Wired, ecco i vaporware 2003

Ai vertici della classifica 2003 ancora videogame di cui si chiacchiera ma che non si vedono. A seguire PDA da polso e gioiellini hi-tech che riempiono, per ora, solo visionarie brochure

Internet - Per il settimo anno consecutivo, l'edizione on-line del celebre magazine Wired ha stilato in collaborazione con i propri lettori la classifica dei "vaporware", termine utilizzato per indicare quei prodotti che, seppur annunciati da tempo, non sono ancora apparsi sul mercato (e non è detto che vi appaiano mai...).

Ancor più dello scorso anno, le prime posizioni della nuova classifica Vaporware sono dominate dai videogiochi.

Nel 2003 la palma di prodotto "fantasma" andò al gioco Duke Nukem Forever, la cui data di uscita, tanto per cambiare, è appena slittata al 2005. Questo titolo si è riconfermato il più votato dell'anno ma, anziché riassegnargli la prima posizione della classifica, Wired ha preferito inventarsi un nuovo "premio", il Lifetime Achievement Award.
Stranamente, fra i primi 10 vaporware di quest'anno non compare Doom III, terza rivisitazione di uno dei capostipiti dei "first person shooter".

Quest'anno i lettori di Wired hanno votato in massa Half-Life 2, l'attesissimo - appunto - titolo videoludico di Valve. Oltre ai vari ritardi legati allo sviluppo del gioco, Half Life 2 è stato di recente protagonista di un clamoroso furto di codice, poi apparso su Internet, che ne ha ulteriormente spostato la data di uscita di alcuni mesi (si parla di aprile). Secondo alcuni fan del gioco, la porzione di codice trafugato non giustificherebbe un nuovo e così importante ritardo nella commercializzazione di Half Life 2: da qui il sospetto che Valve abbia utilizzato il furto per coprire contrattempi di altro tipo.

Il secondo vaporware del 2003 è Fallout 3, altro sequel di un illustre titolo per PC il cui team di sviluppo, Black Isle Studios, è stato recentemente sciolto dall'editore Interplay. "Nonostante sia ben noto che il gioco è defunto, l'azienda continua a voler far credere che il progetto sia ancora vivo e vegeto", commenta Wired.

La terza posizione è toccata a Phantom, console da gioco che la piccola società americana Infinium Labs promise di rilasciare entro la fine del 2003. Di questa console si sa ancora poco o nulla e, fino alla recente presentazione della line-up di sviluppatori e di titoli, non erano pochi quelli che la ritenevano soltanto una bufala.

Al quarto posto c'è un altro gioco di Valve, Team Fortress 2, il cui primo annuncio venne dato cinque anni or sono e di cui, a oggi, non si hanno ancora notizie precise. Fra i giocatori c'è chi inizia a credere che questo titolo farà la fine di Duke Nukem Forever: ogni anno è quello buono... per rimandare al prossimo.

Nelle ultime sei posizioni della classifica Vaporware i giochi escono di scena per far posto a gadget hi-tech che, pur se promessi da tempo, sembrano avere una forte allergia agli scaffali dei negozi. Fra questi il prodotto più votato è stata la Wi-Fi SD Card per Palm di SanDisk, una scheda wireless che sarebbe dovuta uscire sul mercato all'inizio dello scorso anno e che, fino a questo momento, si è vista solo nella versione per Pocket PC.

Al sesto posto c'è RealPC, un emulatore x86 per Mac, seguito da vicino dall'HDTV di TiVo, un videoregistratore digitale per la TV ad alta definizione.

L'ottavo gradino è occupato dal Wrist PDA, il palmare da polso annunciato nel 2002 da Fossil e basato su PalmOS. Nonostante l'azienda abbia svelato da tempo i modelli che comporranno la sua linea di PDA da indossare, la loro data di uscita sul mercato è ancora avvolta da una fitta nebbia.

Il penultimo vaporware del 2003 è Amiga OS 4.0, un sistema operativo che, nonostante sia già stato protagonista di alcune dimostrazioni dal vivo, non è ancora stato commercializzato. "Forse non è una coincidenza - scrive Wired - che Amiga occupi la stessa nona posizione dei Vaporware Awards che lo scorso anno le fu assegnata dai lettori per non essere riuscita a lanciare sul mercato le tanto promesse macchine Amiga. L'hardware è ora finalmente apparso, ma il sistema operativo è ancora mancante".

In coda alla classifica c'è RadioSHARK, un dispositivo per Mac che dovrebbe fornire all'utente funzioni avanzate per la registrazione programmata di trasmissioni radio AM/FM e via Internet.
TAG: hw
21 Commenti alla Notizia Wired, ecco i vaporware 2003
Ordina
  • ri tentativi di realizzare un desktop lino, tutti ne parlano tutti lo mettono in cantiere, ibm sun ecc... ma fino ad ora mai visto uno in vendita.

    Si in qualche lido sconosciuto ci sara un oscuro negozietto che vende pc lino, ma sara vero oppure sono solo legende metropolitane.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ri tentativi di realizzare un desktop lino,
    > tutti ne parlano tutti lo mettono in
    > cantiere, ibm sun ecc... ma fino ad ora mai
    > visto uno in vendita.
    >

    ... magari perchè ci sono desktop come gnome e KDE che sono belli, funzionali e gratis ?...

    > Si in qualche lido sconosciuto ci sara un
    > oscuro negozietto che vende pc lino, ma sara
    > vero oppure sono solo legende metropolitane.
    non+autenticato
  • Un software promesso da tempo immemorabile:
    si tratta dell'emulatore PowerPC (Macintosh) per Windows, il "SoftMac Professional".A bocca storta

    L'1 aprile 2003 è stata rimandata ulteriormente l'uscita di questo emulatore, annunciato nel 2000.Deluso

    Direi che entra di diritto nella classifica VaporWare!Ficoso
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Un software promesso da tempo immemorabile:
    > si tratta dell'emulatore PowerPC (Macintosh)
    > per Windows, il "SoftMac Professional".A bocca storta
    >
    > L'1 aprile 2003 è stata rimandata
    > ulteriormente l'uscita di questo emulatore,
    > annunciato nel 2000.Deluso
    >
    > Direi che entra di diritto nella classifica
    > VaporWare!Ficoso
    Ma l'articolo dice:
    "Al sesto posto c'è RealPC, un emulatore x86 per Mac"
    Scusa, non è la stessa cosa? Come concetto intendoOcchiolino
    non+autenticato

  • Diciamo che stiamo aspettando da circa 10 anni??? Però 600 euro per la motherboard e il G3 sono un po' tanti...

    TAD

    Che è un amighista di vecchissima data e che considera ancora oggi Amiga il computer più avanzato e futuristico della storia
  • Amiga ERA un'ottima architettura ai suoi tempi, sicuramente molto avanti rispetto ai concorrenti.
    Attualmente le cose stanno diversamente,un'architettura proprietaria dalla diffusione cosi' limitata e dall'elevato costo abbassa notevolmente il rapporto prezzo/prestazioni a proprio sfavore.
    Inoltrele AmigaONE sono basate su hardware di un anno fa, quindi considerando il rapido sviluppo che si ha oggi nel settore informatico, sono già obsolete...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Amiga ERA un'ottima architettura ai suoi
    > tempi, sicuramente molto avanti rispetto ai
    > concorrenti.

    Cosa aveva di particolare questo computer? Non ho mai avuto un Amiga (avevo il Commodore Plus 4, pero' Sorride), pero' ai miei compagni di liceo brillavano sempre gli occhi quando ne parlavano.
    non+autenticato
  • dunque vediamo se mi ricordo: a livello di architettura hardware la caratteristica + intelligente era quella di avere un set di processori dedicato a varie operazioni specializzate che alleggerivano notevolmente l'uso del processore (che ai tempi montava la serie motorola 68000) - in + mettiamoci un sistema operativo unix-like - ma grafico tipo windows - a multitasking preemptive che all'epoca i pc dos (era l'epoca del 386) potevano sognarselo

    - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Amiga ERA un'ottima architettura ai suoi
    > > tempi, sicuramente molto avanti
    > rispetto ai
    > > concorrenti.
    >
    > Cosa aveva di particolare questo computer?
    > Non ho mai avuto un Amiga (avevo il
    > Commodore Plus 4, pero'Sorride), pero' ai miei
    > compagni di liceo brillavano sempre gli
    > occhi quando ne parlavano.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > dunque vediamo se mi ricordo: a livello di
    > architettura hardware la caratteristica +
    > intelligente era quella di avere un set di
    > processori dedicato a varie operazioni
    > specializzate che alleggerivano notevolmente
    > l'uso del processore (che ai tempi montava
    > la serie motorola 68000) - in + mettiamoci
    > un sistema operativo unix-like - ma grafico
    > tipo windows - a multitasking preemptive che
    > all'epoca i pc dos (era l'epoca del 386)
    > potevano sognarselo

    Pero'! Ma allora come mai mori'? Ho letto in una guida che l'Amiga fu per la Commodore un successo paragonabile al C64.
    Azzardo alcune ipotesi:
    _ costo elevato (niente cloni);
    _ concorrenza piu' furba;
    _ macchina di difficile apprendimento rispetto al PC.

    Ma il 386 aveva comunque il multitasking pur non essendo sfruttato da Dos, giusto?
    non+autenticato
  • credo che essenzialmente morì perchè non avesse componenti HW upgradabili come il pc dove, IN TEORIA (molto limitatamente), se per esempio vuoi potenziare il tuo pc ti compri + memoria, una scheda grafica + potente, un processore + veloce ecc... mentre con l'amiga avresti dovuto cambiare completamente macchina
    x quanto riguarda il multitasking, a parte il processore (motorola) che era predisposto ad un multitasking "naturale" (era infatti usato ache nei mac) e non "forzato" come i pc, per avere un vero multitasking dovevi installarci UNIX (x il costo allora di Xmilioni) che non aveva proprio nella grafica il suo maggiore punto di forza, come invece amiga



    - Scritto da: Anonimo

    > Pero'! Ma allora come mai mori'? Ho letto in
    > una guida che l'Amiga fu per la Commodore un
    > successo paragonabile al C64.
    > Azzardo alcune ipotesi:
    > _ costo elevato (niente cloni);
    > _ concorrenza piu' furba;
    > _ macchina di difficile apprendimento
    > rispetto al PC.
    >
    > Ma il 386 aveva comunque il multitasking pur
    > non essendo sfruttato da Dos, giusto?
    non+autenticato
  • ... e anche perchè la stragrande maggioranza degli utenti, che possedeva la versione A500, il massimo che ci metteva sopra era l'espansione di 512 KBytes. Usavano la macchina come una console. Questo mentre i MHz e le capacità multimediali crescevano sui PC. Nel '96, quando la produzione dei giochi cessò quasi completamente e costoro si trovarono chiappe a terra, inveirono contro l'avanzare dei tempi. Asciugatesi le lacrime, hanno comprato Pentium e PS-X ...

    ... senza considerare le folli politiche di Commodore ...

    Saluti,

    Piwi
    non+autenticato

  • > Cosa aveva di particolare questo computer?

    Nel 1985, quando i PC più potenti e costosi visualizzavano al massimo 16 colori in 320x200, Amiga ne visualizzava 4096 in 640x512.

    Nel 1985, quando i PC al massimo facevano beep, lui aveva sonoro digitale stereo a quattro canali indipendenti.

    Nel 1985, quando i PC al massimo avevano il dos, lui aveva una sistema operativo multitasking che girava da Dio con 256k di ram.

    Ecco cosa aveva di straordinario.

    TAD

    Che si emoziona ancora guardando e usando il suo 1200

  • - Scritto da: TADsince1995
    >
    > Diciamo che stiamo aspettando da circa 10
    > anni??? Però 600 euro per la
    > motherboard e il G3 sono un po' tanti...
    >
    > TAD
    >
    > Che è un amighista di vecchissima
    > data e che considera ancora oggi Amiga il
    > computer più avanzato e futuristico
    > della storia

    un G3? tutto qui?
    non+autenticato
  • > > anni??? Però 600 euro per la
    > > motherboard e il G3 sono un po' tanti...
    > >
    > un G3? tutto qui?

    Sorride Nell'architettura Amiga non c'è una sola CPU ad occuparsi delle varie funzioni... o almeno, così era.

    Io ebbi un 1200 con processore 68030 e ben 6 Mb di RAM (quando costava una follia la RAM)... mi è sempre mancato il linguaggio rexx sotto windows (fra le altre cose).

    Sigh
    non+autenticato

  • - Scritto da: TADsince1995
    >
    > Diciamo che stiamo aspettando da circa 10
    > anni??? Però 600 euro per la
    > motherboard e il G3 sono un po' tanti...
    >
    > TAD
    >
    > Che è un amighista di vecchissima
    > data e che considera ancora oggi Amiga il
    > computer più avanzato e futuristico
    > della storia

    Amiga per sempre!

    P.S.
    Voglio l'iconcina con Amiga insieme a quelle di win, macos e linux.
    non+autenticato