Gaia Bottà

GMeet, teleconferenza in chiave Google?

Un paio di screenshot illustrano quel che appare come un servizio di videoconferenza targato Mountain View. Sarebbe già in uso presso i dipendenti del Googleplex

Roma - L'avvistamento è povero di dettagli, ma il servizio si inquadrerebbe con coerenza nella strategia business di Google: GMeet, o Google Meeting, potrebbe rappresentare la proposta di Mountain View per i servizi di teleconferenze audio e video.

Gmeet

A segnalare due screenshot che testimoniano l'esistenza del servizio è un post condiviso su Google+ da tale Florian Kiersch, che si dice estraneo al Googleplex e a qualsiasi tipo di programma di testing. La schermata di login tratta dal sito dedicato, che però Kiersch non segnala, suggerisce che GMeet si proponga come uno strumento per programmare, gestire e partecipare a delle videoconferenze, e Kiersch spiega che ora il prodotto è in uso presso i dipendenti di Google e presso i loro contatti.

Gmeet

Le funzioni supportate da GMeet dovrebbero includere anche la condivisione di file, da attingere a Google Drive o Dropbox, e i flussi audio e video dovrebbero scorrere con la mediazione del browser e il supporto di WebRTC, protocollo che si sta affermando per diverse soluzioni di comunicazione, da Firefox a Skype, passando per la Megachat lanciata da Kim Dotcom.
Gaia Bottà

fonte immagini
Notizie collegate
  • BusinessAndroid, al lavoroMountain View vorrebbe spingere Android nel mercato dei software aziendali. Rendendolo più sicuro e compatibile con le esigenze degli amministratori IT, così da potersi integrare fra gli strumenti utilizzati a lavoro
  • TecnologiaSkype regala a tutti le videochiamate di gruppoMicrosoft non lo ammetterebbe mai, ma la decisione è senz'altro figlia della pressione competitiva. Di Google Hangouts, certo, ma anche della messaggistica via smartphone
  • TecnologiaChromebox, videoconferenze e non soloGoogle svela il nuovo sistema mini-PC per videoconferenze, basato sulle nuvole di Chrome OS ma dotato di un hardware adeguato al compito, il tutto per mille dollari. Anche HP entra nella partita Chromebox