Alfonso Maruccia

Fukushima, sayonara Windows XP

La compagnia energetica responsabile della gestione dell'impianto nucleare di Fukushima ha ancora 50mila PC con Windows XP, e non intenderebbe aggiornarli per gli anni a venire. Le autorità impongono l'aggiornamento

Roma - Grana in vista per Tokyo Electric Power Company (TEPCO), utility giapponese responsabile fra l'altro della gestione del disastrato impianto nucleare di Fukushima: la compagnia dovrà investire i denari necessari ad aggiornare il proprio parco PC, un upgrade di dimensioni notevoli ma più che necessario secondo le autorità nipponiche.

TEPCO gestisce circa 48mila computer fermi nel tempo perché basati su Windows XP, sistema operativo senza più supporto ufficiale da parte di Microsoft e per questo soggetto a ogni sorta di pericolo informatico. E quel che è peggio, i suddetti computer sono connessi in rete.

Il fatto emerge dal rapporto su TEPCO formulato dall'organizzazione indipendente che ha il compito di sovrintendere le finanze del governo e delle agenzie governative giapponesi: apparentemente la compagnia è alla disperata caccia di risorse per ripulire i danni dell'impianto nucleare di Fukushima, e per questo l'upgrade dei PC con Windows XP era stato posticipato addirittura al 2019.
Niente da fare, ha stabilito l'autorità, l'aggiornamento dei sistemi informatici vulnerabili deve salire in cima alla lista delle priorità di TEPCO. E TEPCO, che dopo il disastro del 2011 è stata sostanzialmente nazionalizzata dal governo di Tokyo, dice ora di aver deciso in totale "autonomia" di seguire il consiglio dei revisori aggiornando i sistemi XP quanto prima possibile.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
65 Commenti alla Notizia Fukushima, sayonara Windows XP
Ordina
  • Nessun SW ti offre garanzie e' sempre chi ti vende il disposito HW a fornirtele
    non+autenticato
  • Eh???

    - Scritto da: tritone
    > Nessun SW ti offre garanzie e' sempre chi ti
    > vende il disposito HW a
    > fornirtele
  • - Scritto da: zupermario
    > Eh???

    > - Scritto da: tritone
    > > Nessun SW ti offre garanzie e' sempre chi
    > > ti vende il disposito HW a fornirtele

    Tranq, questo non è mai stato oltre il negozietto di pc sotto casa, sono in tanti.
    non+autenticato
  • 1. La vera automazione la fanno i PLC... Scatolotti neri nascosti dentro i quadri di cui i politici non sanno nulla. I PC si occupano dell'intarfaccia operatore, statistiche, report, ....
    2. Il computer potrebbe gestire parametri assolutamente non vitali ed avere cloni pronti a sostituirlo in caso di problemi.
    3. Se devono operare una frettolosa conversione a Winsoz... 7 o 8 meglio rimanere ad XP
    4. Riscrivere il software su linux comporterebbe tempi lunghissimi e lunghissimi fermi impianto per il collaudo. Ma l'impianto non si può fermare!
    5. Inutile dire che il disatro non è stato provocato da Winsoz.

    P.S. Sono amante di Linux e lavoro nell'automazione industriale, auspico vivamente che i nuovi impianti siano gestiti da software open source ma migrare una supervisione ben testata e collaudata è un idiozia. Quando è necessario sostituire un vecchio PC si procede spesso con la virtualizzazione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: vac

    > open source ma migrare una supervisione ben
    > testata e collaudata è un idiozia.
    Giusto! si rischia di ritrovarsi nel golfo del messico con le turbine ferme!
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Forse lei non ha inteso:
    Gli impianti seri sono gestiti da PLC e non ca computer.
    Il computer è solo interfaccia grafica
    Ed normalmente ci sono computer di backup in abbondanza.
    non+autenticato
  • Non solo, ma per evitare sorprese, invece di utilizzare un qualsiasi RTos o librerie di supporto precompilate, preferisco scrivere il mio scheduler personale (che adatto in base al programma); questo mi permette di avere il controllo totale di tutto quello che accade nel firmware, ma sopratutto di sapere subito dove agire quando necessita.
    non+autenticato
  • - Scritto da: fred
    > Non solo, ma per evitare sorprese, invece di
    > utilizzare un qualsiasi RTos o librerie di
    > supporto precompilate, preferisco scrivere il mio
    > scheduler personale (che adatto in base al
    > programma); questo mi permette di avere il
    > controllo totale di tutto quello che accade nel
    > firmware, ma sopratutto di sapere subito dove
    > agire quando
    > necessita.

    E chi non userebbe il tuo software per controllare gli attuatori che spingono le barre all'interno del reattore? Al massimo se se ne bloccano un po' si debugga al volo...
    non+autenticato
  • invece tu MasterMind metteresti un PC con windows XP connesso in rete a controllare le barre del reattore nucleare, ed esclameresti soddisfatto : "Oh yes, questo impianto è una BOMBA ! "
    non+autenticato
  • - Scritto da: Orlangio
    > invece tu MasterMind metteresti un PC con windows
    > XP connesso in rete a controllare le barre del
    > reattore nucleare, ed esclameresti soddisfatto :
    > "Oh yes, questo impianto è una BOMBA !
    > "

    Non è che ce lo metto io ... è già così, ovunque. Quando sarai grande e ti capiterà di mettere piede in qualche fabbrica vedrai tanti bellissimi pc con installato sopra windows XP, 2000, spesso anche windows 95 che fanno girare software vecchi di 20 anni che magari controllano le valvole di ventilazione di gas altamente tossici. E pensa, funzionano...
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > - Scritto da: Orlangio
    > > invece tu MasterMind metteresti un PC con
    > windows
    > > XP connesso in rete a controllare le barre
    > del
    > > reattore nucleare, ed esclameresti
    > soddisfatto
    > :
    > > "Oh yes, questo impianto è una BOMBA !
    > > "
    >
    > Non è che ce lo metto io ... è già così, ovunque.
    > Quando sarai grande e ti capiterà di mettere
    > piede in qualche fabbrica vedrai tanti bellissimi
    > pc con installato sopra windows XP, 2000, spesso
    > anche windows 95 che fanno girare software vecchi
    > di 20 anni che magari controllano le valvole di
    > ventilazione di gas altamente tossici. E pensa,
    > funzionano...

    Scusa eh, ma pur senza voler denigrare Microsoft, ho qualche dubbio a credere che un compito del genere possa essere affidato ad un PC con su Windows 95. Tu forse non ti ricordi, ma lì sì che di blocchi del sistema ne capitavano in abbondanza!
    Trovo molto più facile credere a chi parla di controllori a logica programmabile, o comunque sistemi di elaborazione autonomi e rigorosamente testati per QUEL compito, non dipendenti da un PC esterno.
    Izio01
    4151
  • > Trovo molto più facile credere a chi parla di
    > controllori a logica programmabile, o comunque
    > sistemi di elaborazione autonomi e rigorosamente
    > testati per QUEL compito, non dipendenti da un PC
    > esterno.

    E un sistema di elaborazione autonomo e rigorosamente testato può tranquillamente essere basato su windows 95. Le centrali nucleari esistono da prima di unix, da prima di linux e da prima di windows. Il software può essere qualsiasi cosa basta che sia testato accuratamente, ed è il motivo per cui è molto meglio prendere un pacchetto standard usato da centinaia di altre realtà simili.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > E un sistema di elaborazione autonomo e
    > rigorosamente testato può tranquillamente essere
    > basato su windows 95.

    Certo perchè sono pazzi...

    > Le centrali nucleari
    > esistono da prima di unix, da prima di linux e da
    > prima di windows.

    quindi che OS usavano ?A bocca aperta

    > Il software può essere
    > qualsiasi cosa basta che sia testato
    > accuratamente, ed è il motivo per cui è molto
    > meglio prendere un pacchetto standard usato da
    > centinaia di altre realtà
    > simili.

    Questo è falso ,per operazioni così delicate dove non sono ammessi errori ci sono OS real-time tipo QNX impiegato per esempio nel controllo della velocità dei TGV francesi,braccio robotico shuttle,ecc altro che windows...
    non+autenticato
  • "quindi che OS usavano ?"
    Hai provato a cercare "PLC"
    ....
    Usano sistemi estremamente semplici (ed affidabili)
    Sono programmati in linguaggi molto vicini all'assembler.

    Nelle situazini più critiche si implementano le logiche direttamente sull'hardware.
    non+autenticato
  • e' il sistema operativo ad essere inaffidabile
    non+autenticato
  • windows XP a gestire roba critica come contrali nuclari, dighe, centrali elettriche, impianti militari ecc signifca solo andarsi a cercare le rogne.
    I sistemi unix-like sono la scelta migliore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > windows XP a gestire roba critica come contrali
    > nuclari

    come ho scritto sopra è espressamente vietato da Microsoft.
    non+autenticato
  • La EULA di Microsoft parla chiaro: Windows non si può usare in certi scenari ed uno di questi scenari è la gestione di centrali nucleari.
    non+autenticato
  • avessero usato, WinX puta caso, le cose sarebbero andate diversamente, vero?
    non+autenticato
  • - Scritto da: spossato
    > avessero usato, WinX puta caso, le cose sarebbero
    > andate diversamente,
    > vero?
    con le winx sarebbe bastato un colpo di bacchetta magica e tutto si risolveva. Quindi si, molto diversamenteA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: spossato
    > avessero usato, WinX puta caso, le cose sarebbero
    > andate diversamente,
    > vero?

    Le considerazioni le faccio sui fatti.
    Quelle sui 'se' le lascio a chi ha tempo da perdere
    non+autenticato
  • quali sarebbero i fatti? che la centrale di fukushima aveva un back-end windows xp? o che TEPCO ha in carico un numero elevato di client winxp?
    non+autenticato
  • - Scritto da: spossato
    > quali sarebbero i fatti? che la centrale di
    > fukushima aveva un back-end windows xp? o che
    > TEPCO ha in carico un numero elevato di client
    > winxp?

    i fatti sono quelli in cui non ci sono domande che iniziano con SE
    Come il messaggio qui sopra a cui pretendevi rispondessi io.
    non+autenticato
  • bastava dirlo che non ti piace rispondere alle domande.
    comunque i fatti sono:

    1) winxp non c'entra una pippa col disastro di fukushima;

    2) se TEPCO ha sull gobbone 50k client con winxp, saranno cazzi suoi a pagare licenze e ad aggiornare (o a non farlo).

    the end.
    non+autenticato
  • - Scritto da: spossato

    > 1) winxp non c'entra una pippa col disastro di
    > fukushima;

    dove ho scritto il contrario?

    > 2) se

    parte col se --> ignorato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: spossato
    > avessero usato, WinX puta caso, le cose sarebbero
    > andate diversamente,
    > vero?

    Certo con winx potevano fermare lo tzunami, ma con linux avrebbero fermato anche il terremoto a forza di bestemmie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > La EULA di Microsoft parla chiaro: Windows non si
    > può usare in certi scenari ed uno di questi
    > scenari è la gestione di centrali
    > nucleari.

    Si rendono conto pure loro che per le cose serie e critiche c'e' solo linux.
    Winsozz va giusto bene per giocare al solitario e al campo minato, possibilmente tenendo la macchina offline.
  • Non è vero va benissimo anche per rimanere impantanati in mezzo al mare con gli incrociatori di classe ticonderoga!

    USS Yorktown commander
    non+autenticato