Alfonso Maruccia

Smartphone Ubuntu, chi prima arriva

Canonical ha annunciato l'avvento del telefonino basato sull'OS Linux, un gadget castrato in tutte le funzionalità avanzate promesse all'avvio del progetto. Costerà poco, ma sarà difficile da acquistare

Roma - Se ne parla da anni, e alla fine Ubuntu phone si è materializzato sotto forme e caratteristiche parecchio diverse rispetto alle promesse iniziali. Canonical ha annunciato l'arrivo della "Ubuntu Edition" di Aquaris E4.5, terminale a basso costo prodotto da Bq e a quanto pare esclusiva per il mercato europeo.


Al prezzo piuttosto modico di 170 euro, Aquaris E4.5 offrirà, oltre alla versione mobile di Ubuntu, uno schermo da 4,5" e 960x540 pixel, SoC Mediket con CPU quad-core (Cortex-A7) a 1,3GHz, 1GB di RAM, 8 GB di storage estensibile tramite schede di memoria microSD. Le vendite verranno condotte tramite offerte lampo sui social network, dice Ubuntu.

Per quanto riguarda il software, Canonical promette la disponibilità di app per i servizi e i siti Web più popolari (Facebook, Twitter, Dropbox, Evernote, Amazon) e non molto di più. Alcune delle app saranno native per Ubuntu mobile, mentre altre saranno semplice codice HTML5 impacchettato sotto forma di applicazione, alla stregua di quelle per Firefox OS.
E proprio il succitato Firefox OS, a conti fatti, rappresenta uno dei prodotti concorrenti con cui l'Ubuntufonino dovrà vedersela sul mercato: certo il terminale Aquaris E4.5 costa molto di più di uno smartphone con l'OS Mozilla, e nella fascia di prezzo dei gadget Android di medio livello il potenziale successo dell'offerta deve scontrarsi con la scarsa disponibilità di app rispetto al marketplace di Google.

Il primo Ubuntufonino è in effetti il frutto di un compromesso con la realtà e una cosa completamente diversa dal favoleggiato Ubuntu Edge che voleva raccogliere milioni di dollari con il crowdfunding. Addio alla possibilità di trasformare il terminale in un PC (collegando una tastiera esterna), addio alle specifiche high-end, quel che resta è comunque il primo tentativo di Canonical di diffondere il "verbo" di Ubuntu anche su mobile.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaNiente Ubuntu Edge. Ma il crowdfunding funzionaMancano 20 milioni all'appello. Il super-smartphone non si farà, non almeno in questo modo. Ma altri progetti in cerca di fondi ce l'hanno fatta
  • TecnologiaUbuntu-phone rimandato al 2015?Su Reddit un dipendente di Canonical lascia trapelare la notizia. Questo sarà un anno interlocutorio, di sviluppo, e i primi esemplari di smartphone Ubuntu saranno disponibili non prima di 12 mesi
  • BusinessUbuntu, il prezzo della convergenzaCon il vantaggio del ritardo, Canonical ritiene di aver individuato un nuovo target, quello interessato a incardinare la propria vita digitale su uno smartphone che sa adattarsi a diversi scenari. E disposto a spendere tra i 200 e i 400 dollari
38 Commenti alla Notizia Smartphone Ubuntu, chi prima arriva
Ordina
  • Come da oggetto, a pochissimi giorni dalla presentazione il BQ con Ubuntu è a 12.000 ordini al minuto.

    Per un cesso di telefono non è male.

    Aspettiamo di vedere anche il Meizu con Ubuntu.

    Le App stanno arrivando!

    Se entro qualche anno supera la diffusione di Windows Phone mando la foto del mio sedere a Nadella!
    iRoby
    9514
  • > Se entro qualche anno supera la diffusione di
    > Windows Phone mando la foto del mio sedere a
    > Nadella!

    Mandagliela subito !

    Se come dici tu vendono 12.000 telefoni al minuto, significa che in un'ora vendono 43 milioni di telefoni, quindi a distanza di un giorno hanno già venduto circa un miliardo di telefoni, la foto a Nadella puoi mandargliela tranquillamente intanto che è calda (la vendita dico).

    Occhio però che se si tratta di un annuncio di marketing virale ci fai una brutta figura o per lo meno ce la fa il tuo sedere.
    non+autenticato
  • È vero ma hanno esaurito quelli che si erano prefissati.
    Prima che i server andassero in tilt contavano 12.000 ordini al minuto.
    Pare che ci saranno 2 mesi di attesa per molti degli ultimi acquirenti.

    Con le novità è normale un tale successo. Nel futuro esauriranno prima i geek che lo vogliono che i telefoni.
    non+autenticato
  • .. COMPILARSI LE APP.... Sorride Sicuro, fattibile, molto geek ed anche godibile (e non scherzo: aaaah, quando avevo il camice bianco e solo io sapevo maneggiare i dati col DbaseIII in modalità prompt..), ma godibile appunto per i geek: ma per chi lo vende, che deve fare i numeri... in realtà non conosco molto nel merito, ma un problema grosso ce lo vedo: schermo da 4,5? Naaaah, non si può navigare sciolto su un 4,5, si castra da solo così! Con un 5" ci si fa, ma 4,5" è il pezzettino che manca, lo vedo sul Motorola Moto G di un amico, piuttosto il mio scarso Huawei, ma 5" ci vogliono
    non+autenticato
  • mille volte meglio Windows Phone
    non+autenticato
  • One-Bit to Rule Them All: Bypassing Windows’ 10 Protections Using a Single Bit http://hn.premii.com/#/comments/9031419

    Anche io...
    non+autenticato
  • Anche loro
    non+autenticato
  • Bella scelta quella di Ubuntu.

    Sono partiti dall'idea di realizzare un "sistema operativo per esseri umani" (cantinari esclusi), con tanto di video di Mandela e persone di varie etnie che si abbracciano felici

    Risultati ottimi all'inizio non c'è che dire, erano quasi riusciti a far migrare una buona percentuale di utenti Windows e convertirli almeno al dual boot.

    Poi, hanno tirato fuori dal cappello Unity, con l'idea dell' "interfaccia universale", capace di coniugare il mobile con il desktop, nella ferma convinzione che fossero la stessa cosa, con conseguente fuga di migliaia di utenti verso altri lidi e la vendita di quelli che gli erano rimasti ad Amazon.

    Sono arrivati infine all'ennesimo telefonino geek, che costa come un Samsung ha il parco applicativo di un'Asha (ma è in crowdfunding), in un mercato già saturo di terminali di tutti i tipi.

    Vendite lampo (molto lampo immagino) sui "Social Networks" in pieno stile campagna virale, dove i pochi "fortunati" se lo aggiudicheranno e altri ancora più fortunati, recupereranno parte delle spese.

    Per gli "esseri umani" pazienza, loro continueranno ad usare Android e speriamo presto anche Firefox OS, che come ambiente è sicuramente più promettente e forse anche più libero.
    non+autenticato
  • che bello parlare senza la minima cognizione di quel che si dice, vero? dopo queso articolo e soprattutto dopo il tuo commento, sara' sicuramente il piu' grande successo commerciale di tutti i tempi. ero un po' indeciso: volevo aspettare il meizu, ma ora lo comprero' sicuramente. anzi... li piglio entrambi x sicurezza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tibuko Legomme

    > Sono arrivati infine all'ennesimo telefonino
    > geek, che costa come un Samsung

    Samsung fa telefoni da 100 a 900 euro. A quale ti riferisci?

    > ha il parco
    > applicativo di un'Asha (ma è in crowdfunding),

    No, ne ha molti di più, basta ricompilarli.Con la lingua fuori

    > in
    > un mercato già saturo di terminali di tutti i
    > tipi.

    Su questo, e si alcune altre cose che hai scritto, possiamo discutere.
    Unity non piace nemmeno a me, e il fatto che l'SDK per questo telefono giri solo su Ubuntu desktop piace ancora meno.

    La loro unica speranza è davvero la convergenza, e spero che la portino presto, prima che altri li superino.

    Bye.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Shu
    > - Scritto da: Tibuko Legomme
    >
    > > Sono arrivati infine all'ennesimo telefonino
    > > geek, che costa come un Samsung
    >
    > Samsung fa telefoni da 100 a 900 euro. A quale ti
    > riferisci?
    >

    Un telefono con software free dovrebbe costare sensibilmente meno visto che l'hardware in questione sappiamo bene che non è costosissimo.

    Un esempio è l'ASHA di Nokia o Firefox OS che forse è quello che si avvicina di più, sono telefoni abbondantemente sotto i 100 euro.

    Se fai pagare un telefono quella cifra significa che stai sfruttando il marchio, cosa che Ubuntu fa tranquillamente da anni, che significa che il prodotto che propini è puramente commerciale.

    > > ha il parco
    > > applicativo di un'Asha (ma è in crowdfunding),
    >
    > No, ne ha molti di più, basta ricompilarli.Con la lingua fuori
    >
    > > in
    > > un mercato già saturo di terminali di tutti i
    > > tipi.
    >
    > Su questo, e si alcune altre cose che hai
    > scritto, possiamo
    > discutere.
    > Unity non piace nemmeno a me, e il fatto che
    > l'SDK per questo telefono giri solo su Ubuntu
    > desktop piace ancora
    > meno.
    >

    Non saprei, ho letto da qualche parte in questi post che si parla di QT, se è così si sono agganciati al lavoro di Nokia per le QT (mi pare si chiami QTCreator) che garantiva portabilità della stessa applicazione sul mobile e in quel caso avrebbe senso, se è quello gira su molte piattaforme diverse.

    Pre quanto riguarda Unity non è lei il problema, anche perché lo stile e l'usabilità sono paragonabili a quelle di Gnome Shell.

    Il problema è che si sono lentamente trasformati in un prodotto commerciale e il telefono da 200 euro è solo l'ultima di queste trovate.

    Sia chiaro che non c'è nulla da obiettare sul prodotto commerciale in se, ma sul fatto che Ubuntu è molto Debian, è molto sul free e come ho scritto, sembrava nascere con ottime intenzioni, con l'idea di rendere usabile Linux, con i discorsi di Mandela.

    Qui siamo completamente su un altro piano e lo si vede chiaramente, una barra che ti cerca per default, prodotti commerciali, anche solo quando cerchi di lanciare il terminale, un layout basato sulle APP con tanto di APP store, music store, cloud e telefono da 200 euro, sono molto lontane da quella visione.

    La mia critica è al fatto che far passare tutto questo come una vittoria del free software, nella speranza che i fans vadano a spendere soldi per un prodotto che loro stessi hanno contribuito a creare, è una questione da soppesare attentamente.

    Come ho detto io ho molta più stima per Firefox OS, che usa Linux, puoi scrivere applicazioni in HTML5 e hai delle funzioni javascript specifiche per accedere alle funzionalità del telefono.

    Costa una sciocchezza ed è molto più "per esseri umani" di questi qui.

    > La loro unica speranza è davvero la convergenza,
    > e spero che la portino presto, prima che altri li
    > superino.
    >
    > Bye.

    Bye.
    non+autenticato
  • Ma a me che me ne frega di Mandela, scusaaaa?!?!? Rotola dal ridere

    Se non lo volete imbutu non compratelo, chi vi obbliga? Piuttosto se dovete rinnovare lo smartphone è molto meglio windows 10, con la convergenza desktop e mobile!
    Non come imbutu che la convergenza l'ha fatta fare dal gommista sotto casa (Mark non aveva capito bene di cosa si trattasse) e adesso fa di queste belle figure barbine!

    Parola di Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • Ma a me che non uso Windows su desktop che me ne frega di convergerlo pure sul mobile?
    iRoby
    9514
  • Ma win de che?
    Quale "convergenza" quella del nome?
    Ti voglio proprio vedere far girare le "app windoze" sul "nokkia mummia".
    Ma poi anche se potessi non ha alcun senso è proprio l'idea che il mobile e il "compiuting" da ufficio o corporate possono essere "convergenti" a essere totalmente balzana.
    Già non vero manco a livello "consumer" figurati a livelli altri.
    La "convergenza" a livello O.S. esiste già da un pezzo!
    Android è Linux a ogni effetto pratico e teorico e portare una "app" linux su Android è già fattibilissimo (oltre che già abbondantemente fatto in più di un caso) il problema è che le applicazioni "adatte" a un mobile non sono per nulla le stesse di un computer "General purpose" anzi la vera differenza tra Android e un Linux "normale" è proprio la "macchina applicativa" cioè "dalvik" che serve proprio ad avere supporto specifico per le funzioni applicative che hanno senso solo per gli ambienti "mobile" cosa del tutto inutile negli altri casi "applicativi".
    In conclusione ciò che fa davvero la differenza tra mobile e non non è affatto l'O.S. ma proprio le applicazioni in sé.
    Quindi di che convergenza vai cianciando se non di quella del gommista?
    Di autocad sul mobile (solo per dirne una) non te ne fai una ceppa così come non te ne fai nulla dell'accelerometro o della applicazione "compass" o bussola sul fisso.

    Se poi per "convergenza" intendi quella del nome "si chiama sempre Windows 10" allora sappi che senza dubbio quella del gommista è di gran lunga più utile.
    non+autenticato
  • Ci sono parole che di tanto in tanto diventano di moda.
    E un sacco di gente le usa a sproposito senza neppure averle capite.
    iRoby
    9514
  • Senti carinooo, imbutu non ha nessuna convergenza, ed è da anni che fa finta di lavorarci sopra. La Microsoft Corporation, invece, da quella grande azienda dell'informatica che è, in poco tempo l'ha resa realtà: unica e prima al mondo!
    GET THE FACTS!!!

    Parola di Winaro! Occhiolino
    non+autenticato
  • Insomma confermi che Microsoft per la convergenza è meglio del gommista?
    iRoby
    9514
  • PRO:
    - buona l'idea degli edges
    - buona l'idea di avere degli scopes che racchiudono dei dati (tipo desktop semantico)
    - ottime possibilità di sviluppo

    CONTRO:
    - non diventa un PC
    - hw delle balle
    - applicazioni a 0
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jaguaro
    > CONTRO:
    > - non diventa un PC
    > - hw delle balle
    > - applicazioni a 0

    Peccato di gioventù il terzo.

    Ma i primi 2 con i prossimi prodotti cambieranno. Già il secondo sarà il Meizu MX4. E si può portare su tanti prodotti con MTK.
    iRoby
    9514
  • A mia difesa i miei scritti sono scorrevoli e li scrivo con ironia

    Comunque, cosa dovrei leggere comunque di quell'articolo?

    "The Nexus 7 2012 Android 5.0.2 update performance is not the best, and in our experience it is a little slower and animations are not as smooth as on KitKat.
    The Nexus 7 2012 Android Lollipop performance improved dramatically after two days and two restarts, so that is the first thing to do if your Nexus 7 is slower than it was on KitKat. We will continue to monitor the speed and see if there are any ways to speed it up before sharing the final Nexus 7 2012 Android Lollipop review."

    Cioè all'inizio sembrava lento ma dopo due giorni e due riavvii è migliorata di molto. Oltre a non voler dire niente questa frase, cose ci si vorrebbe aspettare da un aggiornamento ota?
    Che scarichino le immagini e flashino, non è una minor release di bugfix, è cambiato mezzo sistema e forse di più. Una formattazione è d'obbligo. L'ho fatta anche io sul mac ed è stata la stessa cosa. Aggiornato dallo store era inutilizzabile. Fortunatamente da installazione pulita va già meglio. Coerenza, hai presente? No, non è quella cosa che si mangia, l'altra.

    Secondo me saresti tu a dover utilizzare google invece.
    Il problema del nexus 2012 non è in lollipop, ma nell'hardware. Primo il tegra 3 è invecchiato male e supportato peggio, non è un segreto che non piaccia a nessuno e c'è da meravigliarsi che abbia ricevuto questo aggiornamento. Secondo, è noto che il 2012 abbia problemi con le memorie a causa della bassa qualità delle flash utilizzate da asus per tenere bassi i costi. Problemi accentuati da quei nexus che passati dalla 4.2 ufficiale hanno trascorso tutta questa major release col supporto disattivato al trim, e l'assenza del gc le ha stressate parecchio

    Trim che sui mac a quanto ne so è disponibile esclusivamente sugli ssd ufficiali col marchio della melina dietro, uguali a quelli consumer, forse peggio, ma che magari costano il doppio. Non paghi il pizzo alla apple? Niente trim

    Eeehhhh ma la apple i suoi clienti li tratta coi guanti

    Ah! L'ironia!

    > Il resto manco lo leggo perchè parte da una tua non conoscenza dei fatti.

    Secondo me è perché non sai cosa rispondere. Opionioni neh
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)