Claudio Tamburrino

G4, LG cambia pelle

Pelle lavorata a mano e processore all'avanguardia per tentare la scalata al settore degli Android di fascia alta.

Roma - LG ha presentato il suo nuovo dispositivo di punta, LG G4, successore di G3 di cui ricalca le forme. Juno Cho, presidente e CEO di LG Electronics Mobile Communications Company ha parlato dello "smartphone più ambizioso che abbiamo mai creato", a partire "dal design alla fotocamera, passando per il display e la UX".


Esteriormente quello che colpisce di questo dispositivo da 148,9x76,1x6,3 mm per 155 grammi è certamente il design della scocca e la scelta dei materiali: LG G4 è infatti disponibile (oltre che con una copertura in plastica con tre colorazioni: bianco, grigio e grigio scuro) con una finitura in pelle artigianale, trattata con un processo di concia vegetale senza l'utilizzo sostanze chimiche nocive e nel rispetto dell'ambiente e che è disponibile in tre colori (marrone, rosso e nero con finitura martellata).

Molta attenzione è stata posta anche al design "Slim Arc": curvato lievemente sia nella scossa che nel display, promette una presa "comoda e sicura" ed un "20 per cento di resistenza in più in caso di caduta" in quanto lo schermo non rischia di infrangersi direttamente sul terreno. La curva si riflette inoltre sull'interfaccia grafica che ne asseconda le linee: ciò si incarna nella UX 4.0, che offre diverse opzioni di configurazione agli utenti esperti e che promette funzioni intuitive e che si adattano all'utilizzo che se ne fa.
A livello di harware il dispositivo è dotato di un processore Qualcomm Snapdragon 808 da 1,8Ghz 64-bit, exa-core realizzato con 2 core CortexA57 e quattro A53, accompagnato da un modem X10 LTE, una batteria da 3,000mAh removibile ed uno schermo IPS Quantum da 5,5 pollici, primo della serie Quad HD con tecnologia Advanced In-Cell Touch (AIT), che unisce l'LCD e il sensore touch in un unico strato "migliorando così la riproduzione dei colori e la sensibilità al tocco".

LG G4

Nel dettaglio delle funzionalità il dispositivo supporta la connessione LTE di ultima generazione, ha un sistema avanzato per il posizionamento grazie alla tecnologia IZat di Qualcomm (che combina i dati satellilari con quelli WLAN e con una serie di sensori integratri nel dispositivo) ed una grafica avanzata supportata dalla GPU di Qualcomm Adreno 400 dotata di memoria dedicata.

Per quanto riguarda invece le fotografie, G4 è dotato di una fotocamera da 16MP accompagnata da un sensore CSS (Color Spectrum Sensor), una lente con un'apertura focale di 1,8 che promette "un 80 per cento di luce in più", lo stabilizzatore ottico di nuova generazione OIS 2.O e permette - grazie alla modalità manuale - di controllare direttamente messa a fuoco, tempo di esposizione, ISO, compensazione dell'esposizione e bilanciamento del bianco di ogni scatto. ╚ inoltre possibile salvare le foto in formato RAW.

Oltre alla inclinazione alla fotografia artistica, LG cede alla moda del momento presentando anche una fotocamera frontale da 8MP per i selfie: in particolare grazie alla funzione Gesture Interval Shot che permette di scattare 4 foto a distanza di due secondi.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
1 Commenti alla Notizia G4, LG cambia pelle
Ordina