LinuxNews/ Jabber, l'Instant Messaging Open Source

Uno strumento che mira a divenire uno standard per tutto il settore dell'instant messaging, anche in azienda

L'Istant Messaging (IM) è popolare da diversi anni per la comunicazione personale (ricordiamo AIM di America Online, Yahoo! Messenger, ICQ). Ed è ad un passo dal divenire un strumento largamente utilizzato per le comunicazioni nel mondo degli affari.

Ma c'è un grosso limite: nessuno strumento di instant messagging attualmente sul mercato è conforme ad uno standard industriale.

Ma ecco sbucare la società Jabber.com Inc. che cerca di sviluppare uno standard unico per il mercato dell'Instant Messaging.
Jabber.com è nata lo scorso anno per sviluppare un sistema di instant-messaging orientato al large business ed ai service-provider.

L'azienda ora conta circa una dozzina di grandi clienti, alcuni dei quali hanno già i server funzionanti, ed altri partner che stanno testando il sistema Jabber. E molte sono le aziende all'interno della Fortune 100 che Jabber spera di convincere ad utilizzare i propri sistemi nei prossimi mesi.
L'obiettivo principale di Jabber è quello di offrire un prodotto appositamente studiato per le aziende che vogliono costruirsi un sistema di IM in casa, senza appoggiarsi ad aziende esterne.
Una ragione del successo di Jabber.com può essere individuata nel fatto che esso è nato come Open Source. Il progetto Jabber.org è infatti stato creato nel 1998 dallo sviluppatore Jeremie Miller come prima piattaforma open-source per l'instant messaging.

Perry Evans, ora CEO di Webb Interactive (società che controlla Jabber.com), fu talmente entusiasmato da Jabber che assunse Miller a tempo pieno dopo averlo incontrato ad una convention sull'Open Source nel 1999. All'inizio pensavano di incorporare tale prodotto nel loro business, ma pian piano si resero conto della potenzialità di Jabber e dopo aver analizzato il mercato e sviluppato un business plan, decisero che poteva essere un business indipendente. Ed ecco che nel Gennaio 2000 nacque Jabber.com, un'azienda che ora conta 50 impiegati.

Jabber si basa di un'architettura XML che gli consente di supportare una grande varietà di formati, fra cui quelli di AOL, Microsoft e Yahoo.

L'Instant messaging ha grandi potenzialità in un certo numero di aree: collaborazione tra impiegati, e-busines, servizi ai clienti.

Secondo diversi analisti del settore, la tecnologia dell'IM non decollerà fino a quando non ci sarà la possibilità di comunicare attraverso le diverse reti. Le grosse aziende nel mercato IM, tentando di proteggere i propri spazi sono riluttanti ad abbracciare degli standard industriali.
Ma questa mancanza fa di Jabber il miglior candidato per diventare lo standard de facto tra gli IM. Inoltre sulla scia di progetti come la Gnome-Foundation, la Kde-League e Apache è stato creata un'apposita fondazione che ha come preciso scopo quello di diffondere uno standard.

Si stima che attualmente siano un centinaio gli sviluppatori software coinvolti nel progetto Open-source.

Va evidenziata la netta distinzione tra Jabber.org, la piattaforma open-source e Jabber.com, il business commerciale.

Ma cosa ci guadagnano gli sviluppatori volontari? Beh, fama ed esperienza sicuramente, ma anche la possibilità di creare un proprio business su Jabber nel caso di affermazione di quest'ultimo.

Un curiosità: il nome Jabber letteralmente significa borbottio. Si dice di una trasmissione continua e senza senso generata da un dispositivo di rete, di solito come risultato di un errore dell´utente o di un malfunzionamento hardware.

A cura di
Soluzioni Open-Source