Alfonso Maruccia

Auto senza pilota, il Regno Unito ci mette il bollino

Le autoritÓ legalizzano la sperimentazione delle auto senza pilota, con i primi mezzi in forma compatta che scorrazzeranno presto sulle strade britanniche. Con a bordo un guidatore in carne e ossa, per precauzione

Roma - Dalle autorità britanniche arriva l'ok definitivo alla sperimentazione delle automobili senza pilota, un settore che promette bene sia sul fronte dello sviluppo tecnologico che dal punto di vista economico. Il Regno Unito vuole essere fra i primi ad imboccare la strada delle "driverless car", dovunque porti.


Il governo di Londra ha stabilito di voler adottare un approccio "leggero" e non-regolatorio alle auto senza pilota, garantendo alle aziende interessate la possibilità di testare i veicoli robotici, ma con la precauzione aggiuntiva di un guidatore in carne e ossa che possa prendere il controllo del mezzo in caso di necessità.

Il ministro UK dei trasporti Claire Perry sostiene senza mezzi termini che le driverless car "sono il futuro", e rappresentano una tecnologia in grado di mutare radicalmente la circolazione dei mezzi sulle strade pubbliche. Un "codice di condotta" per le aziende, flessibile e meno rigido rispetto alle regole degli altri paesi (USA), verrà pubblicato entro la primavera.
I primi, attesi test delle driverless car britanniche sono già stati programmati sulle strade di Bristol, Coventry, Milton Keynes e nel quartiere londinese di Greenwich: alcuni dei mezzi sapranno stupire i cittadini con le loro forme tanto differenti dalle automobili di uso comune.

meridian shuttle

Che le driverless car rappresentino il futuro o meno, certo è che l'interesse delle aziende hi-tech per il settore è forte e gli investimenti in ricerca, sviluppo e finanziamento accomunano aziende dagli interessi diversi come Uber e Google. Non manca naturalmente chi teme i rischi alla sicurezza pubblica derivanti dal possibile abuso della nuova tecnologia.

Alfonso Maruccia

fonte immagine
Notizie collegate
12 Commenti alla Notizia Auto senza pilota, il Regno Unito ci mette il bollino
Ordina
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > Ah no, non è Uber...

    Infatti, qua saranno i camionisti a protestare, inizierà prestissimo e sarà peggio della protesta dei taxisti.

    O si inizia a lavorare meno per lavorare tutti, con stipendi meglio livellati, oppure scoppia il massacro.
    non+autenticato
  • "Il governo di Londra ha stabilito di voler adottare un approccio "leggero" e non-regolatorio alle auto senza pilota, garantendo alle aziende interessate la possibilità di testare i veicoli robotici, ma con la precauzione aggiuntiva di un guidatore in carne e ossa che possa prendere il controllo del mezzo in caso di necessità."

    Capito?!? Niente regolamentazione sulle auto senza pilota, a patto che ci sia un pilota a bordo.
    Niente regolamentazione sui navigatori GPS, a patto che dall'altra parte dello schermo ci sia un addetto che conosce le strade.
    Niente regolamentazione sui distributori di benzina self-service, a patto che sia presente il benzinaio.
  • - Scritto da: Leguleio
    > "Il governo di Londra ha stabilito di voler
    > adottare un approccio "leggero" e non-regolatorio
    > alle auto senza pilota, garantendo alle aziende
    > interessate la possibilità di testare i veicoli
    > robotici, ma con la precauzione aggiuntiva di un
    > guidatore in carne e ossa che possa prendere il
    > controllo del mezzo in caso di
    > necessità
    ."
    >
    > Capito?!? Niente regolamentazione sulle auto
    > senza pilota, a patto che ci sia un pilota a
    > bordo.
    >
    > Niente regolamentazione sui navigatori GPS, a
    > patto che dall'altra parte dello schermo ci sia
    > un addetto che conosce le strade.
    >
    > Niente regolamentazione sui distributori di
    > benzina self-service, a patto che sia presente il
    > benzinaio.


    E' la stessa identica disposizione di quando all'inizio del secolo scorso veniva imposto uno sbandieratore appiedato che camminava davanti ad ogni carrozza senza cavalli, per segnalarla.

    E avra' la stessa durata (forse meno).

    Ricorda: e' piu' facile svuotare il mare con una forchetta che fermare il progresso con leggi e decreti.
  • > > " Il governo di Londra ha stabilito di voler
    > > adottare un approccio "leggero" e
    > non-regolatorio
    > > alle auto senza pilota, garantendo alle aziende
    > > interessate la possibilità di testare i veicoli
    > > robotici, ma con la precauzione aggiuntiva di un
    > > guidatore in carne e ossa che possa prendere il
    > > controllo del mezzo in caso di
    > > necessità
    ."
    > >
    > > Capito?!? Niente regolamentazione sulle auto
    > > senza pilota, a patto che ci sia un pilota a
    > > bordo.
    > >
    > > Niente regolamentazione sui navigatori GPS, a
    > > patto che dall'altra parte dello schermo ci sia
    > > un addetto che conosce le strade.
    > >
    > > Niente regolamentazione sui distributori di
    > > benzina self-service, a patto che sia presente
    > il
    > > benzinaio.
    >
    >
    > E' la stessa identica disposizione di quando
    > all'inizio del secolo scorso veniva imposto uno
    > sbandieratore appiedato che camminava davanti ad
    > ogni carrozza senza cavalli, per
    > segnalarla.

    Era solo in Inghilterra. In Germania, dove l'auto è stata inventata, non hanno mai introdotto una legge simile.


    > E avra' la stessa durata (forse meno).
    >
    > Ricorda: e' piu' facile svuotare il mare con una
    > forchetta che fermare il progresso con leggi e
    > decreti.

    Lasciamo pure perdere le leggi e i decreti, alla fine qui si tratta di sperimentazione, che quindi dura un periodo finito.
    La formulazione dell'articolo è semplicemente comica: "un approccio "leggero" e non-regolatorio"... "con la precauzione aggiuntiva di un guidatore in carne e ossa". Rotola dal ridere
    Non scrive "con la precauzione di un addetto che non ha la patente, e non potrebbe comunque prendere i comandi dell'auto", in quel caso il concetto sarebbe chiaro, è una cavia. No no: la precauzione è una cosa da nulla: un guidatore per assistere la guida automatica.
    Adottiamo un approccio non-regolatorio al vostro nuovo aereo, può andare dove vuole purché rimanga sulla pista di rullaggio.
  • - Scritto da: Leguleio

    > > E' la stessa identica disposizione di quando
    > > all'inizio del secolo scorso veniva imposto
    > uno
    > > sbandieratore appiedato che camminava
    > davanti
    > ad
    > > ogni carrozza senza cavalli, per
    > > segnalarla.
    >
    > Era solo in Inghilterra. In Germania, dove l'auto
    > è stata inventata, non hanno mai introdotto una
    > legge simile.
    >

    E proprio di Inghilterra stiamo parlando qui.
    Perche' devi tirar sempre fuori le pere quando si parla di mele?

    > > E avra' la stessa durata (forse meno).
    > >
    > > Ricorda: e' piu' facile svuotare il mare con
    > una
    > > forchetta che fermare il progresso con leggi
    > e
    > > decreti.
    >
    > Lasciamo pure perdere le leggi e i decreti, alla
    > fine qui si tratta di sperimentazione, che quindi
    > dura un periodo finito.

    Chi e' quello che tira sempre fuori leggi e decreti in questo forum?

    > La formulazione dell'articolo è semplicemente
    > comica: "un approccio "leggero" e
    > non-regolatorio"... "con la precauzione
    > aggiuntiva di un guidatore in carne e ossa".
    > Rotola dal ridere

    Quale articolo? Newbie, inesperto

    > Non scrive "con la precauzione di un addetto che
    > non ha la patente, e non potrebbe comunque
    > prendere i comandi dell'auto", in quel caso il
    > concetto sarebbe chiaro, è una cavia. No no: la
    > precauzione è una cosa da nulla: un guidatore per
    > assistere la guida
    > automatica.
    > Adottiamo un approccio non-regolatorio al vostro
    > nuovo aereo, può andare dove vuole purché rimanga
    > sulla pista di
    > rullaggio.

    E' una sperimentazione.
    Possono fare quello che vogliono o no?
  • > > Era solo in Inghilterra. In Germania, dove
    > l'auto
    > > è stata inventata, non hanno mai introdotto
    > una
    > > legge simile.
    > >
    >
    > E proprio di Inghilterra stiamo parlando qui.
    > Perche' devi tirar sempre fuori le pere quando si
    > parla di
    > mele?

    La sperimentazione di questa auto, e con queste limitazioni, mica l'hanno inventata in Inghilterra. La fanno pure in Italia:

    http://motori.corriere.it/tecnologia/13_luglio_15/...

    E torno a chiedere: ma dov'è la notizia? Ma dov'è?
    "Stamattina ho acceso il PC premendo sul pulsante".

    > > Lasciamo pure perdere le leggi e i decreti,
    > alla
    > > fine qui si tratta di sperimentazione, che
    > quindi
    > > dura un periodo finito.
    >
    > Chi e' quello che tira sempre fuori leggi e
    > decreti in questo
    > forum?

    In questo frangente è l'ultimo aspetto che mi interessa. Mi pare ovvio che non lasciano circolare un'auto di nuova concezione per le vie pubbliche, senza pretendere e imporre garanzie precise. Il contenuto delle regolamentazioni nemmeno mi interessa, tanto mica devo partecipare alla sperimentazione.
    Ma che senso ha parlare di "un approccio "leggero" e non-regolatorio"? Ma quando mai lo adottano per queste cose?


    > > La formulazione dell'articolo è semplicemente
    > > comica: "un approccio "leggero" e
    > > non-regolatorio"... "con la precauzione
    > > aggiuntiva di un guidatore in carne e ossa".
    > > Rotola dal ridere
    >
    > Quale articolo? Newbie, inesperto

    C'è un signore che si chiama Alfonso Maruccia, e che scrive su Punto Informatico , e la firma è sua.
    Cosa c'è nello spazio fra il titolo e la firma?
  • - Scritto da: Leguleio
    > C'è un signore che si chiama Alfonso Maruccia, e
    > che scrive su Punto Informatico
    >
    , e la firma è
    > sua.
    > Cosa c'è nello spazio fra il titolo e la firma?
    E lo chiedi al panda?
    Lui commenta, mica legge gli articoliA bocca aperta
    non+autenticato
  • In una fase sperimentale è un enorme passo avanti. Ovvio che ci debba essere a bordo il pilota... La circolazione è subordinata al codice della strada, non puoi nemmeno circolare con un veicolo (tradizionale) se non omologato.
    Questo provvedimento non è contro il progresso, è a favore.
    non+autenticato
  • > In una fase sperimentale è un enorme passo
    > avanti. Ovvio che ci debba essere a bordo il
    > pilota... La circolazione è subordinata al codice
    > della strada, non puoi nemmeno circolare con un
    > veicolo (tradizionale) se non
    > omologato.

    Sì, ma capisci che così la notizia non c'è, non c'è assolutamente, da qualsiasi parte la si guardi. Non siamo nemmeno a "un cane morde un uomo", ma "un cane abbaia".
    Mezzi senza guidatore che non siano una metropolitana esistono già da anni, precisamente nei Paesi Bassi. Ma devono seguire un percorso dedicato, nemmeno i pedoni potrebbero attraversare la loro corsia.
    Dov'è la novità, quindi?
  • - Scritto da: Leguleio

    > Mezzi senza guidatore che non siano una
    > metropolitana esistono già da anni, precisamente
    > nei Paesi Bassi. Ma devono seguire un percorso
    > dedicato, nemmeno i pedoni potrebbero
    > attraversare la loro corsia.
    >
    > Dov'è la novità, quindi?

    la novità è evidente a tutti meno che a te.
    A fare un coso che viaggia su binari sono capaci tutti. Adesso si sta sviluppando l'auto che viaggia da sola nel traffico urbano.
    E sono in una fase molto avanzata, che ti piaccia o no...
    Ovviamente la novità si diffonderà prima in quei Paesi dove non si ostacola l'innovazione con motivazioni inconsistenti e pretestuose.
    Funz
    13017
  • - Scritto da: Leguleio
    > " Il governo di Londra ha stabilito di voler
    > adottare un approccio "leggero" e non-regolatorio
    > alle auto senza pilota, garantendo alle aziende
    > interessate la possibilità di testare i veicoli
    > robotici, ma con la precauzione aggiuntiva di un
    > guidatore in carne e ossa che possa prendere il
    > controllo del mezzo in caso di
    > necessità
    ."

    perfettamente ragionevole, in attesa del termine della sperimentazione e di eliminare finalmente anche la precauzione aggiuntiva.

    > Capito?!? Niente regolamentazione sulle auto
    > senza pilota, a patto che ci sia un pilota a
    > bordo.
    >
    > Niente regolamentazione sui navigatori GPS, a
    > patto che dall'altra parte dello schermo ci sia
    > un addetto che conosce le strade.
    >
    > Niente regolamentazione sui distributori di
    > benzina self-service, a patto che sia presente il
    > benzinaio.

    non "niente regolamentazione". Solo, regole fatte per permettere la ricerca e non intralciare il progresso. Qualcosa di inconcepibile per la nostra mentalità italiana.
    Funz
    13017