Esplorazioni: DVD sopra e sotto

Ecco la prima di tre puntate di approfondimento per capire cosa sono i Digital Versatile Disk. La seconda sarà sulla protezione DVD e la terza sul DVD hacking

Web (internet) - Il DVD, acronimo di Digital Versatile Disk e non di Digital Video Disk come spesso ritenuto, nasce ufficialmente nel 1995 ed è preceduto, nel dicembre del 1994, dalle proposte di Sony e Philips e di Toshiba e Matsushita che, rispettivamente, presentano nel febbraio il Multimedia Compat Disk e circa una mese dopo il Superdensity.

Il DVD rappresenta il risultato dello sforzo congiunto di produttori di tecnologie e produttori di contenuti, per la realizzazione di un supporto adatto a facilitare la diffusione su larga scala di prodotti per l'intrattenimento caratterizzati da altissima qualità audio e video. Questa sinergia ha visto sedersi allo stesso tavolo delle decisioni i rappresentanti di case come Sony e Matsushita e i portavoce delle grandi case produttrici di Hollywood che in questo progetto hanno visto la possibilità di aumentare nettamente i loro utili e la loro presenza, già peraltro notevole, sul mercato del cosiddetto intrattenimento da casa.

Caratteristica principale del DVD è la grande capacità di memorizzazione. Può sembrare un po? riduttivo, ma bisogna considerare che il problema fondamentale per la diffusione di prodotti multimediali (siano essi film o programmi interattivi) è, appunto, lo spazio necessario ad immagazzinare i dati che codificano video e audio, soprattutto se si ha come scopo quello di garantire un alto livello qualitativo del prodotto finale.
L'idea alla base della tecnologia del DVD non è molto diversa da quella che ha portato alla creazione dei Compact Disk, che, giusto per fare un po? di storia, non è così lontana come potrebbe sembrare dalle soluzioni adottate nei vecchi dischi di vinile.
TAG: hw