Virus, cronaca di un attacco

MyDoom è il worm che in poche ore ha saputo diffondersi in mezzo mondo, moltiplicando i danni alle comunicazioni già provate dallo spam e da Sober.C. Gli avvistamenti si susseguono, i provider sono all'erta. C'è chi teme il Big One

Virus, cronaca di un attaccoRoma - Allarme rosso. Codice rosso. Massima allerta. Nella notte e nella mattinata di ieri si sono susseguiti anche in Italia gli allarmi che in un crescendo sono stati diramati dai principali laboratori antivirus e centri di sicurezza. Una cosa sola era certa fin dalle prime ore dell'alba italiana: il nuovo worm MyDoom stava rapidamente scalando le vette della classifica dei worm che più rapidamente si diffondono.

In quelle ore, mentre partiva la consueta allerta di SalvaPC, le mailbox hanno iniziato a riempirsi di worm, con un impatto che si è moltiplicato qui da noi all'apertura degli uffici, seguendo uno schema di diffusione che per tutta la notte ha portato MyDoom nei computer Windows di mezzo mondo.

Al momento, i principali centri antivirus classificano MyDoom.A (o Novarg.A o MiMail.R) come il worm a maggiore diffusione dopo Blaster, il codicillo malevolo che la scorsa estate è riuscito a penetrare in una quantità impressionante di macchine in Nord America, in Europa e non solo.
Tra le caratteristiche di MyDoom.A, worm pensato per aggredire i sistemi Windows, c'è quella, da molti ritenuta preoccupante perché indicativa della sempre maggiore strumentalizzazione dei virus, di utilizzare i computer infetti per scatenare un attacco denial-of-service distribuito contro il sito di SCO, la società che ha saputo attirarsi la scomunica della comunità open source. In passato i server di SCO erano già stati presi di mira. Un attacco denial-of-service distribuito, come noto, sfrutta la più elevata quantità possibile di computer infetti per inviare ai server-target il più alto numero possibile di richieste al fine di rendere i server stessi irraggiungibili provocandone il "collasso". Per gestire da remoto i computer "attaccanti" i creatori di questo genere di worm fanno attivare sulle macchine infette delle backdoor di accesso.

Come se non bastasse, la diffusione di MyDoom arriva nei giorni in cui, almeno qui in Italia, l'incidenza nelle mailbox degli utenti del worm Sober.C è ancora altissima, creando così una vera congestione delle reti che i provider italiani in queste ore stanno cercando di contenere.

Sebbene sia ancora difficile determinare quali danni abbia provocato MyDoom, risulta ancora più difficile prevederne la sua eventuale ulteriore capacità di diffusione. Al contrario di certi suoi predecessori, MyDoom non sfrutta vulnerabilità di Windows quanto, invece, cerca di spingere l'utente ad aprire l'allegato infetto dell'email con cui si diffonde con tecniche che gli esperti definiscono di social engineering. I diversi messaggi con cui si auto-distribuisce in rete, infatti, possono indurre l'utente a ritenere di trovarsi dinanzi ad un errore di sistema al quale può porre rimedio cliccando sull'allegato infetto.

Mentre scriviamo la società antivirus Central Command conferma che a suo parere si tratta di un Big One, ovvero di un worm destinato a rimanere nella storia tra i casi più importanti di epidemia informatica. Network Associates, inoltre, afferma di aver ricevuto rapporti allarmati sulla diffusione di MyDoom praticamente da tutto il mondo.

L'unica nota positiva di tutta la questione l'hanno decisa gli autori, per ora ignoti, di MyDoom: il 12 febbraio cesserà di diffondersi. Simbolo della sostanziale impotenza contro queste epidemie, quella data segnerà, certamente, un momento liberatorio per tutti.

nota: SalvaPC è un servizio di Punto Informatico
TAG: mondo
229 Commenti alla Notizia Virus, cronaca di un attacco
Ordina
  • nell`ambiente naturale se una specie viene attaccata da dei nemici, predatori o malattie, virus per esempio e se il nemico e` molto forte, questa rischia l`estinzione, tutti gli individui sono uguali e quindi tutti vulnerabili alla stessa maniera.
    Ma ecco che qualcuno non viene piu` attaccato, perche`? perche` si e` differenziato , e` cambiato non e` piu` attaccabile, le specie che riescono a differenziarsi molto sono le piu` resistenti, i virus non riescono ad adattarsi continuamente a questi cambiamenti e perdono di efficacia.
    La vera debolezza di windows e` la sua diffusione esagerata.
    Se il mercato fosse diviso in 10 piattaforme con il 10% ognuna i virus non esisterebbero proprio
    non+autenticato
  • eheehhe sai che bello tutti con standard diversiSorride)
    sarebbe meglio se windows, linux, os e tantissimi altri sistemi operativi fossero compatibili tra loro...
    poi uno sceglie il migliore, ma se per un giorno uso linux ci faccio girare il mio solito programmino

    - Scritto da: Anonimo
    > nell`ambiente naturale se una specie viene
    > attaccata da dei nemici, predatori o
    > malattie, virus per esempio e se il nemico
    > e` molto forte, questa rischia l`estinzione,
    > tutti gli individui sono uguali e quindi
    > tutti vulnerabili alla stessa maniera.
    > Ma ecco che qualcuno non viene piu`
    > attaccato, perche`? perche` si e`
    > differenziato , e` cambiato non e` piu`
    > attaccabile, le specie che riescono a
    > differenziarsi molto sono le piu`
    > resistenti, i virus non riescono ad
    > adattarsi continuamente a questi cambiamenti
    > e perdono di efficacia.
    > La vera debolezza di windows e` la sua
    > diffusione esagerata.
    > Se il mercato fosse diviso in 10 piattaforme
    > con il 10% ognuna i virus non esisterebbero
    > proprio
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > eheehhe sai che bello tutti con standard
    > diversiSorride)
    > sarebbe meglio se windows, linux, os e
    > tantissimi altri sistemi operativi fossero
    > compatibili tra loro...
    non e` necessario che siano compatibili i sistemi e i programmi basta che siano compatibili i documenti, in fondo con JPEG, TIFF, Text, HTML, XML, RTF, MP3, AAC, e molti altri la cosa funziona su tutte le piattaforme dal DOS a SGI
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > eheehhe sai che bello tutti con standard
    > diversiSorride)
    > sarebbe meglio se windows, linux, os e
    > tantissimi altri sistemi operativi fossero
    > compatibili tra loro...

    Fammi capire in cosa linux non è compatibile con win? Dai su fammi un esempio! SMB? NTFS? VFAT? Desktop remoto? Un po' di fantasia su!
    non+autenticato
  • > Fammi capire in cosa linux non è
    > compatibile con win?
    dai su fenomeno, fammi girare la classica applicazione sviluppata per anni dentro una azienda p/m in vb e dbf con una marea di ocx e dll sostituite su un emulatore sotto linux...
    quella classica cosa che solo il pensare di riprogettarla fa esaurire il budget
    o la buona vecchia applicazione dos di Crazy che emulata va come una carriola
    o un sw proprietario per win, che emulato non avrebbe le necessarie prestazioni, che non ha corrispettivo perchè troppo settoriale (nelle pmi ce n'è una marea), o che costringerebbe a riaddestrare gli utonti (soldi, soldi, soldi e perdita li tempo lavorativo)
    o il sw realizzato al max risparmio (di tempo!) con access e vb che distribuiscono tuttora un sacco di enti pubblici?

    non ammettere che ci sono ton di sw e di lavori in corso da anni e che sempre resteranno in corso che siono legati a doppio filo a M$ è da pazzi
    non+autenticato
  • Il problema non è tanto la piattaforma predisposta a virus di questo tipo e non è neanche rassicurabile la situazione utopica di diverse piattaforme uniformemente diffuse in tutto il globo telematico, il problema è sempre lo stesso, ossia l'utente, è lui il vero bersaglio di questi virus informatici.

    Finche l'utente continuerà ad aprire allegati a destra e a manca senza ragionare, finchè ci sarà questa voga di comprare computer ultrapotenti con poca coscienza di ciò che si ha tra le mani con molta poca competenza a gestire anche le piu elementari situazioni, finchè l'informazione sarà sempre e solo filtrata per comunicare all'utente solo ciò che può portare profitto al comunicante questi pericoli telematici sotto forma di virus avranno sempre la meglio e continueranno a fare danni su danni.

    Basta semplicemente usare il buon senso e affidarsi alla basilare regola del "non prendere mai le caramelle da uno sconosciuto" che impari subito dopo pochi anni di vita. Se solo si seguisse piu a fondo questa regolina basilare vedi come molti virus sarebbero solo un dato di cronaca poco rilevante e facilmente risolvibile!

    Il problema non è quindi il virus, ma colui che lo fa avviare facendo quel "superficiale" doppio click.

    riflettete ragazzi.....riflettete!!

    saluti
    non+autenticato
  • OK allora i virus hanno vinto!
    non+autenticato
  • Il sacrificio estremo per una giusta causa, un giusto SCO... po...
    :D:D:D:D:D:D:D
    non+autenticato
  • Come mai non mi è arrivata la notizia? Chissa....
    non+autenticato
  • E' proprio bello questo argomento ... sfogo per tanta gente che non sa far altro che criticare chi, per ingenuità infetta la propria macchina e quella degli altri.

    Tutti voi vi accanite contro i cosiddetti "utonti" ... ma qualcuno si è mai chiesto quante cosa deve fare l'impiegato tipo durante l'orario di lavoro.
    Oltre ai propri doveri deve anche fare attenzione a dove clicca ... ma stiamo dando i numeri!!!
    Tutti poi vi accanite anche contro WIN ... il problema non è il sistema bacato, per quanto comunque condordo che lo sia, quanto chi nel mondo crea i virus per disturbare il lavoro altrui.
    Ma questa gentaglia non ha altro da fare che rompere i cosiddetti a chi lavora seriamente ... se proprio si sentono difensori dell'umanità perchè non inviano la lista dei bachi ai produttori di software ... eh no, perchè non ci guadagnano nulla, e allora piantatela!!!

    Se non ci fossero i virus, si lavorerebbe meglio con qualsiasi OS ... salvo quando si impianta, ma quello è un altro problema che comunque accade con qualsiasi cosa di questo mondo ... non è forse mai capitato che si rompa la pompa della benzina della macchina.
    non+autenticato
  • Ma non diciamo ca%%ate, che bello sarebbe il mondo senza la guerra. Ma vala.
    Pero su una cosa hai ragione, l'impiegato NON deve guardare dove clicca, se quella mail gli arriva è colpa dei sistemisti.
    E se i sistemisti non mettessero windows per loro la vita sarebbe + facile. Tutto qui.
    non+autenticato
  • > Oltre ai propri doveri deve anche fare
    > attenzione a dove clicca ... ma stiamo dando
    > i numeri!!!
    ma stai scherzando?
    ti viene dato in mano uno strumento di lavoro e uno va a cliccare un'allegato di uno sconosciuto che si chiama boccabianca _e_i_7_negri.scr o tettona.exe?
    ma vergognati!
    Devi fare attenzione usando il computer così come in qualunque altra operazione che svolgi in ufficio.
    Uno deve stare attento a dove clicca così come deve stare attento a che cosa infila nel tritadocumenti (oh caspio, era il contratto multimiliardario che avevo appena strappato al cliente) o dove spedisce il fax (tipo Ok, allora siamo daccordo per quel falso in bilancio, firmato pincopallino -> inviato al fax della GdF) o dove archivia un documento.
    Devi ascoltare quando uno ti spiega come usare uno strumento di lavoro, con quelle 4 cag73 che fai col pc come quando ti spiegano come si usa il fax o la fotocopiatrice.
    Sei fuori di testa se credi di poter spegnere il cervello e "non guardare" in qualunque cosa che fai nel mondo del lavoro.
    E ringrazia di non essere un falegname o un tornitore, sai quanta gente senza dita o peggio conosco?
    E mi devo sentire dire certe cose sul fare attenzione a come si usa uno strumento di lavoro da un colletto bianco?
    Vergognatevi utonti!
    non+autenticato
  • Bella questa! hehehe
    ...concordo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Oltre ai propri doveri deve anche fare
    > > attenzione a dove clicca ... ma stiamo
    > dando
    > > i numeri!!!
    > ma stai scherzando?

    > Sei fuori di testa se credi di poter
    > spegnere il cervello e "non guardare" in
    > qualunque cosa che fai nel mondo del lavoro.
    > E ringrazia di non essere un falegname o un
    > tornitore, sai quanta gente senza dita o
    > peggio conosco?
    > E mi devo sentire dire certe cose sul fare
    > attenzione a come si usa uno strumento di
    > lavoro da un colletto bianco?
    > Vergognatevi utonti!

    chissa' quanto e che lavoro fa 'sto tipo, in ufficio !!!

    poi quella della macchina che finzionerebbe bene "salvo quando si impianta" ha valenza davvero comica.

    complimenti...

    un euro contro un bottone che e' un "impiegato statale, parastatale o affine" !
    non+autenticato
  • Non e' possibile creare giustificazioni per ogni categoria professionale.
    Mi sembra la storia degli autisti che protestano contro la patente a punti: io devo lavorare, mica posso stare attento ai limiti di velocita'.
    Se un impiegato lavora tutto il giorno sul PC, ed in particolare fa uso della posta elettronica, ha il dovere di conoscere l'uso e i rischi associati al suo strumento.
    La maggior parte di queste persone non credo che agisca per ignoranza, ma per superficialita'. Sono gli stessi individui che passano la giornata ad inoltrare powerpoint con la storiella zen, oppure commuoventi catene del bambino xxx attaccato alla bombola dell'ossigeno, ecc... Ad inoltrare messaggi stupidi, o ad aprire il solitario imparano subito. Se invece si tratta di prestare maggiore attenzione ad uno stupido allegato arriviamo alla classica mentalita' menefreghistica che questa volta non e' solo italiana.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non e' possibile creare giustificazioni per
    > ogni categoria professionale.
    > Mi sembra la storia degli autisti che
    > protestano contro la patente a punti: io
    > devo lavorare, mica posso stare attento ai
    > limiti di velocita'.
    > Se un impiegato lavora tutto il giorno sul
    > PC, ed in particolare fa uso della posta
    > elettronica, ha il dovere di conoscere l'uso
    > e i rischi associati al suo strumento.
    > La maggior parte di queste persone non credo
    > che agisca per ignoranza, ma per
    > superficialita'. Sono gli stessi individui
    > che passano la giornata ad inoltrare
    > powerpoint con la storiella zen, oppure
    > commuoventi catene del bambino xxx attaccato
    > alla bombola dell'ossigeno, ecc... Ad
    > inoltrare messaggi stupidi, o ad aprire il
    > solitario imparano subito. Se invece si
    > tratta di prestare maggiore attenzione ad
    > uno stupido allegato arriviamo alla classica
    > mentalita' menefreghistica che questa volta
    > non e' solo italiana.

    Concordo 100%
  • 1o fai attenzione agli allegati
    2o butta via le anteprime automatiche su outllok e soci

    Queste due regolette sono sufficenti a difendersi dall'80% dei virus... ma la gente non lo sa. SVEGLIA!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > E' proprio bello questo argomento ... sfogo
    > per tanta gente che non sa far altro che
    > criticare chi, per ingenuità infetta
    > la propria macchina e quella degli altri.
    >
    > Tutti voi vi accanite contro i cosiddetti
    > "utonti" ... ma qualcuno si è mai
    > chiesto quante cosa deve fare l'impiegato
    > tipo durante l'orario di lavoro.
    > Oltre ai propri doveri deve anche fare
    > attenzione a dove clicca ... ma stiamo dando
    > i numeri!!!

    Giusto! Inoltre, sai quante ore di lavoro al freddo devono
    fare le guardie giurate??? E poi dovrebbero anche
    stare attenti a non sparare sulla gente? Vergognatevi,
    cosa volete da loro? =)




    > Tutti poi vi accanite anche contro WIN ...
    > il problema non è il sistema bacato,
    > per quanto comunque condordo che lo sia,
    > quanto chi nel mondo crea i virus per
    > disturbare il lavoro altrui.
    > Ma questa gentaglia non ha altro da fare che
    > rompere i cosiddetti a chi lavora seriamente
    > ... se proprio si sentono difensori
    > dell'umanità perchè non
    > inviano la lista dei bachi ai produttori di
    > software ... eh no, perchè non ci
    > guadagnano nulla, e allora piantatela!!!
    >
    > Se non ci fossero i virus, si lavorerebbe
    > meglio con qualsiasi OS ... salvo quando si
    > impianta, ma quello è un altro
    > problema che comunque accade con qualsiasi
    > cosa di questo mondo ... non è forse
    > mai capitato che si rompa la pompa della
    > benzina della macchina.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 33 discussioni)