Gaia Bottà

Aereo, briciole ai broadcaster

Il servizio di ritrasmissione in streaming della programmazione TV pagherà per aver insidiato le emittenti tradizionali. Che chiedevano milioni di dollari e ne otterranno migliaia

Roma - Aereo si era proposto sul mercato statunitense come una soluzione rivoluzionaria, capace di trasformare in un servizio di streaming la programmazione televisiva: il successo presso gli utenti aveva attirato l'attenzione dei broadcaster, pronti a rivendicare il pagamento delle licenze che il servizio aggirava con un abile dribbling delle leggi. Aereo ha perso su tutti i fronti: lo scontro con le emittenti perso senza possibilità di appello, la bancarotta, inevitabile. Per Aereo è giunto il momento di fare i conti con le proprie responsabilità, e con l'industria con cui intendeva competere: l'azienda pagherà solo una minima parte da quanto rivendicato dai broadcaster.

A dare notizia dell'accordo stipulato fra Aereo e le emittenti che l'avevano denunciata è Bloomberg, che ricorda come i broadcaster, a cui la Corte Suprema aveva riconosciuto il diritto di pretendere da Aereo le licenze di ritrasmissione, avessero fissato l'entità del risarcimento in 99 milioni di dollari, con CBS che rivendicava 27,8 milioni, Fox 26 milioni, ABC 17,7 milioni. Una cifra improponibile per un'azienda che dalla spartizione avvenuta in seguito della bancarotta ha raggranellato non più di 2 milioni di dollari.

L'accordo per chiudere tutti i contenziosi in corso, dunque, è stato tagliato su misura delle disponibilità economiche di Aereo: poiché l'azienda ha ancora dei conti in sospeso, con debiti per 7,5 milioni di dollari, l'industria televisiva non ha infierito, accettando un risarcimento di 950mila dollari.
Se il patto stragiudiziale negoziato tra i broadcaster e Aereo verrà approvato dal tribunale, ad Aereo non resterà che saldare i propri debiti, prima di inabissarsi nel novero delle tecnologie il cui potenziale è stato schiacciato dall'industria tradizionale.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • BusinessAereo, il valore degli avanziIl servizio dedicato alla ritrasmissione televisiva in streaming si è scontrato con la legge e ne è uscito a pezzi. Pezzi svenduti al miglior offerente, tra concorrenti e patent troll
  • BusinessAereo, il fallimento di un pioniereIl servizio di ritrasmissione televisiva in streaming non può continuare ad operare nel quadro legislativo statunitense: ha scelto la strada della bancarotta controllata per non rinunciare al proprio futuro
  • Diritto & InternetAereo, quello che le leggi non diconoLa gimcana legislativa in cui si è esibito il servizio non è bastata a sancirne la legalità: la Corte Suprema lo ha equiparato a un operatore via cavo. E come tale deve pagare le licenze di ritrasmissione alle emittenti. Il cloud computing dovrà adeguarsi?
3 Commenti alla Notizia Aereo, briciole ai broadcaster
Ordina