Gaia Bottà

Microsoft, tracciamento per amici?

Redmond starebbe lavorando a People Sense, una applicazione dedicata alla localizzazione dei propri contatti e alla comunicazione, ora in fase di testing

Roma - Una soluzione per tracciare contatti consenzienti, localizzarli sulle mappe e scambiare con loro messaggi: Microsoft starebbe provvedendo a colmare un vuoto rispetto alla concorrenza mobile con una applicazione ad hoc, per ora denominata People Sense.


A rinvenire le tracce del codice in fase di sviluppo e di testing è il sito spagnolo Microsoft Place: l'applicazione, il cui nome in codice sarebbe per ora "Buddy Aware", consente di selezionare una cerchia di persone fidate fra i propri contatti e di condividere con loro la propria posizione.

L'app People Sense è strettamente integrata con le mappe di Bing, su cui i contatti fidati verranno mostrati con dei segnaposto: sarà possibile comunicare con loro e calcolare i percorsi per raggiungerli, e gli osservatori suggeriscono che presto potrebbero essere aggiunte nuove funzioni, quali notifiche in grado di avvertire della prossimità di un contatto e strumenti dedicati all'organizzazione di eventi.
Non è ancora dato sapere se e quando Microsoft rilascerà l'applicazione, né per quali terminali e sistemi operativi sarà messa a disposizione: c'è chi ritiene che l'app possa essere integrata in Windows 10, per allinearsi ad applicazioni come Find my Friends di Apple e i corrispettivi dedicati agli utenti Android, e possa rappresentare un tassello delle funzionalità che potranno sostituirsi a Club, lo strumento di gestione dei contatti che non figura nelle technical preview di Windows 10 e che sarà archiviato a partire dal mese di marzo per Windows Phone 8 e 8.1.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • TecnologiaFacebook, amici tracciabiliLa funzione sarà opzionale e la posizione condivisa con amici selezionati sarà approssimativa. A meno che non si scelga il contrario. Il servizio sarà attivo a breve negli USA e non prevede pubblicità
  • Digital LifeiPhone 4S, traditi da una appMarito scopre le menzogne della moglie grazie all'applicazione Find my friend: prova da tribunale o tracciamento indebito?