Musica, protezione a 360 gradi?

SunnComm propone alle major una tecnologia anti-copia di nuova generazione che è anche in grado di impedire la registrazione della musica da fonti analogiche, come le casse

Roma - SunnComm, uno dei maggiori fornitori di tecnologie anti-copia per il mercato discografico, sta per acquisire da una piccola società inglese, Darknoise Technologies, una tecnologia di protezione che, a suo dire, darà del filo da torcere anche ai più abili cracker. O che per lo meno - si potrebbe aggiungere - non potrà essere messa fuori uso schiacciando il tasto shift.

A differenza dei lucchetti tradizionali, che vanno a modificare il modo in cui le tracce audio vengono scritte sui CD, la tecnologia di Darknoise agisce più a monte, introducendo delle lievi modifiche alla musica stessa. Tali modifiche fanno in modo che se i brani musicali vengono copiati, ricampionati digitalmente o compressi in uno dei tanti formati audio in circolazione (MP3, WMA, OGG, ecc.), risultano inascoltabili. I file originali, invece, possono essere normalmente ascoltati su tutti i lettori di CD, sia hardware che software.

Sul sito di Darknoise viene spiegato che la tecnologia, chiamata Q-Spoiler, "funziona modulando con il file audio originale un selezionato numero di frequenze non udibili". Queste frequenze vengono percepite come un forte rumore solo nel caso in cui la musica originale venga in qualche modo copiata o manipolata.
Rispetto a quelle tradizionali, questa tecnica è efficace anche nel caso in cui si tentasse di copiare la musica da una fonte analogica, come ad esempio le casse: tutto ciò che si otterrebbe, infatti, sarebbe dell'audio fortemente alterato. Sotto questo profilo Q-Spoiler ricorda la tecnologia anti-copia che Macrovision creò molti anni fa per impedire la copia del segnale video analogico proveniente da un videoregistratore o da altro dispositivo: anche in questo caso, infatti, il meccanismo di protezione si occupa di introdurre nel segnale dei disturbi percepibili solo nella copia.

La tecnologia di Darknoise non è dissimile da quelle già impiegate per i watermark audio, una sorta di filigrane digitali indelebili e non udibili che possono essere inserite in un brano di musica per identificarlo univocamente. La stessa SunnComm, lo scorso anno, annunciò una collaborazione con Stealth MediaLabs per la messa a punto di una tecnologia capace di celare dati all'interno di un file audio. Simili tecnologie sono state annunciata in passato anche dall'inglese Cambridge Consultants e da Microsoft.

Sebbene al momento nessuna casa discografica abbia annunciato l'intenzione di adottare simili tecniche di protezione, SunnComm ha affermato di essere in procinto di mostrare la tecnologia Q-Spoiler al colosso BMG, già suo cliente.
128 Commenti alla Notizia Musica, protezione a 360 gradi?
Ordina
  • A Beethoven e Sinatra preferisco l'insalata.
    A Vivaldi l'uva passa che mi da più calorie!
  • be' mi chiedo ma se le case discografiche hanno tutti questi soldi per pagare gli studi sulle protezioni dei loro cd non guadagnano cosi' poco
    e allora di grazia ma perchè non fanno l'unica cosa leale e coretta per venire incontro alle pressanti richieste di tutti gli utenti cioè un prezzo terreno dei loro cd?
    la gente acquista cd taroccati a 5 euro ma sono sicurissimo che se l'originale costasse 10 euro non avrebbero il minimo dubbio a prenderlo regolare
    d'altronde lo si vuole capire una buona volta che sto benedetto cd non interessa piu' a nessuno e quindi è ridicolo proteggere un bene non richiesto anzi se lo si vuole incentivare bisogna offrirlo ad un prezzo politico
    lo stato da parte sua dovrebbe mettere l'iva al 4% come sui libri e le industrie discografiche invece di pagare cifre iperboliche a sti 4 coglioni che cantano ne pagano poco meno e mettono in moto un sistema che oramai non è solo al collasso ma in realta' è pieno di zombi
    mi riferisco a tutti i negozi che oramai non mangiano piu' vendendo solo dischi e a tutto cio' che gira attorno ad un mercato che non è assolutamente vero che sono stati i falsari ad ammazzarlo ma solo le case discografiche con questi continui tribunali dell'inquisizione
    mi piacerebbe che alla mia lettera rispondesse qualcuno dei lavori per instaurare un dialogo costruttivo e non solo a chi grida piu' forte o con la torcia in mano per accendere il rogo ad una strega che d'altronde nenche c'è
    maurizio
    non+autenticato
  • Ma può essere che sia stato già utilizzato per certi cd di ultima generazione? Infatti in rete, sopratutto in kazaa, giravano spesso canzoni inudibili, si sentiva malissimo .... adesso non ricordo i titoli o i cantanti ma c'enerano diversi.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma può essere che sia stato
    > già utilizzato per certi cd di ultima
    > generazione? Infatti in rete, sopratutto in
    > kazaa, giravano spesso canzoni inudibili, si
    > sentiva malissimo .... adesso non ricordo i
    > titoli o i cantanti ma c'enerano diversi.

    La Cactus se non sbaglio è una protezione che aggiunge rumore solo quando si tenta il rippaggio digitale, lo fa immettendo sul CD errori ad arte che vengono corretti solo dalla routine di correzione errori del player CD audio.

    non+autenticato
  • i primi secondi si sentiva bene ma dopo iniziano un fastidioso rumore........ non vi è mai capitato di scaricare canzoni del genere?????
    non+autenticato
  • Cosi' impari a scaricare da Kazaa!
    Passa ad eMule (se ascolti musica decente...)
    non+autenticato
  • ...sentire musica? Avete paura di restare soli con il vostro cervello?
    Meditate gente, meditate.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...sentire musica? Avete paura di restare
    > soli con il vostro cervello?
    > Meditate gente, meditate.

    Per fortuna che Beethoven, Mozart e Bach non la pensavano come te...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > ...sentire musica? Avete paura di restare
    > soli con il vostro cervello?
    > Meditate gente, meditate.

    Io medito e parecchio, come quasi tutti quelli che si incazzano su questi argomenti.
    Se non ami particolarmente la musica nessuno se la prenderà con te.

    Qui non stiamo parlando di rinunciare alla partita di calcio, al varietà con le ballerine gnocche e 4cm² di vestiti addosso, al giornale pseudo-culturale-d'attualità con la figa in copertina e 60 pagine su 100 di pubblicità, al grande fratello o ad altre stronzate.
    Che vengano prodotte oscenità per il puro vile senso (...) del denaro siamo tutti d'accordo e già è cosa che fa alquanto schifo, ma la possiamo anche sopportare.
    Che ci siano milioni di ottima musica da poter ascoltare è ancor più fuori d'ogni dubbio.

    Vorrei ricordare che musica è cultura, oltre che arte. Nonché vita. Se poi vogliamo fare le divinità spirituali nessuno se la prende, ma evitiamo di giudicare chi non vuole rinunciare ad una cosa così completa come la musica e si sente totalmente preso per il culo da degli idioti che non hanno capito un cazzo di cosa questa sia, significhi e rappresenti.

    Saluti
  • Utilizzo i minidisc da circa 5 anni. Sono comodi e mi permettono di andare in giro con un lettore leggero facendomi le mie eventuali "compilation" come pare e piace a me, convertendo gli album (regolarmente acquistati) senza dover portare in giro tutti quanti i cd che ho.
    I minidisc si basano sulla compressione atrac, che, pur avendo algoritmi diversi, concettualmente non si discosta dai vari vorbis, mp3, aac e via dicendo.
    Ora che succede con questi cd? Già prima non era possibile mettere su minidisc qui dal computer, ma dovevo andare di là sullo stereo ed usare l'uscita ottica del lettore cd.
    Adesso temo che non sarà neppure possibile così, dovrò rippare il cd, farlo passare ad un filtro e poi metterlo su minidisc? MA STIAMO SCHERZANDO?

    Un MaurizioB che pensa che la musica stia sempre più finendo nel cesso.

    Saluti
  • Per le majors ti puoi tranquillamente attaccare al tram. Anzi, ti venderanno (of course, a prezzo intero CD) anche i minidisk per il portatile.

    Questo vogliono, che uno paghi a prezzi da strozzini, più volte lo stesso contenuto.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | Successiva
(pagina 1/8 - 37 discussioni)