DeCSS/ La libertà di link è a rischio

L'avvocato degli studios di Hollywood sostiene che il codice che decifra le protezioni dei DVD è pericoloso quanto un programma che distrugge le comunicazioni aeree. Afferma che i link al DeCSS sono fuorilegge. Sentenza a breve

DeCSS/ La libertà di link è a rischioNew York (USA) - Sono ore durissime per le libertà in Rete e il caso del DeCSS, il codice che consente di superare le "protezioni" antipirateria dei DVD, è di nuovo al centro dell'attenzione perché è legato alla libertà per un sito Internet di linkare materiale presente sulla Rete. Dall'esito di questo caso potrà dipendere una fetta importante del "futuro assetto" di ogni attività online.

Sul banco degli imputati c'è 2600.com, l'hacker magazine finito nei guai perché sostenitore del DeCSS e della libertà di linkare ai siti che ospitano il programmino.

Contro 2600.com non c'è soltanto il ministero della Giustizia americano, che difende la costituzionalità della legge sul copyright nell'era digitale (DMCA), ma anche gli studios di Hollywood riuniti nella MPAA. Questa associazione ritiene infatti che il DeCSS sia illegale, che i siti che ospitano quel codice sono illegali e che deve essere considerato illegale anche qualsiasi link a tali siti.
Daniel Alter, procuratore per la MPAA, ha descritto il DeCSS come un software pericoloso, come un "programma che mette fuori uso i programmi di navigazione per gli aerei o le spie antifumo negli hotel".

Afferma Alter: "Quel software ha il potenziale di fare danni molto gravi. Questo è l'oggetto del giudizio in corso".

I produttori di Hollywood sono stati a suo tempo sostenitori delle protezioni CSS, quelle che il DeCSS supera facilmente, perché questo consente loro di mantenere un controllo importante sulla diffusione dei contenuti su DVD, un supporto ormai largamente usato in molti paesi nel Mondo. Gli interessi economici sono quindi altissimi e, per farli valere, l'accusa sembra intenzionata a tentare tutte le strade.
TAG: censura
28 Commenti alla Notizia DeCSS/ La libertà di link è a rischio
Ordina
  • Eallora a me quanti anni mi danno con tutti i link rat/trojan/virus che ho?
    non+autenticato
  • La caratteristica che più sta disorientando i governi mondiali è l'internazionalità della Rete, anzi la sua trasversalità nazionale:
    Un cittadino A della Nazione B, che vive nello Stato C, ospita nel suo sito, registrato sotto l'amministrazione dello stato D, e hostato da un cittadino E di nazionalità F, residente nel territorio dello Stato G, che possiede dello spazio Web nella nazione H, del materiale fornito da un suo cliente I, con doppia cittadinanza di L ed M, ma residente nello Stato N...
    si può continuare - virtualmente - all'infinito; e poi chiedere a Daniel Alter di sbrogliare cortesemente la matassa, e sciogliere l'amletico dubbio: "quale legge applicabile?"
    Prima o poi i governi si renderanno conto che sono stati sorpassati dalla Storia, in questa occasione: non esistono raccordi legislativi che possano reggere alla corrosione di Internet, nè che riescano a batterla in velocità.
    Tuttavia... se non tutto il male viene per nuocere, al peggio non c'è mai fine: può anche darsi che qualcosa inventeranno, anche se dovrà vedersela con altrettale valida inventiva, perché Internet è una sfida quotidiana.

    Ma non si può dire "non mi riguarda".
    E' una battaglia nella guerra alla libertà, una battaglia da combattere e vincere, perchè ce ne saranno altre, che già si profilano all'orizzonte.
    Non ci facciamo prendere per stanchezza o distrazione, restiamo vigili e facciamo sentire la nostra voce.
    Tutte le volte.
    Con sistemi informatici.
    In tanti.
    Sempre.
    Accettando tutte le sfide e contrastando chi ci ruba la libertà, in nome del proprio profitto.
    non+autenticato


  • - Scritto da: alfridus@multimediaclub.org
    > La caratteristica che più sta disorientando
    > i governi mondiali è l'internazionalità
    > della Rete, anzi la sua trasversalità
    > nazionale:
    > Un cittadino A della Nazione B, che vive
    > nello Stato C, ospita nel suo sito,
    > registrato sotto l'amministrazione dello
    > stato D, e hostato da un cittadino E di
    > nazionalità F, residente nel territorio
    > dello Stato G, che possiede dello spazio Web
    > nella nazione H, del materiale fornito da un
    > suo cliente I, con doppia cittadinanza di L
    > ed M, ma residente nello Stato N...
    > si può continuare - virtualmente -
    > all'infinito; e poi chiedere a Daniel Alter
    > di sbrogliare cortesemente la matassa, e
    > sciogliere l'amletico dubbio: "quale legge
    > applicabile?"
    > ...........
    > Ma non si può dire "non mi riguarda".
    > E' una battaglia nella guerra alla libertà,
    > una battaglia da combattere e vincere,
    > perchè ce ne saranno altre, che già si
    > profilano all'orizzonte.
    > Non ci facciamo prendere per stanchezza o
    > distrazione, restiamo vigili e facciamo
    > sentire la nostra voce.
    > Tutte le volte.
    > Con sistemi informatici.
    > In tanti.
    > Sempre.
    > Accettando tutte le sfide e contrastando chi
    > ci ruba la libertà, in nome del proprio
    > profitto.

    Bello questo messaggio, positivo, incoraggiante...

    in Italia si può fare qualcosa per tentare di costringere i media a parlare della pericolosa,
    legge sull'editoria (62/2001)....
    gli iscritti alla mailing list di SNAIL sono oltre 600.
    Per info e adesioni visitate questo sito:
    http://snail.utenti.org/
    non+autenticato
  • ...
    Daniel Alter, procuratore per la MPAA, ha descritto il DeCSS come un software pericoloso, come un "programma che mette fuori uso i programmi di navigazione per gli aerei o le spie antifumo negli hotel".
    ...

    Se viene messo fuori uso un programma di navigazione aerea c'è il rischio che cadano aerei e muoiano delle persone!
    Se vengono messe fuori uso le spie antifumo negli hotel, in caso di incendio muoiono delle persone!
    Se viene crakkato il DeCSS non succede proprio un bel niente, altro che pericolo... ma questi si rendono conto di quello che dicono o vengono pagati solo per dire ca22ate!!!

    non+autenticato


  • - Scritto da: XALC
    > ...
    > Daniel Alter, procuratore per la MPAA, ha
    > descritto il DeCSS come un software
    > pericoloso, come un "programma che mette
    > fuori uso i programmi di navigazione per gli
    > aerei o le spie antifumo negli hotel".
    > ...
    >
    > Se viene messo fuori uso un programma di
    > navigazione aerea c'è il rischio che cadano
    > aerei e muoiano delle persone!
    > Se vengono messe fuori uso le spie antifumo
    > negli hotel, in caso di incendio muoiono
    > delle persone!
    > Se viene crakkato il DeCSS non succede
    > proprio un bel niente, altro che pericolo...
    > ma questi si rendono conto di quello che
    > dicono o vengono pagati solo per dire
    > ca22ate!!!

    E' un legale ?

    Allora viene pagato (e anche tanto) per dire ca22ate !
    non+autenticato
  • > Se viene messo fuori uso un programma di
    > navigazione aerea c'è il rischio che cadano
    > aerei e muoiano delle persone!
    > Se vengono messe fuori uso le spie antifumo
    > negli hotel, in caso di incendio muoiono
    > delle persone!
    > Se viene crakkato il DeCSS non succede
    > proprio un bel niente, altro che pericolo...
    > ma questi si rendono conto di quello che
    > dicono o vengono pagati solo per dire
    > ca22ate!!!


    HAI ragione al 100%, è incredibile, purtroppo è pieno il mondo di farabutti del genere Triste
    non+autenticato


  • - Scritto da: XALC
    > ...
    > Daniel Alter, procuratore per la MPAA, ha
    > descritto il DeCSS come un software
    > pericoloso, come un "programma che mette
    > fuori uso i programmi di navigazione per gli
    > aerei o le spie antifumo negli hotel".
    > ...
    >
    > Se viene messo fuori uso un programma di
    > navigazione aerea c'è il rischio che cadano
    > aerei e muoiano delle persone!
    > Se vengono messe fuori uso le spie antifumo
    > negli hotel, in caso di incendio muoiono
    > delle persone!
    > Se viene crakkato il DeCSS non succede
    > proprio un bel niente, altro che pericolo...
    > ma questi si rendono conto di quello che
    > dicono o vengono pagati solo per dire
    > ca22ate!!!
    >

    MA che ci hanno preso a tutti per una massa di idioti? Io copio Matrix e cadono gli aerei ?
    affanculo a quella gente di merda !!
    non+autenticato
  • si puo' dire "avvocato"???
    non rischi di essere bannatoOcchiolino

    Occhiolino

    - Scritto da: maria
    > è un emerito coglione.
    non+autenticato
  • Al di la' di questa questione e' per me ovvio che quando si pubblica un link sul proprio sito si e' responsabili dei materiali ai quali si linka. E questo proprio per la natura ipertestuale del Web.
    non+autenticato


  • - Scritto da: francesco porta - roma
    > Al di la' di questa questione e' per me
    > ovvio che quando si pubblica un link sul
    > proprio sito si e' responsabili dei
    > materiali ai quali si linka. E questo
    > proprio per la natura ipertestuale del Web.

    Va bene allora rendiamo tutti i motori di ricerca fuori legge!!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: francesco porta - roma
    > Al di la' di questa questione e' per me
    > ovvio che quando si pubblica un link sul
    > proprio sito si e' responsabili dei
    > materiali ai quali si linka. E questo
    > proprio per la natura ipertestuale del Web.

    secondo me andrebbero vietati solo i link a siti illegali
    non+autenticato
  • - Scritto da: francesco porta - roma
    > proprio sito si e' responsabili dei
    > materiali ai quali si linka. E questo

    <a href="www.porcamadonna.com">link</a>

    adesso allora punto informatico è responsabile dei contenuti del sito di cui sopra, secondo te.
    ma ragionare prima di parlare?
    non+autenticato


  • - Scritto da: francesco porta - roma
    > Al di la' di questa questione e' per me
    > ovvio che quando si pubblica un link sul
    > proprio sito si e' responsabili dei
    > materiali ai quali si linka. E questo
    > proprio per la natura ipertestuale del Web.

    Abroghiamo gli occhi, e i fotoni, in quanto, se uno scrive un cartellone con materiale illegale per strada, "linkano" il mio cervello a queste informazioni.
    non+autenticato


  • - Scritto da: francesco porta - roma
    > Al di la' di questa questione e' per me
    > ovvio che quando si pubblica un link sul
    > proprio sito si e' responsabili dei
    > materiali ai quali si linka. E questo
    > proprio per la natura ipertestuale del Web.

    vabè allora provo a rigirare il problema...
    secondo la legislazione corrente se un tizio mi ferma per strada e mi chiede dove può trovare del fumo e io gli indico una viuzza buia popolata da spacciatori, sono io penalmente responsabile?
    non+autenticato
  • > vabè allora provo a rigirare il problema...
    > secondo la legislazione corrente se un tizio
    > mi ferma per strada e mi chiede dove può
    > trovare del fumo e io gli indico una viuzza
    > buia popolata da spacciatori, sono io
    > penalmente responsabile?

    Hai ragione al 100%.
    non+autenticato
  • Scusa, fammi capire il tuo ragionamento. Perché chi linka un sito dovrebbe essere anche responsabile dei contenuti linkati?

    Tu puoi benissimo linkare un sito che parla di video digitale. Se poi questo sito rende disponibili anche dei programmi "illegali", tu cosa c'entri?

    Esempio: nelle Pagine Gialle ci sono i "link" (indirizzi) ai negozi di tabaccheria. Se poi uno di questi vende delle sigarette di contrabbando, non è mica colpa delle Pagine Gialle!!!

    Se così fosse, allora tutti i motori di ricerca sarebbero sommersi di cause giudiziarie, visto che tutte le applicazioni pirata si possono trovare attraverso di essi.

    Certo, poi sta a te non linkare certi materiali. Se linki un sito tipo www.vendobambini.com (non esiste!!!), è chiaro che una parte di responsabilità ce l'hai anche tu...

    mARCOs

    - Scritto da: francesco porta - roma
    > Al di la' di questa questione e' per me
    > ovvio che quando si pubblica un link sul
    > proprio sito si e' responsabili dei
    > materiali ai quali si linka. E questo
    > proprio per la natura ipertestuale del Web.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)