Gaia Bottà

Aereo, innovazione fatta a pezzi

Il servizio delle microantenne che prometteva la ritrasmissione in streaming della programmazione della TV statunitense, fallito il tentativo di giustificare la propria esistenza in tribunale, verrà smembrato e venduto al miglior offerente

Roma - Aereo aveva tentato in ogni modo di incunearsi nel quadro normativo statunitense per offrire agli spettatori televisivi la possibilità di fruire della programmazione delle emittenti tradizionali via streaming e con grande flessibilità: dopo la sentenza della Corte Suprema, la giustizia statunitense ha progressivamente sbarrato ogni strada che avrebbe potuto determinare la sopravvivenza del servizio, che non potrà riciclarsi nemmeno pagando le licenze di ritrasmissione previste per gli operatori via cavo, nemmeno limitandosi a offrire una proposta di DVR. Il servizio delle microantenne era così stato costretto a negarsi ai propri utenti, scegliendo la bancarotta.

Ora il tribunale di New York che si sta occupando di gestire il fallimento di Aereo ha stabilito che il servizio potrà essere smembrato, e che le tecnologie che lo compongono potranno essere vendute nel corso di un'asta prevista per il mese di febbraio. Nonostante fosse la combinazione di queste tecnologie a determinare l'impatto innovativo di Aereo, c'è chi potrebbe volersi accaparrare alcune delle parti che componevano il servizio: sono 17 i soggetti che hanno già espresso interesse.

Broadcaster come CBS, NBC, ABC e Fox, coloro che hanno determinato la disfatta di Aereo e che ancora temono che le tecnologie approntate dal servizio possano competere illegalmente con il loro business, saranno ammessi a partecipare all'asta e avranno diritto di veto sulle proposte formulate da terzi.
Per Aereo, nel frattempo, resta in sospeso il conto con le emittenti: i denari che Aereo potrebbe dover corrispondere per riparare ai danni creati ai broadcaster potrebbero essere fissati in una cifra nell'ordine delle decine di milioni di dollari.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • Diritto & InternetAereo, ritrasmissione interrottaIl servizio che voleva trasformare in dirette streaming i programmi televisivi ordinari deve rinunciare alle proprie ambizioni. Si riciclerà in un servizio DVR?
  • BusinessAereo si aggrappa alla tradizionePer ritrasmettere liberamente in streaming i programmi televisivi aveva tentato di sfuggire ad ogni definizione. Ora, pur di continuare ad operare, Aereo si dice disposta a impersonare un servizio di TV via cavo
  • Diritto & InternetAereo, quello che le leggi non diconoLa gimcana legislativa in cui si è esibito il servizio non è bastata a sancirne la legalità: la Corte Suprema lo ha equiparato a un operatore via cavo. E come tale deve pagare le licenze di ritrasmissione alle emittenti. Il cloud computing dovrà adeguarsi?
3 Commenti alla Notizia Aereo, innovazione fatta a pezzi
Ordina
  • "Per Aereo, nel frattempo, resta in sospeso il conto con le emittenti: i denari che Aereo potrebbe dover corrispondere per riparare ai danni creati ai broadcaster potrebbero essere fissati in una cifra nell'ordine delle decine di milioni di dollari."

    E come fanno a vedere quei soldi se Aereo è fallito?
    Qualche spicciolo lo vedranno dopo che all'asta verranno battuti i vari pezzi di Aereo, ma il resto...
  • Tu ti poni solo questa domanda? Io mi chiedo e cito dall'articolo:
    coloro che hanno determinato la disfatta di Aereo saranno ammessi a partecipare all'asta e avranno diritto di veto sulle proposte formulate da terzi.

    Io partecipo all'asta e ho diritto di veto sulle offerte altrui. Questo non sembra un comportamento mafioso?
    P.S. Ho tagliato un pezzo della citazione ma non dovrebbe influire sul senso, in compenso aiuta a comprendere meglio la questione.
  • Parlavo solo di soldi, scusa la venialità.
    Dell'aspetto organizzativo dell'asta non mi occupavo. Anche perché in nessun caso di fallimento coloro che hanno vinto una causa contro il fallito hanno l'obbligo di partecipare all'asta. È una facoltà.