > Nessuno, ti fregano gli stessi soldi di
    > prima, solo che stavolta non pagano nemmeno
    > il camionista che porta il cd a negozio, non
    > pagano il supporto e non pagano nemmeno il
    > libretto interno. Ma la cifra alla fine
    > è la stessa,

    Esatto. Questo è un aspetto che, chissà perché, non viene mai messo in risalto dai fornitori di comunicati stampa (giornalisti).


    > che furbi eh? Bravo pure
    > Peter Gabriel, cominci a morire di fame pure
    > lui, tanto da quello che ho sentito delle
    > sue produzioni, ultimamente, per me come
    > cantante è finito.

    Peter Gabriel è finito da un pezzo come artista. Come manager invece dimostra di non avere perso il fiuto per i buoni affari.

    Alla fine, a rimetterci siamo sempre noi consumatori.

    non+autenticato
  • >ma se
    > vogliono le doppie royality sul doppiio
    > supporto wma\cda.......

    Farei notare che le doppie roylaties le vogliono gli artisti, non le case discografiche "succhiasangue"!
  • io di sicuro non le compro, compro solo cose a 44100 khz PCM registrate bene, le cose compresse al massimo van bene da scaricare gratis come preview.
    non+autenticato
  • Non capiscono un kazoo....upsSorride Troll
    4724
  • se anche il prezzo fosse compresso, perché no?
  • Questo messaggio è stato spostato da Avvelenato perché ritenuto più adatto al presente forum. Il moderatore l'aveva originariamente postato nel forum ghetto X
    . **************************************************************
    - Scritto da: avvelenato
    > se anche il prezzo fosse compresso,
    > perché no?

    Il problema è che il prezzo attuale è già di per sé fin troppo espanso... Non so poi quanto sia giusto pagare "a canzone"... Andrà a finire che dovremmo pagare a tempo (come vorrebbe quell'organizzazione ambigua e dalle politiche nebbiose chiamata SIAE*), come se la qualità di un artista o di un contenuto fosse equiparabile alla durata.
    Così un intero disco punk con canzoni da 2 minuti mi costa 5 volte tanto che un disco jazz con brani da 10-15 minuti...

    Un MaurizioB a cui non va giù una remunerazione errata degli artisti, in presenza di un "rimborso" eccessivo nei confronti dei mercenari che sfornano "musica".

    Saluti

    *nota di avve.

    ho reputato corretto sostituire l'insulto originale dedicato, che ha causato tanto trambusto, con la frase tra parentesi che tenta in qualche modo di lasciare inalterato il contenuto, moderando il tono, per quei bigottoni che reputano cinque lettere così pericolose e fastidiose da meritare non solo uno spostamento, ma addirittura uno spostamento in un forum ghettizzato e spazzatura. Come se il post in questione ostacolasse in qualche modo lo svolgersi dei commenti e delle discussioni alla notizia...bah.
  • > io di sicuro non le compro, compro solo cose
    > a 44100 khz PCM registrate bene, le cose
    > compresse al massimo van bene da scaricare
    > gratis come preview.

    Non si possono accontentare tutti. Chi mette su un'impresa deve puntare al massimo numero di utenti e massimo introito. E alla stragrande maggioanza degli utenti onesti, disposti a pagare, le tracce compresse van bene.

  • - Scritto da: Ekleptical
    > > io di sicuro non le compro, compro solo
    > cose
    > > a 44100 khz PCM registrate bene, le cose
    > > compresse al massimo van bene da
    > scaricare
    > > gratis come preview.
    >
    > Non si possono accontentare tutti. Chi mette
    > su un'impresa deve puntare al massimo numero
    > di utenti e massimo introito. E alla
    > stragrande maggioanza degli utenti onesti,
    > disposti a pagare, le tracce compresse van
    > bene.

    Come no, e scaricatele tu allora, di roba compressa ed evirata ce ne sta già abbastanza in giro, cd protetti per primi.

    Ormai mi sono ridotto a comprare un cd ogni 3 mesi, ma fra poco neanche quello, è finita l'epoca di Sultan of Swing, ora uno deve sborsare 20 euro per una boiata immonda di disco.
    Mi accontenterò dei concerti e di qualche cd offerta: care major, da oggi in poi i vostri droga-modella-Ferrari party li farete con 20 euro in meno, i miei.
    non+autenticato
  • > Come no, e scaricatele tu allora, di roba
    > compressa ed evirata ce ne sta già
    > abbastanza in giro, cd protetti per primi.

    Veramente sono abbonato ai servizi di OD2 da tipo 8 mesi! Ho già comprato un tot di brani online da loro e altri servizi. Sto mese ci ho già speso una 50ina di euro sui brani online.

    Io i CD non li compro più, se si può. L'online è molto più conveniente.
  • - Scritto da: Ekleptical
    > Non si possono accontentare tutti. Chi mette
    > su un'impresa deve puntare al massimo numero
    > di utenti e massimo introito. E alla
    > stragrande maggioanza degli utenti onesti,
    > disposti a pagare, le tracce compresse van
    > bene.

    Ma possibile che debba sempre parlare da imprenditore e mai da utente/compratore/consumatore ?
    Di un po' ma tu quando devi comprare la musica sei compratore o venditore?
  • > Ma possibile che debba sempre parlare da
    > imprenditore e mai da
    > utente/compratore/consumatore ?
    > Di un po' ma tu quando devi comprare la
    > musica sei compratore o venditore?

    Io sono un compratore e da compratore i brani online mi vanno benissimo...e visto l'ampio giro dei servizi appositi, direi che non sono il solo.
    Del resto, visto che i CD non li volete comprare, ad un certo punto spariranno dalla piazza e saluti. Per quanto mi riguarda, come fervente compratore, sono morti. Se c'è l'album online, che mi costa la metà, il CD se lo possono tenere sul bancone.