Claudio Tamburrino

Samsung, un trimestre con cui fare i conti

La concorrenza aumenta sul mercato mobile di fascia alta e di fascia bassa, i margini diminuiscono e il settore dei laptop non promette faville. Le anticipazioni sulla trimestrale prevedono un calo dei profitti, il primo dal 2011

Roma - Nell'ultimo trimestre finanziario, secondo le stime che anticipano l'annuncio dei numeri ufficiali, Samsung ha segnato un fatturato da 47mila miliardi di won coreani ed un profitto operativo di 4.100 miliardi di won (poco meno di 4 miliardi di dollari e poco più di 3 miliardi di euro).

Si tratta di un risultato affatto confortante per la coreana, che rispetto ai 7,19 trilioni di won dell'anno scorso scende quasi del 60 per cento e che per la prima volta dal 2011 vede i suoi profitti calare.

A non far decollare i mesi tra luglio e settembre 2014 e a rosicchiare i guadagni sono le performance deludenti della divisione mobile, soprattutto a causa di margini di profitto sempre più sottili: segni di questo trend erano già emersi nella trimestrale precedente, ma ad aver inflitto un duro colpo potrebbe essere stato il lancio dei nuovi melafonini.
A far soffrire Samsung è, infatti, dal lato dei dispositivi high end la concorrenza di Apple, mentre da quello dei dispositivi di fascia bassa la concorrenza di Lenovo, Xiaomi e dei produttori cinesi in grado di offrire alternative a costi contenuti.

Insomma, Samsung sembra dover trovare una soluzione per sbloccare la situazione sul fronte mobile: il rischio è quello di ritrovarsi a combattere in un settore stagnante com'è da qualche anno quello dei laptop, mercato a cui Samsung ha già rinunciato in Europa, o di rimanere staccata come già successo a Sony.

Tra le speranze di Samsung per i prossimi mesi c'è il lancio del phablet Galaxy Note 4, presentato all'IFA, che potrebbe farle guadagnare qualche posizione per quanto riguarda i tablet: la grandezza degli schermi dei nuovi iPhone - che hanno raggiunto e superato quella dei dispositivi Galaxy - è stato infatti individuato tra i fattori critici per la domanda della coreana ed il nuovo device potrebbe da questo punto di vista rappresentare un'alternativa rilevante.

A rassicurare in parte Samsung è poi la divisione chip, che continua a crescere, e che ha spinto la coreana ad espandere il business investendo 14,7 miliardi di dollari in una nuova infrastruttura per la relativa produzione a sud di Seul.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessMicrosoft: Samsung è in debito di oltre un miliardoCon la pubblicazione dei documenti processuali dello scontro aperto questa estate, relativo a un contratto tra Redmond e la coreana, si fa luce sul mercato delle licenze Android. E la sulla montagna di soldi che fruttano a Redmond
  • BusinessIntel, il PC non piange piùRisultati trimestrali superiori alle aspettative per Chipzilla, che incamera ricavi record nella divisione PC e viene premiata dagli investitori in Borsa. Il comparto mobile va a picco, ma poco importa
  • BusinessLenovo, l'eccezione che conferma la crisiIl colosso cinese ottiene risultati in netta controtendenza rispetto al mercato informatico, e lo fa sia con i PC propriamente detti che con smartphone e tablet. Che nel prossimo anno verranno venduti a milioni
115 Commenti alla Notizia Samsung, un trimestre con cui fare i conti
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)