Claudio Tamburrino

Spagna, adios Google News?

La minaccia di un balzello da corrispondere agli editori per il diritto a linkare i loro contenuti spinge Mountain View a considerare di abbandonare il paese

Roma - Richard Gingras, responsabile mondiale di Google News, ha annunciato che l'aggregatore di notizie con la G maiuscola potrebbe rinunciare al mercato spagnolo.

A spingere Mountain View ad accarezzare l'idea di rimuovere il servizio dal paese è naturalmente la modifica alla legge sulla proprietà intellettuale spagnola (cui manca solo l'ultimo passaggio al Senato) ed in particolare l'art. 32.2 che impone il pagamento di un balzello da parte di tutti i siti che linkino a contenuti editoriali giornalistici.

Il tutto si deve ancora concretizzare, ma Google sta cercando di capire cosa il nuovo quadro normativo potrebbe comportare: così Gingras ha incontrato i vertici dell'Asociaciòn de Editores de Diarios Espanoles (AEDE) per cercare di capire quanto Google dovrebbe retribuire gli editori per avere il diritto a linkare i loro contenuti attraverso il suo aggregatore.
Mountain View, tuttavia, sembra aver decisamente cambiato strategia nei confronti di questo tipo di rivendicazioni di categoria trasformate in legge: non si oppone più strenuamente, ma semplicemente preferisce far pesare la propria assenza.
Così, come già fatto in Germania, dove alle proteste degli editori Google ha risposto realizzando i loro desideri di non comparire più sull'aggregatore (risultato che probabilmente si sarebbe potuto raggiungere anche con un intervento sugli algoritmi, piuttosto che con una causa legale), ora anche in Spagna afferma di esser pronta ad andarsene.

Nel frattempo, comunque, la Grande G resta alla finestra, per apprendere se il Senato, dopo il via libera della commissione istituita per la sua valutazione, darà effettiva luce verde alla nuova normativa, che potrebbe finire per riguarare non solo Mountain View ma anche social network come Facebook e Twitter: non sembrano d'altronde esserci salvaguardie specifiche per i link pubblicati dagli utenti e non direttametne dai gestori di un servizio.

A salvare la situazione potrebbe inoltre essere l'intervento dell'Europa, che però per il momento sembra aver ignorato la questione: secondo i netizen spagnoli raccolti in AUI (Asociaciˇn de Usuarios de Internet), addirittura, il Governo avrebbe mancato del tutto di avvertire Bruxelles dell'introduzione della nuova normativa (come sarebbe obbligata a fare trattandosi di questo settore). Madrid, comunque, ha risposto di aver "puntualmente informato" la Commissione Europea.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàItalia, una licenza per citareIl Consiglio dei Ministri ha varato una misura che minaccia Google News e gli altri aggregatori rendendo necessaria l'autorizzazione degli aventi diritto per qualsiasi condivisione o citazione online
  • AttualitàGoogle scrive al caro MurdochMountain View pubblica un post sul blog ufficiale per rispondere puntualmente alle accuse con cui News Corp vorrebbe convincere l'Europa punire Google per certe pratiche anticoncorrenziali
  • AttualitàGoogle, le anteprime degli altriMountain View realizza i desideri degli editori tedeschi: da ora in poi godranno di molta meno visibilitÓ sul motore di ricerca e sull'aggregatore di notizie Google News
16 Commenti alla Notizia Spagna, adios Google News?
Ordina
  • se vuoi la pubblicità devi pagare, non essere pagato ... bah!
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > se vuoi la pubblicità devi pagare, non essere
    > pagato ...
    > bah!

    Infatti, ora Google potrà rigirare il balzello (con maggiorazione e interessi) a chi vuole che le sue pagine vengano ancora indicizzate.
    Come avevo previsto fin dall'inizio di questa storia.
    Funz
    12975
  • "il pagamento di un balzello da parte di tutti i siti che linkino a contenuti editoriali giornalistici."

    si sono bevuti il cervello
    non+autenticato
  • "Mountain View, tuttavia, sembra aver decisamente cambiato strategia nei confronti di questo tipo di rivendicazioni di categoria trasformate in legge: non si oppone più strenuamente, ma semplicemente preferisce far pesare la propria assenza".

    Attenzione a fare pesare la prospia assenza, come nel film di Nanni Moretti Ecce bombo "mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente?".
    Potrebbe succedere come con i doppiatori italiani delle telenovelas che nel 1998 smisero di lavorare per non so quale vertenza sindacale. Le tv allora trasmisero quelle telenovelas (quasi tutte in spagnolo sudamericano) con i sottotitoli: un successo senza precedenti! Ad una grossa fetta del pubblico piacevano di più così.A bocca aperta
    Alla fine lo sciopero rientrò, guarda caso...
  • - Scritto da: Leguleio

    > Attenzione a fare pesare la prospia assenza

    Intendi "propria"?
    Qualunque cosa sia, sono positivo (no parlo bene italiano, scusi) che in Google lavori gente piuttosto intelligente e che abbiano considerato la cosa sotto diversi aspetti, partendo prima di tutto dai dati statistici che hanno solo loro.
    Dubito che si preoccupino di un allarme lanciato da un utente anonimo di un forum italiano.
  • > - Scritto da: Leguleio
    >
    > > Attenzione a fare pesare la prospia assenza
    >
    > Intendi "propria"?

    Sì.

    > Qualunque cosa sia, sono positivo (no parlo bene
    > italiano, scusi)

    Spiritoso.


    > che in Google lavori gente
    > piuttosto intelligente e che abbiano considerato
    > la cosa sotto diversi aspetti, partendo prima di
    > tutto dai dati statistici che hanno solo
    > loro.

    Ce li ho anche io, per quanto più grezzi: l'Italia nel mercato di internet conta poco o niente.
    E probabilmente pure la Spagna.


    > Dubito che si preoccupino di un allarme lanciato
    > da un utente anonimo di un forum
    > italiano.

    Non era un allarme, era una considerazione.
    Tra l'altro Google ancora non ha deciso nulla, sono voci di corridoio. Che cosa significhi esattamente "andarsene dalla Spagna", per ora, nessuno lo sa.
  • - Scritto da: Leguleio

    > > Qualunque cosa sia, sono positivo (no parlo
    > bene
    > > italiano, scusi)
    >
    > Spiritoso.

    mi riferivo al mio 'sono positivo che'


    > Ce li ho anche io, per quanto più grezzi

    Beh, tu sei da solo, Google invece ha team altamente specializzati.
    Tu non hai tutti i dati, Google è un'azienda con un valore di centinaia di miliardi di dollari grazie alla sua insuperata capacità di ottenere, archiviare, analizzare e far rendere i dati.


    > Non era un allarme, era una considerazione.

    'cave canem' è una considerazione?Sorride

    > Tra l'altro Google ancora non ha deciso nulla

    Mai scritto il contrario: qualsiasi cosa decida sono sicuro che sarà ben ponderata.
  • - Scritto da: Leguleio

    >
    > Attenzione a fare pesare la prospia assenza,

    Attenzione un par di balle.

    Il mercato spagnolo per google news vale meno di un pirito di mosca.
    Google puo' ben permettersi di ignorarlo.

    Mentre costoro ormai sono inseriti in un meccanismo di visibilita', uscendo dal quale entrano nel dimenticatoio senza passare dal via.

    Tu illuditi.

    Io intanto mi siedo sulla riva del fiume Enza (e vediamo se sei capace di cogliere la fine citazione) ad aspettare i cadaveri.
  • > >
    > > Attenzione a fare pesare la prospia assenza,
    >
    > Attenzione un par di balle.
    >
    > Il mercato spagnolo per google news vale meno di
    > un pirito di
    > mosca.
    > Google puo' ben permettersi di ignorarlo.

    Infatti.
    Solo che è vero anche il contrario: i quotidiani non hanno alcun bisogno di un aggregatore esterno, che sia quello di google, di yahoo! o qualsiasi motore di ricerca.
    Gli basta che digitando El pais oppure La Vanguardia nel campo di ricerca vengano fuori le home page dei quotidiani. Per il resto sono abbastanza conosciuti da fare a meno dell'indicizzazione di ogni singola notizia che pubblicano.
  • Si come no...
    Vediamo le statistiche di qualsiasi giornale, e vediamo se hanno 1 milione di visitatori al giorno attraverso i motori di ricerca, o di gente che accede direttamente al sito...
    non+autenticato
  • > Si come no...
    > Vediamo le statistiche di qualsiasi giornale, e
    > vediamo se hanno 1 milione di visitatori al
    > giorno attraverso i motori di ricerca, o di gente
    > che accede direttamente al
    > sito...

    Guardiamole, ma sono disponibili al pubblico?
    Io nel commento precedente non escludevo a priori i giornali dai motori di ricerca: parlavo solo dell'indicizzazione delle notizie, in particolare le notizie del giorno.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 18 ottobre 2014 17.38
    -----------------------------------------------------------
  • Le notizie del giorno?
    Bravo!
    Dalla padella alla brace!
    Hai idea di quanti articoli di giornali di cui ignoravo l'esistenza ho letto solo perché volevo leggere una notizia di cui avevo visto la citazione e avevo deciso che mi interessava?
    Questo significa contatti in più pubblicità in più (si caro la pagano in funzione dei contatti da che esiste la pubblicità).
    Per una cosa che altrimenti non mi avrebbe mai portato a leggere quel giornale.
    Anzi magari neppure sapevo che ci fosse ne la notizia e magari neppure il giornale.

    E lo stesso vale per chiunque on rete.

    Ma dove sta il problema? se non hanno bisogno che facciano a meno possono già farlo se davvero vogliono.

    Forse non hai capito una cosa banale assai.
    Se uno naviga in rete è piuttosto frequente che usi un motore di ricerca e è decisamente più frequente del fatto che vada in rete con lo scopo specifico di leggere a priori una notizia di cui magari non sa nulla proprio su quel giornale.

    In altri termini è piuttosto evidente la differenza di visibilità e contatti e non è a favore del giornale.
    ╚ un fatto semplice, banale, inoppugnabile.
    Più o meno come il fatto che se qualcuno volesse pagare per ammirare le mie grazie potrebbe venire sotto il mio balcone dove appaio di tanto in tanto ma indubbiamente avrei più visitatori se mettessi un video su YouTube e ci fosse un link alla notizia su Google news.
    Non c'è alcun dubbio su quale delle 2 situazioni garantirebbe il maggiore incasso.
    Ne c'è alcun dubbio sul fatto che la remota eventualità che qualcuno sia interessato alle mie grazie a pagamento è meglio sfruttabile via Google news che tra i miei vicini di casa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > " Mountain View, tuttavia, sembra aver
    > decisamente cambiato strategia nei confronti di
    > questo tipo di rivendicazioni di categoria
    > trasformate in legge: non si oppone più
    > strenuamente, ma semplicemente preferisce far
    > pesare la propria
    > assenza
    ".
    >
    > Attenzione a fare pesare la prospia assenza, come
    > nel film di Nanni Moretti Ecce bombo "mi
    > si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o
    > se non vengo per
    > niente?".

    > Potrebbe succedere come con i doppiatori italiani
    > delle telenovelas che nel 1998 smisero di
    > lavorare per non so quale vertenza sindacale. Le
    > tv allora trasmisero quelle telenovelas (quasi
    > tutte in spagnolo sudamericano) con i
    > sottotitoli: un successo senza precedenti! Ad una
    > grossa fetta del pubblico piacevano di più così.
    >A bocca aperta
    > Alla fine lo sciopero rientrò, guarda caso...

    Differenza: non c'è nessun servizio concorrente minimamente paragonabile, Google è in monopolio di fatto e può dettare le sue condizioni.
    E anche se ci fosse concorrenza, sarebbe assoggettata allo stesso balzello...
    Funz
    12975
  • - Scritto da: Funz
    > E anche se ci fosse concorrenza, sarebbe
    > assoggettata allo stesso balzello...

    Apparentemente, sembra che il legislatore spagnolo e quello tedesco si avviino a conquistare il "diritto all'oblio" automatico e preventivo per qualsiasi notizia appaia su una pubblicazione online - visto che secondo l'UE non essere indicizzati equivale ad essere dimenticati.

    Sarebbe esilarante, se non fosse tragico...
  • Basta reindirizzare google news, presentandolo come un servizio a cui iscriversi (per ora gratuitamente) per vedere le proprie notizie presentate nella pagina di aggregazione.
  • - Scritto da: bradipao
    > Basta reindirizzare google news, presentandolo
    > come un servizio a cui iscriversi (per ora
    > gratuitamente) per vedere le proprie notizie
    > presentate nella pagina di
    > aggregazione.

    Basterebbe anche

    User-agent: Googlebot
    Disallow: /
    non+autenticato