IBM e Philips produrranno RFID

I due big lanceranno insieme sul mercato una soluzione hardware e software per le tecnologie RFID, destinate a diffondersi in tutti i beni di consumo

Amsterdam (Olanda) - Nonostante le proteste di alcuni strenui difensori della privacy, il mercato dei chippetti radio basati sulla tecnologia Radio Frequency Identification (RFID) è ormai pronto ad esplodere. Lo sanno bene IBM e Philips, due colossi che hanno deciso di unire le proprie forze per sviluppare e vendere radio-etichette (radio tag) destinate a rimpiazzare i codici a barre.

I chippetti radio verranno prodotti da Philips e integrati all'interno di etichette adesive adatte per essere applicate ad una vasta gamma di prodotti, dagli abiti ai genere alimentari preconfezionati. Il software per gestire il tracking della merce e il magazzino verrà fornito da IBM.

I chip RFID, che in genere non hanno bisogno di una pila per funzionare, sono in grado di trasmettere ad un ricevitore posto a pochi centimetri di distanza un certo numero di informazioni associate ad un prodotto, fra cui descrizione, data di scadenza, colore e prezzo.
Oltre a comportare vantaggi per i produttori, soprattutto nel campo della logistica e della distribuzione, le tecnologie wireless applicate ai beni di consumo promettono di portare con sé diversi benefici anche per i consumatori, che avranno ad esempio la possibilità di evitare le file al supermercato: qui un lettore (un'antenna ricevente) potrebbe infatti essere in grado di individuare direttamente il contenuto del carrello, con conseguente addebito diretto della spesa effettuata.

Secondo la società di indagini di mercato Applied Business Intelligence, il mercato degli RFID dovrebbe raggiungere un valore di 3,1 miliardi di dollari entro la fine del 2008.
9 Commenti alla Notizia IBM e Philips produrranno RFID
Ordina
  • con l'antenna tra i bidoni di spazzatura
    non+autenticato
  • La tecnologia RFID è già applicata da IBM a buona parte dei pc e dei portatili che vengono venduti alle aziende.
    E' utilizzata soprattutto sui portatili per verificarne il passaggio attraverso gli ingressi degli uffici. Inoltre , abbinata ad appostito sw, permette l'inventario remoto.
    Bye
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > La tecnologia RFID è già
    > applicata da IBM a buona parte dei pc e dei
    > portatili che vengono venduti alle aziende.
    > E' utilizzata soprattutto sui portatili per
    > verificarne il passaggio attraverso gli
    > ingressi degli uffici. Inoltre , abbinata ad
    > appostito sw, permette l'inventario remoto.
    > Bye

    E quindi? Ti senti piu' tranquillo ora?
    non+autenticato
  • Pensate che bello, andrete al supermercato e con un piccolo gingillo nel taschino, di mia futura invenzione e che mi renderà milionarioSorride , potrete schermare la vostra spesa e uscire dal supermercato senza spendere un euro ...
    Eh, eh, scherzi a parte, questi ci allettano con la storia della fine delle code, ma a me pare semplicemente che non ci vogliono raccontare l'intera storia dell'RFID o forse non la vogliono raccontare alle catene di supermercati, principali clienti de 'sti cosi assieme ai produttori di beni di largo consumo. In realtà noi consumatori di questi affari ce ne possiamo solo preoccupare o sbattere altamente. A meno che non vogliate usufruire dell'altra mia invenzione legata al RFID e già presentata in un altro post. Chippetti commestibili in tutte le cibarie, e poi ... un super mega water intelligente che quando andate a ... registra lo 'scarico di magazzino' e vi compila automaticamente la lista della spesa, inviando poi una email al vostro supermercato con l'ordine di ciò che avete terminato. Si cercano soci o aziende interessate al brevettoA bocca aperta
  • per me qcuni lo ha già brevettato. L'idea resta cmq geniale!

    Marco
    non+autenticato
  • secondo voi il protocollo utilizzato per la trasmissione dei dati di questi rfid sarà pubblico?

    sarebbe utile ad esempio per programmarci un'applicazione che, associando opportunamente l'id al prodotto (e relativo prezzo), possa automaticamente svolgere determinate funzioni, ad esempio abbinato ad un ricevitore di rfid per palmare si può preimpostare una lista della spesa, e far emettere al palmare un segnale acustico quando si passa vicino ai prodotti che si desidera acquistare....



  • - Scritto da: avvelenato

    > sarebbe utile ad esempio per programmarci
    > un'applicazione che, associando
    > opportunamente l'id al prodotto (e relativo
    > prezzo), possa automaticamente svolgere
    > determinate funzioni, ad esempio abbinato ad
    > un ricevitore di rfid per palmare si
    > può preimpostare una lista della
    > spesa, e far emettere al palmare un segnale
    > acustico quando si passa vicino ai prodotti
    > che si desidera acquistare....

    Meglio ancora se dotato di un piccolo trasmettitore, così da pagare 4 bottoglie di KRUG quanto 1 kg. di mele Marlene.

    Che ne dici, lo renderanno pubblico, secondo te?A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: avvelenato
    > secondo voi il protocollo utilizzato per la
    > trasmissione dei dati di questi rfid
    > sarà pubblico?
    >

    Si stanno delineando standard mondiali. In questo momento il più accreditato è EPC.
    http://www.epcglobalinc.org/

    Trovi le specifiche quì: http://www.epcglobalinc.org/standards_technology/s...

    Non mi stupirei se questa "pubblicità" scomparisse quando qualche catena dovesse rendersi conto che con un PDA con lettore RFID confrontare i prezzi è molto più facile di oggi.... innanzitutto per il concorrente del supermercato 500 metri più in là. Ma prima che questa tecnologia esca dal magazzino (si comincia dai pallet, poi le confezioni multiple, poi i singoli articoli di prezzo cospicuo e poi, forse, gli articoli comuni tipo la bottiglia di acqua minerale o il pacchetto di caramelle) passerà un po' di tempo, certamente non prima del 2007-2008.

    Buona l'idea del segnalatore...



  • Hai dimenticato che i carrelli dovranno essere di plastica e i tag RFID non potranno marcare oggetti metallici.

    Ciao Mau