Gaia Bottà

Project Maelstrom, una beta per il Web P2P

BitTorrent ha reso disponibile una versione di test del proprio browser per utenti Windows: il sogno di un Web distribuito è ora navigabile

Roma - La prospettiva è quella di un Web distribuito, che non conti più sulla tradizionale architettura dipendente dai server, controllabile da stato e mercato: una prospettiva immaginata da BitTorrent, realisticamente molto lontana nel tempo ma resa più concreta dal lancio della beta pubblica di Project Maelstrom.

Centrato sul browser presentato nel mese di dicembre, il progetto di BitTorrent è ora tangibile e scaricabile: basato su Chromium e disponibile per ora ai soli utenti Windows, in fase di lavorazione per gli utenti di Mac OS X, Maelstrom consente come ogni browser di navigare pagine ordinarie (supporta i protocolli HTTP/HTTPS), ma soprattutto di gestire siti web confezionati come fossero del file disseminati su rete BitTorrent, ospitati sulle macchine di diversi utenti così da potersi affrancare dalla tradizionale struttura centralizzata del Web.

Per ora c'è poco da dare in pasto a Project Maelstrom, fra qualche contenuto in HTML5 e qualche Bundle, insieme alla possibilità di scaricare e visualizzare in streaming contenuti condivisi su reti P2P senza passare da alcun client torrent: BitTorrent ha però messo a disposizione i primi strumenti dedicati agli sviluppatori, così da poter estendere le sperimentazioni con la creazione e il seeding di nuovi siti distribuiti.
BitTorrent spiega che il progetto ha suscitato l'interesse di oltre 10mila sviluppatori e di 3500 produttori di contenuti, che contribuiranno a "delineare quello che succederà nei prossimi 20 anni di Internet": la cerchia dei collaboratori della community è ancora ristretta ma l'azienda auspica che le proprie ambizioni innovative daranno vita a una rete "davvero neutrale, orientata ai contenuti" basata su "una alternativa a HTTP più efficiente, scalabile ed economica".

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • TecnologiaBitTorrent fa il browser P2PL'azienda statunitense annuncia un nuovo progetto pensato per difendere Internet dai pericoli che ne minacciano la "openness". Navigazione a prova di censura grazie a Maelstrom
2 Commenti alla Notizia Project Maelstrom, una beta per il Web P2P
Ordina
  • Prima di tutto un'errata corrige:

    "lancio della beta pubblica di Project Maesltrom.

    Maelstrom.
    Poi:

    "il progetto di BitTorrent è ora tangibile e scaricabile: basato su Chromium e disponibile per ora ai soli utenti Windows..."

    Curioso che per un progetto del genere, destinato anche a chi non desidera strumenti di sorveglianza da parte del sistema operativo (e del browser), si appoggino a una piattaforma come Windows.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 13 aprile 2015 18.05
    -----------------------------------------------------------
  • Si ma tanto è codice offuscato in telugu chi vuoi che lo capisca?
    A bocca aperta
    non+autenticato