Evviva i siti dell'e-gov italiano

Ne parla un lettore che va a caccia di notizie tempestive e dettagliate sulle attività di Governo. Che non riesce a trovare. E aspetta risposte ad email. Che non arrivano

Roma - Sono un professionista che opera da anni nel settore ICT, esultando di orgoglio nazionalistico, ho letto con interesse l'articolo Stanca: siamo meglio dei Francesi. Nelle orecchie risentivo la canzone di Conte: "... e i Francesi che si incazzano..."

Passata l'euforia nazionalistica però, ho riflettuto sul valore delle statistiche; sarebbe interessante chiedere al Ministro di comparare il livello di soddisfazione dei 9 milioni di utenti che hanno acceduto ai siti pubblici con quello degli altri utenti europei.

Per quanto mi riguarda, a dicembre, in occasione delle prime notizie sul decreto "data retention", mi collegai immediatamente coi siti istituzionali ovvero quello del governo, quello delle camere e quelli dei ministeri coinvolti.
L'unico sito dove trovai menzione di tale decreto fu quello del Garante per la Privacy ove era riportata una nota polemica, ma invano ricercai il testo della norma.
Scrissi allora una email all'indirizzo info.sito@governo.it (dato che non riuscii a trovare gli indirizzi email dei ministri e del Presidente del Consiglio) con la quale facevo notare che le notizie autobiografiche e le immagini dei membri dell'esecutivo erano molto interessanti, ma che sarebbe stato ancor più interessante conoscere il risultato delle quotidiane fatiche di chi ci amministra ovvero i testi dei provvedimenti licenziati.
Concludevo il messaggio auspicando una apertura democratica che rendesse pubblici gli indirizzi email dei membri del governo.

Dal 29 dicembre, passate tutte le feste, non ho avuto alcun riscontro alla mia email, sui siti imperversano i faccioni e mancano le informazioni. Se cerco una legge inglese o americana la trovo online, gratuitamente, presso i siti istituzionali, se ne voglio una italiana mi devo comprare la Gazzetta Ufficiale sperando di beccare il giorno giusto.

Se siamo migliori dei Francesi, degli Inglesi e dei Tedeschi...
...allora poveri Francesi ed Inglesi e Tedeschi !

Cordiali saluti
Alessandro F.
TAG: italia
48 Commenti alla Notizia Evviva i siti dell'e-gov italiano
Ordina
  • stando al numero verde pubblicato in Ispotel, vanno su un conto intestato alla Zecca, quindi sempre allo Stato

    Carolina carofig@virgilio.it
    non+autenticato
  • Per le gazzette ufficiali degli ultimi anni basta cercare "gazzette jesi" con google.
    si arriva in un momento al sito del comune di jesi che ha on line tutte le gazzette di questi ultimi 4 anni.
    io non ho mai trovato difficoltà a risalire a mail di berlusconi o ministri... c'è da cercare con passione, però Sorride

    a presto,
    marco
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Per le gazzette ufficiali degli ultimi anni
    > basta cercare "gazzette jesi" con google.
    > si arriva in un momento al sito del comune
    > di jesi che ha on line tutte le gazzette di
    > questi ultimi 4 anni.
    > io non ho mai trovato difficoltà a
    > risalire a mail di berlusconi o ministri...
    > c'è da cercare con passione,
    > peròSorride
    >
    >La questione non riguarda la possibilità di trovare con google le informazioni che anime pie rendono disponibili ma che sui siti istituzionali purtroppo non c'è quello che ci dovrebbe essere se fossero fatti meno superficialmente e pensando non solo all'istituzione che li paga ma anche agli utenti che vorrebbero utilizzarli Deluso
    non+autenticato
  • > >La questione non riguarda la
    > possibilità di trovare con google le
    > informazioni che anime pie rendono
    > disponibili ma che sui siti istituzionali
    > purtroppo non c'è quello che ci
    > dovrebbe essere se fossero fatti meno
    > superficialmente e pensando non solo
    > all'istituzione che li paga ma anche agli
    > utenti che vorrebbero utilizzarli Deluso

    Beh, molti siti istituzionali linkano la gazzetta di jesiA bocca aperta
    Comunque, anche se sono perfettamente d'accordo sul principio c'e' da dire che non esiste un obbligo per le PAL di tenere online una normativa che non producono (almeno mi sembra sia così). Bye, Francesco
    non+autenticato
  • Per me si va ne la città dolente,
    per me si va ne l'etterno dolore,
    per me si va tra la perduta gente.

    Giustizia mosse il mio alto fattore:
    fecemi la divina podestate,
    la somma sapienza e 'l primo amore.

    Dinanzi a me non fuor cose create
    se non etterne, e io etterno duro.
    Lasciate ogne speranza, voi ch'intrate

    ... e poi dicono che i siti istituzionali funzionano...
    non+autenticato
  • Sia il sito del comune di Milano, sia quello del comune di Potenza, danno un'informazione sbagliata. Dicono che per rinnovare un passaporto occorre portare il foglio di congedo militare. Non è vero, se lo sono inventati, mi è stato detto al commissariato. Intanto io per questa cosa ho rischiato di perdere tempo su una questione assolutamente inutile e non riuscire a fare in tempo la richiesta per il passaporto.

    Berlusconi ha lanciato una moda: non dire la verità nemmeno se non hai motivo di mentire.
    hoff
    203

  • - Scritto da: hoff
    > Sia il sito del comune di Milano, sia quello
    > del comune di Potenza, danno un'informazione
    > sbagliata. Dicono che per rinnovare un
    > passaporto occorre portare il foglio di
    > congedo militare.

    Andiamo a vedere: il "trovatutto" del comune di Milano mi porta alla pagina del passaporto e a 25 ulteriori pagine correlate. In NESSUNA delle pagine di rinnovo e rilascio si parla di foglio di congedo. Ma tu dove l'hai trovata questa informazione?

    > Berlusconi ha lanciato una moda: non dire la
    > verità nemmeno se non hai motivo di
    > mentire.

    Si, si è tutta colpa del Berlusca ... ma vaOcchiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: hoff
    > Sia il sito del comune di Milano, sia quello
    > del comune di Potenza, danno un'informazione
    > sbagliata. Dicono che per rinnovare un
    > passaporto occorre portare il foglio di
    > congedo militare.

    Mi passi il link esatto? Altrimenti ti classifico come Troll

    > Berlusconi ha lanciato una moda: non dire la
    > verità nemmeno se non hai motivo di
    > mentire.

    Invece D'Alema, Rutelli, Prodi e Fassino hanno lanciato la moda della verita' tutta la verita' nient'altro che la verita' ( dagli altri )....vero?

    Ci ho ripensato.....non aspetto neanche i link.....

    Sei un Troll
    ryoga
    2003
  • Ti sbagli: D'Alema, Rutelli & C. non sono (almeno secondo me) certo senza peccato. Ma questo non riabilita minimamente Berlusconi, le cui bugie sono sotto gli occhi di tutti. E' un concetto troppo complesso? O sei troppo Troll per arrivarci?

    ==================================
    Modificato dall'autore il 05/02/2004 22.40.25
  • Ma piantatela con la polimica su berlusconi...se guardiamo i danni che ha fatto la sinistra nella storia ci sarebbe da suicidarsi..
    non+autenticato
  • Ho scritto loro diverse voltre e mi hanno sempre risponsto,. con gentilezza ed esaustività...
    Ho dovuto, comprensibilmente, aspettare un po'... non è che abbiano battaglioni di segretarie apposta per rispondere alle email...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)