Claudio Tamburrino

Fisco, per l'UE č il tempo della Mela

Ufficialmente al via l'indagine fiscale nei confronti dell'Irlanda, di Apple e delle strategie adottate per pagare meno tasse possibile

Roma - Sono state confermate le indiscrezioni che volevano la Commissione europea pronta ad accusare la politica fiscale irlandese e la conseguente posizione di Apple: Bruxelles ha ufficialmente aperto una procedura d'infrazione nei confronti dell'Irlanda per l'aliquota agevolata fornita a Cupertino.

Si tratta delle prime conclusioni di una indagine preliminare avviata lo scorso giugno nei confronti di alcuni paesi membri sospettati di aver garantito aiuti di stato ad aziende multinazionali attraverso una tassazione compiacente che permette alle stesse di sfruttare il meccanismo della liberà circolazione dei mezzi garantito dal mercato unico europeo: in quella sede erano stati riconosciuti come obiettivi espliciti dell'investigazione le aliquote agevolate di Lussemburgo, Paesi Bassi ed Irlanda, e quelle aziende con più divisioni ed affiliate, tra cui Apple, Starbucks e Fiat, che riescono a sfruttare diversi escamotage fiscali per pagare il meno possibile alle autorità nazionali.

A rischiare di rimanere per primo bruciati sotto la lente d'ingrandimento di Bruxelles sono tuttavia l'Irlanda ed Apple: accusate di aver stretto rapporti privilegiati (in particolare con due accordi sottoscritti nel 1991 e nel 2007) attraverso i quali l'azienda godeva di una tassazione ritagliata ad hoc sui suoi interessi mentre il paese vedeva passare nelle proprie casse la gran parte della fatturazione europea con la Mela e favoriva la creazione di posti di lavoro grazie all'insediamento dei centri direttivi di Apple sul proprio territorio.
Pur non avendo poteri diretti sulle politiche fiscali dei singoli stati membri, secondo una prima analisi delle autorità europee la disciplina tributaria garantita dall'Irlanda ad Apple costituirebbe una forma di aiuto statale a favore di Cupertino, illegale per la normativa europea.

Difatti, secondo la prima indagine vi sarebbero "diverse incongruenze" nella storia tributaria irlandese di Apple.

Nei confronti di Apple, peraltro, già diversi paesi tra cui l'Italia e l'Australia avevano aperto indagini ad hoc.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessUE contro Apple per le tasse d'IrlandaLa Commissione sembra pronta ad intervenire nei confronti dei sistema fiscale favorevole garantito alle multinazioni dal fisco dell'isola verde. Si parla di tassazione retroattiva o di multe salate
  • AttualitàApple aggira il fisco australiano?L'indagine di una testata locale svela il meccanismo dietro le manovre di Cupertino. Il profitto viene dirottato tutto in Irlanda, per giovarsi del massimo risparmio garantito dalle norme locali
  • AttualitàApple, le tasse e l'ItaliaAncora polemiche dopo la diffusione delle cifre del fatturato 2013 della filiale di Cupertino nel Belpaese. Nessuna regola č stata violata: ma la questione delle triangolazioni fiscali tiene banco
7 Commenti alla Notizia Fisco, per l'UE č il tempo della Mela
Ordina
  • "giugno 2014 (...) in quella sede erano stati riconosciuti come obiettivi espliciti dell'investigazione le aliquote agevolate di Lussemburgo, Paesi Bassi ed Irlanda," whoa. intuito e rapidita' sono davvero segni distintivi degli euroburocrati.
    Probabilmente entro il 2035 riusciranno anche ad emettere provvedimenti per unificarle, queste benedette aliquote.... tanto non c'e' fretta...
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > "giugno 2014 (...) in quella sede erano stati
    > riconosciuti come obiettivi espliciti
    > dell'investigazione le aliquote agevolate di
    > Lussemburgo, Paesi Bassi ed Irlanda," whoa.
    > intuito e rapidita' sono davvero segni distintivi
    > degli euroburocrati.

    Eh, la fai facile. Tutti i pezzi grossi della finanza mondiale fanno soldi grazie a questi giochetti, e poi sono gli stessi che stanno alle leve del potere politico o lo influenzano pesantemente.
  • - Scritto da: bradipao
    > - Scritto da: bubba
    > > "giugno 2014 (...) in quella sede erano stati
    > > riconosciuti come obiettivi espliciti
    > > dell'investigazione le aliquote agevolate di
    > > Lussemburgo, Paesi Bassi ed Irlanda," whoa.
    > > intuito e rapidita' sono davvero segni
    > distintivi
    > > degli euroburocrati.
    >
    > Eh, la fai facile.
    beh non facilissima, dai... ho scritto che ci metteranno 21 anniSorride.
    Nel mentre, magari, tutti avranno spostato le sedi in qtar, la nuova "piu' grande democrazia (economico-finanziaria) del mondo"Occhiolino
    non+autenticato
  • insomma quando i fessi scoprono le magagne dei potenti, i potenti fanno finta di andarci con la mano pesante, ma in realtà organizzano la migrazione dei loro capitali ed attività in luoghi "più segreti"

    poi il nuovo luogo segreto viene scoperto dalla massa e ricomincia la giostra

    si, in effetti hai espresso quello che avviene nella realtà

    e la cosa che a questi qui dà più fastidio sai qual è? il fatto che oggi pure il padroncino del Nord Est ha i mezzi per mettere i suoi soldi nei paradisi fiscali, cosa che in passato non era possibil, se non per i grossi capitalisti
    non+autenticato
  • qatar Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > qatar Con la lingua fuori

    Beh, dai, c'è mica la moda dei siti senza una vocale, tipo Flickr o Tumblr? Fossi in te brevetterei il termine Qtar, potrebbe essere un'idea per il loro prossimo sito istituzionale Occhiolino
    Izio01
    4027
  • "che permette alle stesse di sfruttare il meccanismo della liberà circolazione dei mezzi"

    Libera.