Alfonso Maruccia

Per Apple Watchkit e bugfix

Cupertino rilascia la prima versione del SDK per il Watch, lo smartwatch legato a doppio filo all'iPhone. Gli aggiornamenti per iOS e OS X servono invece soprattutto a migliorare le prestazioni

Roma - Lo smartwatch di Apple meglio noto come Watch arriverà solo nel 2015, ma gli sviluppatori possono sperimentare con il codice già da oggi grazie alla distribuzione dell'SDK ufficiale WatchKit. Gli utenti debbono accontentarsi invece degli update disponibili per loro, sia che si tratti di gadget mobile (iOS) che di computer Mac (OS X).

WatchKit, per cominciare, permette ai programmatori di familiarizzare con le nuove opportunità offerte dallo smartwatch extra-lusso di Cupertino e in particolare con le tre tipologie di app supportate dal gadget: Notifiche visualizzeranno aggiornamenti di stato e messaggi similari sul display del braccialetto, Glances per presentare dati e i informazioni più specifici, e infine app native senza l'obbligo di appoggiarsi a software di terze parti.

Una delle caratteristiche fondamentali che emerge dall'analisi di WatchKit è l'assoluta dipendenza di Watch da iPhone, con il chip SoC dello smartphone che si incaricherà di processare la parte fondamentale del codice delle app e il chip sotto-potenziato dello smartwatch che si limiterà a visualizzare informazioni sul display secondo una UI standard o creata ad hoc. Anche le app per Watch verranno scaricate dall'app store accessibile da cellulare.
L'SDK per Watch è parte integrante di iOS 8.2, futura versione del sistema operativo mobile per i gadget della Mela, che per ora viene distribuito in beta solo agli sviluppatori e funziona su tutti i dispositivi che sono già in grado di far funzionare iOS 8.

Cupertino ha infine rilasciato un paio di aggiornamenti ufficiali per i suoi ecosistemi software, uno dedicato ai terminali mobile (iOS 8.1.1) e l'altro ai Mac (OS X 10.10.1): iOS 8.1.1 è il quarto update di iOS 8 e dovrebbe garantire performance migliorate sui gadget non di ultimissima generazione (iPhone 4S, iPad 2 e terminali equipaggiati con hardware simile), mentre OS X 10.10.1 è il primo aggiornamento a Yosemite e si incarica (tra le altre cose) di chiudere bachi e risolvere problemi di affidabilità con le connessioni WiFi e i collegamenti con i server Microsoft Exchange.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaJawbone, nuovi accessori per il fitnessL'azienda californiana presenta i nuovi gadget per il tracking biometrico, uno di fascia bassa e l'altro capace di tenere sotto controllo battito cardiaco, frequenza respiratoria e altro ancora. Perché il fitness hi-tech si candida a diventare la nuova frontiera
  • SicurezzaYosemite, molto rumore per nulla?Tra annunci di bug reali e proclami di presunte vulnerabilità inesistenti, è tutto un fiorire di chiacchiere sull'ultima release del sistema operativo Apple per Mac. Ma non è tutto baco quello che fa notizia