Cracker, non terrorista, sfiora il carcere

La sua azione aveva fatto temere un attacco terroristico negli USA. In realtà lo studente inglese aveva giochicchiato con leggerezza con i protocolli di rete e i server altrui. Protestano alcuni esperti

Roma - Non andrà in carcere né pagherà sostanziose multe il 19enne britannico che nel 2002 per alcune ore era stato considerato dalle autorità americane l'autore di un attacco informatico di stampo terroristico. Lo ha deciso il tribunale inglese di Southwark, che ha accettato la tesi della difesa, secondo cui ci si è trovati dinanzi ad una ragazzata e a niente di più serio.

Al contrario di una tendenza normativa che negli USA e in Europa tende a punire con sempre maggiore severità le attività di cracking, secondo quanto riportato dalla BBC il giovane Joseph McElroy se la caverà con sole 200 ore di servizio a favore della comunità. McElroy, residente a Londra, è stato riconosciuto colpevole di essere penetrato nel Fermi National Accelerator Laboratory americano, un centro di ricerca direttamente collegato al governo americano che lavora sulla fisica delle particelle.

La sua incursione, avvenuta dai computer dell'università di Exeter nel giugno 2002, aveva messo in allarme le autorità del laboratorio che per tre giorni hanno chiuso l'impianto mentre il Dipartimento dell'energia americano diramava un'allerta di alto livello a tutte le autorità federali. Si temeva un attacco terroristico.
In raltà McElroy, che ha confessato tutto, ha spiegato di essere penetrato nei server del Lab sfruttando una vulnerabilità nel sistema di autenticazione e di aver immediatamente utilizzato la enorme quantità di banda a disposizione di quei server per scaricare e archiviare gigabyte di musica e film.

La corte si è dimostrata particolarmente flessibile sul caso anche perché il ragazzo non aveva approfittato del suo cracking per accedere a file e documenti riservati né riteneva di aver causato danni o problemi.

Il giudice che ha presieduto il caso, spiegando a McElroy che può ritenersi fortunato a non finire in carcere, ha sottolineato che "i computer sono una parte importante della vita nel 21esimo secolo" e che la sentenza, per quanto mite, non illuda "chiunque altro sia tentato ad agire in questo modo". Nessuna multa è stata inflitta al giovane che, secondo il magistrato, non avrebbe i mezzi per pagarla.

In realtà la mano morbida del tribunale non è piaciuta a molti esperti di sicurezza, secondo cui la comunità dei cracker potrebbe ora ritenere di avere mano libera per operare tutta una serie di azioni che, come ora è dimostrato, non portano gravi conseguenze se si viene scoperti. Nulla, invece, è stato riferito in merito alle responsabilità dei manager della sicurezza presso il Fermi Lab.
TAG: cybercops
44 Commenti alla Notizia Cracker, non terrorista, sfiora il carcere
Ordina
  • A che serve mettere dati importanti, segreti e riservati in balia della rete? Tanto è inutile, prima o poi qualcuno accede, per un motivo o per un altro. La soluzione definitiva, pertanto, e a mio parere, è una soltanto: i computer collegati in qualche modo alla rete non devono contenere dati sensibili.
    non+autenticato
  • scusa, il server deve servire dati applicazioni dispositivi e quant'altro... se non lo fa, che server è?
    un po come dire: mi taccheggiano il negozio -> chiudo così li ho fregati... un controsenso!
    eliminando i server con dati sensibili, i servizi remoti per banche e pubblica amministrazione praticamente non esisterebbero più, mettere tutto su access point fisicamente controllabili (ma veramente controllabili!) sarebbe già una grossa riduzione della fruibilità dei sistemi...
    poi, se parliamo del codice di lancio delle testate nucleari, spero che non venga mai in mente a nessuno di metterlo su una macchina in qualsiasi modo raggiungibile da una rete pubblica o anche una rete che sia in un solo punto fisicamente o informaticamente non perfettamente controllata... anzi, cancellarli proprio sarebbe meglio!Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Akiro
    > Troll
    >
    > Fan Linux

    "è stato riconosciuto colpevole di essere penetrato nel Fermi National Accelerator Laboratory americano, un centro di ricerca direttamente collegato al governo americano che lavora sulla fisica delle particelle."

    Senti trollone linaro......lo sai che gran parte dei laboratori ,dove il personale è impiegato nel settore della fisica della materia, sono dotati di server e postazioni client Linux? No? Non lo sapevi? Come mai? Leggi ancora Topolino? A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo


    > Senti trollone linaro......lo sai che gran
    > parte dei laboratori ,dove il personale
    > è impiegato nel settore della fisica
    > della materia, sono dotati di server e
    > postazioni client Linux? No? Non lo sapevi?
    > Come mai? Leggi ancora Topolino?A bocca aperta

    Ma cosa c'entra Linux e Win con tutto questo???
    Io sono un amante di Linux (vedi mio profilo), ma un OS, per essere sicuro, lo devi configurare...

    A cosa serve avere l'OS più sicuro del mondo se poi lasci aperte tutte le porte possibili ed immaginabili?

    bah, mi sa tanto che il Troll qui sei proprio tu...

  • - Scritto da: lunix
    >
    > A cosa serve avere l'OS più sicuro
    > del mondo se poi lasci aperte tutte le porte
    > possibili ed immaginabili?
    >
    > bah, mi sa tanto che il Troll qui sei
    > proprio tu...


    UAUAUAUA. Sostieni che Linux sia l' OS piu' sicuro del mondo? Che Troll che sei. Ma fila a studiare.....
    non+autenticato
  • Intervengo per farti notare che la frase "OS più sicuro del mondo" può indicare genericamente il sistema "più sicuro", a precindere da quale esso sia. La lettura non è il tuo forte, vero?

  • - Scritto da: francescone
    > Intervengo per farti notare che la frase "OS
    > più sicuro del mondo" può
    > indicare genericamente il sistema
    > "più sicuro", a precindere da quale
    > esso sia. La lettura non è il tuo
    > forte, vero?

    grazie francescone, è cio' che intendevo dire con il mio post

  • Grazie anche a te. Infatti mi confermi la mia prima impressione: la lettura non è il forte di alcuni tizi, od almeno non lo è del tizio in questione. Tremo al pensiero delle figure di m***a alle quali si espongono in eventuali discussioni "face to face" questi alfieri del "non capisco ma parto ugualmente lancia in testa".

  • - Scritto da: Anonimo
    > Spiegato tutto, alloraA bocca aperta

    Cazzo, un'analisi tecnica di grande profondità. Diversi siti che si occupano di sicurezza saranno entusiasti nel pubblicare il tuo "paper".
  • - Scritto da: francescone
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Spiegato tutto, alloraA bocca aperta
    >
    > Cazzo, un'analisi tecnica di grande
    > profondità. Diversi siti che si
    > occupano di sicurezza saranno entusiasti nel
    > pubblicare il tuo "paper".

    AHUAHUAHUAHUAHUAHU A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    ....
    >
    > AHUAHUAHUAHUAHUAHU A bocca aperta

    Guarda che devi respirare il Vinavil, mica l'Attack....
    non+autenticato
  • America.. da ora in poi occhio se fate una scoreggia
    mentre passeggiate sul marciapiedi.. potrebbero prenderla
    per il rumore di una mitragliatrice e accusarvi di "attacco terroristico".

    Quanto agli "espertoni di sicurezza" ai quali non piace la mano morbida tenuta per questo caso sapete perche' dicono cosi' ?
    Perche' se si sapesse che il 98% delle persone
    che fanno "cyber attacchi" hanno 12 anni (o la testa di uno di quell'eta') apparirebbe chiaro a tutti che non c'e' motivo
    di pagare parcelle milionarie per "penetration test" "security
    probe" a questi signori .

    quanto al giudice: ahime' ormai si prende di meno a sparare in faccia uno, che non a craccare (ops krakkare Sorride ) un server o a condividere un divx..
    stiamo perdendo il senso del tutto
    samu
    506
  • > quanto al giudice: ahime' ormai si prende di
    > meno a sparare in faccia uno, che non a
    > craccare (ops krakkareSorride ) un server o a
    > condividere un divx..
    > stiamo perdendo il senso del tutto


    a quando la sedia elettrica per gli utilizzatori di Kazaa???ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato
  • - Scritto da: samu
    > America.. da ora in poi occhio se fate una
    > scoreggia
    > mentre passeggiate sul marciapiedi..
    > potrebbero prenderla
    > per il rumore di una mitragliatrice e
    > accusarvi di "attacco terroristico".

    Piu' che altro potrebber accusarvi di attacco terroristico parlando di armi chimiche di distruzione di massa...

    ocio!
    non+autenticato

  • > quanto al giudice: ahime' ormai si prende di
    > meno a sparare in faccia uno, che non a
    > craccare (ops krakkareSorride ) un server o a
    > condividere un divx..
    > stiamo perdendo il senso del tutto

    scusa 200 ore di alvori sociali ti pare troppo o tanto? a me proprio no, capisco le motivazioni, niente carcere, niente multa, c'è gente che non ha da pagare si trova con lo stipendio pignorato per anni o cambiali a scadenza, questo nemmeno uan mula a comminato
    200 ore di servizi sociali, portare il cibo agli anziani, ecc
    giusta punizione e sopratutto educativa
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > quanto al giudice: ahime' ormai si
    > prende di
    > > meno a sparare in faccia uno, che non a
    > > craccare (ops krakkareSorride ) un server o
    > a
    > > condividere un divx..
    > > stiamo perdendo il senso del tutto
    >
    > scusa 200 ore di alvori sociali ti pare
    > troppo o tanto? a me proprio no, capisco le
    > motivazioni, niente carcere, niente multa,
    > c'è gente che non ha da pagare si
    > trova con lo stipendio pignorato per anni o
    > cambiali a scadenza, questo nemmeno uan mula
    > a comminato
    > 200 ore di servizi sociali, portare il cibo
    > agli anziani, ecc
    > giusta punizione e sopratutto educativa
    non sto dicendo che la punizione sia troppo severa
    sto dicendo che i crimini informatici ormai vengono ritenuti
    + gravi di omicidi o rapine .

    Questa e' la cosa assurda
    samu
    506
  • per gli Stati Uniti ogni occasione è buona per parlare di terrorismo, anche un ragazzetto brufoloso che ha scaricato Britney Spears e Matrix su un server del Fermi institute...

    bah... ogni scusa è buona per avvalorare la tesi di questa amministrazione Bush: se non sei uno statunitense che appoggia la politica di aggressione degli Stati Uniti, allora sei un terrorista - comunista - talibano - violentatore di bambini...

    non mi piace questo mondo, proprio non mi piace...

  • > non mi piace questo mondo, proprio non mi
    > piace...

    Dai non essere così pessimista ed apocalittico.
    In fin dei conti il giudice non ha sposato la tesi dell'accusa e comunque è stato molto lontano dalla visione americana che tu giustamente hai evidenziato, dove tutto quello che non è conforme è di volta in volta terrore, violenza, comunismo, talebanismo (si pò di'?)...
    Fortunatamente gli amici inglesi hanno un senso civico e una visione della realtà (e della giustizia) diversa dagli yankee forcaioli. Sulla validità della sentenza se ne potrebbe comunque parlare però mi sembra proprio che il mondo non vada sempre nella direzione dove vanno ALCUNI americani (fortunatamente).
    Perciò Alto lo Spirito ; )

    Ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: lunix
    > per gli Stati Uniti ogni occasione è
    > buona per parlare di terrorismo, anche un
    > ragazzetto brufoloso che ha scaricato
    > Britney Spears e Matrix su un server del
    > Fermi institute...
    >
    > bah... ogni scusa è buona per
    > avvalorare la tesi di questa amministrazione
    > Bush: se non sei uno statunitense che
    > appoggia la politica di aggressione degli
    > Stati Uniti, allora sei un terrorista -
    > comunista - talibano - violentatore di
    > bambini...
    >
    > non mi piace questo mondo, proprio non mi
    > piace...
    tutte le ragioni del mondo, ma priam di giudicare un popolo dovresti viverci con quel popolo, noi all'estero siamo tutti mafiosi, siciliani, delinquenti, maleducati, sporchi mangiatori di pizza e suonatori di mandolino. Questo è forse vero?
    Nemmeno gli americani sono come li state indicando, e per capirli e giudicarli dovreste vivere in america un po', come per giudicare correttamente un arabo mussulmano dovreste abitare nel suo paese, da lontano non si vedono la maggiornaza delle cose.
    non+autenticato
  • Mah... non credo che i signori terroristi siano interessati a internet. Sicuramente hanno ben altri pensieri per la testa. Purtroppo.Triste
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)