RIAA spara 532 nuove denunce

Questa volta però non conosce i nomi degli utenti P2P che ritiene colpevoli di aver scambiato illecitamente quantità massicce di musica. Il nuovo attacco è una risposta a chi sperava che la crociata antiP2P avesse subito un rallentamento

Washington (USA) - I discografici della RIAA hanno denunciato 532 utenti americani di cui non conoscono l'identità: sono tutti accusati di aver posto illegalmente in condivisione grandi quantità di brani musicali protetti.

La raffica di denunce non è solo la più ampia tra quelle fin qui fatte partire dalle major statunitensi ma è anche la prima che avviene alla cieca, in quanto come noto non è più possibile alla RIAA ottenere direttamente dai provider i nomi degli abbonati che si ritiene coinvolti in attività di condivisione. Le major hanno in mano soltanto il numero IP e il momento in cui è stato rilevato, associato ad un elenco dei file che il computer a cui quell'IP era assegnato poneva in condivisione.

I legali dell'industria hanno spiegato che le persone denunciate avrebbero tutte poste in condivisione più di 800 brani musicali. Questo significa che, se verranno riconosciuti colpevoli, ciascuno di loro potrà trovarsi a dover pagare multe e danni per molte migliaia di dollari.
Ciò che appare ovvio, comunque, è che la nuova iniziativa legale sia stata decisa dalla RIAA per ribadire il concetto che la propria battaglia contro la pirateria via internet è tutto meno che finita, nonostante la difficoltà rappresentata dal dover denunciare ignoti. In passato, infatti, la possibilità di contattare direttamente molti degli utenti aveva consentito alla RIAA di chiudere con loro accordi extragiudiziali.

"La nostra campagna contro i condivisori illegali di musica - ha dichiarato il presidente della RIAA, Cary Sherman - non perde colpi. Il messaggio agli utenti illegali dovrebbe essere più chiaro che mai".

Come si ricorderà, nei giorni scorsi per la prima volta dall'inizio della crociata della RIAA contro gli utenti del P2P, sono stati resi noti i dati che parlano di una nuova crescita nell'uso dei sistemi peer-to-peer. Difficile dubitare che le denunce depositate dalle major nelle scorse ore non abbiano a che fare con questo dato.
TAG: p2p
96 Commenti alla Notizia RIAA spara 532 nuove denunce
Ordina
  • ho scaricato un film " amatoriale la mummia", nn ha titoli per me lo puo aver girato anche il mio vicino di casa , un po si asomiglia anche, lo posso tenere??
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ho scaricato un film " amatoriale la
    > mummia", nn ha titoli per me lo puo aver
    > girato anche il mio vicino di casa , un po
    > si asomiglia anche, lo posso tenere??

    si che lo puoi tenere!

    i katanka - http://tinyurl.com/2p4f4
    non+autenticato
  • Farebbero bene a spararsi un colpo in testa!
    Vedo che di strategie di marketing ci capiscono molto!
    :)
    non+autenticato
  • Io in casa ho un migliaio d'euro in cd originali, comprati sopratutto ai tempi in cui la musica era musica e non spazzatura "tunz tunz tunz" come oggi. Li guardo, in bella mostra nella mia libreria, e penso "è finita qui". E' finita qui perchè non ne compro più, quello che gira adesso mi fa troppo schifo per essere definito musica. Ovviamente son gusti... l'ultimo disco che ho preso è stato Abba Gold, lo so che ci devo fare sono un vecchiaccio.

    Oggi la musica non la si ascolta, la si consuma, come una sigaretta: esce il gruppetto di fighetti impellicciati circondati da fighette sculettanti (le suffragette si rivolterebbero nella tomba), intonano quattro ritornelli messi in croce ed il cd è pronto. Poi basta, fra qualche mese non lo ascolti più, e loro sono spariti, chi a fare il baby sitter, chi in fabbrica a fare i turni.
    Francamente, mi pare che anche a suo tempo, senza p2p, la gente non comprasse nulla: i tappeti stesi in mezzo alla strada con cd e cassette copiate si sprecavano/sprecano, la gente che affitta i cd e se li copiava/copia bellamente c'era e c'è, il passamano di cd tra amici/parenti/conoscenti era ed è da non credere.
    E questo accadeva con buona (relativamente) musica! Oggi nell'era dell'usa e getta e della musica (relativamente) spazzatura, vuoi che la gente spenda i 20 euro che non spendeva nemmeno prima? A maggior ragione venderanno sempre meno, per un prodotto sempre più scadente.

    Vogliono la fine del p2p illegale? Ok, ma dopo tornerà tutto come prima, ossia copiare copiare copiare... cosa si inventeranno dopo? Il balzello sui cd come risarcimento per quello che hanno speso in avvocati per trascinare in tribunale vecchietti e bambini inconsapevoli?
    Questa storia dimostra solo come l'arroganza del potere non riesce a venire a patti con le esigenze della gente: meno Blue, più Dire Straits, dico io.

    Ovviamente IMHO, astenersi dagli insulti pregoOcchiolino
    non+autenticato
  • Lay all your loooooove on meeeeeeeeeeeeeeee !!!!!
    Mitico Abba Gold!!!!Occhiolino
    4724
  • Perché di gente che ragiona bene come te al mondo ce n'è così poca?!!!!:)

    Anche io la penso pressappoco così. A me se un CD piace me lo compro (ultimo Nomadi 40). Se invece magari ascolto una canzoncina idiota, cantata da, appunto, quattro fighetti, che si... li per li mi piace ma so che poi non l'ascolterò più, magari me la scarico da kazaa e la consumo, come dici te, oppure me la copio da qualcuno che ha il CD. Senza kazaa magari me la registrerei da radio o ne farei a meno, continuando a comprare quello che davvero mi piace.
  • > Io in casa ho un migliaio d'euro in cd
    > originali, comprati sopratutto ai tempi in
    > cui la musica era musica e non spazzatura
    > "tunz tunz tunz" come oggi. Li guardo, in
    > bella mostra nella mia libreria, e penso
    > "è finita qui". E' finita qui
    > perchè non ne compro più,
    > quello che gira adesso mi fa troppo schifo
    > per essere definito musica. Ovviamente son
    > gusti... l'ultimo disco che ho preso
    > è stato Abba Gold, lo so che ci devo
    > fare sono un vecchiaccio.
    >
    > Oggi la musica non la si ascolta, la si
    > consuma, come una sigaretta: esce il
    > gruppetto di fighetti impellicciati
    > circondati da fighette sculettanti (le
    > suffragette si rivolterebbero nella tomba),
    > intonano quattro ritornelli messi in croce
    > ed il cd è pronto. Poi basta, fra
    > qualche mese non lo ascolti più, e
    > loro sono spariti, chi a fare il baby
    > sitter, chi in fabbrica a fare i turni.
    > Francamente, mi pare che anche a suo tempo,
    > senza p2p, la gente non comprasse nulla: i
    > tappeti stesi in mezzo alla strada con cd e
    > cassette copiate si sprecavano/sprecano, la
    > gente che affitta i cd e se li copiava/copia
    > bellamente c'era e c'è, il passamano
    > di cd tra amici/parenti/conoscenti era ed
    > è da non credere.
    > E questo accadeva con buona (relativamente)
    > musica! Oggi nell'era dell'usa e getta e
    > della musica (relativamente) spazzatura,
    > vuoi che la gente spenda i 20 euro che non
    > spendeva nemmeno prima? A maggior ragione
    > venderanno sempre meno, per un prodotto
    > sempre più scadente.
    >
    > Vogliono la fine del p2p illegale? Ok, ma
    > dopo tornerà tutto come prima, ossia
    > copiare copiare copiare... cosa si
    > inventeranno dopo? Il balzello sui cd come
    > risarcimento per quello che hanno speso in
    > avvocati per trascinare in tribunale
    > vecchietti e bambini inconsapevoli?
    > Questa storia dimostra solo come l'arroganza
    > del potere non riesce a venire a patti con
    > le esigenze della gente: meno Blue,
    > più Dire Straits, dico io.
    >
    > Ovviamente IMHO, astenersi dagli insulti
    > pregoOcchiolino


    quoto tutto.

    Fan Linux
    Akiro
    1907
  • 1 cd = 5?

    1000? = 200

    ora 200 cd = 3400

    Problema risolto....che c'è da dire ancora?Non se ne può più...questa sera ho rivisto "Orizzonti di Gloria". Di certo chi lo conosce bene non potrà non notare nelle problematiche relative ai costi, diritti d'autore e quant'altro, un atteggiamento molto simile a quello degli ufficiali quando si tratta di interessi personali: tutte le problematiche che sono scontate per molti, che qualunque persona vede e comprende, certi individui riescono a rigirarle nei modi più incredibili pur di vedere le proprio ambizioni(di guadagno, di gloria e megalomania) realizzate...
    non+autenticato
  • Io vorrei anche farmi un bel cd fiammante piratato, ho trovato su dc++ canzoni in mp3 alla massima qualita' o addirittura in wav che non fanno rimpiangere per nulla l'originale e mio fratello si è comprato una nuova stampante fotografica percio' il risultato finale sarebbe veramente una chicca......

    MA non c'e' niente che mi piace in linea di massima su questa musica del cavolo! tutte schifezze commerciali

    Ma, mi faro' una compilation
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Io vorrei anche farmi un bel cd fiammante
    > piratato, ho trovato su dc++ canzoni in mp3
    > alla massima qualita' o addirittura in wav
    > che non fanno rimpiangere per nulla
    > l'originale e mio fratello si è
    > comprato una nuova stampante fotografica
    > percio' il risultato finale sarebbe
    > veramente una chicca......
    >
    > MA non c'e' niente che mi piace in linea di
    > massima su questa musica del cavolo! tutte
    > schifezze commerciali
    >
    > Ma, mi faro' una compilation

    comprarsi una chitarra o una tastiera no eh?Con la lingua fuori
  • Questa e' una guerra a colpi di carta bollata condotta da avvocati, piu' va a vanti e meglio e'.

    Questi non suggeriranno mai di abbasare i prezzi... per poi ritrovarsi loro senza lavoro.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)