Gaia Bottà

Amazon, piazza pulita dei piazzisti delle recensioni

Lo store online non tollera il business della reputazione a pagamento: dove non arrivano le rimozioni mirate delle recensioni fasulle arriva la denuncia in tribunale

Roma - Amazon incardina il proprio business sul confronto diretto tra il venditore e il consumatore, facendo della reputazione dei prodotti un elemento capace di orientare i propri utenti e i cittadini della Rete nelle scelte di consumo: per questo motivo non tollera le recensioni disoneste, per questo motivo si è mossa per denunciare gli amministratori di servizi che promettono onore e gloria ai venditori di Amazon in cambio di un corrispettivo in denaro.

I siti che lo store di Jeff Bezos ha colpito con una denuncia, fra cui buyazonreviews.com (ora offline), buyamazonreviews.com, bayreviews.net e buyreviewsnow.com, apparentemente gestiti da tale Jay Gentile e da altri soggetti ignoti, agiscono da intermediari tra recensori e venditori, così da assicurare una solida reputazione al cliente, edificata su commenti costruiti ad arte e oculatamente disseminati sulle pagine dei prodotti scelti, per una somma variabile, a partire da circa 20 dollari a contributo. Un meccanismo che Amazon ha appreso essere fondato sulla collaborazione di utenti prezzolati, che effettuino anche acquisti reali corredati da recensioni autentiche, ma che si dichiarino disposti a mostrare tutto il loro entusiasmo per prodotti selezionati, il cui acquisto si conclude in una simulazione atta ad ingannare la piattaforma con la spedizione di una scatola vuota.

Lo store online, che da tempo si confronta con recensioni disoneste e che da tempo si riserva il diritto di rimuoverle, ha rilevato che "nonostante le recensioni fasulle originate da questi servizi siano poche, rischiano di attentare alla fiducia che gli utenti, e la vasta comunità dei venditori e dei produttori, ripongono in Amazon, infangandone il marchio". Una delle accuse che la piattaforma formula nei confronti dei siti, non a caso, è la violazione di trademark, anche per quanto riguarda i domini: i marchi e i loghi di Amazon, denuncia l'azienda, "sono stati associati al business della vendita delle recensioni senza autorizzazione, in un modo che probabilmente può ingenerare confusione o errori, o ingannare il cliente", suggerendo qualche tipo di affiliazione.
Amazon ricorre poi alle leggi a tutela dei consumatori per puntare il dito contro le recensioni artefatte: se le condizioni d'uso del sito cercano di scoraggiare i commenti sollecitati dai pagamenti, il quadro normativo punisce coloro che agiscano per orientare i sentimenti del mercato con certa propaganda ingannevole.

Il sistema di recensioni e di gestione della reputazione su Amazon è un patrimonio degno di essere codificato in brevetti, tanto efficace da aver trasformato lo store online in una valida alternativa ai motori di ricerca verticali: su queste basi, e probabilmente per chiarire la propria estraneità a queste truffe ai danni dei consumatori, la piattaforma di e-commerce chiede che gli intermediari delle recensioni ora denunciati cessino le loro attività, segnalino gli account coinvolti e le recensioni prezzolate e corrispondano un adeguato risarcimento danni.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • Diritto & InternetItalia, l'antitrust multa TripadvisorSecondo l'AGCM il sito promette agli utenti una autenticità nelle recensioni pubblicate che non è in grado di garantire: la multa è di 500mila euro. Tripadvisor medita di ricorrere in appello
  • BusinessAmazon contro le recensioni falseEpurazione su larga scala per eliminare contenuti giudicati poco realistici. L'e-commerce e l'editoria digitale si misurano con il mercato dei commenti a pagamento. C'è di mezzo la credibilità dell'intera filiera
  • TecnologiaUn algoritmo contro il falso collettivoPer orientare l'opinione online servono grandi numeri. E organizzazione. Elementi che tradiscono la natura fraudolenta delle false recensioni, che si potrebbero sgominare con un algoritmo. Google non resta a guardare
  • AttualitàUSA, dite no alle recensioni prezzolateLa FTC trova un accordo con Reverb Communications, rea di aver caricato su iTunes recensioni ingannevoli di videogame. La società di marketing dovrà eliminare tutte le sue opinioni poco obiettive
3 Commenti alla Notizia Amazon, piazza pulita dei piazzisti delle recensioni
Ordina
  • "Amazon ricorre poi alle leggi a tutela dei consumatori per puntare il dito contro le recensioni artefatte: se le condizioni d'uso del sito cercano di scoraggiare i commenti sollecitati dai pagamenti, il quadro normativo punisce coloro che agiscano per orientare i sentimenti del mercato con certa propaganda ingannevole.

    Per quanto riguarda il marchio Amazon utilizzato impropriamente vinceranno senza difficoltà, dal lato delle recensioni artefatte non otterranno nulla dai tribunali. Negli Usa la libertà di espressione sancita dalla Costituzione prevale sul resto, e anche nella vecchia Europa non vedo quale "quadro normativo" possa mai impedire a qualcuno di scrivere recensioni positive. Siamo d'accordo che sia una pratica scorretta, quando è a pagamento, ma sradicarla è impossibile.
  • - Scritto da: Leguleio
    > "Amazon ricorre poi alle leggi a tutela dei
    > consumatori per puntare il dito contro le
    > recensioni artefatte: se le condizioni d'uso del
    > sito cercano di scoraggiare i commenti
    > sollecitati dai pagamenti, il quadro normativo
    > punisce coloro che agiscano per orientare i
    > sentimenti del mercato con certa propaganda
    > ingannevole
    .
    >
    > Per quanto riguarda il marchio Amazon utilizzato
    > impropriamente vinceranno senza difficoltà, dal
    > lato delle recensioni artefatte non otterranno
    > nulla dai tribunali. Negli Usa la libertà di
    > espressione sancita dalla Costituzione prevale
    > sul resto, e anche nella vecchia Europa non vedo
    > quale "quadro normativo" possa mai impedire a
    > qualcuno di scrivere recensioni positive

    Evidentemente ti sfugge che Amazon è un sito privato, non una piazza.
    non+autenticato
  • > Evidentemente ti sfugge che Amazon è un sito
    > privato, non una
    > piazza.
    Non solo. Guardando al mercato italiano un’ulteriore preoccupazione sorge per tutti quei piccoli portali messi in piedi per coniugare progresso tecnologico e agricoltura, spesso a km zero o biologica. Piccole e floride realtà messe in piedi molte volte da “contadini digitali” che hanno accumulato altri studi ed esperienze prima di provare questa via innovativa. I dati Istat ci dicono che nell’ultimo decennio le imprese agricole informatizzate sono raddoppiate, pur essendo solo il 4% del totale. Ma i siti internet sono passati da 5000 a quasi 30 000 e gli esperimenti di e-commerce sono praticamente decuplicati. Una nuova via alla produzione e alla vendita di frutta, verdure, carni e latticini che aveva avviato un trend molto positivo in un contesto di crisi e che, pur potendo contare su una qualità elevata, rischierebbe di soccombere contro il Golia dello stato di Washington.
    Ultima domanda, ma non certo per importanza: che ne sarà se e quando l’acquisto online di cibi ed ingredienti sarà una lieta abitudine delle nostre famiglie di alcuni temi a noi cari?
    non+autenticato