ADSL, avrei voluto cambiare gestore

Ne parla un lettore, uno dei tanti che si trova impantanato nella terra di mezzo, il tempo spesso lunghissimo che divide la cessazione di un contratto e l'apertura di una connessione ADSL con un altro operatore

Roma - Gentile redazione di Punto Informatico, vi voglio raccontare la mia odissea (non ancora finita) nel malaugurato giorno in cui ho deciso di cambiare provider ADSL. Il servizio ADSL mi è stato infatti fornito fino al 04/01/2004 da NGI, la quale, in seguito alla mia disdetta del contratto, ha prontamente (a detta sua) svincolato la mia linea dal segnale ADSL comunicandolo a Telecom e ricevendo da quest'ultima risposta positiva il 10/01/2004. Da quel giorno infatti il mio modem non si è più allineato.

Ho così deciso di richiedere l'attivazione di un abbonamento ADSL con Tin.it il 09/01/2004, ma già in data 13/01/2004 mi viene risposto KO da Telecom con motivazione di linea già occupata da un altro gestore.

E qui inizia la mia odissea... inizio a sollecitare Tin.it tramite il call center, il quale decide finalmente di riemettere la mia pratica di attivazione (e quindi richiedere a Telecom la linea) il 20/01/2004? ed oggi 21/01/2004 l'attivazione è andata nuovamente KO per la presenza di un altro gestore. Ma dovrebbe risultare libera già dal 10/01/2004.
La cosa più grave di tutto questo è che telefonando al 187 gli operatori non mi sanno dire effettivamente se la mia linea è libera o no dal segnale ADSL di un altro gestore, mi sanno dare solo informazioni per Alice (mentre fino a un anno fa era possibile sapere se c'erano richieste di attivazione/disattivazione in corso).

Quindi mi ritrovo a rimbalzare dal vecchio operatore che mi assicura che ha provveduto a fare la disdetta del loro servizio sulla mia linea (e di aver ricevuto anche risposta positiva da Telecom) e il nuovo gestore che non sa che pesci pigliare e mi continua a dire che Telecom gli risponde che la linea è ancora occupata. La gravità di questa cosa non consiste tanto nel ritardo che sto subendo nell'attivazione, quanto nella mancanza di trasparenza da Telecom verso il cliente finale, utente usufruttuario di una sua linea.

Infatti, chiamando il 187, il call center non è in grado di dirmi se la mia linea ADSL risulta svincolata da provider ADSL e, quindi, non posso verificare se la cessazione di un abbonamento ADSL sia effettivamente avvenuta oppure no. L'unico modo per accorgersene è di richiedere una nuova attivazione con un nuovo provider e vedersi respinta la richiesta.
Eppure fino a un anno fa, potevo chiamare il 187 e chiedere a Telecom se la mia linea fosse libera oppure no, invece da qualche tempo ciò non è possibile. E il 187 è l'unico numero al quale mi posso rivolgere. Trovo che questo aspetto denoti una grave carenza.

Andando avanti di questo passo riuscirò ad avere di nuovo un collegamento ADSL? Ringraziandovi per la vostra attenzione, colgo l'occasione per inviarvi i più cordiali saluti.

Alex C.

Gentile Alex
abbiamo pubblicato la tua lettera ma avremmo potuto pubblicarne decine di altre di situazioni del tutto analoghe con una varietà di gestori. Sono infatti molti gli utenti ADSL che "inciampano" nel tentativo di cambiare gestore, spesso rimanendo offline per interi mesi per problemi amministrativi ma soprattutto gestionali tra Telecom Italia e gli altri operatori. Non c'è da aver dubbi che NGI abbia davvero chiuso la tua pratica, il problema è chiaramente in quello che è successo dopo e, come ben sottolinei, nell'assenza di informazioni puntuali. Tienici informati sulle novità del tuo caso.
Della questione è già stata investita l'Autorità TLC ma, per il momento, nulla di nuovo è stato fatto per garantire il diritto degli utenti.

Un caro saluto, Adele Chiodi
TAG: adsl
62 Commenti alla Notizia ADSL, avrei voluto cambiare gestore
Ordina
  • In seguito a segnalazione di lentezza di navigazione al mio gestore di adsl TELE2 (pago per 4 Mega e ricevo 56K) mi è stata recapitata una e-mail dove mi veniva comunicato che la lentezza della navigazione e le varie interruzioni erano dovute all'uso che faccio del traffico peer to peer, che attualmente viene bloccato da filtri che TELE2 ha disposto sulla sua linea per migliorare e razionalizzare il servizio.
    Io dico che questa è una trovata dei gestori adsl che comprano una scarsa quantità di banda da Telecom e la vogliono sfruttare economicamente al massimo, limitando il traffico degli utenti.
    Insomma la solita truffa!!!
    Mi chiedo : sarà anche questa legale?????
    Se così allora veramente viviamo in uno Stato di Mafiaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!
    non+autenticato
  • TUTTO PER PASSARE DA ALICE SAT AD ALTRO GESTORE! MI SONO ROVINATO!!!
    Buon giorno, mi chiamo Giuseppe Fanara, ho 24 anni, vivo a Fulgatore, una frazione del comune di Trapani. Ho deciso di contattarvi a riguardo di una situazione che si protrae da ormai quasi sei mesi e di cui ancora non si vede la fine. Il fatto riguarda intanto Telecom Italia. Mio padre è titolare della linea. Dal mese di marzo 2005 avevo un contratto ADSL SAT con telecom. Siccome nel frattempo nella mia zona è stata attivata la linea adsl terrestre e siccome visto l’elevato costo della linea satellitare e visto la possibilità di molte altre offerte con altri gestori, abbiamo deciso di passare ad un altro gestore, in un primo tempo precisamente ad Eutelia, intanto per il traffico adsl . Il passaggio prevedeva quindi la cessazione definitiva dell’adsl sat con Telecom e la ricezione delle apparecchiature necessarie al funzionamento (modem ecc…). Pensava a tutto Eutelia, tranne per quanto riguardava la disattivazione della linea adsl sat di telecom, che doveva essere richiesta da me direttamente. Così il 24 ottobre 2005 ho chiamato il 187 (tasto 0), ho parlato con l’operatore e ho chiesto la cessazione dell’adsl sat. Naturalmente visto la durata minima di un anno del contratto, ho accettato pure di accollarmi la penale, cioè di pagare ugualmente le restanti mensilità di canone adsl sat; l’operatore a quel punto mi ha confermato che da lì a pochi giorni la linea adsl sarebbe stata libera, così da poter permettere l’inserimento del nuovo gestore. Convinto, ingenuamente, che tutto sarebbe andato per il meglio ho dovuto attendere fino ai primi di gennaio 2006 poiché finalmente chiamando il 187 un operatore telecom mi ha confermato che l’adsl sat è stato disattivato e che quindi la linea era libera (per loro). Ma la cosa assurda è che ancora alla data di oggi dopo decine e decine di tentativi a partire dai primi di gennaio, da parte dell’altro gestore di inserire la propria linea adsl, ancora telecom ha il coraggio di rifiutare l’inserimento dando come scusa la presenza di un’altra linea adsl sul mio numero, naturalmente inesistente, anche perché tra l’altro ormai è pure arrivata la scadenza “naturale” del contratto che era prevista per il 16 marzo 2006. Cosi’ preso dallo sconforto, nel mese di aprile 2006 ho chiuso tutto con Eutelia e ho provato a cambiare operatore con la speranza che potessero riuscire ad attivarmi l’adsl; così ho chiesto l’attivazione dell’adsl 640 flat a tele2, con cui tra l’altro ho già in essere un contratto per il traffico voce. Le mie speranze si sono infrante perché anche con tele2 mi dicono che ad ogni richiesta di inserimento della nuova linea adsl, la telecom risponde che è già attivo un altro adsl quindi tutto fermo, e questo sino alla data di oggi; chiamo ogni giorno telecom (sia il settore commerciale che quello tecnico) e continuano ad assicurarmi che invece l’adsl è cessato e che la linea è completamente libera e che non hanno più nulla da fare. Sono quindi da mesi sballottato, senza avere ne uno ne l’altro adsl, senza ottenere alcun risultato e ripeto avendo pagato a vuoto!! Sinceramente ho la convinzione che l’intento sia quello di evitare di perdere il cliente, cercando di farci stancare e di lasciar perdere tutto, e questa è una cosa veramente ingiusta e vergognosa. A questo punto mi sono davvero arrabbiato, sia per il tempo perso fin ora ma più che altro per la presa in giro che stanno cercando di mettere in atto. Ancora più sconvolto ho tentato l’ultima carta, cedendo allo strapotere telecom ho lasciato perdere tele2 e ho chiesto direttamente a telecom italia di attivarmi il servizio adsl 640 flat. Mi hanno subito detto che in due minuti avrebbero risolto il problema e che entro il 30 maggio avrei avuto la linea. Ieri chiamo il 187 per sapere e mi dicono che la richiesta è stata annullata perché che sulla linea è presente già un servizio adsl…senza che io ne abbia uno da ormai più di 5 mesi.. e nessuno sa aiutarmi o dirmi niente su come risolvere il problema!! Adesso si accusano fra di loro per chi ha in possesso la linea o meno, telecom dice che forse ce l’ha eutelia, eutelia dice che è in possesso di Telecom, tele2 non riesce ad attivarmi l’adsl perché trova una linea occupata da telecom..è assurdo!!!. Sinceramente non so più che fare e a chi credere. A chi posso rivolgermi??!! Per questo ho deciso di scrivervi, appunto per chiedere il vostro aiuto in questa questione assurda, più che altro affinché di queste situazioni, di queste truffe legalizzate non abbiano più a ripetersi. Per favore aiutatemi voi! Resto in attesa di vostre notizie. Grazie, a presto!
    Giuseppe Fanara



  • A dicembre 2004 ho chiesto a Libero di attivarmi una DSL, per attivarmela ci hanno messo un mese e più. Visto che sembrava non riuscissero ad attivarmela ho chiesto a Tiscali dopo venti giorni che aspettavo l'adsl da parte di Libero di attivarmela. Il 23 Dicembre 2004 libero mi attiva l'adsl, senza nessun avvertimento. Io ignaro di tutto il 14 Gennaio chiedo a Tiscali di attivarmi l'ADSL. Quando scopro di avere l'ADSL già con Libero, telefono a Tiscali e chiedo di disdire l'ordine. Loro mi rispondono che non potevano attivarmela perchè era subentrato già un altro gestore. Dopo 10 mesi Tiscali mi ha attivato l'ADSL senza prima avvertirmi e io mi sono ritrovato a pagare due ADSL contemporanee (Tiscali e Libero), potendo però utilizzare solo Tiscali. Ho contattato Tiscali inizialmente e mi hanno detto che a Marzo 2005 è entrata una legge che permette di togliere una ADSL e metterne un'altra continuando a pagare però entrambi i gestori fino alla scadenza del contratto. Io però la richiesta a Tiscali l'avevo fatta a Gennaio prima che entrasse in vigore la legge.
    Come devo comportarmi a questo punto? Non sò più che fare!
  • vorrei sapere dopo tutto quello che ho letto in questi thread se veramente potrei passare a NGI x la mia adsl avendo una certa garanzia di servizio (non parlando delle attese dovute al cambio di gestore che so per esperienza essere odiose ma a quanto pare inevitabili)...
    mi sembra di aver capito che, pur essendo un po caro, tecnicamente il servizio non ha pecche di sorta o sbaglio? attendo risposta:p
  • A me accadde la stessa cosa passando da tiscali a tin.it. Stanca del continuo scaricabarile tra i due provider e la telecom, mandai una raccomandata a.r. a telecom chiedendo la cessazione dell'adsl sulla linea. Lì le cose si sbloccarono. Non era giusto pagare di tasca mia la raccomandata, ma fu l'unico modo di risolvere. Prova così;)
    non+autenticato
  • se tu vai dai carabbinierie denunci il fatto vedrai che si sblocca tutto perche la telecom ti sta impedendo la liberta di scelta fingendo di non sapere niente.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 22 discussioni)