Alfonso Maruccia

Microsoft apre anche la nuvola di Halo

Redmond distribuisce nuovo codice con licenza FOSS. Fa notizia la decisione di cedere un pezzo del celebre sparatutto campione di incassi. Chi lavora a grosse infrastrutture cloud avrÓ parecchio da guadagnarci

Roma - Microsoft continua l'avvicinamento alla community dell'open source rilasciando un nuovo pezzo pregiato dei suoi progetti software sotto licenza FOSS, e questa volta si tratta del framework per backend cloud noto come Project Orleans.

L'azienda di Redmond ha già fatto ampio uso di Orleans in combinazione con l'infrastruttura Azure, costruendo in particolare la piattaforma telematica che gestisce Halo 4, lo sparatutto in prima persona multiplayer per console Xbox che si giova tra l'altro del contributo del cloud computing per potenziare le funzioni di AI dei personaggi che popolano il titolo non controllati dal giocatore.

Il framework di Project Orleans è realizzato in dotNET, spiega Microsoft, ed è pensato per facilitare il lavoro degli sviluppatori impegnati a realizzare un servizio cloud progettato per aumentare di dimensioni in maniera consistente. L'engine di Project Orleans è basato sul principio del "concurrent processing" noto come Actor Model, dove un numero multiplo di processori eseguono istruzioni in simultanea e i processi ("actor") persistono online.
Il compito principale del framework è quello di semplificare grandemente la gestione dei processi concorrenti senza costringere gli sviluppatori a un lavoro aggiuntivo in tal senso. La distribuzione open source (sotto licenza MIT e su repository GitHub) di Project Orleans dovrebbe essere completata entro il 2015.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaMicrosoft e la rivoluzione open sourceI gioielli della corona .NET e Visual Studio offerti alla community. InteroperabilitÓ come la principale leva strategica per riguadagnare e riconquistare rilevanza. E uno sguardo lanciato al prossimo futuro della piattaforma Windows