Claudio Tamburrino

WikiLeaks, aggiornamento per ripartire

Il sito delle delazioni non cambia linea, ma cambia il sistema per accogliere le spifferate: si riorganizza e rilancia tornando ad incoraggiare la condivisione di documenti attraverso la propria piattaforma

Roma - Per la prima volta dal 2012, WikiLeaks ha messo a disposizione un sistema per ricevere le informazioni da parte delle fonti. Ad annunciare il ritorno al passato è stato il fondatore Julian Assange, a partire da una citazione di Edward Snowden dedicata alla piattaforma e ripercorrendo la strada e le difficoltà incontrate negli ultimi anni dal suo sito.

La funzione interna dedicata alle delazioni anonime, infatti, era stata disattivata in seguito all'abbandono della piattaforma da parte di Daniel Domscheit-Berg, allora collaboratore di Assange e custode delle chiavi crittografiche di tutti i documenti ricevuti attraverso tale sistema: Domscheit-Berg ha abbandonato WikiLeaks affermando ci fossero problemi di sicurezza e, per tutelare le relative fonti, ha distrutto migliaia di documenti sottoposti attraverso di esso.
Da allora WikiLeaks è stata impegnata a cercare una via d'uscita rispetto al blocco finanziario imposto da VISA, MasterCard, PayPall e Bank of America: una volta superato tale ostacolo ha avviato quattro diversi progetti di ricerca che hanno infine portato ad un vincitore. Nel frattempo le pubblicazioni non sono mancate, ma si è trattato di documenti condivisi attraverso altri canali da soggetti in grado di tutelarsi autonomamente, o di documenti pubblicati altrove, e resi consultabili più agevolmente.

Il nuovo sistema per accogliere le delazioni è accessibile solo attraverso Tor: la rete a cipolla è il primo elemento a tutela dell'anonimato delle fonti del sito di delazioni. Altri accorgimenti sono stati adottati per migliorare la sicurezza degli utenti, ma Assange non è entrato nel dettaglio del loro funzionamento. I whistleblower potranno contare su un maggiore controllo sui documenti rilasciati e si assicureranno il pieno anonimato, anche rispetto alla stessa WikiLeaks.
Il nuovo sistema, ancora in beta e ritenuto più adatto di GlobaLeaks e Secure Drop per assolvere agli scopi di WikiLeaks, permetterà, nelle parole di Assange, la divulgazione di migliaia nuovi documenti segreti: "Ci saranno molte altre pubblicazioni, a partire da quelle relative agli accordi internazionali sul cosiddetto mercato libero e da altre legate all'operato di un'agenzia di spionaggio".

Nel frattempo lo stesso Assange potrebbe iniziare a vedere la luce alla fine del tunnel della sua travagliata vicenda giudiziaria: la Corte suprema svedese ha accettato, dopo un primo rifiuto, la sua richiesta di appello nel caso che lo vede (in contumacia) sul banco degli imputati per molestie.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate