Gaia Bottà

Francia, verso l'isolamento del mercato pirata

Come già avviene in Italia, gli operatori della pubblicità online d'Oltralpe siglano un accordo per negarsi ai siti che violano il copyright. Una lista nera è in via di definizione

Roma - Dopo aver impostato la propria strategia di lotta alla pirateria sulle minacce di disconnessione degli utenti, edulcorate di pari passo con l'emergere della loro inefficacia, dopo aver gettato la basi per le inibizioni dei siti che operano in violazione del copyright, la Francia procede alla terza fase della propria tattica per la tutela del diritto d'autore: coinvolgere coloro che alimentano più o meno consapevolmente il business pirata per tagliare i ponti con i siti che lucrano sulle violazioni.

Come anticipato lo scorso anno nei programmi per la revisione di HADOPI, come annuciato dal ministro della Cultura giorni addietro, Parigi è riuscita a coinvolgere gli operatori dell'advertising per fare terra bruciata intorno ai siti pirata. In un codice di condotta siglato fra i detentori dei diritti e coloro che prestano servizi pubblicitari che alimentano il business dei siti che si fondano sulla distribuzione di contenuti in violazione del copyright, le parti si impegnano a non garantire visibilità ai siti pirata, a non fornire advertising che li retribuisca, a non intercedere nella gestione degli spazi pubblicitari che ospitano.

Il modello follow the money adottato dalla Francia ricalca quello proposto nel contesto italiano a giugno 2014: i detentori dei diritti costituiscono un elenco dei siti che "contravvengono ai diritti d'autore e ai diritti connessi" gestiti nel quadro della piattaforma PHAROS (Plateforme d'Harmonisation, d'Analyse, de Recoupement et d'Orientation des Signalements), in cui dal 2009 convergono le segnalazioni di cittadini e istituzioni per una verifica di liceità dei siti sospetti. I criteri per la costituzione di questa lista nera, di cui qualcuno teme la discrezionalità, verranno definiti dai firmatari dell'accordo prima che venga fatta circolare. Gli operatori dell'advertising, sotto la sorveglianza di un comitato istituito ad hoc, si impegnano dunque a interrompere ogni relazione commerciale con i siti che vi siano annoverati, che comprenderanno anche quelli investiti dalle decisioni delle autorità giudiziarie e amministrative competenti.
Non è tutto: come è stato documentato da due studi condotti da Digital Citizens Alliance, tanto contestati quanto citati nei consessi antipirateria di mezzo mondo, sono due i principali canali in cui fluiscono i denari del mercato pirata, quello dell'advertising e quello dei servizi a pagamento. Anche gli intermediari delle transazioni che operano Oltralpe si sono mostrati disposti alla collaborazione con i detentori dei diritti per interrompere ogni relazione con i business che si fondano sulla violazione del copyright: nel mese di giugno potrebbe essere presentato un secondo codice di condotta, ammesso che si sappiano delineare le garanzie giuridiche che sollevino operatori come Visa e Mastercard (ma non PayPal) dalla responsabilità di violare le norme contrattuali che li legano alle istituzioni bancarie, limitando il loro intervento ai siti che vengano definiti illegali dall'autorità giudiziaria.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàItalia, un tridente per soffocare la pirateriaGli operatori dell'advertising online fanno quadrato con l'industria dei contenuti: IAB Italia, FAPAV e FPM collaboreranno per privare i siti che lucrano sui contenuti pirata della loro ragion d'essere, la pubblicità. Gli utenti italiani non sono più nel mirino
  • AttualitàPayPal si nega a MegaLe transazioni sono state sospese: la cifratura occulterebbe la vera natura del servizio di hosting. A parere di Mega, c'è lo zampino dell'industria del copyright
  • AttualitàItalia, retata sul calcio pirata124 siti sono stati resi inaccessibili dall'Italia: l'Operazione Match Off basterà a tutelare gli investimenti profusi da Sky per i diritti sulla trasmissione degli eventi sportivi?
66 Commenti alla Notizia Francia, verso l'isolamento del mercato pirata
Ordina
  • Almeno i cugini francesi potranno ritornare a lavorare onestamente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: videojolly
    > Almeno i cugini francesi potranno ritornare a
    > lavorare
    > onestamente.

    Veramente non le hanno mai chiuse.
    E' dai tempi di HADOPI che in Francia la pirateria e' stata DEBELLATA.

    Non ricordi il sistema dei tre colpi? Tanto efficace che la pirateria e' scomparsa dopo un paio di giorni e hanno potuto addirittura interompere il sistema.

    In francia le videoteche sono i locali piu' frequentati dopo il Louvre!
  • - Scritto da: panda rossa

    > In francia le videoteche sono i locali piu'
    > frequentati dopo il
    > Louvre!
    E anche più del kebabbaro?
    Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • - Scritto da: Banca la Banca
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > > In francia le videoteche sono i locali piu'
    > > frequentati dopo il
    > > Louvre!
    > E anche più del kebabbaro?
    > Newbie, inesperto
    alla grande... del resto il kebabbaro serve solo a far l'attore per qualche VHS da mettere in videoteca. Del resto se queste sono ovunque, non c'e' spazio -e non conviene- aprire dei veri kebab....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hop
    > - Scritto da: Passante
    > > - Scritto da: AIlibito
    > > > - Scritto da: Passante
    > > >
    > > > > Certo: mica tutti fanno i
    > banchieri,
    > ma
    > > se
    > > ci
    > > > > dici dove trovare la spiegazione a
    > > tutti
    > > i
    > > > > termini che hai usato noi
    > > > > studiamo.
    > > >
    > > > tu dov'eri quando chiedevamo di
    > insegnare
    > > nelle
    > > > scuole obbligatorie le dinamiche dei
    > mercati
    > > e
    > > > dell'economia?
    > >
    > > Dov'è finita la mia risposta ???
    > >
    > > Quando facevo le elementari io queste materie
    > > mica
    > > c'erano.
    > Eri il compagno di banco di Fred Flinstone?A bocca aperta

    Guarda che le 2 ore al mese di educazione civica son state introdotte nel 1958 eh, mica nell'anno mille. Inolte il fatto che siano state introdotte, almeno nel nord a livello ufficiale non voleva assolutamente dire che venissero fatte fin da subito in modo coerente ed organico ANZI non esistevano neanche dei libri ora ci sono.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Passante
    > - Scritto da: Hop
    > > - Scritto da: Passante
    > > > - Scritto da: AIlibito
    > > > > - Scritto da: Passante
    > > > >
    > > > > > Certo: mica tutti fanno i
    > > banchieri,
    > > ma
    > > > se
    > > > ci
    > > > > > dici dove trovare la
    > spiegazione
    > a
    > > > tutti
    > > > i
    > > > > > termini che hai usato noi
    > > > > > studiamo.
    > > > >
    > > > > tu dov'eri quando chiedevamo di
    > > insegnare
    > > > nelle
    > > > > scuole obbligatorie le dinamiche
    > dei
    > > mercati
    > > > e
    > > > > dell'economia?
    > > >
    > > > Dov'è finita la mia risposta ???
    > > >
    > > > Quando facevo le elementari io queste
    > materie
    > > > mica
    > > > c'erano.
    > > Eri il compagno di banco di Fred Flinstone?
    >A bocca aperta
    >
    > Guarda che le 2 ore al mese
    > di educazione civica son state introdotte nel
    > 1958 eh, mica nell'anno mille. Inolte il fatto
    > che siano state introdotte, almeno nel nord a
    > livello ufficiale non voleva assolutamente dire
    > che venissero fatte fin da subito in modo
    > coerente ed organico ANZI non esistevano neanche
    > dei libri ora ci sono.

    Negli anni 70 alle medie in educazione civica ci insegnarono: le regole della strada, come funziona il comune....

    Ma di come funzionassero banche e carte di credito nessun accenno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 537523
    > - Scritto da: Passante
    > > - Scritto da: Hop
    > > > - Scritto da: Passante
    > > > > - Scritto da: AIlibito
    > > > > > - Scritto da: Passante
    > > > > >
    > > > > > > Certo: mica tutti fanno i
    > > > banchieri,
    > > > ma
    > > > > se
    > > > > ci
    > > > > > > dici dove trovare la
    > > spiegazione
    > > a
    > > > > tutti
    > > > > i
    > > > > > > termini che hai usato noi
    > > > > > > studiamo.
    > > > > >
    > > > > > tu dov'eri quando chiedevamo
    > di
    > > > insegnare
    > > > > nelle
    > > > > > scuole obbligatorie le
    > dinamiche
    > > dei
    > > > mercati
    > > > > e
    > > > > > dell'economia?
    > > > >
    > > > > Dov'è finita la mia risposta ???
    > > > >
    > > > > Quando facevo le elementari io
    > queste
    > > materie
    > > > > mica
    > > > > c'erano.
    > > > Eri il compagno di banco di Fred
    > Flinstone?
    > >A bocca aperta
    > >
    > > Guarda che le 2 ore al mese
    >

    > > di educazione civica son state introdotte
    > nel
    > > 1958 eh, mica nell'anno mille. Inolte il
    > fatto
    > > che siano state introdotte, almeno nel nord a
    > > livello ufficiale non voleva assolutamente
    > dire
    > > che venissero fatte fin da subito in modo
    > > coerente ed organico ANZI non esistevano
    > neanche
    > > dei libri ora ci sono.
    >
    > Negli anni 70 alle medie in educazione civica ci
    > insegnarono: le regole della strada, come
    > funziona il comune....
    >
    > Ma di come funzionassero banche e carte di
    > credito nessun accenno.

    Stavo per scrivere esattamente la stessa cosa.
    Izio01
    4368
  • - Scritto da: Izio01

    > Stavo per scrivere esattamente la stessa cosa.
    Quindi non hai mai firmato un contratto in banca Leggendo quello che c'era scritto?
    O hai aspettato la mestra elementare che te lo venisse a spiegare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Banca la Banca
    > - Scritto da: Izio01

    > > Stavo per scrivere esattamente la stessa
    > > cosa.
    > Quindi non hai mai firmato un contratto in banca
    > Leggendo quello che c'era scritto ?
    > O hai aspettato la mestra elementare che te lo
    > venisse a spiegare?

    Guarda, ho quà il contratto dell'assicurazione, sono 50 pagine di roba fitta fitta in cui mettere una 15ina di firme, tu l'hai firmato leggendotelo tutto ? Magari lo rileggi ogni anno per verificare non ci siano cambiamenti ? Posso farti qualche domanda ? Ma quanto ci metti quando vai a fare la spesa, tutta la mattinana solo dal panettiere a leggere le norme igeniche per verificare che siano rispettate, gli ingredienti, gli aspetti legali della transazione economica ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Passante

    > Guarda, ho quà il contratto dell'assicurazione,
    > sono 50 pagine di roba fitta fitta in cui mettere
    > una 15ina di firme, tu l'hai firmato leggendotelo
    > tutto ?
    Si

    > Magari lo rileggi ogni anno per
    > verificare non ci siano cambiamenti ?
    Si

    > Posso farti
    > qualche domanda ?
    Alla faccia del "qualche"....
    Tu cosa intendi per "qualche"?

    > Ma quanto ci metti quando vai a
    > fare la spesa, tutta la mattinana solo dal
    > panettiere a leggere le norme igeniche per
    > verificare che siano rispettate, gli ingredienti,
    > gli aspetti legali della transazione economica
    > ?
    Come ti ho detto ci sono delle priorità.
    Chiedi a mamma.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Banca la Banca
    > - Scritto da: Izio01
    >
    > > Stavo per scrivere esattamente la stessa
    > cosa.
    > Quindi non hai mai firmato un contratto in banca
    > Leggendo quello che c'era scritto?
    > O hai aspettato la mestra elementare che te lo
    > venisse a spiegare?

    Cosa c'entra? Io rispondevo a chi sosteneva che nelle ore di educazione civica ti insegnano le meccaniche bancarie, cosa non vera.
    Quanto alla chiarezza dei contratti, non solo bancari, stendiamo un velo.
    Izio01
    4368
  • - Scritto da: Izio01

    > Quanto alla chiarezza dei contratti, non solo
    > bancari, stendiamo un
    > velo.
    Io ti consiglierei di non firmarli i contratti che non ti sono chiari stendere un velo ho l'impressione che ti aiuti poco.
    Anzi!
    Poi tu fa pure come vuoi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Banca la Banca
    > - Scritto da: Izio01
    >
    > > Quanto alla chiarezza dei contratti, non solo
    > > bancari, stendiamo un
    > > velo.
    > Io ti consiglierei di non firmarli i contratti
    > che non ti sono chiari stendere un velo ho
    > l'impressione che ti aiuti
    > poco.
    > Anzi!
    > Poi tu fa pure come vuoi.

    Come fermare il pianeta in 10 secondi: tutti a leggere i contratti via !!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Banca la Banca
    > - Scritto da: Izio01
    >
    > > Quanto alla chiarezza dei contratti, non solo
    > > bancari, stendiamo un
    > > velo.
    > Io ti consiglierei di non firmarli i contratti
    > che non ti sono chiari stendere un velo ho
    > l'impressione che ti aiuti
    > poco.
    > Anzi!
    > Poi tu fa pure come vuoi.

    Ma dai sei un troll !!!
    Nessuno si mette lì due ore a leggere tutto a meno che non sei avvocato CylonRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: AntiTrollo

    > Ma dai sei un troll !!!
    > Nessuno si mette lì due ore a leggere tutto a
    > meno che non sei avvocato

    Possibile!
    È per questo presumo che sono in tanti a piangere (quando è tardi) sui tango bond
    non+autenticato
  • "ammesso che si sappiano delineare le garanzie giuridiche che sollevino operatori come Visa e Mastercard (ma non PayPal) dalla responsabilità di violare le norme contrattuali che li legano alle istituzioni bancarie, limitando il loro intervento ai siti che vengano definiti illegali dall'autorità giudiziaria."

    Non mi è chiaro, perché Paypal non può essere sollevato da questa responsabilità?
  • Non ti è chiaro perchè probabilmente ha una idea piuttosto vaga di cosa sia una carta di credito, di cosa sia un Issuer e di cosa sia il relativo "circuito di pagamento".

    Non ti è chiaro perchè probabilmente non ti sei mai chiesto come mai non esista affatto una "Paypal-card" a meno che non abbia come Issuer principale (cioè reale) un "normale" Issuer di carte (come Visa e Mastercard).

    Non ti è chiaro perchè probabilmente non hai mai pensato al fatto che Paypal si limita a usare la tua "normale" carta come un conto corrente ma non ha nessunissimo "rapporto contrattuale" con la tua banca da cui essere "sollevata".

    Come dice l'articolo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Banca la Banca
    > Non ti è chiaro perchè probabilmente ha una idea
    > piuttosto vaga di cosa sia una carta di credito,
    > di cosa sia un Issuer e di cosa sia il relativo
    > "circuito di pagamento".

    > Non ti è chiaro perchè probabilmente non ti sei
    > mai chiesto come mai non esista affatto una
    > "Paypal-card" a meno che non abbia come Issuer
    > principale (cioè reale) un "normale" Issuer di
    > carte (come Visa e Mastercard).

    > Non ti è chiaro perchè probabilmente non hai mai
    > pensato al fatto che Paypal si limita a usare la
    > tua "normale" carta come un conto corrente ma non
    > ha nessunissimo "rapporto contrattuale" con la
    > tua banca da cui essere
    > "sollevata".
    > Come dice l'articolo.

    Certo: mica tutti fanno i banchieri, ma se ci dici dove trovare la spiegazione a tutti i termini che hai usato noi studiamo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Passante

    > Certo: mica tutti fanno i banchieri

    Noi pensavano che i tuttologi non avessero lacune
    non+autenticato
  • www.google.com
    Ci sono tutti senza la minima eccezione (che invece Paypal con la tua banca non c'entra nulla ma con te sì è meglio che te ne accorgi da solo credimi).
    non+autenticato
  • - Scritto da: Banca la Banca
    > www.google.com
    > Ci sono tutti senza la minima eccezione (che
    > invece Paypal con la tua banca non c'entra nulla
    > ma con te sì è meglio che te ne accorgi da solo
    > credimi).

    E gia ma si legge anche il contrario sullo stesso sito, inoltre sempre su quel sito c'è un sacco di roba troppo specialistica.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Passante
    > - Scritto da: Banca la Banca
    > > www.google.com
    > > Ci sono tutti senza la minima eccezione (che
    > > invece Paypal con la tua banca non c'entra
    > nulla
    > > ma con te sì è meglio che te ne accorgi da
    > solo
    > > credimi).
    >
    > E gia ma si legge anche il contrario sullo stesso
    > sito, inoltre sempre su quel sito c'è un sacco di
    > roba troppo specialistica.

    Non solo ma sempre su quel sito io ho letto che delle banche non ci si deve fidare perchè son controllate dai rettiliani, tutto dimostrato con un sacco di prove !
    non+autenticato
  • Forse.... ma "ar popolo"?
    Ti svelo un segreto basta che ti leggi sul sito di Paypal le condizioni di uso per scoprire quanto ha a che fare (esattamente nulla) con la tua banca.
    Provaci grazie.
    Prima che ci tocchi assistere all'ennesimo travaso di bile da parte tua.
    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Banca la Banca
    > Forse.... ma "ar popolo"?
    > Ti svelo un segreto basta che ti leggi sul sito
    > di Paypal le condizioni di uso per scoprire
    > quanto ha a che fare (esattamente nulla) con la
    > tua
    > banca.
    > Provaci grazie.
    > Prima che ci tocchi assistere all'ennesimo
    > travaso di bile da parte tua.
    >
    > Occhiolino

    Maa non è che uno non ci abbia probato... Ma metà dei termini sono banchese, l'altra metà legalese !
    non+autenticato
  • - Scritto da: Passante

    > Maa non è che uno non ci abbia probato... Ma metà
    > dei termini sono banchese, l'altra metà legalese
    > !
    Si ma anche qui... "e ar popolo"???
    In ogni caso ti do 2 consigli gratis

    1) non fare contratti con Paypal (ne con altri) se non sai leggere quello che scrivono.
    Lo dico per il tuo bene.

    2) prendi un Veronal pare che tra l'altro rilassi e eviti i travasi di bile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Banca la Banca
    > - Scritto da: Passante

    > > Maa non è che uno non ci abbia probato...
    > > Ma metà dei termini sono banchese, l'altra
    > > metà legalese !
    > Si ma anche qui... "e ar popolo"???
    > In ogni caso ti do 2 consigli gratis

    > 1) non fare contratti con Paypal (ne con altri)
    > se non sai leggere quello che scrivono.
    > Lo dico per il tuo bene.

    Quindi o ti laurei in legge o è meglio che non accetti neanche uno scontrino ? Non ti sembra eccessivo ?

    > 2) prendi un Veronal pare che tra l'altro rilassi
    > e eviti i travasi di bile.

    Non capisco dove tu veda agitazione in uno che sta chiedendo informazioni.
    non+autenticato